username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Gli Speciali
Mobilità
Utilizzazioni/Assegnazioni provvisorie
Contratti

Top News

Collegamenti


Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta lunedì, mercoledì e venerdì dalle 16.30 alle 18.30 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Cookie Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Ignorando questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
(1) 2 3 4 ... 701 »
Pensioni : da "PensioniOggi.it" del 21 gen 2019
Inviato da admin_CUSMA il 22/1/2019 12:50:00 (24 letture)

Quota 100, Il Bluff della penalizzazione del 20% dell'assegno

di B. Diaz - Lunedì, 21 Gennaio 2019

Il Governo non ha previsto una penalità sulle regole di calcolo dell'assegno. Ma nonostante ciò continuano a girare cifre allarmanti circa una riduzione del trattamento sino al 20%.

In queste ore continuano ad arrivare in redazione tante richieste circa presunte penalità sulla pensione con la quota 100 per coloro interessati ad aderire alla misura. Si parla di penalizzazioni anche nell'ordine del 20-25%. Abbiamo già chiarito, in tempi non sospetti, che queste penalità sono sbandierate nel tentativo di screditare la misura da molti organi di stampa. E' inutile allarmismo.
Bisogna sempre metterci d'accordo su cosa si intende per penalità. Se vado in pensione con qualche anno di anticipo verso meno contributi. Quindi è ovvio che prendo un assegno inferiore a quello che avrei preso se avessi continuato a lavorare per altro tempo. E' la scoperta dell'acqua calda.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3424 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 22 gen 2019
Inviato da admin_CUSMA il 22/1/2019 12:03:17 (16 letture)

Open in new window
Vincolo di permanenza di cinque anni per tutti i docenti?

di F. De Angelis - 22/01/2019

L’emendamento dei relatori Mauro Coltorti (M5S) e Daisy Pirovano (Lega) all’articolo 10 del disegno di legge As 989, il cosiddetto Semplificazioni, prevede il blocco quinquennale dei docenti di ogni ordine e grado. Il testo del disegno di legge è ancora in via di approvazione al Senato.

Vincolo quinquennale per tutti


In pratica l’idea dei due relatori è quella di inserire il vincolo sulla stessa sede, stessa tipologia di posto e classe di concorso. Italia Oggi precisa che il vincolo «di cui all’articolo 13, comma 3, terzo periodo, del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 59, come modificato dalla legge 30 dicembre 2018, n. 145», e dunque 5 anni, «si applica al personale docente ed educativo di ogni ordine e grado di istruzione, qualunque sia la procedura utilizzata per il reclutamento».

Lo scopo di questo vincolo sarebbe dovuto alla volontà di uniformare tutti i docenti di tutti gli ordini al vincolo di cinque anni, che è già presente per i neoassunti nella secondaria, vincitori dei concorsi della Buona scuola indetti con il decreto n. 59/2017 e per i docenti di sostegno, vincolo che però interessa la classe di concorso ma non la sede.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3481 bytes | Commenti?
Stampa : da "Repubblica.it" del 20 gen 2019
Inviato da admin_CUSMA il 20/1/2019 23:06:38 (25 letture)

LA MATURITÀ DIVENTA DI COPPIA

domenica 20 gennaio 2019 - Stefano Bartezzaghi


Come prima cosa, guardiamo in faccia la realtà, accettiamola e non parliamo più di «nuovo esame di maturità». Millesimiamola, come lo champagne e il vocabolario Zingarelli; datiamola come la legge finanziaria o le edizioni del festival di Sanremo: insomma chiamiamola « Maturità 2019 » . Mangiamo-la, infine, quest’altra foglia: l’esame di stato per diplomare gli studenti delle superiori viene ormai variato ogni anno e chissà come sarà nel 2020, quando cambierà anche il decennio. I degustatori più esperti oltre all’anno sanno anche specificare l’autore, il ministro che aveva reso interne le commissioni, quello che aveva cambiato i criteri per la seconda materia. Aggiungi l’Invalsi, togli l’Invalsi, in un tripudio di trovate, fughe in avanti, marce indietro, figurazioni estrose in cui la politica scolastica perviene alla più imprevedibile delle sue possibili trasformazioni: la coreografia. A proposito di arte della danza, il 2019 si specializza nel « pas de deux » : si introduce la doppia materia. Perché scegliere fra Greco e Latino (per il classico), fra Matematica e Fisica (per lo scientifico), fra Scienze degli alimenti e Laboratorio di servizi enogastronomici per l’istituto professionale per i servizi di enogastronomia? Salviamo entrambe le materie, abbiniamole nello stesso esame, facciamole ballare assieme – qualsiasi cosa ciò voglia dire.

segue ...

Rango: 10.00 (1 voto) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4727 bytes | Commenti?
Aggiornamento professionale : da "Il24.it" del
Inviato da admin_CUSMA il 19/1/2019 14:40:04 (26 letture)

NUOVE REGOLE A SCUOLA: «DARE DEL "LEI" AI PROF E ALZARSI QUANDO ENTRANO FIN DALLE ELEMENTARI» ARRIVA LA CIRCOLARE


19 GENNAIO 2019 - BY REDAZIONE


Nuove regole a scuola: «Dare del "lei" ai prof e alzarsi quando entrano fin dalle elementari» Arriva la circolare

Gli alunni devono tornare a dare del lei agli insegnanti, ad alzarsi quando entra un docente e a vestirsi in modo adeguato, magari ripristinando il grembiule.

Sono i passaggi dettati da Elena Donazzan, assessore regionale all'Istruzione del Veneto, per ricostruire i fondamentali di riferimento del mondo della scuola. Dando allo stesso tempo un giro di vite nei confronti dei genitori più irruenti: d'ora in poi chi si presenterà negli istituti in modo violento e aggressivo prendendosela con gli insegnanti e interferendo con l'attività didattica, sia a livello verbale se non addirittura alzando le mani, verrà denunciato.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3425 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 17.01.2019
Inviato da admin_CUSMA il 17/1/2019 21:30:00 (48 letture)

Open in new window
Quota 100, sì del Consiglio dei ministri: 30 mila euro cash di Tfr, in pre-pensione un milione di lavoratori

di A. Giuliani - 17/01/2019

Nella serata di giovedì 17 gennaio, il Consiglio dei ministri ha approvato il ‘decretone’ su reddito di cittadinanza e quota 100 sulle pensioni: la riunione è stata molto veloce, appena mezz’ora, a conferma che gli accordi erano stati presi in mattinata. Ora, il doppio provvedimento – il cui testo definitivo non è ancora stato pubblicato – dovrà essere convertito in legge dalle Camere entro 60 giorni.

Conte: un milione di lavoratori in tre anni

Più che soddisfatto dell’esito dell’approvazione in CdM il premier Giuseppe Conte: nella conferenza stampa a Palazzo Chigi di presentazione del decreto, ha detto che questa è “una tappa fondamentale per questa esperienza di governo: è la dimostrazione che questo Governo gli impegni li mantiene”.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4382 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 14.01.2019
Inviato da admin_CUSMA il 14/1/2019 14:38:32 (44 letture)

Open in new window
Il professore è pubblico ufficiale. Offenderlo o aggredirlo è un reato

di A.C. - 14/01/2019

Atti violenti contro i professori possono costituire reato di stalking, percosse, lesioni, violenza privata, minaccia e diffamazione.

Se subisce un’aggressione verbale o fisica, il docente deve informare, con una lettera scritta, il preside (ds) nonché, visto l’art.
2087 del Codice civile inerente la responsabilità del Dirigente (obbligato ad adottare le necessarie misure atte a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei dipendenti).

Inoltre il prof aggredito deve chiedere allo stesso di prendere provvedimenti per garantire le condizioni di sicurezza in ambito lavorativo previste dalla legge e scongiurare il ripetersi di ulteriori aggressioni in grado di provocare danni morali, fisici e/o biologici nei propri confronti.

segue ...

Rango: 10.00 (1 voto) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 6644 bytes | Commenti?
Concorsi : da Gilda Insegnanti di Forlì-Cesena e Rimini/gennaio 2019
Inviato da admin_CUSMA il 13/1/2019 20:30:00 (13 letture)

Open in new window
Concorso Dsga 2019, i posti disponibili in Emilia Romagna 13 gennaio 2019

La disponibilità nazionale è di 2004 posti; in emilia Romagna sono 209 i posti a concorso e di questi 63 (30%) sono riservati.

Fino a lunedì 28 gennaio 2019 sarà possibile presentare domanda di partecipazione.

Al concorso potranno partecipare i candidati in possesso di uno dei seguenti titoli:

– Laurea in Giurisprudenza,

– Laurea in Scienze politiche, sociali o amministrative;

– Laurea in Economia e commercio;

– Diploma di Laurea specialistica (LS 22, 64, 71, 84, 90 e 91) o Laurea Magistrale (LM) corrispondente a quelle specialistiche (ai sensi della tabella allegata al DI 9 luglio 2009).

ATA facenti funzione con tre anni di servizio

(Sono ammessi al concorso gli assistenti amministrativi facenti funzione di DSGA con almeno tre incarichi annuali, anche non consecutivi, maturati al 1° gennaio 2018, data di entrata in vigore della legge di bilancio 2018. In quest’ultimo caso si prescinde dal possesso del diploma di laurea).

Nello specifico, tre anni interi di servizio devono essere calcolati, anche non consecutivi, nel caso in cui si sia svolto il servizio in via continuativa, fino al 31 agosto.

QUI IL BANDO (clicca qui)
https://www.tecnicadellascuola.it/wp-c ... /2018/12/pdf_splitted.pdf

QUI PROGRAMMA D’ESAME E TABELLA CON VALUTAZIONE TITOLI (clicca qui)
http://www.miur.gov.it/documents/2018 ... 07-4ad7-a38e-f2a1fdb3c9e9
____________________________________________

Concorso DSGA:
tutte le info necessarie
per una scelta consapevole
Il 9, il 16 e il 23 gennaio, tre dirette gratuite di Tuttoscuola
(si possono seguire anche in registrata)
Iscriviti a questo link: https://register.gotowebinar.com/register/8246279330095367171

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Aggiornamento professionale : da "LaTecnicadellaScuola" dell'11 gennaio 2019
Inviato da admin_CUSMA il 11/1/2019 21:00:00 (33 letture)

Open in new window
Bonus merito, FIS e fondi europei, uso clientelare da parte di alcuni DS

di Lucio Ficara - 11/01/2019

Alcuni Dirigenti scolastici non pubblicano sui siti istituzionali delle scuole le contrattazioni di Istituto e non fanno nemmeno una corretta informazione successiva. A tal proposito molte sono le lamentele di docenti che denunciano un uso clientelare del bonus merito dei docenti, dei fondi di Istituto e dei fondi europei.

Norma che obbliga il DS all’informazione successiva

L’art.5, comma 1, del CCNL scuola 2016-2018 afferma che l’informazione è il presupposto per il corretto esercizio delle relazioni sindacali e dei relativi strumenti.

Sono oggetto di informazione, come previsto dal comma 4 del suddetto art.5, tutte le materie che prevedano il confronto o la contrattazione integrativa, costituendo presupposto per la loro attivazione.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4578 bytes | Commenti?
Esami : da Gilda Nazionale - gen 2019
Inviato da admin_CUSMA il 22/1/2019 12:07:55 (7 letture)

Maturità, Gilda Insegnanti: “Modifiche sbagliate nella forma e nella sostanza”

21 gennaio 2019

“Un cambiamento sbagliato nella forma e nella sostanza che contestiamo”. Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, stronca le novità riguardanti la seconda prova dell’esame di Maturità e il colloquio.

“Dal cilindro di viale Trastevere salta fuori la doppia materia per la seconda prova scritta, una bidisciplinarietà dai tratti confusi che non agevolerà di certo gli studenti. Per non parlare, poi, della prova orale che, con l’introduzione di una sorta di ‘argomentone’, finisce con il diventare una chiacchierata da bar. Singolare, inoltre, il sistema delle tre buste tra le quali i candidati dovranno pescare quella contenente lo spunto per l’inizio del colloquio. La scuola è tutta un quiz, insomma, parafrasando Renzo Arbore”.

“Introdurre modifiche così profonde a metà anno scolastico è del tutto scorretto - incalza Di Meglio - perché il lavoro che gli insegnanti devono svolgere per preparare gli studenti ad affrontare la Maturità si fonda su un percorso complesso e articolato che va progettato fin dall’inizio dell’anno scolastico, non di certo a gennaio. A ben poco serviranno le simulazioni d’esame previste dal Miur tra febbraio, marzo o perfino aprile: gli insegnanti saranno comunque costretti a improvvisare cambiamenti di programmazione avendo a disposizione un periodo di tempo del tutto insufficiente. Non si possono cambiare le carte in tavola a gioco iniziato, dando indicazioni pochi mesi prima dell’esame su come prepararsi ad una prova che tiene conto del lavoro di tre anni”.

“La scuola - ammonisce il coordinatore nazionale della Gilda - deve smettere di essere terreno di sperimentazioni continue senza capo né coda. Al Miur chiediamo di tornare sui suoi passi e di rinviare almeno di un anno l’applicazione del decreto, cominciando a preparare gli studenti dal terzo anno”.


Roma, 21 gennaio 2019

Ufficio stampa Gilda Insegnanti

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Comunicati : da "Rete degli Studenti" 18 gen 2019
Inviato da admin_CUSMA il 20/1/2019 23:13:14 (7 letture)

Open in new window
ESAME DI STATO È UNA ROULETTE RUSSA. VA ABOLITO!

VENERDÌ 18 GENNAIO 2019

La nuova maturità si fa sempre più vicina e terrorizza sempre più studenti. In particolare oggi, giorno in cui si è ufficializzato il già annunciato incubo della “doppia materia” in seconda prova. Matematica e fisica allo scientifico, greco e latino al classico.
“Questa impostazione maldestra e raffazzonata dell’esame di stato è l’ennesima conferma: sperimentano sulla pelle degli studenti.” Dichiara Giammarco Manfreda, coordinatore nazionale della Rete degli Studenti Medi. “Ogni anno si annuncia un cambiamento diverso di questo esame che non ha alcun senso di esistere: serve solo per coronare 5 anni di dannosa valutazione numerica e a dare una scusa alle università per ridurre le possibilità di accesso.”
“La doppia materia in seconda prova confonde gli studenti e ne limita la preparazione. L’orale, se possibile, è ancora più ridicolo. Eliminata la tesina, unico momento di libera espressione e allenamento alla ricerca, il candidato dovrà pescare una tra tre buste con degli “spunti” da cui iniziare il colloquio. Questa maturità sembra più una roulette russa che una prova dotata di un qualche senso. Va abolita una volta per tutte, insieme ai voti numerici. Oggi per questo manifestiamo davanti agli Uffici Scolastici Regionali!” Conclude Manfreda.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 20 gen 2019
Inviato da admin_CUSMA il 20/1/2019 18:00:00 (14 letture)

Open in new window
“Il preside è gay” sul muro del liceo, il ds non lo cancella: sarà pietra d’inciampo per l’intelligenza umana

di A. Giuliani - 20/01/2019]

“Il preside è gay”: la scritta è apparsa sul muro del liceo scientifico ‘Oriani’ di Ravenna. Il dirigente scolastico dell’istituto romagnolo, però ha fatto sapere che non la farà cancellare.

L’offesa

Il capo d’istituto del liceo, Gianluca Dradi, dirigente scolastico ha scritto su Facebook:”Ciò che offende non è la falsa attribuzione di una condizione, ma il fatto che uno studente del mio liceo l’abbia pensata come un’offesa. Non la farò cancellare: resti lì come pietra d’inciampo per l’intelligenza umana. #nonnellamiascuola”.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2500 bytes | Commenti?
Esami : Esame di Stato 2019 - le materie ...
Inviato da admin_CUSMA il 18/1/2019 16:40:00 (15 letture)

Open in new window
news ... Esame di Stato (Maturità) 2019, ecco le materie della seconda prova scritta e dei commissari esterni.

di redazione - 18 gennaio 2018

Il Miur ha pubblicato in data odierna il decreto in cui indica le discipline affidate ai commissari esterni delle commissioni d’esame di Stato secondaria II grado a.s. 2018/19 e le materie oggetto della seconda prova scritta.

Per le candidature dei docenti in qualità di commissari esterni il Miur emanerà nel mese di febbraio un apposito decreto con le indicazioni per la presentazione della domanda.

Sappiamo che la composizione della commissione rimarrà invariata (3 i commissari interni e 3 i commissari esterni, più il Presidente) ma potranno invece esserci novità per quanto riguarda i requisiti e i criteri di nomina.

I commissari interni ed esterni conducono l’esame in tutte le discipline
per le quali hanno titolo secondo la normativa vigente, anche relativamente alla discussione degli elaborati relativi alle prove scritte.

QUI Il decreto per gli Esami di Stato 2019
https://www.orizzontescuola.it/wp-cont ... 019/01/Esami-di-Stato.pdf

QUI Il link alle materie
http://matesami.pubblica.istruzione.i ... fv09Z-xmFTJh06S2vC0HTXU2o

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 17.01.2019
Inviato da admin_CUSMA il 17/1/2019 21:20:00 (42 letture)

Open in new window
Gilda insegnanti, propone petizione per aumento stipendi docenti

di Lucio Ficara - 17/01/2019

Dopo la legge di bilancio 2019, in cui non ci sono risorse per l’adeguamento degli stipendi dei docenti alla media di quelli europei, arriva la petizione proposta dalla Gilda degli insegnanti.

La petizione della FGU Gilda degli Insegnanti


La FGU Gilda degli insegnanti sta raccogliendo le firme che poi consegneranno al Presidente del Consiglio Conte per chiedere un rinnovo contrattuale 2019-2021 che preveda un incremento stipendiale dei docenti significativo.

segue ...

Rango: 9.00 (1 voto) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4288 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 13.01.2019
Inviato da admin_CUSMA il 14/1/2019 14:30:41 (31 letture)

Open in new window
Open Day, operazione di marketing e festival dell’efficienza non sempre utile alle famiglie

di A. Giuliani - 13/01/2019

Si stanno svolgendo in questi giorni gli ultimi Open Day in vista dell’iscrizione al prossimo anno scolastico il cui ultimo giorno coincide con la fine del mese di gennaio (attraverso il portale www.iscrizioni.istruzione.it): come gli addetti ai lavori e le famiglie ben sanno, in queste occasioni le scuole, di ogni ordine e grado, accolgono i genitori degli alunni per illustrare loro i contenuti dell’offerta formativa dell’istituto, i corsi di studio, le particolarità offerte, l’organizzazione oraria delle lezioni, nonché delle preziose informazioni su come si compone la struttura dove si svolgono le lezioni e le attività laboratoriali.

Come si svolgono

Da genitore, ho avuto modo di partecipare a diversi open day. Anche quest’anno.

Ad aprire gli interventi è quasi sempre il dirigente scolastico, che comunica, per linee generali, come si struttura la scuola.

Poi, la parola passa ai docenti, le cosiddette “funzioni strumentali”, che entrano nei dettagli dei vari ambiti formativi e specializzanti.

A supporto degli interventi le scuole propongono anche la visione di slide multimediali, riproposte su uno grande schermo o direttamente tramite Lim.

L’incontro con i genitori si conclude, dopo in genere un’ora, anche un’ora e mezza, con una visita alle aule e alle strutture scolastiche.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4386 bytes | Commenti?
Pensioni : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 12 gennaio 2019
Inviato da admin_CUSMA il 12/1/2019 19:55:45 (95 letture)

Pensioni quota 100, il Governo non s’è dimenticato dei docenti: potranno fare domanda sino al 28 febbraio

di A. Giuliani - 12/01/2019

Sull’anticipo pensionistico quota 100, le denunce sindacali, sembrano avere avuto effetto: l’ulteriore rinvio, di una settimana, dell’approvazione del decreto unico (reddito di cittadinanza – pensioni anticipate) non dovrebbe infatti influire sulla possibilità concreta che docenti e Ata della scuola, assieme ai professori universitari, possano accedere alla deroga alla riforma Fornero, potendo lasciare con almeno 62 anni di età e 38 anni di contributi riconosciuti. (domande entro il 28 febbraio?)

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2412 bytes | Commenti?
(1) 2 3 4 ... 701 »

Cerca

Ricerca avanzata

Convenzioni Istituzioni
Convenzioni Istituzioni

Prossimi eventi
Nessun evento

Calendario
Mese PrecedenteGen 2019Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31
Oggi

Videonews

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Iscrizione
Open in new window



Newsletter
Iscrivetevi sulla nostra
Newsletter !
La vostra e-mail :

Formato 

Iscrizione avanzata.

Galleria

Nuovi utenti
Angelarosa 16/1/2019
franticrn 9/11/2018
ElisaD4 6/11/2018
luismart 11/9/2018
syd73 24/3/2018
montemaggi 7/2/2018
GIULIOGRN 26/11/2017
dolcefranc 5/5/2017
mineanto 28/4/2017
frpche 25/4/2017

Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale