username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Dove siamo

Gli Speciali
Mobilità
Utilizzazioni/Assegnazioni provvisorie
Contratti

Top News

Collegamenti


Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta martedì e giovedì dalle 16:00 alle 18:00 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Cookie & Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie & Privacy Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie o alla nostra Privacy Policy, consulta la Cookie & Privacy Policy. Ignorando questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie e accetti la Privacy Policy. MAGGIORI INFORMAZIONI
Gilda ringrazia
Open in new window
Scuola News
« 1 ... 715 716 717 (718) 719 720 721 ... 742 »
Stampa : da "La Tecnica della Scuola" - Doppio affondo della Gilda contro Quirinale ed Anief
Inviato da admin_CUSMA il 6/10/2009 11:30:37 (670 letture)

Doppio affondo della Gilda contro Quirinale ed Anief

di A.G.

Il sindacato in occasione della Giornata mondiale dell’insegnante si rivolge con fermezza verso le più alte istituzioni: per tre anni l’ex presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, inviò a tutti i docenti un messaggio per questa celebrazione, ma è rimasto un caso isolato. Forti critiche anche agli avvocati ed al sindacato promotore dei ricorsi che ora, dopo le sentenze favorevoli, potrebbero stravolgere le posizioni di migliaia di precari inseriti nelle graduatorie.
È un silenzio assordante quello con cui è filata via in Italia la “Giornata mondiale dell’insegnante”, istituita nel 1994 dall’Unesco e giunta il 5 ottobre al suo quindicesimo anno di vita: un silenzio è stato rotto solo da qualche isolata iniziativa. E le istituzioni? Si sono limitate a produrre qualche scarno comunicato. Un silenzio che non è passato inosservato alla Gilda degli insegnanti: i vertici del sindacato lo hanno detto a chiare lettere nel corso del convegno “Insegnanti, Costituzione, scuola”, promosso dalla stessa associazione scolastica per celebrare il ruolo di un professionista, l’insegnante, che ancora oggi svolge una funzione fondamentale nella società, ma che non gode ancora di quel rispetto e quella considerazione che, invece, gli dovrebbe essere riconosciuta.
Secondo Rino Di Meglio, coordinatore della Gilda, la ‘Giornata mondiale dell'insegnante’, che si celebra in oltre cento paesi con lo scopo di richiamare l'attenzione dell'opinione pubblica internazionale sul ruolo dei docenti e sulla loro importanza nella società, è "una ricorrenza molto importante, ma che nel nostro Paese passa nel silenzio di tutte le istituzioni, persino le più alte”. Il sindacalista non ha usato l’arte della diplomazia per dire che anche il Quirinale avrebbe potuto fare meglio: “Basta pensare – ha sottolineato Di Meglio - che per tre anni l’ex presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, inviò a tutti i docenti un messaggio in occasione di questa celebrazione e che, purtroppo, è rimasto un caso isolato. Questo ci riempie di tristezza, perché vuol dire che la professione docente, la trasmissione della cultura in questo paese, hanno un'importanza minore rispetto al resto del mondo civile".
segue

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 6206 bytes | Commenti?
Stampa : da "il Messagero" - Pubblica amministrazione, Brunetta: la riforma venerdì a consiglio dei ministri
Inviato da admin_CUSMA il 5/10/2009 20:27:59 (665 letture)

05-10-2009 sezione: HOME_ECONOMIA
Pubblica amministrazione, Brunetta:
la riforma venerdì a consiglio dei ministri


ROMA (5 ottobre) - Il ministro della Funzione pubblica, Renato Brunetta, dopo l'incontro con le parti sociali, oggi a Palazzo Chigi, ha annunciato che la riforma della P.A. riceverà la definitiva approvazione al prossimo consiglio dei ministri utile, forse già venerdì.
Il provvedimento entrerà in vigore subito dopo la pubblicazione in Gazzetta ufficiale ma, ha spiegato Brunetta, vi sarà un periodo di sperimentazione, con
rendiconti semestrali che verranno riferiti in Parlamento. Brunetta ha sottolineato la velocità dell'iter seguito dal decreto legislativo: «Sono passati 14 mesi da quando il
testo della legge delega è stato approvato per la prima volta in consiglio dei ministri: una riforma così complessa ha quindi trovato attuazione in tempi molto rapidi. Il testo riproduce al 98% lo stesso testo varato inizialmente dal Governo. Per il resto abbiamo
recepito i miglioramenti e i perfezionamenti richiesti dalle Camere».
«Si tratta di un terreno molto sperimentale - ha ricordato il ministro - ora ci saranno due anni di tempo per apportare ulteriori modifiche e integrazioni. Tutte le parti sociali ci hanno consegnato o ci consegneranno a breve le loro osservazioni». Per il ministro «la sperimentazione sarà un momento fondamentale: abbiamo già ottenuto la disponibilità dell'Anci ad avviare da subito la sperimentazione dell'intero pacchetto del
decreto legislativo. Conto di arrivare all'assemblea dell'Anci di Torino con il testo definitivo per confermare la disponibilità ad iniziare subito la sperimentazione con gli ottomila Comuni italiani».
Per quanto riguarda l'organismo che sarà incaricato di valutare l'efficienza e la trasparenza della Pubblica Amministrazione, Brunetta ha detto che «sarà
un'agenzia che avrà tutte le caratteristiche di un'Authority indipendente e di stampo europeo. I suoi membri saranno nominati dal Parlamento con una maggioranza dei due terzi. Sulla questione delle elezioni delle Rsu (Rappresentanza sindacale unitaria),
Brunetta ha ribadito infine la neutralità del Governo, che ha delegato la questione all'Aran.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Normativa : da USP di Forlì-Cesena - DIRITTO ALLO STUDIO - Permessi straordinari
Inviato da admin_CUSMA il 5/10/2009 17:05:02 (660 letture)

DIRITTO ALLO STUDIO - Permessi straordinari :
1 gennaio/31 dicembre anno 2010 Scadenza domande: 15 novembre 2009

Si invitano le SS.LL. a rammentare al personale dipendente che, ai fini in parola, il termine utile per la presentazione delle domande in merito è il 15 novembre 2009. Le stesse dovranno
essere trasmesse a questo Ufficio, tramite le Istituzioni Scolastiche (previo visto del Dirigente Scolastico) utilizzando l’apposito modello, compilato in tutte le sue voci.
Nell’occasione, ai sensi del CCIR sottoscritto il 29 novembre 2007 concernente i criteri per la fruizione dei permessi, si ribadisce che il numero dei beneficiari dei permessi in parola non può superare complessivamente il 3% delle unità di personale in servizio in ogni anno scolastico e di ciascuna provincia, con arrotondamento all’unità superiore.
Si rappresenta che in base alle Dotazioni Organiche rilevate da quest’ufficio il numero massimo di permessi concedibili, suddiviso per ordine scolastico, relativo a questa Provincia è ilseguente:

Infanzia 16
primaria 45
medie I grado 23
medie II grado 41
educatori 1
Ata 43
totale 169

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Didattica : da Indire - cittadinanza e costituzione
Inviato da admin_CUSMA il 4/10/2009 21:50:00 (1002 letture)

BANDO PER LE SCUOLE SU "CITTADINANZA E COSTITUZIONE" - Vedi la graduatoria delle scuole della nostra regione (Emilia-Romagna) che hanno presentato progetti.

Graduatorie regionali

Nei giorni 23 e 29 settembre u.s. la Commissione di valutazione dei progetti presentati dalle istituzioni scolastiche candidate al bando "Cittadinanza e Costituzione" ha esaminato i reclami pervenuti e terminato i propri lavori. Pubblichiamo pertanto LE GRADUATORIE DEFINITIVE REGIONALI comprendenti, in ordine decrescente di punteggio attribuito, l'elenco delle scuole che hanno raggiunto il limite minimo di ammissibilità prescritto dal bando ed esattamente almeno 70 punti su 100. A partire dal giorno 5 Ottobre 2009 verranno indicate le scuole che hanno ottenuto il finanziamento. Eventuali informazioni possono essere richieste all'indirizzo helpcittadinanza@indire.it

http://www.indire.it/cittadinanzaecos ... ie/index.php?action=login

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Comunicati : dalla CGU - Brunetta convoca tutti
Inviato da admin_CUSMA il 3/10/2009 14:00:00 (587 letture)

Prof. Alessandro AMELI
Segretario generale CGU
Corso Trieste, 62/a - ROMA
Fax 06 8551589

Oggeto: Schema di Decreto legislativo di attuazione della legge 4 marzo 2009 n. 15 m materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni.

Le associazioni ed organizzazioni in indirizzo sono invitate a partecipare ad un incontro, il giorno 5 ottobre, alle ore 16.00, presso la Sala Verde di Palazzo Chigi, in cui verranno illustrati i contenuti del decreto legislativo in oggetto.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 1535 bytes | Commenti?
Normativa : dall'Ufficio Consulenza GILDA/FGU - Permessi retribuiti art. 15 Ccnl
Inviato da admin_CUSMA il 2/10/2009 22:40:00 (790 letture)

Domanda

La Dirigente sostiene che i suddetti permessi siano concessi e non attribuiti e che pertanto la forma esatta per richiederli sia "l'insegnante chiede" e non "l'insegnante comunica". Questo adducendo come motivazione il fatto che nel testo del contratto, essi siano "a domanda". Inoltre afferma che siano a discrezione del dirigente in quanto l'amministrazione ha l'autorità per poterli verificare. Tutto questo è esatto o la lettura del dirigente scolastico non rispecchia il senso del testo dell'art.15? Il dirigente scolastico afferma inoltre, che solo il testo e non l'interpretazione può essere rilevante ai fini giuridici.

Risposta

Il rapporto di lavoro del personale della scuola è caratterizzato dalla piena contrattualizzazione introdotta nel nostro ordinamento già dal 1993. La contrattualizzazione comporta che le parti siano collocate in un contesto di parità e che il rapporto sia incardinato in un ambito caratterizzato da diritti e doveri. I diritti contrattuali del personale in servizio possono essere sintetizzati nella retribuzione e nei permessi. I diritti dell’amministrazione, in quanto parte datoriale, sono individuabili nella prestazione. Appare di lapalissiana evidenza che in tale contesto non vi sia spazio per qualsivoglia potestà dell’amministrazione atteso che, con altrettanza evidenza, il rapporto di lavoro va inquadrato in un contesto privatistico nel quale all’amministrazione è precluso l’esercizio di qualsivoglia potere autoritativo. Detto questo, non vi è chi non veda che i permessi di cui all’articolo 15 del contratto vigente non possano qualificarsi in altro modo che alla stregua di diritti, la cui fruizione è subordinata alla presentazione di una domanda. Domanda che si configura quale mera manifestazione di volontà dell’interessato, che ha piena facoltà di deciderne i termini e di comunicarli alla parte datoriale, che è obbligata a darvi esecuzione. Quanto all’opportuntà dell’utilizzo della formula di rito “chiede” in luogo di “comunica”, la prima, tuttora assai in voga, sembrerebbe scontare la prassi in uso nell’epoca previgente alla contrattualizzazione del rapporto di lavoro. Non di meno, l’utilizzo di una formula, sebbene risalente, in luogo dell’altra, sicuramente più opportuna, non incide in alcun modo sulla qualificazione del permesso alla stregua di diritto soggettivo, come tale non soggetto a “concessione”o ad altro intervento discrezionale del dirigente scolastico. Diversamente opinando il diritto in parola verrebbe illegittimamente degradato alla stregua di interesse legittimo, con relativa nullità dell’eventuale provvedimento di concessione, autorizzazione o diniego dello stesso, per difetto assoluto di attribuzione ex articolo 27 –septies della legge sul procedimento

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Precari : dall'USP di Forlì-Cesena - Decreto Ministeriale 82/2009 "salva precari"
Inviato da admin_CUSMA il 2/10/2009 21:54:38 (656 letture)

Si trasmette il file allegato con preghiera della massima e tempestiva diffusione

Franca Tamburini – USP Forlì


Prot.n. 11826 /C7 Forlì, 1 ottobre 2009

Oggetto: D.M. n. 82 del 29 settembre 2009 di attuazione del Decreto Legge n. 134 del 25/09/09 –
Precedenza assoluta nell’assegnazione delle supplenze per assenza temporanea del personale in
servizio nelle scuole

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2266 bytes | Commenti?
Stampa : da Tottoscuola.com - Il precariato divide sindacati e movimenti
Inviato da admin_CUSMA il 1/10/2009 23:57:10 (572 letture)

Sabato 3 a Roma si svolgono praticamente in contemporanea diverse iniziative contro il precariato, mentre le divisioni tra sindacati, coordinamenti e comitati dei precari della scuola si fanno sempre più evidenti.

Due i cortei previsti, ma diverse e divergenti le motivazioni e le modalità di svolgimento. Una manifestazione parte infatti alle 14.30 da piazza della Repubblica e sfila per le strade della capitale fino a piazza del Popolo, dove dalle 15.30 la Federazione nazionale della stampa italiana ha organizzato la manifestazione per la libertà d'informazione. A questo primo corteo, indetto dai Comitati dei lavoratori precari della scuola, aderiscono la Flc-Cgil e la Gilda. Non partecipano Cisl Scuola, Uil Scuola e Snals, che esprimono soddisfazione per le misure 'salva-precari' messe a punto dal Ministero dell'Istruzione anche sulla base delle loro richieste.

La seconda manifestazione parte invece da piazza dei Cinquecento alle 15, con destinazione Ministero dell'Istruzione in viale Trastevere. È promossa dai Cobas e vi partecipano Sdl Intercategoriale, RdB e diversi comitati locali dei precari.

In una nota i Cobas spiegano che "il tentativo di convogliare i precari nella manifestazione della Fnsi dimostra una fondamentale divergenza tra le forze in campo rispetto alla riapertura del conflitto in Italia, allo sviluppo di esso e dei movimenti di lotta per la giustizia sociale e gli interessi materiali dei salariati e dei settori popolari e giovanili. Non possono esserci connessioni di alcun tipo tra le due iniziative".

Comunque anche il primo corteo, dopo aver fatto tappa in piazza del Popolo, prosegue per viale Trastevere. La destinazione finale è la stessa, ma le motivazioni sono molto diverse: altre polemiche in vista.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da "La Tecnica della Scuola" - Elezioni RSU: rinvio ormai certo
Inviato da admin_CUSMA il 6/10/2009 11:18:02 (599 letture)

Elezioni RSU: rinvio ormai certo - 6.10.2009

di R.P.

Lo ha annunciato il ministro Brunetta nel corso di un incontro con le organizzazioni sindacali. Il decreto leglislativo con cui viene rivisto tutto il modello contrattuale sarà approvato in via definitiva nella prossima seduta del Consiglio dei Ministri. Muore l'ipotesi Aprea di aprire un'area di contrattazione separata per i docenti.
Ormai non ci sono dubbi: le elezioni per il rinnovo delle Rsu non si faranno, almeno per quest’anno.
Lo ho chiarito una volte per tutte il ministro della Funzione Pubblica Renato Brunetta nel corso di un incontro con le organizzazioni sindacali svoltosi nella giornata del 5 ottobre.
Il relativo provvedimento (un decreto legislativo in attuazione della delega contenuta nella legge n. 15/2009) sarà approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri quanto prima, forse già nella prossima seduta del 9 ottobre.
Nei giorni scorsi le Commissioni parlamentari hanno espresso il loro parere in merito mettendo la parola fine anche sulle ultime obiezioni sollevate dalla Cgil.
Il sindacato di Epifani, infatti, aveva sostenuto che l’approvazione del decreto non avrebbe potuto comunque bloccare una procedura già avviata e che quindi le RSU della scuola sarebbero state certamente rinnovate ai primi di dicembre.
Le Commissioni di Camera e Senato hanno invece proposto una modifica decisiva in base alla quale le rappresentanze sindacali unitarie saranno prorogate per altri tre anni “anche se alla data di entrata in vigore del presente decreto sono state indette le relative elezioni”.
Da diverse settimane Cgil continua a sottolineare che la decisione del ministro Brunetta rappresenta un grave attacco alle libertà sindacali e accusa gli altri sindacati di scarso senso di responsabilità.
Per parte sua la Uil ha diramato un comunicato con cui rende noto di non essere d’accordo con un rinvio di tre anni, mentre non si conoscono ancora i commenti di Cisl, Snals e Gilda.
Il decreto Brunetta prevede anche la revisione dei comparti di contrattazione che porterà quasi certamente alla creazione di una maxi-area contrattuale comprendente scuola, ricerca e università.
Decisione che, tra l’altro, contraddice l’ipotesi contenuta nel ddl Aprea che prevede invece la creazione di un’area contrattuale separata per i soli docenti. Ma è evidente che con l’approvazione del decreto Brunetta, la soluzione proposta da Valentina Aprea non sarà più praticabile.
_________________

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Riforme : New "Riforma Brunetta" Statali assenteisti, arriva il licenziamento automatico.
Inviato da admin_CUSMA il 5/10/2009 20:08:56 (1134 letture)

Statali assenteisti, arriva il licenziamento automatico.
La sanzione scatterà nel caso di assenza ingiustificata per più di tre giorni oppure nel caso di chi timbra ed esce dall’ufficio.

Le prime novità della riforma Brunetta sul pubblico impiego a entrare in vigore saranno le regole disciplinari. Il decreto riporta sotto la vigenza della legge un tema che in passato era disciplinato dalla contrattazione.

E’ prevista una fase transitoria, durante la quale convivono le due discipline. I pratica solo i fatti avvenuti dopo l’entrata in vigore del decreto (ovvero 15 giorni dopo la pubblicazione in Gazzetta) dovranno essere contestati secondo le nuove tipologie.
segue

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2375 bytes | Commenti?
Uffici Scolastici : da USP di Forlì-Cesena - Rettifica Code Graduatorie esaurimento MEDIE
Inviato da admin_CUSMA il 5/10/2009 17:00:00 (893 letture)

5.ott.2009 - Rettifica Code Graduatorie esaurimento MEDIE

Prot. n. 11841 /C7 Forlì, 2 ottobre 2009

In data odierna vengono pubblicate le rettifiche da apportare alle graduatorie provinciali ad
esaurimento della scuola secondaria di 1°, secondo quanto riportato negli allegati elenchi che costituiscono
parte integrante del presente decreto, concernenti gli aspiranti che, ai sensi dell’art. 1 comma 11 del Decreto
Ministeriale dell’8 aprile 2009, n. 42, hanno chiesto l’inclusione in coda per la provincia di Forlì-Cesena,
Avverso il presente decreto, trattandosi di atto definitivo, è ammesso, per i soli vizi di legittimità,
ricorso straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 giorni, oppure ricorso giurisdizionale al TAR
entro 60 giorni dalla pubblicazione all’albo.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Comunicati : da Gilda=FGU Nazionale - Il business delle graduatorie tra avvocati e baroni.
Inviato da admin_CUSMA il 3/10/2009 23:49:44 (589 letture)

3.09.2010 - COMUNICATO STAMPA

Il business delle graduatorie tra avvocati e baroni.

Un fiorente commercio di ricorsi al Tar del Lazio: un giro di centinaia di migliaia di Euro.

Si tratta della valanga di ricorsi presentati da vari avvocati, alcuni collegati ad un sindacato, tendenti ad ottenere l’inserimento a “pettine”, anziché in coda alle graduatorie ad esaurimento dei precari della scuola, docenti e non.

Dato che i ricorsi al Tar possono essere collettivi, basta chiedere una cifra modesta per la singola persona, qualche volta cento, qualche altra trecento Euro, per raccogliere, di fronte alla prospettiva di una immissione in ruolo o di almeno una supplenza annuale, migliaia di precari.

E’ chiaro che, per chi organizza i ricorsi collettivi, il giro d’affari diventa molto appetibile.

La legge aveva previsto che queste graduatorie dei precari della scuola, fossero appunto non più permanenti, ma “ad esaurimento”, consentendo che vi si potessero inserire solo quelli che stavano concludendo una procedura abilitante oppure quelli che stavano concludendo i corsi universitari abilitanti (SSIS e scienze formazione primaria).

Trovando un qualche cavillo nei decreti ministeriali attuativi, alcuni avvocati sono riusciti ad ottenere dei provvedimenti di sospensiva dal Tar del Lazio, in base ai quali, in attesa del giudizio di merito (potrebbero volerci anni), i ricorrenti verrebbero inseriti immediatamente “a pettine”.

C’è un piccolo particolare: i ricorsi sono stati presentati al Giudice sbagliato, e sono stati accolti solo perché l’Avvocatura dello Stato ed il Ministero sembrano non essersene accorti.

Infatti la Cassazione, a sezioni riunite, si è espressa più volte sulla materia ed ha stabilito, in maniera inequivocabile, che il contenzioso sulle graduatorie dei precari è competenza del Giudice ordinario e non del Tar.

L’ultima decisione della Cassazione è recente, 17 novembre 2008 e ne richiama anche un’altra del mese di febbraio 2008. I giudici della Corte suprema hanno infatti stabilito che non si tratta di una procedura concorsuale, mancando un bando, la procedura di valutazione, e un atto di approvazione finale che individui i vincitori.

Perché le avvocature dello Stato non hanno eccepito la competenza del Tar?

E’ mai possibile che non esista una “certezza del diritto”?

Per quale motivo da anni ormai (ricordiamo la faccenda del punteggio di montagna?) le norme sui precari vengono scritte con falle giuridiche che scatenano la guerra tra i poveri?

Perché i precari sono costretti a pagare delle vere e proprie tasse aggiuntive, prima arricchendo chi organizza i corsi on line ed ora anche gli avvocati?

La Gilda degli Insegnanti attende dal governo risposte chiare e conclusive entro pochi giorni.


Roma, 3 ottobre 2009


UFFICIO STAMPA GILDA INSEGNANTI



Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da La Tecnica della Scuola - Giornata mondiale dell’insegnante
Inviato da admin_CUSMA il 2/10/2009 23:12:52 (600 letture)

di Andrea Toscano

Si celebra il 5 ottobre; istituita dall’Unesco intende richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica sul ruolo dei docenti e sulla loro importanza nella società. A Roma un convegno su “Insegnanti, Costituzione, Scuola” organizzato dalla Gilda.
Dal 1994, il 5 ottobre si celebra la Giornata mondiale dell’insegnante. Già dal 1966, in effetti, l’Unesco riconobbe ufficialmente l’importanza strategica della professione docente, fornendo orientamenti per un insieme di politiche, di diritti e di responsabilità.
Un’iniziativa, quella della Giornata, che vuole mettere in rilievo l'importanza dell'insegnante nel percorso di formazione, educazione e guida delle nuove generazioni. Un’alta considerazione, quindi, del ruolo degli insegnanti: una bella gratificazione anche per quei docenti italiani che spesso, attraverso i mass media, vengono ingiustamente additati come inadeguati o addirittura fannulloni!
Ormai, sono oltre cento i Paesi in cui si celebra la Giornata istituita dall’Unesco, ma molti di essi hanno un numero insufficiente di insegnanti. E se si vuole realizzare, come annunciato, l'insegnamento elementare universale entro il 2015 - uno degli obiettivi dell’istruzione per tutti (Ept) - è necessario incrementare di diversi milioni il numero di maestri nel mondo.
Ed ancora più docenti, ovviamente, saranno necessari per garantire l'insegnamento secondario superiore, liceale, tecnico, professionale. Peraltro, anche in alcune Nazioni dove il numero complessivo dei docenti risulta sufficiente, alcune zone isolate e svantaggiate presentano rilevanti problemi per l'assunzione e il mantenimento degli insegnanti.
In Italia, la Gilda degli Insegnanti, che negli anni passati molto si è impegnata affinché la Giornata assumesse un grande rilievo anche nel nostro Paese, organizza (come già segnalato nei giorni scorsi attraverso una notizia pubblicata su questo sito) un convegno nazionale con l’obiettivo prioritario di “definire, attraverso l’analisi critica e il dibattito, la fisionomia istituzionale della scuola e la funzione che ad essa e agli insegnanti assegna la Costituzione”.
La scuola è il luogo in cui far conoscere la Costituzione, non solo come materia da insegnare e da studiare (attraverso la nuova disciplina “Cittadinanza e Costituzione”), “ma soprattutto come occasione per acquisire quei principi di legalità che, uniti ai concetti di libertà e cittadinanza, formano la base del vivere civile in ogni suo aspetto”.
L’incontro, dal titolo “Insegnanti, Costituzione, Scuola”, in programma il 5 ottobre (a partire dalle ore 10.00) a Roma, presso l’Hotel Massimo D’Azeglio (in Via Cavour 18), invita, partendo dalle parole di un discorso rivolto ai giovani dal giurista Piero Calamandrei, a riflettere sull’attualità dei valori costituzionali, in modo particolare di quelli che si riferiscono alla scuola. E la Gilda, presentando il convegno, sottolinea che “la scuola pubblica è il luogo che garantisce la piena formazione critica delle nuove generazioni”.
Una riflessione “ancora più attuale di fronte a spinte che vorrebbero interpretare sempre di più l’insegnamento come elemento puramente tecnico-esecutivo di decisioni e scelte gestite dalle esigenze delle famiglie, del mercato e del territorio”.
I temi trattati nel convegno saranno introdotti da un intervento di Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli insegnanti, su “Costituzione alla mano: i principi costituzionali sulla scuola disattesi dalla politica”.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Riforme : Riforma P.A.: dopo il Senato, anche la Camera approva il parere sul Decreto Legislativo di attuazione delle legge Brunetta
Inviato da admin_CUSMA il 2/10/2009 22:18:55 (573 letture)

02/10/2009 - Riforma P.A.: dopo il Senato, anche la Camera approva il parere sul Decreto Legislativo di attuazione delle legge Brunetta

Questa mattina le Commissioni riunite Affari Costituzionali e Lavoro della Camera hanno concluso l’esame del decreto legislativo di attuazione della Legge Brunetta di riforma della Pubblica Amministrazione (Legge 4 marzo 2009 n. 15). Al termine di un approfondito dibattito, le Commissioni hanno approvato il parere sul provvedimento con 26 voti favorevoli e 14 contrari.
Il Ministro Renato Brunetta ha espresso tutta la sua soddisfazione per il clima positivo che si è registrato durante l’iter parlamentare, consentendo un proficuo lavoro di approfondimento tecnico del testo. Già lo scorso 23 settembre la Commissione Affari
Costituzionali del Senato aveva infatti votato un analogo parere sullo stesso decreto legislativo.
Entro pochi giorni, ottenuta una seconda e ultima approvazione del testo da parte del Consiglio dei Ministri, la Riforma Brunetta della Pubblica Amministrazione potrà così entrare definitivamente in vigore.

http://www.innovazione.gov.it/ministro/salastampa/notizie/6743.htm

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Uffici Scolastici : dall'USP di Rimini - Decreto legge n. 134 del 25/09/2009 – D.M. n. 82 del 29 settembre 2009 - precedenza assoluta nell’assegnazione delle supplenze per assenza temporanea del personale
Inviato da admin_CUSMA il 2/10/2009 0:40:00 (678 letture)

Prot. n. 10451/C1 Rimini, 1 ottobre 2009

Oggetto: Decreto legge n. 134 del 25/09/2009 – D.M. n. 82 del 29 settembre 2009 – precedenza assoluta nell’assegnazione delle supplenze per assenza temporanea del personale in servizio nelle scuole.

Si richiama l’attenzione delle SS.LL. sulla nota M.I.U.R. prot. n. 14655 del 30 settembre 2009 e relativi allegati pubblicati sulla rete INTRANET ed INTERNET del Ministero, concernente l’oggetto.
In particolare si evidenzia che gli interessati devono presentare apposita istanza entro il termine perentorio del 9 ottobre 2009 all’istituzione scolastica in cui, nell’anno scolastico 2008/2009, si trovavano in servizio con contratto per supplenza annuale o sino al termine delle attività didattica, utilizzando i modelli di domanda allegati alla predetta nota ministeriale.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
« 1 ... 715 716 717 (718) 719 720 721 ... 742 »

Cerca

Ricerca avanzata

Convenzioni Istituzioni
Convenzioni Istituzioni

Prossimi eventi
Nessun evento

Calendario
Mese PrecedenteGiu 2020Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30
Oggi

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Iscrizione
Open in new window



Newsletter
Iscrivetevi sulla nostra
Newsletter !
La vostra e-mail :

Formato 

Iscrizione avanzata.

Galleria

Nuovi utenti
FELICE 29/12/2019
MARTACOCCO 10/6/2019
SALVATORE 12/4/2019
giova1959 26/3/2019
Angelarosa 16/1/2019

Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale