username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Gli Speciali
Mobilità
Utilizzazioni/Assegnazioni provvisorie
Contratti

Top News

Collegamenti


Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta lunedì, mercoledì e venerdì dalle 16.30 alle 18.30 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Cookie Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Ignorando questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
(1) 2 3 4 ... 641 »
Stampa : da "informazionescuola.it" del 20 ottobre 2017
Inviato da admin_CUSMA il 21/10/2017 12:40:00 (8 letture)

Open in new window
ITP ricorrenti delusi, prima nominati e poi depennati, ecco le motivazioni

BY ULTIME NOTIZIE · OTTOBRE 20, 2017

Continua l’odissea degli ITP che hanno fatto ricorso al Presidente della Repubblica per essere inseriti in II fascia di Istituto.
Tali docenti in un primo momento sono stati destinatari di incarico annuale, ma poi subito dopo licenziati perchè per il MIUR ha diritto ad essere in seconda fascia solo chi ha ricorso per tempo al TAR del Lazio, mentre tutti gli altri no. Peccato che in un primo momento le scuole abbiano convocato i docenti di laboratorio e abbiano attribuito loro l’incarico annuale, molti addirittura erano stati nominati, con non poche polemiche, su posti di sostegno.

ITP prima assunti e poi licenziati, il loro ricorso non va bene

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 5772 bytes | Commenti?
Stampa : da "La TecnicadellaScuola.it" del 21 settembre 2017
Inviato da admin_CUSMA il 21/10/2017 12:00:01 (16 letture)

Open in new window
Di scuola ci si ammala, ma i presidi non fanno le rilevazioni di stress dei docenti. Ne parla la Gilda degli Insegnanti

di Alessandro Giuliani - 20/10/2017

Nonostante il numero crescente di casi di burnout, in poche scuole viene somministrato il questionario d’indagine previsto come strumento di rilevazione dalla Legge 81/08 utile a comprendere il grado di stress del corpo docente di ogni istituto.

A ricordarlo è la Gilda degli Insegnanti, promotrice di tre assemblee, programmate a Firenze nei prossimi giorni per parlare di disturbi e malattie derivanti dall’insegnamento, e di tutela della salute del docente. Emblematico il titolo della doppia iniziativa: “Di scuola ci si ammala”.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3239 bytes | Commenti?
Stampa : da "La TecnicadellaScuola.it" del 19 settembre 2017
Inviato da admin_CUSMA il 19/10/2017 18:40:00 (52 letture)

Open in new window
Legge di Bilancio, per i sindacati le risorse alla scuola sono insufficienti

di Fabrizio De Angelis - 19/10/2017

Risorse insufficienti per la scuola dalla legge di Bilancio
La legge di Bilancio 2017, come abbiamo visto, dovrebbe dedicare al rinnovo dei contratti degli statali una cifra vicina ai due miliardi, che si aggiungono agli 1,2 miliardi già accantonati negli ultimi due anni.

E’ ormai noto da tempo che l’aumento della busta paga dei docenti sarà di 85 euro lordi, come previsto dall’intesa fra governo e sindacati del 30 novembre 2016 (solo la Gilda degli Insegnanti non aveva firmato l'intesa proprio per la esiguità delle risorse).

Le organizzazioni sindacali, tuttavia, ritengono insufficienti gli stanziamenti per il comparto scuola, e lo fanno sapere con un comunicato unitario a firma dei 4 segretari nazionali di Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola e Snals Confsal. (aveva quindi ragione la GILDA che non ha sottoscritto l'offerta).

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3131 bytes | Commenti?
ATA : disponibilità posti in Emilia Romagna
Inviato da admin_CUSMA il 19/10/2017 18:00:00 (11 letture)

Personale Ata, graduatorie III fascia. Le province dell'Emilia Romagna con i relativi posti disponibili

Il prossimo lunedì 30 ottobre scade il termine per la compilazione delle domande valide per l’inserimento o l’aggiornamento nelle graduatorie di terza fascia per il Personale Ata.

Le graduatorie definitive non saranno pubblicate prima della fine di gennaio 2018. Per quanto riguarda i tempi di scelta delle 30 istituzioni scolastiche la data del 13 novembre è quella attualmente indicata.

Il Miur ha pubblicato 11 FAQ facendo chiarezza su alcune questioni inerenti la compilazione della domanda (clicca qui)

http://www.istruzione.it/graduatoriedistituto_ata/faq.shtml

Il numero maggiore di posti liberi di personale Ata è localizzato nelle regioni Lombardia e Veneto. Qui di seguito la situazione nelle province dell'Emilia Romagna pre profili (relativi al corrente anno scolastico) quindi con nomine fino ad avente diritto.
_______________________________________________________

Provincia:
DSGA - AA - AT - CS - A.Az.Ag - Infer - Cuoco - Guardarob

Bologna 30 61 6 146 0 0 0 0
Ferrara 10 13 7 45 1 0 0 0
Forli-Cesena 16 22 10 115 2 1 0 2
Modena 31 58 14 141 0 0 0 0
Parma 30 14 7 56 1 0 5 2
Reggio E. 28 30 10 85 2 0 1 1
Piacenza 10 19 3 28 1 0 0 0
Ravenna 15 18 7 43 2 0 0 0
Rimini 12 14 3 50 0 0 0 0

Totale 182 - 249 - 67 - 709 - 9 - 1 - 6 - 5

________________________________________fine_________

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da "ItaliaOggi - Azienda Scuola" del 17 ottobre 2017
Inviato da admin_CUSMA il 18/10/2017 22:40:00 (61 letture)

Manovra: presidi dentro, Ata no

Fuori il piano per assumere 6 mila ausiliari e tecnici. Ok a 1.500 ricercatori e scatti ai prof

di A. Ricciardi - 17/10/2017

A ieri sera i tecnici degli uffici legislativi e dei gabinetti erano ancora al ministero dell'economia per definire nel dettaglio le misure. Nel pomeriggio il consiglio dei ministri ha dato il via libera alla legge di Bilancio per il 2018, ma non si va al di là di una bozza di articolato.

Quello che è certo per il dicastero guidato da Valeria Fedeli è l'ok alla perequazione sulla retribuzione di posizione per i dirigenti scolastici: in fondo alla classifica dei dirigenti statali, i presidi hanno finalmente avuto l'equiparazione rivendicata da un decennio. Ammonta a circa 95 milioni di euro il finanziamento messo a bilancio, tra i 400 e i 500 euro l'aumento medio mensile a testa. Nella battaglia a favore dei dirigenti, la Fedeli ha potuto mettere sul tappeto la mole di lavoro che gli si è riversata addosso, dagli adempimenti per le vaccinazioni alla chiamata diretta dei prof, dagli oneri per la sicurezza al lavoro alle supplenze e il tutto su doppia sede in assenza di un numero adeguato di titolari.

segue ...


Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4067 bytes | Commenti?
Stampa : da "La TecnicadellaScuola.it" del 18 settembre 2017
Inviato da admin_CUSMA il 18/10/2017 22:21:50 (61 letture)

Open in new window
I permessi per motivi personali o familiari devono essere giustificati? E come?

di Lara La Gatta - 18/10/2017

L’art. 15 del CCNL del 29 novembre 2007 prevede, al comma 2, che il dipendente, docente o ATA, ha diritto a domanda a tre giorni di permesso retribuito per motivi personali e familiari documentati anche mediante autocertificazione.

In proposito, è necessario che il dipendente che fruisce dei permessi per motivi personali o familiari specifichi nel dettaglio i motivi dell’assenza, esplicitando dove sia stato e cosa abbia fatto o è sufficiente una generica dichiarazione di assenza per esigenze personali senza alcuna ulteriore indicazione?

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2258 bytes | Commenti?
Dirigenti scolastici : da "La Tecnicadellascuola.it" del 18 settembre 2017
Inviato da admin_CUSMA il 18/10/2017 15:26:29 (18 letture)

Open in new window
400 euro netti al mese in più ai dirigenti scolastici

Nel 2020 la busta paga dei dirigenti scolastici potrebbe arrivare a contenere fino 400 euro in più al mese, seguendo un aumento progressivo, lento forse ma costante. almeno queste sono le indiscrezioni uscire dalle bozze della relazione tecnica che accompagna la manovra 2018, e che “traduce in cifre una delle promesse rivolte da anni ai dirigenti scolastici”.

Aran


Oggi- precisa Il Sole 24 Ore, che riporta la notizia- le tabelle ufficiali Aran dicono che un dirigente scolastico guadagna in media poco più di 58mila euro lordi all’anno, per cui, viste le sue responsabilità, la legge di Bilancio “mette sul piatto un finanziamento progressivo, che partirà nel 2018 e che dal 2020 raggiungerà quota 95,6 milioni”.

Contratto

In altre parole, precisa Il Sole 24 Ore , “le risorse recuperate dal governo consentiranno un primo innalzamento della retribuzione di posizione parte fissa”, garantendo così  ”un incremento aggiuntivo che nel 2020 arriverà a poco più di 400 euro netti al mese. Destinati ad aggiungersi agli effetti del rinnovo contrattuale”.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Attività sindacale : dalla delegazione Gilda al Miur
Inviato da admin_CUSMA il 18/10/2017 14:20:00 (9 letture)

Open in new window
Orientamenti sul Ptof, il punto sulla nota del Miur (dalla delegazione Gilda al Miur - 16 ott. 2017)

Riconoscere i maggiori oneri derivanti dall'attuazione della legge 107/2015 e farli rientrare nel limite delle 40 ore previsto dal contratto per le riunioni del collegio dei docenti.
Lo ha chiesto oggi la delegazione della Gilda -Unams durante un incontro che si è tenuto presso il Miur tra i rappresentanti delle Organizzazioni sindacali e il Capo Dipartimento, dott.ssa Rosa De Pasquale.
La nostra delegazione ha posto in evidenza la necessità, per i docenti, di ottenere di orientamenti chiari da parte dell'amministrazione centrale, così da avere strumenti efficaci per arginare le continue richieste di ulteriori adempimenti da parte dei dirigenti, adempimenti spesso non dovuti.
La questione è emersa nel corso della discussione riguardante la circolare Miur sul Ptof (Nota MIUR per PTOF del 6 ottobre 2017) sulla quale sono stati mossi rilievi da parte di tutti i sindacati e che alleghiamo a questa breve nota.
Al termine dell'incontro la dottoressa De Pasquale ha chiarito che l'unico intento dell'amministrazione fosse quello di dare un ausilio alle scuole per mettere insieme tutte le varie informazioni sulla legge 107 ed ha invitato i sindacati a porre eventuali ed ulteriori quesiti e osservazioni in forma scritta.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da "La TecnicadellaScuola.it" del 21 ottobre 2017
Inviato da admin_CUSMA il 21/10/2017 12:15:41 (11 letture)

Open in new window
Codice disciplinare docenti: forse sarà regolato dal contratto

di Reginaldo Palermo - 21/10/2017

Il prossimo contratto nazionale potrebbe regolare anche la materia disciplinare: lo prevede espressamente l’atto di indirizzo che già è stato inviato all’Aran e consegnato alle organizzazioni sindacali.


ATTO DI INDIRIZZO


Più precisamente l’atto di indirizzo prevede che si potrà regolare per via contrattuale la “tipologia delle infrazioni e delle relative sanzioni disciplinare”.
E c’è già chi sostiene che in tal modo aumenteranno ulteriormente i poteri dei dirigenti scolastici. In realtà le cose stanno in modo un po’ diverso perché va detto che procedure e organi preposti alla irrogazione delle sanzioni possono essere definiti solamente dalla legge.
Diversa è la questione delle sanzioni che già oggi, almeno per il personale ATA, sono definite dal contratto nazionale.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2543 bytes | Commenti?
Comunicati : dal patronato Acli
Inviato da admin_CUSMA il 19/10/2017 19:03:43 (16 letture)

Open in new window
Convenzionato con Gilda degli Insegnanti/FGU

La Newsletter del Patronato Acli - NUMERO 13 del 19 ottobre 2017


APe sociale e pensione precoci: il Ministero del Lavoro allarga le maglie

Il 15 ottobre è arrivato, l’INPS ha esaminato le oltre 66 mila domande di indennità APe Sociale e di pensione anticipata per i precoci inviate a luglio.
Le domande respinte, soprattutto per i disoccupati e gli addetti a lavori gravosi, sono molte: tra il 40 e il 50%.
Il Ministero del Lavoro il 13 ottobre scorso ha inviato una nota all’INPS con la quale fornisce alcune indicazioni interpretative di maggior respiro rispetto a quelle utilizzate ed ha invitato l’INPS a riesaminare le domande in autotutela e ad accogliere, secondo le nuove linee, le domande di riesame...


Leggi tutto →
_____________________________________________________

APe volontario: in vigore il decreto. E ora?

È entrato in vigore il decreto attuativo dell’APe volontario: il prestito a garanzia pensionistica cui possono accedere gli over 63 anni con almeno 20 anni di contribuzione e purchè abbiano maturato un importo di pensione, al netto dell’eventuale rata di restituzione dell’ APE, non inferiore ad 1,4 volte il trattamento minimo...

Leggi tutto →

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3874 bytes | Commenti?
Comunicati : dal Miur:
Inviato da admin_CUSMA il 19/10/2017 18:30:00 (14 letture)

Open in new window Le Ministre Fedeli e Madia




PA, Fedeli e Madia: “Chiuso l’Atto di indirizzo per il comparto Istruzione e Ricerca. Subito contrattazione, rinnovo entro fine anno”

Giovedì, 19 ottobre 2017


L’Atto di indirizzo per il rinnovo del contratto (di comparto e dell’area dirigenziale) dell’Istruzione e della Ricerca è stato chiuso e trasmesso oggi all’Aran.

L’Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni potrà ora avviare il tavolo di contrattazione.

Ne danno notizia le Ministre dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli e della Pubblica Amministrazione Marianna Madia.

“La chiusura dell’Atto di indirizzo - spiegano - è un importante passo verso il rinnovo del contratto atteso ormai da dieci anni. Il governo sta proseguendo sulla strada tracciata con l’accordo dello scorso 30 novembre. L’apertura della contrattazione partirà subito per avere il rinnovo entro la fine dell’anno. ci sono sia i tempi che le risorse per farlo”, concludono le due Ministre.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2419 bytes | Commenti?
Stampa : da "La TecnicadellaScuola.it" del 19 settembre 2017
Inviato da admin_CUSMA il 19/10/2017 16:40:00 (17 letture)

Open in new window



Religione cattolica, 4mila posti vacanti: in arrivo un nuovo concorso dopo 13 anni

di Alessandro Giuliani - 19/10/2017


In Italia ci sono 4mila cattedre di religione vacanti: il Miur sta lavorando per assegnarle a degli insegnanti attraverso un concorso pubblico.

A dirlo è stato il sottosegretario all’Istruzione, Gabriele Toccafondi, a Palermo, nel corso del convegno di studio regionale della Cisl scuola Sicilia “L’ I.R.C. Una risorsa educativa della scuola di oggi”, svolto il 18 ottobre.

“Gli insegnanti di religione sono una risorsa educativa fondamentale per la scuola italiana”, ha detto il sottosegretario.

“Occorre essere realisti e fare un percorso di conoscenza e di consapevolezza per affrontare i problemi che ci sono nel mondo dell’Istruzione, avendo sempre la consapevolezza che la scuola – ha continuato Toccafondi – è fatta per gli studenti. Partendo da questo punto è possibile iniziare a risolvere quegli aspetti amministrativi, tecnici e contrattuali più critici, riguardanti ad esempio gli insegnanti di religione cattolica”.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2224 bytes | Commenti?
Stampa : da "La TecnicadellaScuola.it" del 18 settembre 2017
Inviato da admin_CUSMA il 18/10/2017 22:30:00 (20 letture)

Open in new window
24 CFU concorso 2018: come riconoscere quelli già acquisiti, due casi. Proposta CUN

18.10.2017

– Dato il numero presumibilmente grande di studenti e laureati magistrali potenzialmente interessati ad accedere ai percorsi FIT che potrebbero aver maturato crediti riconoscibili, il Consiglio Universitario Nazionale ritiene importante l’emanazione di una nota da parte del MIUR che delinei dei criteri con cui stabilire la coerenza di crediti già acquisiti con gli obiettivi formativi e i contenuti previsti per il PeF24, in modo da facilitare comportamenti il più possibile uniformi a livello nazionale.

Tali criteri dovrebbero distinguere fra due casi.

Il primo caso riguarda crediti che potenzialmente potrebbero essere riconoscibili come validi per qualsiasi classe concorsuale.

Ai sensi dell’art. 3, comma 3 del D.M. 616/2017 si tratta di crediti relativi agli ambiti
a) pedagogia, pedagogia speciale e didattica dell’inclusione;
b) psicologia;
c) antropologia;
d) metodologie e tecnologie didattiche, limitatamente a quelle generali (corrispondenti ai SSD M-PED/03 e M-PED/04).

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 5017 bytes | Commenti?
Stampa : da "La TecnicadellaScuola.it" del 18 settembre 2017
Inviato da admin_CUSMA il 18/10/2017 22:10:00 (32 letture)

Open in new window - Carlo Padoan
Padoan choc: gli italiani muoiono troppo tardi, Inps in crisi. Ministro chieda scusa!

di Alessandro Giuliani - 18/10/2017


Gli italiani muoiono troppo tardi e ciò incide negativamente sui conti dell’Inps. A dirlo non è stato il presidente dell’ente nazionale della previdenza sociale: l’espressione sarebbe stata sicuramente infelice, ma forse comprensibile. Perché, pur nel suo estremo cinismo, un concetto del genere te lo aspetti da chi ricopre un ruolo istituzionale a capo dell’ente di previdenza a secco di quattrini.

Invece, a dirlo è stato il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan. E la circostanza è decisamente grave.

DOVE SIAMO ARRIVATI?

segue ...

Rango: 1.00 (2 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3057 bytes | Commenti?
Stampa : da "La TecnicadellaScuola.it" del 18 ottobre 2017
Inviato da admin_CUSMA il 18/10/2017 15:20:00 (28 letture)

Open in new window
La Ds spaccia per obbligatoria una formazione a pagamento

di Lucio Ficara - 18/10/2017


Il caos normativo prodotto dall’introduzione della formazione obbligatoria per i docenti, ai sensi dell’art.1 comma 124 della legge 107/2015, ha determinato dei casi paradossali.

Infatti ci risulta che, in alcune scuole, i Dirigenti scolastici organizzano incontri di formazione per docenti, ai sensi dell’art.1 comma 124 della legge 107/2015, obbligandoli non solo alla presenza ma anche al pagamento di una quota per la frequenza del corso. In alcuni casi è anche emerso che il Ds che ospita tali corsi è anche un tesserato della stessa associazione che li gestisce.

In altri casi ci sono scuole che stabiliscono autonomamente, ma senza una delibera del Collegio dei docenti, il tipo di corso di formazione da seguire con obbligatorietà, gli esperti che interverranno, il numero di ore annuo della formazione ed anche il periodo in cui si terrà.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3810 bytes | Commenti?
(1) 2 3 4 ... 641 »

Cerca

Ricerca avanzata

Convenzioni Istituzioni
Convenzioni Istituzioni

Prossimi eventi
Nessun evento

Calendario
Mese PrecedenteOtt 2017Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31
Oggi

Videonews

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Iscrizione
Open in new window



Newsletter
Iscrivetevi sulla nostra
Newsletter !
La vostra e-mail :

Formato 

Iscrizione avanzata.

Galleria

Nuovi utenti
ygucicuw 21/10/2017
dolcefranc 5/5/2017
mineanto 28/4/2017
frpche 25/4/2017
Albinoturc 15/3/2017
RenzettiB 14/11/2016
teruccia 22/10/2016
alberto 13/9/2016
fortunata 3/8/2016
PaolaS 29/6/2016

Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale