username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Gli Speciali
Mobilità
Utilizzazioni/Assegnazioni provvisorie
Contratti

Top News

Collegamenti


Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta lunedì, mercoledì e venerdì dalle 16.30 alle 18.30 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Cookie Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Ignorando questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
« 1 ... 676 677 678 (679) 680 681 682 ... 703 »
Comunicati : da Gilda=FGU Nazionale - Il business delle graduatorie tra avvocati e baroni.
Inviato da admin_CUSMA il 3/10/2009 23:49:44 (517 letture)

3.09.2010 - COMUNICATO STAMPA

Il business delle graduatorie tra avvocati e baroni.

Un fiorente commercio di ricorsi al Tar del Lazio: un giro di centinaia di migliaia di Euro.

Si tratta della valanga di ricorsi presentati da vari avvocati, alcuni collegati ad un sindacato, tendenti ad ottenere l’inserimento a “pettine”, anziché in coda alle graduatorie ad esaurimento dei precari della scuola, docenti e non.

Dato che i ricorsi al Tar possono essere collettivi, basta chiedere una cifra modesta per la singola persona, qualche volta cento, qualche altra trecento Euro, per raccogliere, di fronte alla prospettiva di una immissione in ruolo o di almeno una supplenza annuale, migliaia di precari.

E’ chiaro che, per chi organizza i ricorsi collettivi, il giro d’affari diventa molto appetibile.

La legge aveva previsto che queste graduatorie dei precari della scuola, fossero appunto non più permanenti, ma “ad esaurimento”, consentendo che vi si potessero inserire solo quelli che stavano concludendo una procedura abilitante oppure quelli che stavano concludendo i corsi universitari abilitanti (SSIS e scienze formazione primaria).

Trovando un qualche cavillo nei decreti ministeriali attuativi, alcuni avvocati sono riusciti ad ottenere dei provvedimenti di sospensiva dal Tar del Lazio, in base ai quali, in attesa del giudizio di merito (potrebbero volerci anni), i ricorrenti verrebbero inseriti immediatamente “a pettine”.

C’è un piccolo particolare: i ricorsi sono stati presentati al Giudice sbagliato, e sono stati accolti solo perché l’Avvocatura dello Stato ed il Ministero sembrano non essersene accorti.

Infatti la Cassazione, a sezioni riunite, si è espressa più volte sulla materia ed ha stabilito, in maniera inequivocabile, che il contenzioso sulle graduatorie dei precari è competenza del Giudice ordinario e non del Tar.

L’ultima decisione della Cassazione è recente, 17 novembre 2008 e ne richiama anche un’altra del mese di febbraio 2008. I giudici della Corte suprema hanno infatti stabilito che non si tratta di una procedura concorsuale, mancando un bando, la procedura di valutazione, e un atto di approvazione finale che individui i vincitori.

Perché le avvocature dello Stato non hanno eccepito la competenza del Tar?

E’ mai possibile che non esista una “certezza del diritto”?

Per quale motivo da anni ormai (ricordiamo la faccenda del punteggio di montagna?) le norme sui precari vengono scritte con falle giuridiche che scatenano la guerra tra i poveri?

Perché i precari sono costretti a pagare delle vere e proprie tasse aggiuntive, prima arricchendo chi organizza i corsi on line ed ora anche gli avvocati?

La Gilda degli Insegnanti attende dal governo risposte chiare e conclusive entro pochi giorni.


Roma, 3 ottobre 2009


UFFICIO STAMPA GILDA INSEGNANTI



Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da La Tecnica della Scuola - Giornata mondiale dell’insegnante
Inviato da admin_CUSMA il 2/10/2009 23:12:52 (555 letture)

di Andrea Toscano

Si celebra il 5 ottobre; istituita dall’Unesco intende richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica sul ruolo dei docenti e sulla loro importanza nella società. A Roma un convegno su “Insegnanti, Costituzione, Scuola” organizzato dalla Gilda.
Dal 1994, il 5 ottobre si celebra la Giornata mondiale dell’insegnante. Già dal 1966, in effetti, l’Unesco riconobbe ufficialmente l’importanza strategica della professione docente, fornendo orientamenti per un insieme di politiche, di diritti e di responsabilità.
Un’iniziativa, quella della Giornata, che vuole mettere in rilievo l'importanza dell'insegnante nel percorso di formazione, educazione e guida delle nuove generazioni. Un’alta considerazione, quindi, del ruolo degli insegnanti: una bella gratificazione anche per quei docenti italiani che spesso, attraverso i mass media, vengono ingiustamente additati come inadeguati o addirittura fannulloni!
Ormai, sono oltre cento i Paesi in cui si celebra la Giornata istituita dall’Unesco, ma molti di essi hanno un numero insufficiente di insegnanti. E se si vuole realizzare, come annunciato, l'insegnamento elementare universale entro il 2015 - uno degli obiettivi dell’istruzione per tutti (Ept) - è necessario incrementare di diversi milioni il numero di maestri nel mondo.
Ed ancora più docenti, ovviamente, saranno necessari per garantire l'insegnamento secondario superiore, liceale, tecnico, professionale. Peraltro, anche in alcune Nazioni dove il numero complessivo dei docenti risulta sufficiente, alcune zone isolate e svantaggiate presentano rilevanti problemi per l'assunzione e il mantenimento degli insegnanti.
In Italia, la Gilda degli Insegnanti, che negli anni passati molto si è impegnata affinché la Giornata assumesse un grande rilievo anche nel nostro Paese, organizza (come già segnalato nei giorni scorsi attraverso una notizia pubblicata su questo sito) un convegno nazionale con l’obiettivo prioritario di “definire, attraverso l’analisi critica e il dibattito, la fisionomia istituzionale della scuola e la funzione che ad essa e agli insegnanti assegna la Costituzione”.
La scuola è il luogo in cui far conoscere la Costituzione, non solo come materia da insegnare e da studiare (attraverso la nuova disciplina “Cittadinanza e Costituzione”), “ma soprattutto come occasione per acquisire quei principi di legalità che, uniti ai concetti di libertà e cittadinanza, formano la base del vivere civile in ogni suo aspetto”.
L’incontro, dal titolo “Insegnanti, Costituzione, Scuola”, in programma il 5 ottobre (a partire dalle ore 10.00) a Roma, presso l’Hotel Massimo D’Azeglio (in Via Cavour 18), invita, partendo dalle parole di un discorso rivolto ai giovani dal giurista Piero Calamandrei, a riflettere sull’attualità dei valori costituzionali, in modo particolare di quelli che si riferiscono alla scuola. E la Gilda, presentando il convegno, sottolinea che “la scuola pubblica è il luogo che garantisce la piena formazione critica delle nuove generazioni”.
Una riflessione “ancora più attuale di fronte a spinte che vorrebbero interpretare sempre di più l’insegnamento come elemento puramente tecnico-esecutivo di decisioni e scelte gestite dalle esigenze delle famiglie, del mercato e del territorio”.
I temi trattati nel convegno saranno introdotti da un intervento di Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli insegnanti, su “Costituzione alla mano: i principi costituzionali sulla scuola disattesi dalla politica”.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Riforme : Riforma P.A.: dopo il Senato, anche la Camera approva il parere sul Decreto Legislativo di attuazione delle legge Brunetta
Inviato da admin_CUSMA il 2/10/2009 22:18:55 (520 letture)

02/10/2009 - Riforma P.A.: dopo il Senato, anche la Camera approva il parere sul Decreto Legislativo di attuazione delle legge Brunetta

Questa mattina le Commissioni riunite Affari Costituzionali e Lavoro della Camera hanno concluso l’esame del decreto legislativo di attuazione della Legge Brunetta di riforma della Pubblica Amministrazione (Legge 4 marzo 2009 n. 15). Al termine di un approfondito dibattito, le Commissioni hanno approvato il parere sul provvedimento con 26 voti favorevoli e 14 contrari.
Il Ministro Renato Brunetta ha espresso tutta la sua soddisfazione per il clima positivo che si è registrato durante l’iter parlamentare, consentendo un proficuo lavoro di approfondimento tecnico del testo. Già lo scorso 23 settembre la Commissione Affari
Costituzionali del Senato aveva infatti votato un analogo parere sullo stesso decreto legislativo.
Entro pochi giorni, ottenuta una seconda e ultima approvazione del testo da parte del Consiglio dei Ministri, la Riforma Brunetta della Pubblica Amministrazione potrà così entrare definitivamente in vigore.

http://www.innovazione.gov.it/ministro/salastampa/notizie/6743.htm

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Uffici Scolastici : dall'USP di Rimini - Decreto legge n. 134 del 25/09/2009 – D.M. n. 82 del 29 settembre 2009 - precedenza assoluta nell’assegnazione delle supplenze per assenza temporanea del personale
Inviato da admin_CUSMA il 2/10/2009 0:40:00 (627 letture)

Prot. n. 10451/C1 Rimini, 1 ottobre 2009

Oggetto: Decreto legge n. 134 del 25/09/2009 – D.M. n. 82 del 29 settembre 2009 – precedenza assoluta nell’assegnazione delle supplenze per assenza temporanea del personale in servizio nelle scuole.

Si richiama l’attenzione delle SS.LL. sulla nota M.I.U.R. prot. n. 14655 del 30 settembre 2009 e relativi allegati pubblicati sulla rete INTRANET ed INTERNET del Ministero, concernente l’oggetto.
In particolare si evidenzia che gli interessati devono presentare apposita istanza entro il termine perentorio del 9 ottobre 2009 all’istituzione scolastica in cui, nell’anno scolastico 2008/2009, si trovavano in servizio con contratto per supplenza annuale o sino al termine delle attività didattica, utilizzando i modelli di domanda allegati alla predetta nota ministeriale.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Precari : Gelmini bocciata di nuovo
Inviato da admin_CUSMA il 1/10/2009 20:10:00 (578 letture)

Dopo il tar anche il Consiglio di Stato dà ragione ai ricorsi ignorati dal Ministero.
Messi limiti alle graduatorie considerati illegittimi. "Per blindare i posti al Nord"


di S.Intravaia

Graduatorie dei precari nel caos e balletto di supplenti in vista. Il Consiglio di Stato, dando ragione a migliaia di supplenti che si sono rivolti alla giustizia amministrativa, ha dichiarato illegittimo il provvedimento che ha creato le cosiddette "code" nelle graduatorie ad esaurimento. L'inserimento in graduatoria, quindi, deve avvenire "a pettine", cioè secondo il punteggio. Il che significherà rifare tutte le graduatorie a tempo di record.


Cosa accadrà adesso? Se la sentenza del Consiglio di stato verrà applicata, gli 8 mila insegnanti immessi in ruolo ad agosto ora potrebbero vedersi revocata la nomina. Stesso discorso per i supplenti nominati prima dell'avvio dell'anno scolastico. Insomma: l'ostinazione del ministero potrebbe gettare nel caos l'intera scuola italiana, costretta ad un balletto di supplenti senza precedenti ad anno scolastico ampiamente iniziato (sintesi).

(1 ottobre 2009)

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Precari : da La Tecnica della scuola: Entro fine mese (settembre) il decreto sui contratti di disponibilità
Inviato da admin_CUSMA il 30/9/2009 15:41:45 (492 letture)

di A.G.

30-09-2009 - Entro poche ore, al massimo per questa sera, verrà emanato il decreto ministeriale salva-precari rivolto a circa 18.000 supplenti che lo scorso anno firmarono una supplenza annuale e che quest’anno sono rimasti senza lavoro a seguito dei tagli agli organici. Dopo la sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale mancava solo l’ultimo atto: ai sindacati è stato garantito, durante l’incontro tenuto al ministero dell’Istruzione il 28 settembre, che entro la fine del mese il decreto con, allegati, i moduli per la domanda verranno resi noti. Nella versione finale del testo potrebbero esserci alcune modifiche: le organizzazioni sindacali hanno infatti segnalato ai tecnici del Miur che i “paletti” alzati sinora da viale Trastevere per accedere agli ammortizzatori sociali sono davvero troppo alti. Così nella lista, sinora comprendente tutti coloro, oggi disoccupati, che abbiano insegnato lo scorso anno con nomina annuale o fino al 30 giugno, hanno chiesto di aggiungere anche altre tipologie di supplenti: ad iniziare da quelli che nel 2008/09 hanno lavorato ma che erano inseriti con riserva perché ancora privi del titolo necessario e che abbiano sciolto la riserva quest’anno. Come anche “sia i docenti che hanno perso il ruolo acquisito nel precedente anno scolastico – spiega la Gilda degli Insegnanti - in seguito a ricorsi sia coloro che hanno ottenuto il ruolo solo giuridicamente dal 01.09.2009, ma che raggiungeranno la sede di servizio solo in data 01.09.2010”.I sindacati hanno inoltre espresso le loro perplessità per tutti i precari storici, da diversi anni inseriti nella graduatoria ad esaurimento, che lo scorso anno a seguito della situazione di esubero della propria classe di concorso si dovettero accontentare di lavorare con le supplenze breve. I casi sarebbero tutt’altro che sporadici. E questo, paradossalmente, potrebbe essere un problema visto che i finanziamenti che andranno a disposizione dei precari hanno un limite. Su quest’ultimo punto, comunque, “l'amministrazione ha dichiarato l'impossibilità di intervenire con immediatezza sul decreto, ritenendo tuttavia praticabile – ha detto sempre la Gilda - la presentazione di emendamenti successivi”. Gli interessati avranno solo 10 giorni di tempo per presentare la domanda.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
ATA : dall'USP di Forlì-Cesena - Personale ATA – Procedura per l’attribuzione della 2^ posizione economica.....
Inviato da admin_CUSMA il 30/9/2009 10:47:12 (545 letture)

Personale ATA – Procedura per l’attribuzione della 2^ posizione economica di cui all’art.2, comma 3 della sequenza contrattuale 25 luglio 2008 – Apertura funzioni
acquisizione domande-.


Si richiama all’attenzione delle SS.LL. le note ministeriali prot.n. 13740 e 14222 rispettivamente del 15.09.2009 e del 23.09.2009, relative all’oggetto, pubblicate in INTRANET ed in INTERNET del MIUR.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 1590 bytes | Commenti?
Reclutamento : dall'USP di Forlì-Cesena - restituzione ore residue e posti non assegnati per esaurimento graduatorie docenti scuole medie di I e II grado a.s. 2009/2010
Inviato da admin_CUSMA il 30/9/2009 10:38:26 (767 letture)

Restituzione ai ds delle ore residue e posti non assegnati per esaurimento graduatorie docenti I e II grado a.s. 2009/2010

restituzione ore residue e posti non assegnati per esaurimento graduatorie docenti I e II grado a.s. 2009/2010


Prot.n.5425/C7 Forlì, 29 settembre 2009


Si comunica che, al termine delle operazioni di conferimento di supplenza avvenute nei giorni 28, 29, 31 agosto e 17 settembre 2009, si è verificata la disponibilità di posti, di seguito elencata, causa esaurimento e/o mancata compilazione delle relative graduatorie provinciali ad esaurimento.
La durata delle supplenze si intende fino al termine delle attività didattiche, salvo diversa indicazione (le cattedre di durata annuale (31/8/2009) sono state evidenziate in grassetto sottolineato).

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4154 bytes | Commenti?
Comunicati : dalla CGU - Brunetta convoca tutti
Inviato da admin_CUSMA il 3/10/2009 14:00:00 (517 letture)

Prof. Alessandro AMELI
Segretario generale CGU
Corso Trieste, 62/a - ROMA
Fax 06 8551589

Oggeto: Schema di Decreto legislativo di attuazione della legge 4 marzo 2009 n. 15 m materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni.

Le associazioni ed organizzazioni in indirizzo sono invitate a partecipare ad un incontro, il giorno 5 ottobre, alle ore 16.00, presso la Sala Verde di Palazzo Chigi, in cui verranno illustrati i contenuti del decreto legislativo in oggetto.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 1535 bytes | Commenti?
Normativa : dall'Ufficio Consulenza GILDA/FGU - Permessi retribuiti art. 15 Ccnl
Inviato da admin_CUSMA il 2/10/2009 22:40:00 (739 letture)

Domanda

La Dirigente sostiene che i suddetti permessi siano concessi e non attribuiti e che pertanto la forma esatta per richiederli sia "l'insegnante chiede" e non "l'insegnante comunica". Questo adducendo come motivazione il fatto che nel testo del contratto, essi siano "a domanda". Inoltre afferma che siano a discrezione del dirigente in quanto l'amministrazione ha l'autorità per poterli verificare. Tutto questo è esatto o la lettura del dirigente scolastico non rispecchia il senso del testo dell'art.15? Il dirigente scolastico afferma inoltre, che solo il testo e non l'interpretazione può essere rilevante ai fini giuridici.

Risposta

Il rapporto di lavoro del personale della scuola è caratterizzato dalla piena contrattualizzazione introdotta nel nostro ordinamento già dal 1993. La contrattualizzazione comporta che le parti siano collocate in un contesto di parità e che il rapporto sia incardinato in un ambito caratterizzato da diritti e doveri. I diritti contrattuali del personale in servizio possono essere sintetizzati nella retribuzione e nei permessi. I diritti dell’amministrazione, in quanto parte datoriale, sono individuabili nella prestazione. Appare di lapalissiana evidenza che in tale contesto non vi sia spazio per qualsivoglia potestà dell’amministrazione atteso che, con altrettanza evidenza, il rapporto di lavoro va inquadrato in un contesto privatistico nel quale all’amministrazione è precluso l’esercizio di qualsivoglia potere autoritativo. Detto questo, non vi è chi non veda che i permessi di cui all’articolo 15 del contratto vigente non possano qualificarsi in altro modo che alla stregua di diritti, la cui fruizione è subordinata alla presentazione di una domanda. Domanda che si configura quale mera manifestazione di volontà dell’interessato, che ha piena facoltà di deciderne i termini e di comunicarli alla parte datoriale, che è obbligata a darvi esecuzione. Quanto all’opportuntà dell’utilizzo della formula di rito “chiede” in luogo di “comunica”, la prima, tuttora assai in voga, sembrerebbe scontare la prassi in uso nell’epoca previgente alla contrattualizzazione del rapporto di lavoro. Non di meno, l’utilizzo di una formula, sebbene risalente, in luogo dell’altra, sicuramente più opportuna, non incide in alcun modo sulla qualificazione del permesso alla stregua di diritto soggettivo, come tale non soggetto a “concessione”o ad altro intervento discrezionale del dirigente scolastico. Diversamente opinando il diritto in parola verrebbe illegittimamente degradato alla stregua di interesse legittimo, con relativa nullità dell’eventuale provvedimento di concessione, autorizzazione o diniego dello stesso, per difetto assoluto di attribuzione ex articolo 27 –septies della legge sul procedimento

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Precari : dall'USP di Forlì-Cesena - Decreto Ministeriale 82/2009 "salva precari"
Inviato da admin_CUSMA il 2/10/2009 21:54:38 (608 letture)

Si trasmette il file allegato con preghiera della massima e tempestiva diffusione

Franca Tamburini – USP Forlì


Prot.n. 11826 /C7 Forlì, 1 ottobre 2009

Oggetto: D.M. n. 82 del 29 settembre 2009 di attuazione del Decreto Legge n. 134 del 25/09/09 –
Precedenza assoluta nell’assegnazione delle supplenze per assenza temporanea del personale in
servizio nelle scuole

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2266 bytes | Commenti?
Stampa : da Tottoscuola.com - Il precariato divide sindacati e movimenti
Inviato da admin_CUSMA il 1/10/2009 23:57:10 (522 letture)

Sabato 3 a Roma si svolgono praticamente in contemporanea diverse iniziative contro il precariato, mentre le divisioni tra sindacati, coordinamenti e comitati dei precari della scuola si fanno sempre più evidenti.

Due i cortei previsti, ma diverse e divergenti le motivazioni e le modalità di svolgimento. Una manifestazione parte infatti alle 14.30 da piazza della Repubblica e sfila per le strade della capitale fino a piazza del Popolo, dove dalle 15.30 la Federazione nazionale della stampa italiana ha organizzato la manifestazione per la libertà d'informazione. A questo primo corteo, indetto dai Comitati dei lavoratori precari della scuola, aderiscono la Flc-Cgil e la Gilda. Non partecipano Cisl Scuola, Uil Scuola e Snals, che esprimono soddisfazione per le misure 'salva-precari' messe a punto dal Ministero dell'Istruzione anche sulla base delle loro richieste.

La seconda manifestazione parte invece da piazza dei Cinquecento alle 15, con destinazione Ministero dell'Istruzione in viale Trastevere. È promossa dai Cobas e vi partecipano Sdl Intercategoriale, RdB e diversi comitati locali dei precari.

In una nota i Cobas spiegano che "il tentativo di convogliare i precari nella manifestazione della Fnsi dimostra una fondamentale divergenza tra le forze in campo rispetto alla riapertura del conflitto in Italia, allo sviluppo di esso e dei movimenti di lotta per la giustizia sociale e gli interessi materiali dei salariati e dei settori popolari e giovanili. Non possono esserci connessioni di alcun tipo tra le due iniziative".

Comunque anche il primo corteo, dopo aver fatto tappa in piazza del Popolo, prosegue per viale Trastevere. La destinazione finale è la stessa, ma le motivazioni sono molto diverse: altre polemiche in vista.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Ministero : Indicazioni in merito al conferimento delle supplenze temporanee per assenze del personale in servizio nelle scuole
Inviato da admin_CUSMA il 30/9/2009 23:50:00 (838 letture)

Indicazioni in merito al conferimento delle supplenze temporanee per assenze del personale in servizio nelle scuole - Nota prot.n. 14655 del 30 settembre 2009. Termine 9 ottobre 2009


Nota ministeriale del 30 settembre 2009, prot. n. 14655. Decreto legge n. 134 del 25/9/09 – trasmissione D.M. n. 82 del 29 settembre 2009 – precedenza assoluta nell’assegnazione delle supplenze per assenza temporanea del personale in servizio nelle scuole .

Decreto ministeriale 29 settembre 2009, n. 82.

Modello domanda.

Elenco distretti.

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
Dipartimento per l'Istruzione
Direzione Generale per il personale scolastico


Roma, 30 settembre 2009

Oggetto : Decreto legge n. 134 del 25/9/09 – trasmissione D.M. n. 82 del 29 settembre 2009 – precedenza assoluta nell'assegnazione delle supplenze per assenza temporanea del personale in servizio nelle scuole.

Nel trasmettere il D.M. in oggetto, si riassumono gli aspetti più salienti.

Personale destinatario

NB: sul nostri sito nazionale: www.gildains.it
Precari: al via le misure straordinarie.

Pubblicato il decreto ministeriale attuativo, pronti i modelli di domanda.

Gli Speciali

CONTRATTI TEMPO INDETERMINATO


CONTRATTI TEMPO DETERMINATO

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 10038 bytes | Commenti?
Stampa : da Italia Oggi - Scuola, la Gelmini taglia 577 mln. Le risorse tolte ai fondi per le supplenze, a rischio gli stipendi
Inviato da admin_CUSMA il 30/9/2009 11:00:00 (714 letture)

29.09,2009 - Le risorse tolte ai fondi per le supplenze, a rischio gli stipendi

A leggere i dati finali, pare che non sia successo nulla, che non ci sia nessuna novità di rilievo nei conti del ministro dell'istruzione, università e ricerca, Mariastella Gelmini. Ma sotto un bilancio di assestamento che con una competenza di 55,661 miliardi di euro conferma sostanzialmente quello di previsione (anzi porta a casa 188 mila euro in più), nella fredda articolazione di capitoli di spesa, missioni e programmi, si scopre che c'è un altro taglio alle spese per il personale della scuola. E che taglio, è in grado di superare, per lo stesso periodo di riferimento del 2009, quello fatto (456 milioni di euro) dal ministro dell'economia, Giulio Tremonti, con la riforma della scuola: si tratta di altri 577 milioni di euro, da scontare da settembre a dicembre di quest'anno. segue

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4264 bytes | Commenti?
Reclutamento : dall'USP di Forlì-Cesena - Restituzione ore residue a.s. 2009/10 docenti scuole medie di I° e II° grado.
Inviato da admin_CUSMA il 30/9/2009 10:42:37 (495 letture)

Restituzione ore residue a.s. 2009/10 docenti I° e II° grado.

Prot.n. 11675/C21.a Forlì, 29 settembre 2009

In base alla vigente normativa si restituiscono, per le successive operazioni di competenza delle SS.LL., le ore residue, come di seguito indicate, relative all’a.s. 2009/10.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 874 bytes | Commenti?
« 1 ... 676 677 678 (679) 680 681 682 ... 703 »

Cerca

Ricerca avanzata

Convenzioni Istituzioni
Convenzioni Istituzioni

Prossimi eventi
Nessun evento

Calendario
Mese PrecedenteFeb 2019Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28
Oggi

Videonews

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Iscrizione
Open in new window



Newsletter
Iscrivetevi sulla nostra
Newsletter !
La vostra e-mail :

Formato 

Iscrizione avanzata.

Galleria

Nuovi utenti
Angelarosa 16/1/2019
franticrn 9/11/2018
ElisaD4 6/11/2018
luismart 11/9/2018
syd73 24/3/2018
montemaggi 7/2/2018
GIULIOGRN 26/11/2017
dolcefranc 5/5/2017
mineanto 28/4/2017
frpche 25/4/2017

Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale