username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Gli Speciali
Mobilità
Utilizzazioni/Assegnazioni provvisorie
Contratti

Top News

Collegamenti


Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta lunedì, mercoledì e venerdì dalle 16.30 alle 18.30 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Cookie Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Ignorando questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
RSU 2018
RSU2018


Nel 2018 si andrà a nuove elezioni. Un grazie di cuore a tutte le colleghe e i colleghi che in questi ultimi tre anni e in tutti quelli precedenti si sono candidati per la GILDA-UNAMS, sono stati eletti e hanno combattuto sfide impegnative e non facili per i valori istituzionali che sostengono la scuola statale e il ruolo dei docenti, perseguiti da sempre dalla nostra Associazione. Ancora una volta la Gilda chiede ai colleghi di candidarsi, di fare propaganda e di votare per le liste GILDA-UNAMS. Leggi tutto...
« 1 2 (3) 4 5 6 ... 662 »
Comunicati : dalla delegazione Gilda al Miur
Inviato da admin_CUSMA il 9/2/2018 11:30:00 (45 letture)

CONTRATTO, GILDA NON FIRMA: INSUFFICIENTI LE RISORSE ECONOMICHE

No della Federazione Gilda-Unams al contratto.
Dopo una lunga ed estenuante trattativa all’Aran iniziata ieri pomeriggio e terminata questa mattina alle 7,45, la FGU ha deciso di non firmare il rinnovo contrattuale perché le risorse economiche stanziate dal Governo non consentono di colmare la forbice stipendiale tra il personale della scuola e quello degli altri comparti del pubblico impiego.

“Soltanto 80 dei 200 milioni del bonus per il merito sono confluiti nella retribuzione - spiega Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti - mentre tutto il resto è stato destinato alla contrattazione di istituto per la valorizzazione del personale. Inoltre, per quanto riguarda la mobilità, giudichiamo negativamente l’obbligo di permanenza triennale nella sede ottenuta per il trasferimento”.

La trattativa serrata ha comunque consentito di raggiungere importanti miglioramenti per la parte normativa rispetto alla prima bozza e di evitare ricadute negative della legge 107 sul contratto. Resta, dunque, invariato l’orario di servizio (comprese le 40+40), non vengono introdotti compiti aggiuntivi obbligatori e non retribuiti né per la formazione, né per l’Alternanza Scuola-Lavoro, il Collegio dei Docenti mantiene la prerogativa di deliberare il piano delle attività e non viene modificata la funzione docente. Per quanto concerne la delicata materia disciplinare, è stato stabilito il rinvio ad una successiva sequenza contrattuale.

“Per la FGU, la valutazione complessiva del contratto - conclude Di Meglio - non raggiunge comunque la sufficienza”.


Roma, 9 febbraio 2018

Ufficio stampa Gilda Insegnanti

Rango: 4.00 (1 voto) - Vota questa notizia - Commenti?
Comunicati : concorso ds, in aprile la prova preselettiva
Inviato da admin_CUSMA il 8/2/2018 19:31:14 (14 letture)

Concorso dirigenti scolastici, la prova preselettiva ad aprile. Bando per Dsga entro la primavera

di Redazione - 07/02/2018

Concorso dirigenti scolastici: è probabile che la prova preselettiva si tenga nel prossimo mese di aprile 2018, con il fermo proposito di concludere tutte le fasi del concorso in tempo utile per assumere i vincitori almeno dal 1 settembre 2019.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" dell'8 febbraio 2018
Inviato da admin_CUSMA il 8/2/2018 19:16:13 (51 letture)

Open in new window
Il Ds distribuisce il bonus del merito in modo ambiguo

di Lucio Ficara - 08/02/2018

Probabilmente il bonus del merito verrà sottratto dalle mani dei dirigenti scolastici e verrà regolato dal contratto collettivo nazionale 2016/2018, questo eviterà alcune criticità e ambiguità che ci vengono, puntualmente e sistematicamente, segnalate da alcuni docenti. Ci viene segnalato, ad esempio, il caso di un Istituto di Istruzione Superiore della provincia di Reggio Calabria, dove il Dirigente Scolastico ha distribuito il bonus del merito 2016/2017 in modo ambiguo e poco chiaro.

ERRORI RIGUARDO LA PUBBLICAZIONE DEL BONUS DEL MERITO


Il suddetto Ds ha emanato una nota in cui ha pubblicato i nomi e i cognomi dei docenti premiati, non specificando correttamente i dati aggregati delle cifre distribuite.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4509 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 6 febbraio 2018
Inviato da admin_CUSMA il 6/2/2018 19:51:11 (127 letture)

Open in new window
Rinnovo contratto scuola, chiusura vicina e con sorpresa?

di L. Ficara - 06/02/2018

Dopo un lungo silenzio dell’ARAN e l’interruzione delle trattative durata per oltre mezzo mese, il rinnovo del contratto scuola potrebbe trovare in tempi rapidi la firma della pre-intesa. Si potrebbe trovare un accordo già alla fine di questa settimana o al massimo all’inizio della prossima settimana. Se invece le trattative dovessero arenarsi, ma è un’ipotesi inverosimile, allora l’ARAN metterà da parte il rinnovo contratto scuola per dedicarsi al rinnovo dei contratti della Sanità e degli Enti Locali.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3872 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 4 febbraio 2018
Inviato da admin_CUSMA il 5/2/2018 21:40:00 (59 letture)

Docenti a rischio salute, tra i motivi di stress anche le molestie degli allievi

di A. Giuliani - 04/02/2018

Lavorare nella scuola e nel pubblico impiego comporta rischi professionali che minano la salute: alla lunga, arrivano anche a provocare “stress, burnout – ovvero esaurimento – e depressione, nonché patologie cardiovascolari e disturbi muscolo-scheletrici”. Lo sostengono i sindacati europei riuniti nel Comitato per il dialogo sociale, che il 4 febbraio hanno lanciato un allarme sui rischi “psico-sociali”, definiti come “la principale minaccia alla salute e al benessere dei dipendenti e dei funzionari pubblici”. Ci sono anche i docenti, minacciati dalle molestie degli allievi.

In Italia, a questo proposito, è stata diffusa una guida, specifica per il comparto, nella quale viene riportato uno studio dell’Agenzia europea per la salute e la sicurezza sul lavoro.

Sette aree critiche

segue ...

Rango: 8.00 (1 voto) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3577 bytes | Commenti?
Stampa : da "Latecnicadellascuola.it" del 05 febbraio 2018
Inviato da admin_CUSMA il 5/2/2018 15:09:52 (54 letture)

Open in new window
Proposte per cambiare la scuola, chi sono i “consiglieri” del Miur? È ora di ascoltare i docenti

di Andrea Toscano - 04/02/2018

Fioccano le proposte per cambiare la scuola. Ma viene da chiedersi: chi sono i “consiglieri” del Miur? Proviamo a spiegare perché la domanda è lecita.


Nell’articolo “Docenti dietro la lavagna, ai meno bravi aggiornamento obbligatorio e niente incentivi”, a firma del direttore Alessandro Giuliani, leggo che durante un convegno, cui ha preso parte anche la ministra Valeria Fedeli, gli organizzatori di ProDemos e Tortuga hanno prospettato di introdurre delle forme di aggiornamento obbligatorio per i docenti che fanno riscuotere basse valutazioni (“legare maggiormente la valutazione e il merito alla retribuzione, non solo premiando chi riesce ad avere alte valutazioni”); Giuliani giustamente parla di “modello aziendale, che con il contesto scolastico-formativo ha davvero poco a che vedere”, aggiungendo che “se abbiamo capito bene, per gli insegnanti poco meritevoli scatterebbe una doppia ‘punizione’: niente incentivi e corsi di aggiornamento coatti”.

Inoltre, gli esponenti di Tortuga e ProDemos parlano anche di “valutazione degli istituti non solo attraverso test standardizzati, ma anche tramite altri criteri quali feedback di famiglie e studenti, valutazione di un ispettore provinciale, tasso di dispersione scolastica” (come se il tasso di dispersione dipendesse solo dalla scuola, fa notare Giuliani).

Sin qui, mi basterebbero le perplessità opportunamente avanzate dal direttore de “La Tecnica della Scuola”, ma da vecchio giornalista (ancora legato, in epoca di “twitter”, al giornalismo d’inchiesta o almeno agli “approfondimenti”) mi sono posto una domanda: ma chi sono costoro che spargono ricette per “illuminare” la retta via della scuola (e pare che il Miur sia sensibile al loro “grido di dolore”: non così per quello reale di insegnanti denigrati e tartassati da anni) e per “bacchettare” chi nella scuola opera (a volte viene anche… operato, per le botte subite da genitori e alunni “vivaci” o per essere stato addirittura accoltellato!) quotidianamente da anni?

segue ...

Rango: 9.00 (3 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 16494 bytes | Commenti?
Stampa : da informazionescuola.it del 3.02.2018
Inviato da admin_CUSMA il 3/2/2018 22:09:45 (79 letture)

Open in new window
Le parole della professoressa di Caserta non piacciono ai docenti

3 febbraio, 2018


Ad aprire le danze è stato Gramellini con la sua rubrica sul Corriere della Sera. Il giornalista con il commento “santa prof”, apre il dibattito sul “buonismo” nella scuola italiana, anche se secondo il giornalista la richiesta di perdono da parte della professoressa sembra più un gesto materno:” C’è una sola persona che può continuare ad amare incondizionatamente chi le ha fatto del male e manco lo capisce. Una madre”. Ma una prof. – aggiungiamo noi – non può e non deve essere una madre, almeno non in classe. In classe occorre autorevolezza, anche se gli strumenti a disposizione dei docenti ormai sono pochi, anzi non ne hanno più. I figli del ’68 – così dicono gli avversari politici – hanno tolto ogni arma ai docenti. Ma anche gli avversari non scherzano, i fannulloni di Brunetta sono ormai nella testa di tutti, sia degli studenti che delle loro famiglie, queste ormai assenti e se presenti difendono i loro pargoli.

Il commento dei suoi colleghi


segue ...

Rango: 9.00 (4 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3165 bytes | Commenti?
Stampa : da "Latecnicadellascuola.it" del 03 febbraio 2018
Inviato da admin_CUSMA il 3/2/2018 17:35:09 (40 letture)

Open in new window
Ore di ASL e ammissione agli esami di Stato 2017/2018

di L. Ficara - 02/02/2018


Gli studenti frequentanti la classe quinta di un liceo o un tecnico o anche un professionale, che non abbiano raggiunto i tre quarti delle 200 (nei casi dei licei) o 400 ore (nel caso dei tecnici o professionali) di alternanza scuola-lavoro, cosa rischiano in termine di ammissione degli esami di Stato 2017/2018?

La domanda se la pongono quei docenti delle classi terminali delle scuole secondarie di secondo grado, che segnalano il mancato raggiungimento del numero di ore obbligatorie di ASL previste dal comma 33 dell’art.1 della legge 107/2015, da parte di alcuni loro studenti. Ogni studente liceale, nel triennio finale di studi, avrebbe dovuto svolgere almeno 150 ore di alternanza, mentre per gli studenti dei tecnici o professionali le ore da svolgere sarebbero almeno 300. In buona sostanza esiste la tolleranza del 25% di assenze giustificate, con una frequenza di almeno i tre quarti dell’intero percorso.

NUOVE REGOLE ESAME DI STATO II CICLO SI APPLICANO DAL 2018/2019


segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4000 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" dell'8 febbraio 2018
Inviato da admin_CUSMA il 8/2/2018 19:40:00 (127 letture)

Open in new window
Contratto scuola: aumenti di 85 euro solo per pochi

di R.P. - 08/02/2018


E’ in pieno svolgimento presso la sede dell’Aran l’incontro che dovrebbe consentire la chiusura del contratto scuola.


Firma imminente

Dalle notizie che stanno trapelando sembra che la firma potrebbe arrivare già questa notte. Al più tardi si chiuderà domani, anche se al momento è difficile fare previsioni sul come: Snals e Gilda Insegnanti sarebbero intenzionati a non siglare l’accordo, mentre i tre sindacati confederali – pur con molti distinguo – potrebbero accettare un contratto-ponte in attesa di tempi migliori.
Intanto si incomincia a sapere qualcosa di più sugli aumenti previsti dall’accordo che, secondo le tabelle predisposte dall’Aran, dovrebbero decorrere da marzo 2018.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3484 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 7 febbraio 2018
Inviato da admin_CUSMA il 8/2/2018 19:22:03 (35 letture)

Open in new window
La grossolana balla elettorale dei 180mila licenziamenti nel mondo della scuola

di Anna Maria Bellesia - 07/02/2018

Insistono Renzi e quelli del Pd a difendere ad oltranza la loro Buona Scuola. Ma soprattutto insistono – ed è molto fastidioso – a fare fessi i cittadini elettori, nello specifico i docenti.

Dicono, e ripetono, che smantellare la “Buona Scuola” (come pare vorrebbero fare i 5 Stelle) equivale a licenziare i 180mila assunti in virtù della legge 107.

È una grossolana balla, come voler far credere agli adulti che esistono babbo natale e la befana.

Intanto, le assunzioni sono avvenute su posti liberi e abbiamo ancora quest’anno 85mila supplenze annuali più il tour over. Quindi, se anche fosse possibile “licenziare” (ma non lo è), significa smantellare non la Buona Scuola, ma il servizio pubblico tout court.

Neppure negli anni delle drastiche “riduzioni” del ministro Gelmini si è mai fatto un licenziamento. I “risparmi di spesa”, imposti al settore Istruzione, sono stati ottenuti aumentando gli alunni per classe e ricorrendo sistematicamente ai precari invece che assumere personale in ruolo.

Tanto che nel 2014 la famosa sentenza della Corte di giustizia europea ha praticamente imposto al governo italiano, allora guidato da Renzi, lo stop ai contratti di precariato reiterati per anni, coprendo tutti i posti “vacanti e disponibili” con personale di ruolo, pena i risarcimenti.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3684 bytes | Commenti?
Stampa : da UAT Forlì-Cesena e Rimini sede di Forlì - 7.02-2018
Inviato da admin_CUSMA il 7/2/2018 17:10:00 (32 letture)

UAT Forlì-Cesena e Rimini sede di Forlì - 7.02-2018

PERMESSI Diritto allo studio 2018
______________________________________________
MIUR.AOOCSAFO.REGISTRO UFFICIALE(U).0000577.07-02-2018
______________________________________________

Ai Dirigenti Scolastici
delle scuole di ogni ordine e grado
della provincia LORO SEDI

OGGETTO: Permessi straordinari retribuiti per il diritto allo studio di cui all’art.3 del DPR 23 agosto 1988, n. 395 – Anno Solare 2018 - Periodo 1° gennaio 2018 – 31 dicembre 2018.

A seguito di riesame delle domande, alla luce di nuove indicazioni, e tenuto conto della disponibilità nel contingente provinciale, si ritiene di integrare gli elenchi degli ammessi a fruire dei permessi per il diritto allo studio, già pubblicati con nota prot. 121 del 9 gennaio 2018, con i nominativi sotto elencati, che pertanto vengono cancellati dai rispettivi elenchi degli esclusi:

 BIANCHINI TIZIANO Docente Sc. Primaria I.C. Sogliano
 FIORI GIACOMO Docente Sc. Sec I° grado I.C. Valle Savio
 GIANFELICE PAMELA Docente Sc. Sec. II° grado I.P. Versari-Macrelli
 MAESTRI PIERO Docente Sc. Primaria I.C. Bertinoro
 MONTEMAGGI ELISABETTA Docente Sc. Sec. II° grado I.T. Garibaldi/da Vinci
 MOSCIA GIUSEPPINA Docente Sc. Sec. II° grado I.S. Marie Curie
 PAGLIONI FABIO Docente Sc. Sec. II° grado I.P. Ruffilli Forlì

I dirigenti scolastici delle istituzioni scolastiche indicate a fianco di ciascun aspirante provvederanno a notificare la presente agli interessati e ad adottare i provvedimenti di propria competenza.

Il Dirigente
Giuseppe Pedrielli

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 6 febbraio 2018
Inviato da admin_CUSMA il 6/2/2018 19:10:00 (65 letture)

Open in new window
I prof puniranno il Pd alle elezioni?

di P. Almirante - 06/02/2018

Secondo lo huffingtonpost.it ci sono tutte le condizioni perché il mondo della scuola punisca seriamente il Pd alle elezioni politiche del prossimo 4 marzo.

Contratto
Il primo motivo sarebbe legato al contratto, fermo da 10 anni, con annesse retribuzioni che fra l’altro sono al di sotto della media europea. Fra l’altro la politica dei bonus è sembrata, non un riconoscimento dei diritti ma elargizione di favori.

Buona scuola: un ossimoro?

Parallelamente la cosiddetta legge sulla “buona scuola” è sembrato un ossimoro, che ha disegnato una scuola gerarchica e autoritaria, mentre non è stato smantellato il precariato: un mondo- scrive huffingtonpost.it- nel quale si sono consumati i peggiori esperimenti di guerra tra poveri, tra ultimi e penultimi.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3293 bytes | Commenti?
Attività sindacale : da Gilda Insegnanti Forlì-Cesena e Rimini
Inviato da admin_CUSMA il 5/2/2018 16:00:00 (19 letture)

Open in new window
























NO...
NON FACCIAMO GLI STRUZZI ...



clicca qui: https://youtu.be/MruTR0T8EKc

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Contratti : da "Latecnicadellascuola.it" del 04 febbraio 2018
Inviato da admin_CUSMA il 4/2/2018 18:49:41 (45 letture)

Open in new window
Contratto scuola: situazione sempre più complicata

di R. Palermo - 04/02/2018


I segnali che arrivano dal fronte del tavolo per il rinnovo del contratto scuola sono contraddittori e si fa davvero fatica a prevedere gli sviluppi più immediati anche perché ormai i tempi sono terribilmente stretti: per la prossima settimana non ci sono ancora convocazioni presso la sede dell’Aran, mentre la data delle elezioni si avvicina sempre di più, con il rischio che prima del 4 marzo non si riesca a firmare nulla.

Chiudere presto e bene: ormai è uno slogan senza senso
Il “chiudere presto e bene” di cui i sindacati parlano da mesi sta diventando ormai un semplice flatus vocis, una banale emissione vocale priva di ogni riferimento alla realtà.
Arriva invece notizia che nei prossimi giorni saranno convocati i sindacati rappresentativi del comparto Enti Locali che sarebbe persino pronti per firmare il contratto nell’arco di pochissimi incontri.
Ma c’è chi interpreta il recente comunicato di Cgil, Cisl e Uil come la premessa per una rapida chiusura del contratto scuola.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3959 bytes | Commenti?
Comunicati : 3 febbraio 2018
Inviato da admin_CUSMA il 3/2/2018 18:30:00 (15 letture)

Open in new window
MINISTRA FEDELI DURAMENTE CONTESTATA QUESTA MATTINA DA CIRCA 300 MAESTRE A PARMA

Circa 300 maestri e maestre provenienti da tutta Italia e in particolare dall'Emilia Romagna hanno organizzato in mattinata a Parma un corteo di protesta in occasione della partecipazione della minsitra dell'Istruzione Valeria Fedeli all'inaugurazione dell'anno accademico dell'università di Parma.

I diplomati magistrali chiedono al Governo un intervento a loro tutela dopo la sentenza del Consiglio di Stato che in pratica li ha depennati dalle graduatorie a esaurimento, il canale per arrivare a una cattedra di ruolo. Una protesta che coinvolge in particolare la scuola materna statale e la primaria. I manifestanti si sono ritrovati in piazza Garibaldi e diretti verso la vicina sede centrale dell'ateneo.


3 febbraio 2018

Rango: 10.00 (2 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
« 1 2 (3) 4 5 6 ... 662 »

Cerca

Ricerca avanzata

Convenzioni Istituzioni
Convenzioni Istituzioni

Prossimi eventi
Nessun evento

Calendario
Mese PrecedenteFeb 2018Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28
Oggi

Videonews

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Iscrizione
Open in new window



Newsletter
Iscrivetevi sulla nostra
Newsletter !
La vostra e-mail :

Formato 

Iscrizione avanzata.

Galleria

Nuovi utenti
montemaggi 7/2/2018
GIULIOGRN 26/11/2017
dolcefranc 5/5/2017
mineanto 28/4/2017
frpche 25/4/2017
Albinoturc 15/3/2017
RenzettiB 14/11/2016
teruccia 22/10/2016
alberto 13/9/2016
fortunata 3/8/2016

Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale