username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Dove siamo

Gli Speciali
Mobilità
Utilizzazioni/Assegnazioni provvisorie
Contratti

Top News

Collegamenti


Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta martedì e giovedì dalle 16:00 alle 18:30 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Cookie & Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie & Privacy Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie o alla nostra Privacy Policy, consulta la Cookie & Privacy Policy. Ignorando questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie e accetti la Privacy Policy. MAGGIORI INFORMAZIONI
Gilda News
« 1 (2) 3 4 5 ... 782 »
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 11/4/2021 16:34:15 (12 letture)

Vaccinazione docenti: confronto fra sindacati e Ministero

di R. Palermo - 10/04/2021

Nella mattinata di lunedì 12 aprile è in programma presso la sede del Ministero dell’Istruzione un incontro con GILDA/FGU e i maggiori sindacati della scuola convocati per un confronto sulla situazione riguardante la gestione del piano di vaccinazione dopo la nuova ordinanza del Commissario straordinario Francesco Figliuolo.

L’incontro fa seguito ad una richiesta delle principali sigle sindacali del comparto scuola che nella nota inviata a suo tempo al Ministero segnalavano che allo scopo di evitare che i timori relativi ai possibili effetti collaterali del vaccino Astrazeneca avrebbero potuto ripercuotersi negativamente sugli esiti di una campagna vaccinale apprezzabile anche per la scelta di riservare al settore scuola una corsia preferenziale.
Si tratta però a questo punto – sottolineano i sindacati – di sapere in che modo il Governo intenda proseguire nella programmazione e nella gestione della campagna vaccinale.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Mobilità : da GildaFC/RN
Inviato da admin_CUSMA il 10/4/2021 18:10:00 (8 letture)

Open in new window

AVVISO


MOBILITÀ DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO ED A.T.A. PER L’ANNO SCOLASTICO 2021/2022

Con riferimento all’O.M. n. 106 del 29 marzo 2021 relativa alle modalità di applicazione delle disposizioni del contratto collettivo nazionale integrativo concernente la mobilità del personale della scuola per l’anno scolastico 2021/2022, si pubblicano di seguito i contatti email dei referenti degli Uffici di Ambito Territoriale (ex provveditorati) dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna.

Ufficio VII - Ambito Territoriale di Forlì-Cesena e Rimini sede di FORLÌ-CESENA

Personale docente Scuola Infanzia, Primaria e Personale Educativo
litrico.fc@istruzioneer.gov.it
enrica.calabro1@istruzione.it

Personale docente Scuola Secondaria di I grado matteucci.fc@istruzioneer.gov.it
giuseppe.farina37@istruzione.it

Personale docente Scuola Secondaria di II grado loretta.valtancoli.862@posta.istruzione.it
giuseppe.farina37@istruzione.it

Personale A.T.A.
marina.ruffilli.fo@istruzione.it
giuseppina.tuzzolino@istruzione.it

Ufficio VII - Ambito Territoriale di Forlì-Cesena e Rimini sede di RIMINI

Personale docente Scuola Infanzia e Primaria gaspare.caruso9@istruzione.it
paparo.rn@istruzioneer.gov.it

Personale docente Scuola secondaria di I e II grado cristina.campanari.rn@istruzione.it

Personale A.T.A.
anella.decristofaro.rn@istruzione.it

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 10/4/2021 17:40:00 (17 letture)

Open in new windowIn Germania per recuperare gli apprendimenti si ipotizza la ripetizione dell’anno

"Una simile proposta avrebbe accoglienza in Italia?"

di P. Almirante - 10/04/2021

Anche in Germania c’è l’esigenza impellente di recuperare il tempo perduto dagli studenti costretti alla Dad, nonostante le attività di didattica a distanza siano state messe a disposizione degli studenti ininterrottamente, ma non senza difficoltà. Infatti, riporta La Voce.info, l’Istituto per la ricerca economica con sede a Monaco di Baviera, certifica che nei soli mesi del primo lockdown la riduzione del tempo dedicato dagli studenti ad attività didattiche è stata di circa il 50 per cento (da 7,4 ore al giorno a 3,6), mentre una ricerca internazionale condotta da McKinsey – su insegnanti di otto paesi Oecd – riporta per la Germania una perdita di apprendimenti percepita pari a 1,7 mesi di scuola già a novembre.

Interessante è tuttavia capire a questo punto, le misure che una Città-Stato come Berlino intende prendere per arginare il fenomeno.

Per arginare la crisi degli apprendimenti, è stata approvata una legge che consente ai genitori che ne facciano richiesta entro il 13 aprile di far ripetere l’anno scolastico ai propri figli.

segue in leggi tutto ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4083 bytes | Commenti?
Stampa : da "Cesenatoday"
Inviato da admin_CUSMA il 9/4/2021 0:00:00 (20 letture)

Open in new windowCesenaToday - cronaca e notizie da Cesena

Cesena, 9 aprile 2021



L'Emilia Romagna da lunedì torna "arancione", atteso via libera a parrucchieri e negozi: le regole

L'Emilia Romagna torna ufficialmente in 'zona arancione'. Dal 12 aprile ci saranno quindi nuove regole e misure per spostamenti, scuole, ristoranti e negozi

Riaprono anche gli istituti scolastici superiori che, come si legge nelle Faq sul sito del Governo, "adottano forme flessibili nell'organizzazione dell’attività didattica, in modo che almeno al 50% e fino a un massimo del 75% degli studenti sia garantita l'attività didattica in presenza".

La zona arancione garantisce la piena libertà di movimento all’interno del proprio Comune senza l'esibizione dell'autocertificazione, che va invece presentata dalle 22 alle 5 quando sono consentiti gli spostamenti per comprovati motivi di lavoro, necessità e salute. Sono consentite anche le visite, una volta al giorno, ad amici e parenti, ma al massimo in due persone (sono esclusi dal conteggio i figli under 14 e le persone con disabilità). Riaprono tutti i negozi, con restrizioni solo per i centri commerciali nei weekend, mentre bar e ristoranti proseguono in modalità asporto o domicilio. Tornano al lavoro anche estetisti e parrucchieri.

Riaprono i centri che offrono la possibilità di svolgere sport individuali come il tennis, il golf o il padel. In assenza di tali strutture, è possibile raggiungere quelli dei Comuni limitrofi per svolgere esclusivamente all’aperto l’attività sportiva di base. Resta vietato l’uso degli spogliatoi. Chiuse palestre, piscine, centri natatori, centri benessere e centri termali, che potranno erogare prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza e le attività riabilitative o terapeutiche.

Gli spostamenti
Resta in vigore il coprifuoco, con divieto di circolazione dalle 22 alle 5 del mattino, salvo comprovati motivi di lavoro, necessità e salute. Non sono consentiti gli spostamenti in entrata e in uscita da una Regione all'altra e da un Comune all'altro, salvo comprovati motivi di lavoro, studio, salute, necessità. Raccomandazione di evitare spostamenti non necessari nel corso della giornata all'interno del proprio Comune. Saranno comunque permessi gli spostamenti dai Comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti, entro 30 chilometri dai relativi confini, con esclusione degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia. È consentito, una sola volta al giorno tra le 5 e le 22, spostarsi (al massimo due persone con al seguito bambini sotto i 14 anni o persone disabili in affidamento) verso una sola abitazione e andare a trovare chi vi abita: ma soltanto all’interno del proprio Comune, visto che nelle zone arancioni non è possibile uscire dal territorio comunale.

Negozi, bar e ristoranti
Per quanto riguarda i negozi, potranno rimanere aperti fino alle 21. Per bar e ristoranti l'asporto è consentito fino alle ore 22. Per la consegna a domicilio non ci sono restrizioni. E' prevista la chiusura dei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi a eccezione delle farmacie, parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, tabaccherie ed edicole al loro interno. Restano chiuse piscine, palestre, teatri, cinema, musei e teatri. Sono aperti i centri sportivi. Le funzioni religiose si possono svolgere con la partecipazione di persone, ma nel rispetto dei protocolli sottoscritti dal Governo con le rispettive confessioni.

Scuola
Per quanto riguarda le scuole superiori, la didattica proseguirà in forma mista: un po' a distanza e un po' no. Le regole sono sempre le stesse: mascherina, igienizzazione delle mani, finestre aperte il più possibile e distanziamenti anche a due metri, se gli spazi lo consentono.

segue in leggi tutto ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 5559 bytes | Commenti?
Attività sindacale : da GildaFC/RN
Inviato da admin_CUSMA il 7/4/2021 19:10:00 (13 letture)

TEMPO DI MOBILITA' (TRASFERIMENTI) DEL PERSONALE SCOLASTICO E RICHIESTA DI INFORMAZIONI SUI POSTI DISPONIBILI (VACANTI)

Cesena, 7 aprile 2021

Tempo di mobilità e molti docenti ci chiedono le disponibilità nelle scuole per scelte più mirate. Purtroppo alla data odierna non siamo in grado di dare informazioni dettagliate scuola per scuola in quanto qui dati non ci sono stati ancora trasmessi dai relativi uffici di ambito territoriale. Abbiamo solo i dati generali dei pensionamenti peraltro già pubblicati sul nostro sito e che ritrasmettiamo. Si tratta di numeri che, a livello provinciale, possono ancora subire delle modifiche.

Peraltro vogliamo ancora ribadire che non tutti i posti liberati dai pensionamenti vanno automaticamente nella disponibilità per i trasferimenti.

I posti liberi vanno così suddivisi: il 50% per la mobilità e il rimanente 50% vengono accantonati per le immissioni in ruolo. A questi vanno sommati quelli rimasti vacanti dopo le operazioni dello scorso anno scolastico.

QUESTA LA SITUAZIONE DEI PENSIONAMENTI NELLE PROVINCE DI FORLI'-CESENA E RIMINI:

AA - INFANZIA

FORLI'-CESENA 15
RIMINI 11

EE - PRIMARIA

FORLI'-CESENA 65
RIMINI 53

MM - SECONDARIA DI I GRADO (MEDIE)

FORLI'-CESENA 29
RIMINI 35

SS - SECONDARIA DI II GRADO (SUPERIORI)

FORLI'-CESENA 101
RIMINI 76

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Attività sindacale : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 5/4/2021 0:18:32 (21 letture)

Patto per la scuola: contratto, assunzioni e attività estive nel confronto fra Ministro e sindacati

di R. Palermo - 04/04/2021

Dovrebbero riprendere questa settimana i diversi tavoli tecnici concordati fra il ministro Patrizio Bianchi e le organizzazioni sindacali finalizzati alla sottoscrizione di un vero e proprio “patto per la scuola”.
Come abbiamo già avuto modo di dire l’idea è quella di sottoscrivere una grande intesa per far ripartire in grande stile il sistema scolastico.
Nel concreto si dovrebbe parlare del Recovery Plan applicato al sistema scolastico, delle risorse per il rinnovo contrattuale, della stabilizzazioni e dei processi di reclutamento del personale scolastico, ma anche della formazione in servizio e del potenziamento dell’offerta formativa.

Tanti problemi ma con risorse non illimitate

La carne al fuoco è davvero tanta, forse persino troppa anche perché, almeno per il momento, le risorse per fare tutte queste cose non ci sono affatto. I soldi per i contratti sono per adesso limitati, così come quelli per ampliare gli organici
E anche risolvere il problema del reclutamento non sarà una operazione semplice, non solo per motivi economici ma anche per problemi di tempo.
Il rischio è che si sottoscriva un’intesa che resterà sulla carta, esattamente come accadde nell’aprile 2019 quando Conte, Bussetti e sindacati del comparto firmarono un accordo per coprire tutte le cattedre scoperte entro pochi mesi e per firmare un contratto a tre cifre: come andarono le cose lo sappiamo bene.

segue in leggi tutto ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2578 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 2/4/2021 18:10:00 (18 letture)

Open in new windowCovid scuola, il piano dell’Emilia-Romagna per la riapertura dopo Pasqua

di D. Di Frangia - 02/04/2021

Anche l’Emilia-Romagna si appresta al ritorno in classe dopo Pasqua. La Regione presieduta dal governatore Stefano Bonaccini ha varato un piano per una ripartenza in sicurezza. Tra gli obiettivi il completamento delle vaccinazioni al personale, i tamponi rapidi gratuiti in farmacia, screening estesi e contenimento dei focolai scolastici.

Essendo zona rossa, il ritorno in classe riguarderà gli alunni fino alla prima media (così come deciso dal Governo). La priorità è quella di completare la vaccinazione del personale scolastico. Per questo le dosi di AstraZeneca in arrivo verranno subito consegnate ai medici di base.

Confermata poi la campagna di screening in farmacia per alunni, familiari e per lo stesso personale scolastico con la possibilità di effettuare gratuitamente tamponi rapidi.

Le Aziende sanitarie svolgeranno azioni preventive di controllo, con l’effettuazione di tamponi a campione, su base volontaria con l’obiettivo di limitare focolai scolastici. Questa azione sarà mirata su Comuni o territori con alta incidenza di casi ogni 100mila abitanti con screening in ambito scolastico utilizzando test antigenici molecolari.

Tra le indicazioni aggiuntive al rispetto delle norme, l’areazione costante degli ambienti, mantenendo parte della finestratura aperta durante le lezioni.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Normativa : da GILDA FC/RN
Inviato da admin_CUSMA il 1/4/2021 18:00:00 (19 letture)

Nuovo Decreto: scuola zona rossa e arancione, cosa cambia da mercoledì 7 aprile

di Redazione - 01/04/2021

Ritornano a scuola in presenza tutti gli alunni dall’asilo alla prima media dal 7 aprile e per tutto il mese. Il nuovo decreto Covid del Governo rende ufficiale quanto il Premier aveva già anticipato in conferenza stampa: la scuola in presenza per tutti fino alla prima media in modo inderogabile; per gli altri gradi di scuola, la didattica in presenza o a distanza dipenderà dal colore della zona.

Scuola zona rossa

In zona rossa tornano a scuola gli alunni dalle sezioni dell’infanzia fino alla prima classe di scuola media. Restano in DaD dalla seconda media in poi.

Scuola zona arancione

Scuole tutte in presenza, DaD (tra il 25% e il 50%) solo per gli alunni delle scuole superiori.

Possibilità di chiudere e convertire in DaD le classi dalla seconda media in poi in quei territori con un livello di contagio superiore ai 250 positivi per 100 mila abitanti in una settimana.

Ovunque, anche in fascia rossa

A prescindere dalla fascia di colore possono frequentare la scuola in presenza:

1. gli alunni per l’uso dei laboratori;
2. gli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali per i quali sia più opportuna la scuola in presenza;
3. altri alunni appartenenti alla stessa sezione o gruppo classe con i quali gli studenti BES possano continuare a sperimentare l’adeguata relazione nel gruppo dei pari, ai fini di una effettiva inclusione.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Concorsi : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 10/4/2021 18:11:13 (15 letture)

News ... Concorsi ordinari per la scuola, si cambia? “Così è se vi pare”

di S. Pappalardo - 10/04/2021

La situazione dei concorsi ordinari per la scuola oggi ricorda molto la commedia di Luigi Pirandello “Così è se vi pare”, una commedia dove la verità viene lasciata alla libera interpretazione dei compaesani della signora Frola e del Signor Ponza.

Leggendo i diversi pareri espressi sia dalle riviste specializzate sia dai politici sulle “Misure per lo svolgimento delle procedure per i concorsi pubblici” previste dall’art. 10 del decreto 44 del primo aprile 2021, si resta confusi nella misura in cui ognuno interpreta la verità della norma secondo il proprio specifico bisogno o interesse.

C’è chi afferma che le prove preselettive non saranno più effettuate, ma si procederà con una selezione in relazione ai titoli e al servizio di ognuno: ciò punirebbe i neo laureati o comunque tutti quelli hanno presentato domanda entro il 31 luglio avendo solo il titolo di studio e i 24 crediti.

C’è chi afferma che le prove preselettive si faranno regolarmente, ciò viene contestato da chi ha dei servizi svolti come precario nella scuola.

Insomma “così è se vi pare”.

Quale sarà la verità sulla procedura concorsuale è da verificare. E comunque, come accade da un po’ di tempo a questa parte nella scuola, se queste sono le premesse, su chi potrà accedere nei ruoli della scuola alla fine la decisione potrebbe essere presa dai tribunali. Indipendentemente dal merito, quello che tutti sbandierano come elemento indispensabile.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Comunicati : da USR Emilia Romagna
Inviato da admin_CUSMA il 10/4/2021 17:50:00 (11 letture)

Open in new windowda USR Emilia Romagna - 10 aprile 2021

Nota USRER-Indicazioni operative didattica in presenza – scuole secondarie E.R.

Si pubblica nota n. 6285 del 10 aprile 2021 del Vice Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna, Bruno E. Di Palma, relativa a “Attuazione della didattica in presenza nelle scuole secondarie dell’Emilia-Romagna. Indicazioni operative”
__________________________________________

Bologna, 10 aprile 2021

- Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche statali dell’EmiliaRomagna interessate
- Ai Coordinatori didattici delle Istituzioni scolastiche paritarie dell’Emilia-Romagna interessate
e, p.c. Al Presidente della Regione Emilia-Romagna
- Al Prefetto di Bologna
- Ai Dirigenti Amministrativi e Tecnici dell’Ufficio Scolastico
Regionale per l’Emilia-Romagna


Oggetto: Attuazione della didattica in presenza nelle scuole secondarie dell’EmiliaRomagna. Indicazioni operative.

Con le note di questo Ufficio prot. n. 626 del 15 gennaio, prot. n. 916 del 19 gennaio, prot. n. 2045 del febbraio, prot. n. 3206 del 18 febbraio, e prot. n. 4130 del 4 marzo 2021 - d’intesa con Regione Emilia-Romagna e Prefettura di Bologna, rappresentante dello Stato
per i rapporti con le autonomie territoriali – sono state fornite alle SS.LL. indicazioni operative ai fini dell’organizzazione della didattica in presenza nelle scuole secondarie di secondo grado dell’Emilia-Romagna.
Con nota prot. n. 6023, in data 2 aprile 2021, lo scrivente ha fornito indicazioni alle scuole dell’Emilia-Romagna in ordine alle misure urgenti contenute nel Decreto-Legge 1 aprile 2021, n. 44.
In particolare nel paragrafo della predetta nota denominato “Classi seconde e terze della scuola secondaria di 1°grado e classi della scuola secondaria di 2°grado” sono state richiamate le disposizioni per le zone gialla ed arancione previste dall’articolo 2, comma 2
del D.L. 44/2021, che si riportano nuovamente di seguito:
“Nelle zone gialla e arancione le attività scolastiche e didattiche per il secondo e terzo anno di frequenza della scuola secondaria di primo grado si svolgono integralmente in presenza. Nelle medesime zone gialla e arancione le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell'organizzazione dell'attività didattica, ai sensi degli articoli 4 e 5 del decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275, affinchè sia garantita l'attività didattica in presenza ad almeno il 50 per cento, e fino a un massimo del 75 per cento, della popolazione studentesca mentre la restante parte della popolazione studentesca delle predette istituzioni scolastiche si avvale della didattica a distanza”.

segue [...]

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 6192 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 9/4/2021 23:50:00 (16 letture)

Concorsi scuola. Azzolina contro Brunetta: la politica sbatte la porta in faccia ai giovani

di C. Virzì - 09/04/2021

Abbiamo già riferito delle prime contestazioni arrivate all’indirizzo del ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta sul tema dei concorsi, specie dal momento che il Ministro rimette in discussione anche in maniera retroattiva i concorsi già banditi, cancellando la prova preselettiva, se venisse confermato che l’articolo 10 del decreto legge n. 44/2021 ha validità anche per la scuola, come sembra dalle slide del Ministero.

Una scelta critica contro la quale protestano tutti coloro che da tempo studiavano per la preselettiva del concorso ordinario, investendo anche denaro per la formazione.

Il post della ex ministra Azzolina

segue su leggi tutto ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2803 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 7/4/2021 19:20:00 (32 letture)

Open in new window
Floridia (M5S): in estate scuole aperte, si recupererà il tempo perso

di J. Saccone - 07/04/2021

Stabilizzazione precari, concorso ordinario, ritorno in presenza e attività estive. Nel corso di una intervista alla Tecnica della Scuola, la sottosegretaria all’istruzione Barbara Floridia (M5S) affronta questioni care al mondo della scuola, ma anche a quello di docenti e famiglie.

Sottosegretario, ha detto di voler portare in cattedra i migliori, come?

Portando in cattedra insegnanti precari, ma anche giovani energie per il Paese. Ecco perché ritengo importantissimo far partire il prima possibile il concorso ordinario, che è stato già bandito, per il quale si sono già iscritti più di 450mila persone e concludere definitivamente il concorso straordinario.

Ha parlato di una “inaccettabile sanatoria” dei precari. In che senso?

I precari, cioè buona parte delle persone preparate che nella scuola hanno investito le loro energie, sono risorse preziosissime. Parlare di sanatoria a mio avviso li demonizza. Sono persone che hanno potuto partecipare al concorso straordinario e che potranno partecipare anche a quello ordinario. Per cui è corretto che il loro servizio, alla fine dell’espletamento del concorso, abbia un valore aggiunto, perché chiaramente l’esperienza va valorizzata e avrà incidenza sul punteggio finale.

segue su leggi tutto...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 5544 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 5/4/2021 21:53:40 (23 letture)

La DaD ha fatto perdere il 30% di apprendimenti, ecco perché si torna in classe il 7 in piena pandemia

di A. Giuliani - 05/04/2021

Il perdurare della pandemia e della didattica a distanza sta creando non pochi problemi agli studenti e al loro grado formazione, indipendentemente dall’efficienza dei sistemi in remoto e dall’impegno profuso dai docenti: il problema è evidente, soprattutto nei territori dove quest’anno le lezioni in presenza sono state ridotte, tanto che il governo ha deciso di forzare la mano, rispetto al Conte bis, riportando dal 7 aprile tutti in classe fino a 12 anni pure nelle zone rosse. Anche focus, rapporti e sondaggi confermano che la DaD perdurante sta aumentando le disuguaglianze negli apprendimenti.

La scuola Freud di Milano: molti impreparati

A questa conclusione sono giunti gli studiosi della scuola superiore Freud di Milano che hanno realizzato un focus dal quale risulta che il 66,8% dei ragazzi pensa che la preparazione raggiunta durante la DaD sia certamente inferiore a quella che avrebbero avuto andando a scuola, tant’è che il 34,8% ritiene di non avere una preparazione adeguata per affrontare il prossimo anno scolastico. E tanti studenti di quinta superiore temono anche per gli esiti dell’Esame di Stato che si svolgerà a giugno.

Tra gli altri aspetti negativi, c’è anche un 33% che sostiene che si sono accentuati dal punto di vista emotivo i contrasti con i componenti familiari.

Il 76,8% degli studenti ha dichiarato che i compiti sono aumentati rispetto alle lezioni tradizionali. Fondamentale, per oltre il 90 % dei ragazzi, la funzionalità tecnica – interconnessione, tablet e cellulari – e il particolare impegno degli insegnanti nel rendere interessanti le lezioni pur in una situazione atipica.

segue in leggi tutto ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 7005 bytes | Commenti?
Stampa : da "OrizzonteScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 2/4/2021 18:20:26 (23 letture)

Verducci (PD): “Immissioni in ruolo sulla base di titoli, servizio e prova in uscita. Vincolo quinquennale da superare”

di A. C. - 1 aprile 2021

Dal precariato fino al vincolo quinquennale, passando per la riapertura delle scuole. Diversi sono gli argomenti trattati con Francesco Verducci, senatore del Partito Democratico e vice presidente della Commissione Cultura al Senato.

Stabilizzazione di oltre 60mila precari, il governo pensa a più soluzioni. Senatore Verducci, quale sarebbe la migliore?

“Affrontare la questione del precariato è la cosa più urgente. L’anno scolastico in corso sta pagando le conseguenze del mancato intervento nel decreto scuola di un anno fa. Oggi, dopo un anno, la prima consapevolezza deve essere non ripetere lo stesso errore. Serve un intervento immediato per fare in modo che dal 1° settembre tutti gli insegnanti siano in cattedra. È un tema su cui il nuovo Ministro Bianchi ha insistito più volte e sono sicuro che stia lavorando ad un provvedimento che arriverà entro breve. Serve una procedura concorsuale abilitante che stabilizzi i precari storici sulla base di titoli, servizio e prova in uscita. Quindi occorre assumere insegnanti in tutti i cicli e per il sostegno, assumere attraverso procedure nuove basate sulla valorizzazione della competenza professionale. Il tema della qualità dell’insegnamento va di pari passo con la vertenza per le immissioni in ruolo, perché il precariato degli insegnanti, oltre a mortificare la vita di migliaia di persone, è nemico della qualità dell’insegnamento e dei bisogni degli studenti, perché impedisce continuità e qualità della didattica. Il tempo che viviamo, aggravato dalla pandemia da Covid-19, impone di essere veloci. Questo intervento deve anche essere la leva per una riforma complessiva del sistema di reclutamento nel nostro Paese, in un quadro più ampio di riforma per cui dobbiamo porci l’obiettivo rivoluzionario di ridurre strutturalmente il numero di alunni nelle classi ed aumentare il numero degli insegnanti, dei plessi scolastici e delle ore di sostegno. Contrastare il precariato e contestualmente avere una nuova leva di insegnanti per rilanciare la scuola dell’inclusione, rinnovare la didattica, contrastare abbandono e dispersione scolastica. Tutto questo serve a costruire finalmente percorsi di valorizzazione, anche stipendiale, della professione-insegnante che nella nostra società deve essere finalmente”.

segue in leggi tutto ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 6089 bytes | Commenti?
Esami : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 2/4/2021 17:44:20 (27 letture)

Maturità 2021, indicazioni per Curriculum dello studente e Supplemento Europass

di Lara La Gatta - 02/04/2021

on il Curriculum dello studente si introduce nel secondo ciclo di istruzione, a partire dal corrente anno scolastico, un documento di riferimento fondamentale per l’esame di Stato e per l’orientamento dello studente. Il Curriculum è allegato al diploma e deve essere rilasciato a tutti gli studenti che lo conseguono, siano essi candidati interni o esterni.

Con la nota 7116 del 2 aprile 2021 il Ministero dell’Istruzione ha fornito le attese indicazioni operative per il rilascio del Curriculum dello studente. (qui la nota clicca: https://www.istruzioneer.gov.it/wp-con ... m-studente-02-04-2021.pdf)

La nota spiega nel dettaglio quali dovranno essere le operazioni di competenza per le scuole, per gli studenti e le commissioni d’esame.

Sarà anche a disposizione dei soggetti interessati un apposito sito web, curriculumstudente.istruzione.it.

Assieme al diploma e al Curriculum dello studente, le istituzioni scolastiche rilasciano, ai sensi della normativa U.E., anche il Supplemento Europass al certificato, anch’esso collegato in maniera univoca al diploma tramite il riferimento al numero identificativo di quest’ultimo e contenente informazioni in parte già presenti nella sezione “Titolo di studio” del Curriculum. Anche il Supplemento Europass al certificato è reso direttamente disponibile agli studenti all’interno della piattaforma “Curriculum dello studente”, senza più la necessità di procedere, come negli anni precedenti, alla stampa e alla consegna del documento assieme al diploma.

Rango: 1.00 (1 voto) - Vota questa notizia - Commenti?
« 1 (2) 3 4 5 ... 782 »

Cerca

Ricerca avanzata

Convenzioni Istituzioni
Convenzioni Istituzioni

Prossimi eventi
Nessun evento

Calendario
Mese PrecedenteApr 2021Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30
Oggi

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Iscrizione
Open in new window



Newsletter
Iscrivetevi sulla nostra
Newsletter !
La vostra e-mail :

Formato 

Iscrizione avanzata.

Galleria

Nuovi utenti
antonio78 5/9/2020
FELICE 29/12/2019
MARTACOCCO 10/6/2019
SALVATORE 12/4/2019
giova1959 26/3/2019

Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale