username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Dove siamo

Gli Speciali
Mobilità
Utilizzazioni/Assegnazioni provvisorie
Contratti

Top News

Collegamenti


Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta martedì e giovedì dalle 16:00 alle 18:30 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Cookie & Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie & Privacy Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie o alla nostra Privacy Policy, consulta la Cookie & Privacy Policy. Ignorando questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie e accetti la Privacy Policy. MAGGIORI INFORMAZIONI
Scuola News
(1) 2 3 4 ... 727 »
Comunicati : da UAT di Forlì-Cesena e Rimini sede di Forlì
Inviato da admin_CUSMA il 23/1/2020 19:30:00 (9 letture)

UAT di Forlì-Cesena e Rimini sede di Forlì 22 gen 2020

Dimensionamento rete scolastica a.s.2020-21

Buongiorno,
in allegato la comunicazione relativa alle sedi soppresse o istituite in provincia e l’attivazione di nuovi indirizzi.

Cordialmente
________________________________________________

Ufficio VII – Ambito territoriale Forlì – Cesena e Rimini
SEDE di FORLI


- Ai dirigenti scolastici degli Istituti di ogni ordine grado
della provincia - Loro sedi
- All’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia Romagna
- Alle OO.SS. della provincia - Loro sedi

Oggetto: Operazioni di dimensionamento della rete scolastica per l’a.s. 2020/2021. Nuovi codici meccanografici

In attuazione della delibera regionale n.210 del 26 giugno 2019 e della Nota dell’Assessorato Coordinamento delle politiche europee n. 927452 del 20 dicembre 2019 con oggetto:
“Programmazione territoriale dell’offerta di istruzione organizzazione della rete scolastica per l’anno scolastico 2020/2021”, recepite dal D.D.G. n. 1549 del 23/12/2019, sono state apportate modifiche al Piano di dimensionamento regionale in termini di se di istituite, sedi soppresse e nuovi indirizzi.

Sedi

ITI MARCONI – Sarsina FOTF03001E Sede Istituita
ITC SERRA SARSINA FOTD02002P Sede Soppressa
ITC SERRA SARSINA serale FOTD020513 Sede Soppressa

Indirizzi

I.P. Ruffilli Forlì - Attivazione indirizzo “Agricoltura, sviluppo rurale, valorizzazione dei prodotti del territorio e gestione delle risorse forestali e montane”;
Liceo Artistico e Musicale - Attivazione indirizzo “Audiovisivo Multimedia”.

IL DIRIGENTE
Mario M. Nanni

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da "RegolaritàetrasparenzanellaScuola" del 15 gen 2020
Inviato da admin_CUSMA il 16/1/2020 23:38:04 (26 letture)

Open in new window
Ai Dirigenti scolastici 450 euro netti al mese più 6mila euro netti di arretrati; agli insegnanti il nulla più assoluto.

di Aldo D. Ficara, Regolarità e Trasparenza nella Scuola, 15.1.2020

– Il maxi-aumento di circa 450 euro netti al mese per i presidi è realtà. Gli effetti economici del Ccnl si vedranno probabilmente con un conguaglio, una tantum, dal 1° gennaio 2016, intorno ai 6mila euro netti, secondo i primissimi conteggi.

A essere interessati dagli adeguamenti retributivi sono 7.452 presidi; a cui si aggiungono – seppure con aumenti stipendiali più contenuti – i 353 dirigenti di università ed enti di ricerca.

All’incremento di circa 450 euro netti in più al mese per i dirigenti scolastici si arriva sommando l’aumento “standard” del 3,48%, pari a 160 euro lordi al mese, intorno agli 80 euro netti, ai 370 euro netti aggiunti sulla retribuzione di posizione parte fissa, che sale di 9mila euro, passando da poco più di 3.500 euro a oltre 12.500 (per quest’ultima operazione, nella manovra 2018, sono stati stanziati 37 milioni di euro nel 2018, 41 nel 2019, 96 nel 2020, oltre ai 35 milioni previsti dalla Buona Scuola).

Agli insegnanti invece il nulla più assoluto, solo parole, intenti e buoni propositi.

Rango: 8.00 (3 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 15 gen 2020
Inviato da admin_CUSMA il 15/1/2020 20:50:00 (28 letture)

Concorso straordinario secondaria, si ottiene l’abilitazione all’insegnamento. Ecco come

F. De Angelis - 15/01/2020

Il concorso scuola straordinario secondaria rappresenta una delle priorità annunciate dal neo ministro Lucia Azzolina per la scuola. Sono molti gli aspetti da evidenziare, come il fatto che per il concorso scuola 2020 si può partecipare sia per l’immissione in ruolo che per l’abilitazione insegnamento.

Abilitazione insegnamento con il concorso scuola straordinario

Infatti, il testo del decreto scuola prevede che i docenti che non entrano nel numero dei 24.000 vincitori del concorso scuola straordinario, pur avendo superato la prima prova scritta con almeno 7/10, potranno ottenere l’abilitazione insegnamento.

A tal proposito, questi candidati dovranno comunque avere in atto una supplenza di durata annuale almeno fino al 30 giugno (quest’ultima condizione riguarda solo i docenti precari nelle scuole statali e paritarie ), e dovranno a loro spese acquisire i 24 CFU se non ne sono già in possesso e sottoporsi poi ad una prova orale selettiva davanti ad una commissione costituita a cura degli UU.SS.RR.
La prova orale, anche in questo caso, sarà superata almeno con il punteggio di 7/10.
Una volta conseguita l’abilitazione insegnamento i docenti precari potranno iscriversi nella seconda fascia delle graduatorie d’istituto che dal prossimo anno diventeranno provinciali per l’attribuzione delle supplenze annuali.
Non solo: potranno partecipare solo ai fini dell’abilitazione, i docenti che hanno maturato il servizio di tre anni nella scuola paritaria e nei percorsi di istruzione professionale.

segue su "leggi tutto" ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4427 bytes | Commenti?
Pensioni : da UAT di Forlì-Cesena e Rimini, sede di Rimini
Inviato da admin_CUSMA il 12/1/2020 23:41:02 (27 letture)

UAT di Forlì-Cesena e Rimini, sede di Rimini

Rimini, 10/1/2020

Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche
della Provincia – Loro Sedi
p.c. OO.SS. della Scuola – Loro Sedi
p.c. Enti di Patronato – LL. SEDI


Oggetto: Cessazioni dal servizio con decorrenza 01/09/2020.

Come è noto, il Ministero ha fissato al 10 gennaio 2020 il termine per la presentazione delle domande di cessazione dal servizio a decorrere dal 01/09/2020.
La C.M. prot. n. 50487 dell’11/12/2019 stabilisce inoltre che le posizioni relative ai pensionandi dovranno essere sistemate entro il 14/02/2020.
Al fine di consentire una adeguata programmazione delle operazioni connesse alla sistemazione delle posizioni e all’accertamento del diritto a pensione, si invitano le SS.LL. a trasmettere a questo
Ufficio, entro le ore 13.00 di sabato 11 gennaio p.v., l’elenco del personale che ha presentato istanza di dimissioni o è destinatario di collocamento a riposo d’Ufficio, distinto per qualifica e con l’indicazione
della data di immissione in ruolo.
Tale elenco dovrà essere inviato al seguente indirizzo di posta elettronica: rita.fraternali.rn@istruzione.it
.
Il Dirigente
Mario Maria Nanni

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 10 gen 2020
Inviato da admin_CUSMA il 10/1/2020 18:46:32 (53 letture)

Diplomati Itp, devono avere i 24 Cfu? E in quali casi?

di F. De Angelis - 10/01/2020

Un lettore ci scrive: “Buongiorno sono un diplomato itp e vorrei insegnare nella scuola secondaria. Ho letto che per accedere al concorso ordinario scuola secondaria non servono i 24 Cfu, mentre per iscriversi in graduatoria di istituto terza fascia tra i requisiti richiesti per i nuovi inserimenti bisogna possederli. Non sembra un’incoerenza?”

Concorso scuola secondaria: gli Itp partecipano con il solo diploma

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 5909 bytes | Commenti?
Stampa : da "da Il Sole 24 Ore" 7 gen 2020
Inviato da admin_CUSMA il 7/1/2020 15:42:17 (32 letture)

Atenei a corto di nuovi iscritti

di E. Bruno - martedì 7 Gennaio 2020

I primi dati sulle immatricolazioni all’università non lasciano ben sperare. Nell’anno accademico 2019/2020 si registrano 264mila matricole negli atenei statali contro le 266mila del 2018/19. Tengono le lauree scientifiche mentre crescono le umanistiche.

C’è un merito da riconoscere alla mini-crisi post manovra, che ha portato alle dimissioni del ministro Lorenzo Fioramonti e alla divisione del Miur in due dicasteri (Scuola e Università) affidati rispettivamente alla sottosegretaria Lucia Azzolina e al presidente dei rettori Gaetano Manfredi: aver riportato al centro del dibattito politico, almeno per qualche giorno, il futuro degli atenei italiani. Una realtà che, complice la ristrettezza di risorse pubbliche a disposizione, fa fatica a lasciarsi la crisi alle spalle. Come dimostrano i primi dati provvisori sulle immatricolazioni all’anno accademico 2019/2020. Le iscrizioni, infatti, non decollano. Restringendo l’analisi alle sole accademie statali – che in questa fase dell’anno presentano numeri più strutturati rispetto alle private e alle telematiche – le matricole risultano addirittura in calo da 266mila a 264mila. Una diminuzione che, se venisse confermata dalle rilevazioni definitive, non potrebbe passare sotto silenzio. Specialmente in un Paese come l’Italia che, annuario statistico Istat alla mano, registra più cittadini con la licenza elementare (il 17% degli over 15) che con la laurea (il 14,7%).

segue su "leggi tutto" ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4140 bytes | Commenti?
Innovazione : da "LaTecnicadellaScuoila.it" del 4.01.2020
Inviato da admin_CUSMA il 6/1/2020 18:10:00 (27 letture)

Iscrizioni nuovo anno, si fa tutto via web fino al 31 gennaio: la metà degli studenti 14enni è indecisa

È tutto pronto per le iscrizioni alle prime classi del prossimo anno scolastico, il 2020/2021, introdotta von la Circolare prot. n. 22994 del 13 novembre scorso. Dalle 8.00 di martedì 7 alle 20.00 di venerdì 31 gennaio 2020, sarà infatti possibile scegliere gli istituti scolastici che frequenteranno gli alunni dal mese di settembre.

La procedura per iscriversi

Il Miur ha confermato a famiglie e studenti che la procedura per inoltrare “la domanda è sempre via web tramite il portale Iscrizioni online”.
Per coloro che devono ancora “scegliere la scuola è a disposizione la nuova App del portale Scuola in Chiaro che permette di accedere con maggiore facilità alle principali informazioni sugli istituti”.
A questo proposito, il ministero ha predisposto in sito internet sulle Iscrizioni on-line 2020/2021, contenente anche la normativa aggiornata e una serie di guide e dei video tutorial utili alle famiglie.
Dallo stesso sito www.iscrizioni.istruzione.it è possibile inviare la domanda di iscrizione a scuola, non prima però di avere effettuato la preventiva registrazione al portale dedicato.

Per chi non ha pc e internet


A supporto delle famiglie che dovessero non riuscire ad iscrivere gli alunni o siano sprovvisti di computer o connessione internet, è possibile chiedere l’aiuto e il supporto delle segreterie degli istituti scolastici.
Si ricorda che il sistema di Iscrizioni online avvisa in tempo reale, tramite posta elettronica, dell’avvenuta registrazione o delle variazioni di stato della domanda.
Dal dicastero di Viale Trastevere ricordano che le iscrizioni a scuola sono obbligatorie per gli alunni delle classi prime della scuola primaria e della secondaria di I e di II grado.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 5019 bytes | Commenti?
Stampa : dalla Gilda degli insegnanti di Venezia
Inviato da admin_CUSMA il 5/1/2020 20:40:00 (45 letture)

Lucia Azzolina: riuscirà là dove Fioramonti è stato costretto alle dimissioni?

dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, 5.1.2020

– Le dimissioni di Fioramonti sono una sconfitta per tutta la scuola statale –

Le dimissioni di Fioramonti sono ormai state digerite dalla maggioranza di governo – e forse anche da qualche insegnante – ma non tutte le forze sindacali sembrano rendersi conto che il suo allontanamento ha significato solo l’ennesima marginalizzazione del settore dell’istruzione e degli insegnanti della scuola statale. A nulla sono servite le formali prese di posizione di sostegno da parte di qualche esponente sindacale o politico, nessun effetto hanno prodotto le doléances del ministro Gualtieri per non aver trovato le risorse sufficienti al fine di assicurare credibili investimenti e avviare una convincente contrattazione nel settore scolastico e universitario.
Le coalizioni di governo che si sono succedute negli ultimi tempi alla guida del paese nei fatti hanno gestito la “questione scuola” come un problema secondario su cui non si sono mai state programmate risorse ma, anzi, sono state effettuate operazioni di “razionalizzazione” che hanno impoverito, se non stroncato, la forza di un’istituzione che per decenni ha comunque rappresentato una garanzia per tutta la comunità del paese.
E con tutta onestà, affermazioni “alternative” secondo cui i soldi per la scuola, per l’università e per la ricerca potrebbero essere recuperati abolendo il Reddito di cittadinanza o, magari, eliminando anche Quota 100, sembrano demagogia allo stato puro.

segue su "leggi tutto" ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 6500 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 22.01.2020
Inviato da admin_CUSMA il 22/1/2020 20:00:49 (37 letture)

Stipendi fermi e concorsi al palo, i sindacati non si fidano di Azzolina: pronti a riprendere la mobilitazione

di A. Giuliani - 22/01/2020

I sindacati della scuola stavolta non si fidano: in otto mesi hanno ricevuto rassicurazioni da tre ministri diversi, anche attraverso accordi formali (prima a fine aprile dall’allora titolare del Miur Marco Bussetti e poi a dicembre dal suo successore Lorenzo Fioramonti, pochi giorni prima del suo addio al Miur). Al termine dell’ultimo incontro, svolto oggi 22 gennaio con la neo ministra Lucia Azzolina, dopo avere accertato che di risorse per l’aumento degli stipendi non ci sono e che i tempi per avviare i concorsi sono allungati dallo “spacchettamento” del Miur e dalle mancate nomine dei direttori generali, le cinque sigle sindacali maggiori hanno pubblicato un comunicato nel quale minacciano la ripresa della mobilitazione.

segue ...

Rango: 9.00 (1 voto) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2633 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 16 gen 2020
Inviato da admin_CUSMA il 16/1/2020 23:22:13 (51 letture)

Bonus merito docenti: servirà a retribuire anche il personale Ata. I sindacati dalla Ministra

di R. Palermo - 16/01/2020

Sulla questione del “bonus merito” i 5 segretari generali dei sindacati firmatari del CCNL chiedono l’immediata apertura di un tavolo negoziale al Ministero dell’Istruzione.

Le nuove regole della legge di bilancio

La legge di bilancio 2020, infatti, ha disposto che le risorse del “bonus docenti” che con il CCNL del 2018 erano confluite nel fondo per il miglioramento dell’offerta formativa delle singole scuole per la valorizzazione del personale docente, vengano ora utilizzate “dalla contrattazione integrativa in favore del personale scolastico senza ulteriore vincolo di destinazione”.
A questo punto queste risorse possono così essere utilizzate secondo quanto previsto dalla contrattazione di istituto per compensare il maggiore impegno dei docenti o del personale Ata.

segue su "leggi tutto" ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3279 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 14 gen 2020
Inviato da admin_CUSMA il 14/1/2020 20:14:38 (23 letture)

Tfa sostegno 2020 in arrivo per 21 mila posti

di F. De Angelis - 14/01/2020

Subito dopo il giuramento da nuovo Ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina ha elencato le priorità per la scuola italiana. Fra queste il Tfa sostegno 2020 ha un ruolo principale: “Deve partire velocemente il nuovo ciclo di formazione degli insegnanti specializzati. E dobbiamo attuare il decreto legislativo 66/17 sull’inclusione, che mette in campo strumenti nuovi e importantissimi per rispondere alle necessità dei ragazzi con disabilità, che però sono ancora scritti solo sulla carta. Anche qui chiederò rapidità a chi dovrà lavorarci“, ha scritto Azzolina sul suo profilo Facebook.

In effetti quella del sostegno è una vera e propria emergenza come abbiamo scritto in moltissimi articoli: infatti, continua ad aumentare il numero degli studenti con disabilità: in questo anno scolastico, secondo i dati del Miur, sono 259.757. Di questi 22.302 sono bambini che frequentano la scuola dell’infanzia, 95.383 vanno alla primaria, altri 69.021 alla secondaria di primo grado, infine 73.041 sono alle scuole superiori. Peccato che a tali numeri ci siano 150.609 docenti di sostegno, di cui ben 50.529 posti di sostegno sono in deroga.

segue su "leggi tutto" ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 5605 bytes | Commenti?
Attività sindacale : nota sindacale congiunta sul bonus premiale
Inviato da admin_CUSMA il 12/1/2020 23:30:00 (17 letture)

Open in new window

- All’attenzione del Dirigente Scolastico
e p/c - alla RSU di Istituto della provincia di Forlì-Cesena


Forlì 12 gennaio 2020

oggetto: Modifiche contrattuali a seguito della legge di bilancio 2020.

Gentile Dirigente,
vista la Legge di Bilancio pubblicata sulla G.U. 30/12/2019 all’art. 1 comma 249: “Le risorse iscritte nel fondo di cui all’articolo 1, comma 126, della legge 13 luglio 2015, n. 107, già confluite nel fondo per il miglioramento dell’offerta formativa, sono utilizzate dalla contrattazione integrativa in favore del personale scolastico, senza ulteriore vincolo di destinazione“;
in attesa di chiarimenti da parte del Ministero della Pubblica Istruzione, che pare siano imminenti, le scriventi OO.SS. della provincia di Forlì-Cesena chiedono alla S.V. di procedere con le convocazioni dei tavoli relativi alla Contrattazione di Istituto, congelando momentaneamente l’articolato relativo alle risorse della L.107/15 art. 1 comma 126 apponendo una clausola sulla contrattazione stessa.
A seguito della pubblicazione della nota di chiarimenti pubblicata dal Ministero e preso atto della stessa, si valuterà la riapertura dei tavoli contrattuali in tutte quelle amministrazioni scolastiche in cui le trattative sono già state concluse.

RingraziandoLa per la collaborazione e la disponibilità, si porgono cordiali saluti

FLC CGIL Pier Francesco Minnucci
CISL FSUR Maura Consoli
UIL Scuola Rua Maurizio Casadei
SNALS Confsal Luigi Sgarzi
GILDA Unams Aldo Cusmà

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da "IlMattino.it" del 7 gen 2020
Inviato da admin_CUSMA il 7/1/2020 15:53:46 (45 letture)

Scuola, concorsi in ritardo: record di 250 mila supplenti. Sindacati: «Serve piano Marshall».

martedì 7 Gennaio 2020

Numeri disastrosi per la scuola. Oltre 250 mila supplenti annuali nelle scuole italiane da settembre prossimo che si aggiungono ai 40 mila precari che già oggi sostituiscono i prof per brevi e brevissimi periodi di assenza: il prossimo anno scolastico rischia di vedere esplodere ai livelli massimi il fenomeno della “supplentite”. Ai numeri già preoccupanti di oggi (sono oltre 185 mila i docenti con cattedre annuali e 40 mila i supplenti temporanei) si aggiunge quota 100 che porterà in 10 anni all’uscita del 50% del corpo insegnanti. Ma soprattutto – questo è il timore da più parti – rischiano di non arrivare in tempo i due concorsi, ordinario e straordinario, per la scuola secondaria, che avrebbero dovuto portare in cattedra in tempi brevi quasi 50 mila docenti.

[segue ...]

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3474 bytes | Commenti?
Comunicati : da "Quifinanza.it" del 6 gennaio 2020
Inviato da admin_CUSMA il 6/1/2020 18:32:15 (29 letture)

Scuola e lavoro, tutti i ponti e le festività del 2020: il calendario

Rispetto al 2019, l'anno in corso sarà più avaro di giorni di riposo


6 gennaio 2020 - Il 2020 sarà un anno avaro di ponti.
Ma per gli studenti e i lavoratori le occasioni di usufruire di giorni di riposo e weekend lunghi non mancheranno. Il primo giorno rosso sul calendario 2020 è ovviamente il 1 gennaio, che è stato di mercoledì.
A questo è seguito subito un weekend lungo, quello dell’Epifania, dal momento che il 6 gennaio è un lunedì che si aggancia al weekend precedente del 4 e 5 gennaio.
Dal 7 gennaio, archiviate le feste natalizie, scuola e lavoro non conosceranno soste (tranne per le competizioni elettorali) fino al periodo pasquale. Quest’anno la Pasqua ricorrerà il 12 aprile. L’anno scorso, quando era fissata al 20 aprile, non solo le scuole usufruirono di un mega ponte sfruttando anche il 25 aprile, festa della Liberazione, ma anche molti lavoratori approfittarono per prendere qualche giorno di ferie da unire alle festività e godersi qualche giorno di vacanza. Quest’anno le cose saranno diverse e bisognerà accontentarsi solo di Pasqua e Pasquetta e delle consuete vacanze di Pasqua per le scuole, che solitamente durano dal Giovedì Santo al martedì che segue il Lunedì dell’Angelo.
Il 25 aprile cade di sabato, mentre andrà meglio per il 1° maggio che sarà di venerdì, dunque ci sarà spazio a un possibile weekend lungo. Il 2 giugno darà luogo al primo ponte dell’anno 2020, visto che sarà un martedì, da unire ad un giorno extra di riposo che sarà lunedì 1 giugno.
Poi, mentre, come da programma, le scuole chiuderanno per le vacanze estive, il mondo del lavoro proseguirà la consueta routine fino al 15 agosto, ma purtroppo Ferragosto sarà un sabato.
L’autunno non regalerà pause: il 1° novembre, Festa di tutti i Santi, è una domenica. Bisognerà attendere l’8 dicembre, per il secondo e ultimo ponte del 2020. La Festa dell’Immacolata infatti sarà di martedì e permetterà quindi di unire lunedì 7 dicembre al weekend precedente per 4 giorni di pausa pre natalizia.
A proposito del Natale, il 25 dicembre è un venerdì, di conseguenza il 26 dicembre è sabato, e con la successiva domenica 27 danno luogo all’ultimo weekend lungo dell’anno.
Insomma, il 2020, soprattutto se confrontato al 2019, sembra quasi un anno senza soste. È da sottolineare inoltre che questo è un anno bisestile. Ma il 29 febbraio è un sabato, dunque per molti sarà un giorno di riposo.
C’è poco da fare per chi spera che l’anno prossimo sia migliore: il 2021, che inizierà subito con il weekend lungo del 1-2-3 gennaio, sarà persino più avaro di ponti e festività lunghe.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuoila.it" del 5.01.2020
Inviato da admin_CUSMA il 6/1/2020 17:56:25 (27 letture)

Open in new window
La didattica di qualità è elemento centrale per una buona scuola

di L. Ficara - 05/01/2020

C’è chi pensa che il ruolo del Dirigente scolastico è centrale nella scuola dell’autonomia in quanto garante della qualità degli apprendimenti e responsabile della buona gestione organizzativa e amministrativa, ma c’è, invece, chi ritiene come elemento centrale per una buona scuola la “didattica”. In buona sostanza è la didattica di qualità, esercitata e trasmessa, dai bravi docenti, a differenziare una scuola di qualità da una scuola dove invece è centrale soltanto l’aspetto burocratico e organizzativo.

Troppi progetti extracurricolari e poca didattica


In un incontro tenuto il 4 gennaio 2020 a San Lucido (Cosenza) dalla Senatrice del M5S Bianca Laura Granato, dove si è parlato di scuola e del nostro sistema scolastico nazionale, è stato detto che la scuola è stata trasformata in altro, una fucina di progetti che hanno distratto i docenti dal loro compito primario per una mancetta, un’elemosina, per captare finanziamenti per le dotazioni strumentali e tecnologiche delle scuole.
Nel nostro sistema scolastico la didattica curricolare è diventata toppo marginale ed è stata soppiantata da un eccesso di progettualità extracurricolare che distoglie gli studenti dalla formazione disciplinare e culturale che ha sempre contraddistinto la scuola pubblica italiana.


segue su "leggi tutto"

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4958 bytes | Commenti?
(1) 2 3 4 ... 727 »

Cerca

Ricerca avanzata

Convenzioni Istituzioni
Convenzioni Istituzioni

Prossimi eventi
Nessun evento

Calendario
Mese PrecedenteGen 2020Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31
Oggi

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Iscrizione
Open in new window



Newsletter
Iscrivetevi sulla nostra
Newsletter !
La vostra e-mail :

Formato 

Iscrizione avanzata.

Galleria

Nuovi utenti
FELICE 29/12/2019
MARTACOCCO 10/6/2019
SALVATORE 12/4/2019
giova1959 26/3/2019
Angelarosa 16/1/2019

Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale