username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Gli Speciali
Mobilità
Utilizzazioni/Assegnazioni provvisorie
Contratti

Top News

Collegamenti


Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta lunedì, mercoledì e venerdì dalle 16.30 alle 18.30 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Cookie Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Ignorando questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
RSU 2018
RSU2018


Nel 2018 si andrà a nuove elezioni. Un grazie di cuore a tutte le colleghe e i colleghi che in questi ultimi tre anni e in tutti quelli precedenti si sono candidati per la GILDA-UNAMS, sono stati eletti e hanno combattuto sfide impegnative e non facili per i valori istituzionali che sostengono la scuola statale e il ruolo dei docenti, perseguiti da sempre dalla nostra Associazione. Ancora una volta la Gilda chiede ai colleghi di candidarsi, di fare propaganda e di votare per le liste GILDA-UNAMS. Leggi tutto...
« 1 ... 616 617 618 (619) 620 621 622 ... 662 »
Riforme : da GILDA/FGU Nazionale - Il Governo vara la riforma dell'istruzione secondaria superiore: si parte dal prossimo anno scolastico.
Inviato da admin_CUSMA il 4/2/2010 21:29:01 (473 letture)

GILDA DEGLI INSEGNANTI/FGU
Il Governo vara la riforma dell'istruzione secondaria superiore: si parte dal prossimo anno scolastico.

Il Consiglio dei ministri in data odierna ha dato il via libera definitivo alla riforma dell'istruzione secondaria superiore, che entrerà in vigore dal prossimo anno scolastico per le prime classi ma comporterà riduzioni di organico su tutte le altre classi, escluse le quinte. Ne dà comunicazione il Miur sul proprio sito, con due comunicati dell’ufficio stampa.

I licei diventeranno 6: classico, scientifico, linguistico, artistico, musicale e delle scienze umane. Tutti i licei prevederanno 27 ore settimanali nel primo biennio e 30 negli anni successivi con alcune eccezioni (nel liceo classico negli ultimi 3 anni sono previste 31 ore per rafforzare la lingua straniera; nell'artistico fino a 35 ore e nel musicale fino a 32 ore).

Per gli istituti tecnici sono previsti 2 settori, economico e tecnologico, e 11 indirizzi. Tutti gli attuali corsi e le relative sperimentazioni confluiranno gradualmente nel nuovo ordinamento. L'orario settimanale sarà di 32 ore di 60 minuti (ora sono 36 ore di 50 minuti).

Negli istituti professionali si passa a 2 macro-settori, servizi e industria/artigianato, e 6 indirizzi, con un orario settimanale corrispondente a 32 ore di lezione (ora 36). Il percorso è articolato in due bienni e un quinto anno.

Una riforma "globale", l'ha definita il presidente del consiglio Silvio Berlusconi nel corso della conferenza stampa seguita al Consiglio dei ministri. E di intervento "epocale", che non ha "impronta ideologica" e che privilegia la qualità alla quantità ha parlato Maria Stella Gelmini.

Dura e fortemente critica è invece la posizione della Gilda degli Insegnanti: trattasi di una riforma che penalizza fortemente le seconde, terze e quarte classi su cui ricadranno i tagli previsti dal governo, crea caos per studenti e famiglie e pone un forte punto interrogativo anche sul futuro degli insegnanti. Lo ha dichiarato il coordinatore nazionale, Rino Di Meglio, commentando l'esito dell`incontro avvenuto ieri, alla vigilia del Consiglio dei Ministri, tra i sindacati e i tecnici del ministero dell'Istruzione.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Comunicati : da Tuttoscuola - Scuola superiore. Il Consiglio dei Ministri approva domani i regolamenti
Inviato da admin_CUSMA il 3/2/2010 20:48:00 (521 letture)

Scuola superiore. Il Consiglio dei Ministri approva domani i regolamenti

All'ordine del giorno dei lavori del Consiglio dei Ministri di domani giovedi 4 febbraio è iscritta l'approvazione definitiva dei regolamenti di riordino dei licei, e quelli di riforma degli istituti tecnici e degli istituti professionali.

In questo modo si conclude l'iter procedurale per il varo della riforma delle superiori.

Con tutta probabilità i regolamenti dovrebbero aver recepito le osservazioni e le proposte del Consiglio di Stato e delle Commissioni Parlamentari, tra cui, con certezza, l'attuazione della riforma solo a cominciare dal primo anno.

Le famiglie avranno tempo fino al 26 marzo per iscrivere i figli al primo anno della nuova scuola secondaria superiore.

Convocazione Consiglio dei Ministri n.81

Il Consiglio dei Ministri è convocato giovedì 4 febbraio 2010 alle ore 9,30 a Palazzo Chigi per l’esame del seguente ordine del giorno:
N. 3 DECRETI PRESIDENZIALI (ISTRUZIONE) recanti norme per il riordino:

- dei licei;

- degli istituti tecnici;

- degli istituti professionali;



- DECRETO PRESIDENZIALE: Indicazioni didattiche per l’insegnamento della religione cattolica nelle scuole dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione (ISTRUZIONE);

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Pensioni : da Tuttoscuola - Emendamento al milleproroghe. Bonus di due anni per l'uscita anticipata dalla scuola.
Inviato da admin_CUSMA il 3/2/2010 16:50:00 (1109 letture)

Emendamento al milleproroghe. Bonus di due anni per l'uscita anticipata dalla scuola.

Torna la proposta della GILDA

Il senatore Giuseppe Valditara (Pdl) ci riprova. Dopo due tentativi andati a vuoto con emendamenti respinti nella legge finanziaria e nella legge salva-precari, Valditara ha presentato un nuovo emendamento per chiedere il prepensionamento di due anni dei docenti e del personale amministrativo, tecnico ed ausiliario della scuola.

L'emendamento è stato presentato nel cosiddetto decreto "milleproroghe" per favorire l'uscita anticipata dal servizio di un maggior numero di insegnanti di ruolo, in modo da liberare posti per i precari.

Il numero di insegnanti, alle soglie della pensione, che sarebbero interessati all'emendamento Valditara sarebbe di circa 20.000 unità. Si tratta di personale attorno ai sessant'anni di età e vicino ai 35-36 anni di contributi utili per rientrare nei limiti imposti dalla riforma pensionistica.

Nell'emendamento proposto per il decreto "milleproroghe" (art. 5 bis n. 7.27) viene specificato che l'apertura ad anticipare i tempi della pensione di anzianità verrebbe concessa al personale che chiederà di "accedere al trattamento pensionistico di anzianità, in presenza di un'anzianità contributiva pari o superiore ad anni 33 e di un'età pari o superiore ad anni 60, di una anzianità contributiva pari a superiore ad anni 34 e di un'età pari o superiore ad anni 59, di un'anzianità contributiva pari o superiore ad anni 35 e di un'età pari o superiore ad anni 58".

Potranno anche chiedere, "entro il 30 aprile 2010", di accedere allo scivolo, "con decorrenza dal successivo 1° settembre 2010".

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : PROFESSIONE DOCENTE - Febbraio 2010
Inviato da admin_CUSMA il 2/2/2010 18:57:49 (612 letture)

PROFESSIONE DOCENTE - Febbraio 2010
MENSILE DELLA FEDERAZIONE GILDA-UNAMS


Sommario : Pag 1- 29 Gennaio 2010. Assemblee in tutte le città d’Italia per: • Informare • Riflettere • Protestare. - Pag 2 - Il 29 gennaio abbiamo parlato così di…. - Pag 3 – Il Vademecum dell’insegnante. - Pag 4 – Elezioni 2010. Permessi elettorali - I tuoi diritti. Di Gina Spadaccino. - Pag 5 - No allo ‘sniffer’! Di Piero Morpurgo. - Pag. 6 - Trento: prove tecniche di autonomia (esasperata?). Coordinamento docenti trentini. - Pag. 7 - Così risponde l’assessore all’Istruzione della Provincia di Trento, Marta Dalmaso. A cura di Fabrizio Reberschegg. - Pag. 8 - Vacanze bianche. Di Ester Trevisan. - Pag. 9 - I tagli all’istruzione e la “morale” dello scudo fiscale. Di Antonio Gasperi. - Pag. 10 - Il rischio biologico è altra cosa. Prof. Alberto Cesco-Frare. - Pag. 11 - Professori & Papere. Di Gigi Monello. - Pag. 12 - Se dalla scuola (per legge) scompare la geografia. Di Ilvo Diamanti.


http://www.gildaprofessionedocente.it/prd201002/

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Graduatorie : dall'USP di Rimini - Pubblicazione graduatorie prioritarie D.M. 82 e D.M. 100.
Inviato da admin_CUSMA il 2/2/2010 15:47:30 (694 letture)

USP di Rimini - Pubblicazione graduatorie prioritarie D.M. 82 e D.M. 100

Si trasmettono, in allegato, le graduatorie prioritarie per distretto, suddivise per ordine di scuola e per tipologia di posto del personale docente di 1° e 2° grado – in possesso dei requisiti prescritti dal D.M. n. 82 del 29.09.2009 e D.M. 100 del 17.12.2009 - nonchè l’elenco delle domande non accolte corredate dal provvedimento dell’U.S.P. di Rimini prot. 914/C7 del 2/2/2010.

Si comunica che le graduatorie sono pubblicate all’Albo di questo Ufficio e sul sito Internet www.usprimini.it

Si ricorda alle SS.LL. il provvedimento dell’U.S.P. prot. 9571/C7 del 27.08.2009 di cui tener conto al momento dell’individuazione del docente.

Prot. n. 914/C7 Rimini, 2/2/2010

IL DIRIGENTE, VISTE....... DIPONE
per l’a.s. 2009/10, sono pubblicate, all’Albo dell’Ufficio, le graduatorie prioritarie per distretto, suddivise per ordine di scuola e per tipologia di posto, del personale docente della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di 1^ e 2^ grado in possesso dei requisiti prescritti dai DD.MM. n. 82 e n. 100 rispettivamente datati 29/9/2009 e 17/12/2009.
Unitamente alle graduatorie di cui sopra, è pubblicato l’elenco delle domande non accolte ai fini dell’attribuzione della priorità per le supplenze brevi per mancanza dei requisiti prescritti dai predetti DD.MM. n. 82 e n. 100.
Le graduatorie e l’elenco allegati sono parte integrante del presente decreto.
Le domande di disponibilità a partecipare ai progetti attivati dalla regione Emilia-Romagna, in convenzione con l’Amministrazione scolastica ai sensi dell’art. 1, comma 3, del D.L. n. 134/09 convertito dalla L. n. 167/09, non vengono prese in considerazione per le motivazioni indicate nella nota dell’USRER prot. n. 385 del 14/1/10 menzionata in premessa.
Il decreto sarà pubblicato anche sul sito di questo Ufficio Scolastico Provinciale all’indirizzo Internet : www.usprimini.it.
per Il Dirigente
Il Funzionario Vicario
f.to Claudia Nanni

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Comunicati : Scuole superiori, settimana decisiva per la riforma
Inviato da admin_CUSMA il 1/2/2010 14:32:19 (459 letture)

Scuole superiori, settimana decisiva per la riforma

ROMA
Quella che inizia oggi potrebbe essere la settimana decisiva per l’approvazione finale della riforma delle scuole superiori: dopo i pareri espressi dalle commissioni cultura, in successione Camera e Senato, che hanno fatto seguito a quelli di Cnpi, Conferenza unificata Stato-Regioni e Consiglio di Stato, i tre schemi di regolamento torneranno al Cdm per l’ok in seconda lettura.

Anche se manca ancora l’ufficialità, più fonti indicano che il via libera a nuovi licei, tecnici e professionali arriverà durante la seduta n.81 del Consiglio dei ministri. Prima però il governo dovrà verificare la possibilità di accogliere alcuni rilievi posti dagli organismi di competenza: su tutti l’indicazione, unanime, di introdurre la riforma solo dalle prime classi anziché dal biennio iniziale.

La richiesta dovrà però essere verificata dal ministero dell’Economia che contava, come indicato nella finanziaria del 2009, di tagliare intorno al 7% della spesa scolastica: la somma, pari a 7,6 miliardi di euro in tre anni (il primo già è stato attuato senza rispettare del tutto le previsioni), avrebbero dovuto comportare l’eliminazione di 135.000 posti, di cui 87mila cattedre. Ora, però, l’avvio dimezzato della riforma della secondaria, solo per le prime classi, potrebbe creare più di qualche problema ai programmi di risparmio di via XX Settembre. Oltre che a quello dell’Istruzione, su cui in caso di mancato ottenimento dei risparmi stabiliti potrebbe scattare la cosiddetta “clausola di salvaguardia” introdotta dall’ex ministro dell’Economia, Tommaso Padoa Schioppa, durante la penultima legislatura e mai abrogata.

Come potrebbe creare non pochi problemi, però più di carattere politico, l’accoglimento di altri punti, indicati, in ordine sparso, da Cnpi, Conferenza unificata, Consiglio di Stato e commissioni parlamentari: su tutti, l’invito a ridurre la presenza negli organi collegiali di enti ed esperti esterni, oltre che di dipartimenti e comitati scientifici che andrebbero in conflitto con l’autonomia di ogni singolo istituto.

Forti resistenze sono giunte negli ultimi giorni anche da diverse associazioni dei docenti, preoccupati dal fatto che i tagli produrranno ad alcuni raggruppamenti di insegnanti (come i geografi, che hanno raccolto oltre 10mila firme per chiedere un numero maggiore di ore settimanali, ma anche i filosofi, i grafici e tanti altri) alte probabilità di creare delle situazioni di soprannumerarietà.

Ciò comporterebbe un numero imprecisato di docenti di ruolo, anche da diversi anni, costretti ad abbandonare le rispettive scuole di titolarità per essere impiegati in altri istituti: nel caso non vi fossero posti liberi a disposizione scatterebbe l’obbligo di riconversione professionale su altre classi di concorso o sul sostegno. Senza considerare che per tutti coloro in lista di attesa, anche dopo decenni di supplenza, si aprirebbero le porte della disoccupazione sicura.

Tra le richieste, che il governo è chiamata ad accogliere al fotofinish, sempre compatibilmente con le esigenze del Mef, c’è anche quella di rendere più agevole il passaggio degli studenti da un corso all’altro (adottare le cosiddette “passerelle”) soprattutto nel biennio iniziale, quando si è ancora in età di obbligo formativo, quindi fino a 16 anni.

Appena approvata dal Cdm, la riforma verrà esaminata dal presidente della Repubblica e dalla Corte dei Conti per il visto finale. Contemporaneamente agli esami finali, dall’esito quasi scontato, il Miur, che ha già provveduto a far slittare le iscrizioni alle superiori al 26 marzo (per gli altri cicli è confermata la scadenza del 27 febbraio), darà il via alla campagna informativa sulle novità che caratterizzeranno nuove materie, quadri orari e organizzazione didattica.

Sono almeno seicentomila gli studenti, con le rispettive famiglie, interessati alle novità di quadri e programmi: si tratta degli allievi oggi iscritti alla terza media e poco meno del 20% dei (probabili) bocciati all’attuale primo superiore. Se invece il Cdm dovesse confermare il testo della prima bozza, con l’avvio dal biennio, i cambiamenti coinvolgerebbero circa un milione e centomila studenti.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da Tuttoscuola - Due le novità della maturità 2010, ma non riguardano le materie d'esame
Inviato da admin_CUSMA il 31/1/2010 14:30:28 (561 letture)

Due le novità della maturità 2010, ma non riguardano le materie d'esame


Tutto scontato, o quasi, per quanto riguarda la seconda prova scritta dell'esame di Stato 2010.


La versione di greco al liceo classico era prevedibile, visto che da anni si alternano latino e greco (e l'anno scorso c'era stata la versione dal latino).

Matematica al liceo scientifico c'è tutti gli anni; al liceo socio pedagogico la seconda prova scritta è sempre stata quella di pedagogia da quando sono scomparsi dall'ordinamento gli istituti magistrali.

Le novità riguardano invece l'ammissione all'esame e il ruolo dei commissari esterni.

Secondo quanto disposto dal regolamento sulla valutazione (dpr 122/2009) entrato in vigore questa estate, anche per l'ammissione alla maturità si applicherà il criterio già applicato per legge nel giugno scorso per l'esame di licenza media che richiede almeno sei decimi in ogni disciplina di studio, anziché la media del sei come avvenuto per la maturità 2009.

L'altra novità riguarda la suddivisione dei compiti della commissioni giudicatrici (tre commissari interni e tre esterni) con un ruolo più incisivo dei membri esterni.

Al liceo classico, per esempio, i tre commissari esterni si occuperanno di matematica, scienze naturali e della correzione del compito di Italiano. Novità, invece, al liceo scientifico dove per la prima volta, è stata affidata al commissario esterno la lingua straniera (le altre due materie sono italiano e filosofia).

La valutazione finale sarà sempre collegiale, ma dovrà fare i conti con il peso della valutazione del commissario esterno.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
ATA : ALLEGATO 1 - Decreto direttoriale n. 979 del 28.1.2010
Inviato da admin_CUSMA il 30/1/2010 23:35:50 (951 letture)

MIUR - Dipartimento istruzione - DGPS
Mobilità professionale personale ATA profilo professionale DSGA
Destinatari dei corsi di formazione di cui all'art. 7 CCNI 3.12.2009
- art. 1, comma 2, sequenza contrattuale 25.7.2008 -
(ex art. 48 CCNL/2007)


Regione - provincia - DSGA (Personale dell'area B destinatario dei corsi di formazione)

Emilia Romagna - Bologna 26
Emilia Romagna - Ferrara 4
Emilia Romagna - Forli'- Cesena 4
Emilia Romagna - Modena 20
Emilia Romagna - Parma 4
Emilia Romagna - Piacenza 2
Emilia Romagna - Ravenna 4
Emilia Romagna - Reggio Emilia 2
Emilia Romagna - Rimini 8

Totale Emilia-Romagna 74

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Riforme : da Apcom 4.02.2010 - Gelmini: riforma epocale e senza impronta ideologica
Inviato da admin_CUSMA il 4/2/2010 12:44:36 (506 letture)

12:24 - CRONACA- 04 FEB 2010
Scuola/ Gelmini: riforma epocale e senza impronta ideologica

Roma, 4 feb. (Apcom) - La riforma delle superiori approvata oggi dal cdm è una "riforma epocale", che ha visto "un lavoro molto intenso e l'applicazione di un metodo per cui devo ringraziare tutti". Inoltre, è una riforma che "non ha impronta ideologica, che non è viziata da pregiudizi di sorta". Lo ha detto il ministro dell'Istruzione, Maria Stella Gelmini, durante la conferenza stampa con il premier Berlusconi al termine del consiglio dei Ministri. La Gelmini ha precisato che ritiene, per quanto concerne la riforma dei licei, di avere raggiunto "un grande obiettivo: coniughiamo tradizione e innovazione perchè il sistema funziona, l'Eurpa ce lo invidia e noi lo abbiamo mantenuto aggiungendo elementi di novità, una proiezione verso il futuro con il potenziamento della lingua straniere e la possibilità di una seconda lingua". Inoltre, agli indirizzi tradizionali sono stati aggiunti due nuovi indirizzi: "Il musicale, che realizzeremo in piena collaborazione con i conservatori e quello di scienze umane, che sostituisce l'istituto magistrale e guarda alle migliori esperienze Ue". Per quanto riguarda i tecnici e professionali, la riforma "colloca finalmente questo segmento non come una scuola di serie B: licei e tecnici-professionali sono due assi diversi con pari dignità e rappresentano una risposta efficace al problema della crisi". Infine, una rivendicazione: "Qualcuno ha detto che la riforma serve a fare cassa: nulla di più falso. E' stata frutto di un lavoro approfondito, necessario e urgente. Abbiamo abbandonato l'approccio quantitativo per seguire la qualità della didattica. Qualcuno - ha concluso Gelmini - faceva il tifo perchè il Consiglio di Stato bocciasse i regolamenti, purtroppo per loro questo non è avvenuto, le commissioni hanno svolto un ulteriore approfondimento e oggi è arrivato l'ok definitivo".

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
ATA : dall'USP di Forlì-Cesena - PUBBLICAZIONE GRADUATORIA DEFINITIVA 2^ POSIZIONE ECONOMICA
Inviato da admin_CUSMA il 3/2/2010 20:20:00 (763 letture)

USP di Forlì-Cesena
Ata - PUBBLICAZIONE GRADUATORIA DEFINITIVA 2^ POSIZIONE ECONOMICA


Prot.n. 711/C.02.c FORLI’, 03 febbraio 2010

IL DIRIGENTE
V I S T O l’Accordo Nazionale sottoscritto il 12.03.2009 tra il MIUR e le Organizzazioni Sindacali concernente l’attuazione dell’articolo 2, comma 3, della sequenza
contrattuale (ex art. 62 CCNL/2007) sottoscritta il 25 luglio 2008 che regola i criteri, le procedure e le modalità di attribuzione della seconda posizione
economica al personale dell’area B appartenente ai profili di assistente amministrativo e assistente tecnico;
EFFETTUATI gli idonei controlli, a campione, sulla veridicità delle dichiarazioni rese, previsti
dagli artt.71 e 72 del D.P.R. n. 445/2000 e successive modificazioni ed integrazioni;
V I S T O il proprio provvedimento prot. n. 534 del 27.01.2010 con il quale sono state pubblicate le graduatorie provvisorie degli Assistenti amministrativi ed
Assistenti tecnici che hanno superato le prove selettive previste dall’art. 7 del sopraccitato Accordo Nazionale;
ESAMINATI i reclami pervenuti a seguito di errori materiali;
D E C R E T A
Ai sensi art. 6 precitato Accordo Nazionale sono approvate le graduatorie definitive degli
Assistenti amministrativi ed Assistenti tecnici ammessi al corso di formazione per l’attribuzione della 2^ posizione economica di cui all’art. 2 – comma 3 - della sequenza contrattuale sottoscritta il 25.07.2008.
Avverso le predette graduatorie è ammesso ricorso al Giudice del lavoro, previo tentativo obbligatorio di conciliazione.
Dette graduatorie sono pubblicate all’Albo dell’Ufficio Scolastico Provinciale e consultabili nel sito internet di questo Ufficio.

IL DIRETTORE COORDINATORE REGG.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Normativa : Niente scuola causa neve Ma i 200 giorni sono salvi
Inviato da admin_CUSMA il 2/2/2010 23:03:02 (1122 letture)

L'ESPERTO RISPONDE/ Un prof chiede conto delle chiusure del sindaco. Ogni volta che il sindaco con propria ordinanza causa neve chiude le scuole, nel mio istituto il ds ci ripropone il problema dei 200 giorni obbligatori di lezione. Cosa dice la legge in proposito? I docenti hanno l'obbligo di recuperare?


Nessun obbligo di recupero per forza maggiore

In via preliminare va chiarito che tutti gli obblighi incontrano il limite della impossibilità della prestazione (art. 1256 codice civile). Principio ribadito anche con una nota dall'USR dell'Abbruzzo
Non c'è obbligo di fare nessun recupero delle ore di lezione perdute in caso di evento di forza maggiore. È questa l'ipotesi, per esempio, nella quale si incorre se la scuola viene chiusa su disposizione del sindaco a causa della neve che non consente l'accesso in sicurezza da parte degli utenti e del personale [...]

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Riforme : Riforma Scuola Secondaria: ultimi ritocchi ai regolamenti
Inviato da admin_CUSMA il 2/2/2010 18:50:00 (499 letture)

Riforma Scuola Secondaria: ultimi ritocchi ai regolamenti

In queste ore di febbrile lavoro il Miur sta apportando gli ultimi ritocchi ai regolamenti dell'istruzione secondaria superiore, riguardanti anche i profili e i quadri orari.

A questo punto non si può ecludere nulla, neanche che si faccia tutto il possibile per consentire l'approvazione dei provvedimenti da parte del Consiglio dei ministri di questa settimana (venerdì 5), tuttavia, considerati i tempi necessari per una verifica del Mef, molto più facilmente la seduta utile del CdM per l'appprovazione definitiva dei regolamenti sarà quella successiva del 12 febbraio.

A quanto si sa buona parte delle richieste del Consiglio di Stato e delle Commissioni saranno accolte, ma non quelle che comporterebbero lo slittamento della riforma al 2011-2012.

La necessità di provvedere in tempi brevi all'approvazione dei regolamenti scaturisce dall'imminenza del periodo riservato alle iscrizioni alla scuola secondaria superiore (dal 26 febbraio al 26 marzo 2010) e dal pochissimo tempo che le scuole avranno per recepire le novità modificare i POF e informare a loro volta i genitori. Il Ministero come il ministro Gelmini ha più volte assicurato, provederà ad un'ampia informazione, anche via internet, sulle caratteristiche della nuova scuola secondaria.
Ma prima ovviamente è necessario che il Consiglio dei ministri approvi i regolamenti.

2 febbraio 2010

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Graduatorie : dall'USP di Rimini - DM 100 - elenchi prioritari nell'assegnazione delle supplenze per assenza temporanea del personale docente - pubblicazione graduatorie.
Inviato da admin_CUSMA il 2/2/2010 15:42:02 (492 letture)

USP di Rimini - DM 100 - elenchi prioritari nell'assegnazione delle supplenze per assenza temporanea del personale docente - pubblicazione graduatorie.

Prot. n. 914/C7 Rimini, 2/2/2010

IL DIRIGENTE VISTE.......D I S P O N E

per l’a.s. 2009/10, sono pubblicate, all’Albo dell’Ufficio, le graduatorie prioritarie per distretto, suddivise per ordine di scuola e per tipologia di posto, del personale docente della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di 1^ e 2^ grado in possesso dei requisiti prescritti dai DD.MM. n. 82 e n. 100 rispettivamente datati 29/9/2009 e 17/12/2009.
Unitamente alle graduatorie di cui sopra, è pubblicato l’elenco delle domande non accolte ai fini dell’attribuzione della priorità per le supplenze brevi per mancanza dei requisiti prescritti dai predetti DD.MM. n. 82 e n. 100.

Le graduatorie e l’elenco allegati sono parte integrante del presente decreto.

Le domande di disponibilità a partecipare ai progetti attivati dalla regione Emilia-Romagna, in convenzione con l’Amministrazione scolastica ai sensi dell’art. 1, comma 3, del D.L. n. 134/09 convertito dalla L. n. 167/09, non vengono prese in considerazione per le motivazioni indicate nella nota dell’USRER prot. n. 385 del 14/1/10 menzionata in premessa.

Il decreto sarà pubblicato anche sul sito di questo Ufficio Scolastico Provinciale all’indirizzo Internet : www.usprimini.it.
per Il Dirigente
Il Funzionario Vicario
f.to Claudia Nanni
Rimini, 2 febbraio 2010



Si trasmettono, in allegato, i files relativi all’oggetto.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da Turroscuola n. 426 dell'1 febbraio 2010
Inviato da admin_CUSMA il 1/2/2010 14:27:55 (451 letture)

da Tuttoscuola
N. 426, 1 febbraio 2010

SOMMARIO


1. Secondaria. Tre nodi da sciogliere

2. Le polemiche sulla geografia

3. Marco Paolo Nigi confermato alla guida del CONFSAL


le altre notizie in esclusiva su TuttoscuolaFOCUS n. 319/426:

- Secondaria. La grande attesa

- Ma con la riforma i ragazzi avranno una riduzione di ore?

- L’ora piena ridurrà i posti e farà aumentare l’orario dei prof

- Governo-Regioni: manca una strategia condivisa

- Greco alla maturità. La difficoltà sta nella conoscenza dell’italiano

- Sono ben 930 le diverse tipologie d’esame di maturità

- Leggi razziali: per non dimenticare


Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 1283 bytes | Commenti?
Elezioni : FONDO SCUOLA ESPERO
Inviato da admin_CUSMA il 30/1/2010 23:58:45 (546 letture)

FONDO SCUOLA ESPERO
Elezioni Assemblea dei Delegati del 2, 3 e 4 marzo 2010


LISTA n. 4 - GILDA/UNAMS


N. Cognome e Nome data nascita

1 Silvestro Giulio 12/05/1967
2 Giovannini Patrizia 14/11/1960
3 Graziano Maria Angela 13/01/1958
4 Lorenzo Giuseppe 04/08/1951
5 Bortoluz Cristina 26/05/1970
6 Chiostri Sabina 29/08/1956
7 Cocuzza Stefania 21/12/1966
8 Elefante Raffella 30/04/1961
9 Magini Daniela 25/02/1954
10 Moceri Angelo 09/09/1961
11 Pitto Laura 21/04/1961
12 Razzano Laura 28/09/1962
13 Ramundo Michele 09/02/1955

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
« 1 ... 616 617 618 (619) 620 621 622 ... 662 »

Cerca

Ricerca avanzata

Convenzioni Istituzioni
Convenzioni Istituzioni

Prossimi eventi
Nessun evento

Calendario
Mese PrecedenteFeb 2018Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28
Oggi

Videonews

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Iscrizione
Open in new window



Newsletter
Iscrivetevi sulla nostra
Newsletter !
La vostra e-mail :

Formato 

Iscrizione avanzata.

Galleria

Nuovi utenti
montemaggi 7/2/2018
GIULIOGRN 26/11/2017
dolcefranc 5/5/2017
mineanto 28/4/2017
frpche 25/4/2017
Albinoturc 15/3/2017
RenzettiB 14/11/2016
teruccia 22/10/2016
alberto 13/9/2016
fortunata 3/8/2016

Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale