username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Dove siamo

Gli Speciali
Mobilità
Utilizzazioni/Assegnazioni provvisorie
Contratti

Top News

Collegamenti


Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta martedì e giovedì dalle 16:00 alle 18:30 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Cookie & Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie & Privacy Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie o alla nostra Privacy Policy, consulta la Cookie & Privacy Policy. Ignorando questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie e accetti la Privacy Policy. MAGGIORI INFORMAZIONI
Gilda News
(1) 2 3 4 ... 799 »
Comunicati : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 24/9/2021 17:23:48 (2 letture)

Open in new windowAssunzioni docenti per chiamata diretta dei presidi? Il “popolo” della scuola dice no! Esiti SONDAGGIO

di D. Di Frangia - 23/09/2021

La Tecnica della Scuola ha interrogato i propri lettori chiedendogli se siano favorevoli o contrari alla chiamata del dirigente. Il quesito nasce dalle difficoltà sulle assunzioni di insegnanti in questi giorni. I concorsi infatti, non garantiscono un numero sufficiente di docenti immessi in ruolo ed anche per le supplenze non mancano le difficoltà alcune discipline e nel sostegno ai disabili. La soluzione, hanno detto diversi presidi, a partire dall’Anp, può essere la chiamata diretta dei docenti, ovvero non tramite graduatoria. Ora, però, i lavoratori della scuola, ma anche la maggior parte degli stessi dirigenti, non si dicono d’accordo. Sono queste le indicazioni che giungono dai 1.331 partecipanti al sondaggio.

Docenti
I pareri sono infatti per la maggior parte negativi. A partecipare al sondaggio sono stati in prevalenza coloro che sono interessati direttamente, ovvero i docenti.
Tre su quattro, il 74,1% di loro, si è detto non d’accordo alla chiamata diretta da parte dei presidi.

Anche nei vari commenti social non si vede di buon occhio questa possibilità e c’è chi pensa che in questo modo venga dato troppo potere ai dirigenti scolastici. Il 25,2% invece risulta d’accordo con la chiamata senza accesso alle graduatorie formate in base a titoli e servizi svolti.

Dirigenti
L’altro schieramento che è interessato in prima persona dal quesito è rappresentato dai dirigenti. Qui i risultati sono ancora più netti.

L’84,5% sceglie il “no” alla chiamata diretta dei docenti. Solo il 15,2% è invece d’accordo. Incarico gravoso o ulteriori responsabilità in capo ad una sola figura che già svolge diversi compiti? Premesso che il campione non appare fortemente rappresentativo, potrebbero comunque essere questi i motivi che hanno spinto i ds al “no”.

Altri
Contrarie anche le categorie “miste”, che non rappresentano né l’uno né l’altro schieramento. Il 79,2% (una via di mezzo tra la percentuale dei docenti e quella dei dirigenti). Il 19,5% sono a favore. A rispondere anche una fetta di utenti che non fanno parte del mondo della scuola.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3265 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 24/9/2021 17:00:00 (2 letture)

Open in new windowGreen pass scuola, verifiche e sanzioni: chi controlla i dirigenti scolastici?

(Nei confronti dei dirigenti scolastici ed i responsabili delle scuole paritarie la competenza all’accertamento dell’illecito è affidata ai direttori degli uffici scolastici regionali territorialmente competenti).

di Dino Caudullo - 24/09/2021


Approvato dal Senato il testo della legge di conversione, con modificazioni, del decreto-legge 6 agosto 2021, n. 111, recante misure urgenti per l’esercizio in sicurezza delle attività scolastiche, universitarie, sociali e in materia di trasporti e si fa più chiaro anche il quadro relativo alle sanzioni applicabili al personale sprovvisto.

La verifica del possesso del Green pass
Ai dirigenti scolastici ad ai responsabili delle altre istituzioni interessate dalle previsioni della legge, è attribuito il compito chiedere l’esibizione e procedere alla verifica, anche tramite soggetti appositamente delegati, del certificato verde da parte del personale.

Per il personale esterno, anch’esso obbligato al possesso ed esibizione del green pass per l’accesso per ragioni di servizio o di lavoro alle scuole, la verifica è di competenza dei rispettivi datori di lavoro, ferma restando la possibilità di verifica a campione da parte dei dirigenti scolastici e dei responsabili delle altre istituzioni.

segue in leggi tutto ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 5100 bytes | Commenti?
Attività sindacale : dalla delegazione GILDA al MI
Inviato da admin_CUSMA il 22/9/2021 22:54:04 (8 letture)

dalla delegazione GILDA al MI:

Resoconto incontro MI - OOSS di mercoledì 22 settembre 2021

Il giorno 22 settembre 2021, alle ore 11.30 si sono riunite in videoconferenza le delegazioni dell’Amministrazione (DG-Bilancio e DG-Studente) e delle OOSS firmatarie del CCNL per discutere il seguente odg:

- prosecuzione contrattazione integrativa per i Gruppi d’Inclusione territoriale (GIT) a.s. 2021/2022.

L’Amministrazione ha presentato la bozza con la proposta di CCNI per la distribuzione dei 2.670.000,00 euro destinati ai 405 docenti esperti che faranno parte dei GIT. Con il CCNI nazionale e la definizione dei criteri oggettivi viene meno anche la necessità della contrattazione a livello regionale.

In via preliminare le OOSS hanno chiesto se la recente sentenza del TAR, che annulla il nuovo PEI, avrà ricadute anche sulle funzioni dei GIT. L’Amministrazione ritiene che essendo i compiti dei GIT definiti dalla norma primaria, cioè dall’art. 9 del d.lgs. 66/2017, la sentenza del TAR non produrrà effetti sui GIT.

L’esame della bozza di CCNI ha evidenziato come il 50% dei compensi sia destinato a tutti i 405 docenti esperti e il restante, riferito alla complessità, vada riparametrato sul numero degli alunni disabili con un valore unitario nazionale.

La delegazione della FGU-Gilda degli Insegnanti ha chiesto chiarimenti in merito alla costituzione dei GIT nelle piccole province e sulla titolarità del monitoraggio, che sarebbe meglio fosse affidato ai territori.

L’Amministrazione in attesa dei dati necessari a quantificare la quota di complessità a livello regionale aggiorna la riunione al 27 settembre.

A margine dell’incontro l’Amministrazione comunica che l’ipotesi di CCNI per i comandati (ex-art. 86 del CCNL) per l’a.s. 2017/2018 ha superato l’iter per la certificazione e quindi si può procedere con la firma definitiva. Gli organi di controllo hanno rilasciato la certificazione del fondo FMOF per cui si può procedere alla firma dell’ipotesi di CCNI FMOF per l’a.s. 2021/2022 (ipotesi che la FGU non ha sottoscritto).

Rimangono in sospeso le contrattazioni delle economie MOF 2017/2018, sul fondo per il recupero del primo ciclo, sul fondo per lo straordinario delle GPS, sulle economie degli Esami di Stato e sulle economie MAECI sulle quali l’Amministrazione si impegna a fornire la necessaria informazione nei prossimi incontri.

La delegazione della FGU-Gilda degli Insegnanti

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Reclutamento : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 21/9/2021 16:59:47 (12 letture)

Docenti neoassunti, cos’è la dichiarazione dei servizi e come presentarla

di L. La Gatta - 21/09/2021

All’atto dell’assunzione in ruolo a tempo indeterminato, il docente deve provvedere ad alcuni adempimenti, alcuni dei quali sono obbligatori, mentre altri sono legati alla situazione personale.

Tra questi, la dichiarazione dei servizi, prevista dall’art. 145 del DPR 29 dicembre 1973, n. 1092. Questa norma dispone che “Il dipendente statale all’atto dell’assunzione in servizio e’ tenuto a dichiarare per iscritto tutti i servizi di ruolo e non di ruolo prestati in precedenza allo Stato, compreso il servizio militare o ad altri enti pubblici, nonché i periodi di studio e di pratica ed esercizio professionali di cui all’art. 13. La dichiarazione deve essere resa anche se negativa. Il provvedimento che dispone la nomina a posto di ruolo negli impieghi statali deve contenere l’attestazione che il dipendente abbia reso la dichiarazione di cui al comma precedente; per gli insegnanti l’attestazione è fatta nel provvedimento di nomina a ordinario.”

“Quando un dipendente pubblico viene assunto con “nomina a posto di ruolo”, ovvero con un contratto tempo indeterminato, il provvedimento che dispone la nomina deve contenere l’attestazione che il dipendente abbia reso la dichiarazione dei servizi“.

Come si presenta
L’istanza si presenta tramite POLIS Istanze on-line. Una guida alla compilazione spiega come fare.

La funzione consente all’utente di inserire i dati richiesti per la dichiarazione servizi, cliccando sul tasto NUOVA DICHIARAZIONE DEI SERVIZI EX ART.145 (DPR 1092/1973).

segue in leggi tutto ...


Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3312 bytes | Commenti?
Comunicati : da Gilda Insegnanti di FC/RN
Inviato da admin_CUSMA il 20/9/2021 12:40:00 (41 letture)

Open in new window
COMUNICATO

Cesena, 9 settembre 2021

Nella imminenza delle elezioni per il rinnovo delle cariche statutarie associative territoriali e nazionali previste per il mese di ottobre 2021, si comunica a tutti le colleghe e colleghi aderenti alla nostra associazione professionale sindacale "GILDA" del territorio compreso fra le province di Forlì-Cesena e Rimini, che possono comunicare la loro disponibilità a candidarsi a componenti la prossima Direzione Provinciale che esprimerà successivamente il Coordinatore provinciale.
Tutti i colleghi in regola con l'iscrizione possono comunicare la loro disponibilità direttamente al nostro ufficio di Cesena, via Uberti 56/F - nei giorni di apertura (martedi e giovedi dalle ore 16.00) anche tramite telefono 0547 26145 o mail gildafc@virgilio.it), entro sabato 25 settembre. Ringraziamo anticipatamente per le eventuali disponibilità.


Il Coordinatore provinciale

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 20/9/2021 10:44:35 (24 letture)

Il prof avrebbe diritto alla disconnessione, ma è impossibile sfuggire ai tanti gruppi Whatsapp

di L. Ficara - 18/09/2021

In tutte le scuole si fa ormai un largo utilizzo di WhatsApp per creare gruppi di vario genere. C’è il gruppo del Collegio docenti, il gruppo dei consigli di classe, il gruppo del dipartimento, il gruppo del PCTO, il gruppo della formazione, il gruppo dello Staff, il gruppo dei vari indirizzi se si tratta di un Istituto di Istruzione Superiore o dei vari ordini di scuola se si tratta di un Istituto Comprensivo, sta di fatto che il numero dei gruppi è elevato e il diritto alla disconnessione è impossibile.

Diritto alla disconnessione
Nella contrattazione integrativa di Istituto, si stabiliscono i criteri generali sul diritto del docente a staccare la spina con il lavoro una volta terminato il regolare orario di servizio.

Nel CCNL scuola 2016-2018, al punto c8 del comma 4, lettera c), dell’art.22 , è scritto che sono oggetto di contrattazione integrativa di Istituto: “i criteri generali per l’utilizzo di strumentazioni tecnologiche di lavoro in orario diverso da quello di servizio, al fine di una maggiore conciliazione tra vita lavorativa e vita familiare (diritto alla disconnessione);”.

In buona sostanza a livello di contrattazione di istituzione scolastica ed educativa, ovvero nel contratto integrativo di ogni singola scuola, dovrà essere garantito il diritto alla disconnessione del personale scolastico al fine di favorire una maggiore conciliazione tra lavoro e vita familiare.

È implicito che non possano esistere obblighi da parte del docente e del personale scolastico di restare connessi ai dispositivi digitali per ricevere e leggere notifiche da parte del dirigente scolastico, dei suoi collaboratori, di qualsiasi altro docente e/o applicato di segreteria.

segue in leggi tutto ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4223 bytes | Commenti?
Aggiornamento professionale : dalla delegazione Gilda/FGU al MI
Inviato da admin_CUSMA il 15/9/2021 12:26:35 (39 letture)

Formazione su sostegno, il Ministero insiste sull’obbligo

Incontro tra Amministrazione e sindacati: possibilità di inserimento nelle attività funzionali (40+40 ore)

14 settembre 2021

Il giorno 14 settembre 2021, alle ore 16.00, si sono riunite in videoconferenza le delegazioni dell’Amministrazione (DG-Personale) e delle OOSS firmatarie per discutere il seguente odg: Formazione del personale scolastico.

Il direttore dott. Serra in apertura della riunione ricorda la norma che ha introdotto l’obbligo di formazione dei docenti senza la specializzazione di sostegno che hanno nelle proprie classi alunni disabili: art. 1, comma 961 della Legge 178/2020. In attuazione di tale norma, il ministero ha emanato il Decreto 188 del 21 giugno 2021 e la nota n. 27622 del 6 settembre 2021. Il direttore ribadisce che il Ministero non può fare altro che dare attuazione all’obbligo di formazione dei docenti per una disposizione legislativa.

La Gilda, come le altre OO.SS., riafferma la propria contrarietà all’obbligo di formazione, disaccordo già espresso anche in precedenza, in particolare nell’incontro del 4 giugno 2021, quando l’Amministrazione aveva pure dichiarato che avrebbe coinvolto le OO.SS. su un accordo in merito alle procedure da adottare nell’effettuare le 25 ore di formazione obbligatoria.

ACCORDO DISATTESO!

Nell’incontro la Gilda manifesta, ancora una volta, l’affievolirsi delle relazioni sindacali negli ultimi tempi evidenziando i seguenti aspetti:

• La formazione è sempre oggetto di contrattazione con le parti sociali compresa la formazione obbligatoria per tutti i docenti non specializzati;

• Nello stesso decreto 188/2021 ci sono diverse contraddizioni, quando si dice che il docente “è invitato” … (dunque non obbligato) e alla fine si dice che c’è “l’obbligo” di concludere i corsi entro novembre;

• I tempi sono ristretti… impossibile attuare i corsi entro tale data;

• Chi organizza i corsi: le “Scuole Polo” (che hanno pure le risorse) oppure le singole istituzioni scolastiche?

• Si parla di “test di valutazione finale”. Si tratta della valutazione che i docenti danno al corso con il solito questionario oppure è una valutazione sui docenti? Ciò comporterebbe magari nel futuro una diminuzione degli insegnanti di sostegno.

A queste domande l’Amministrazione si trincera affermando che non ci sono canali per intervenire sulle incursioni legislative e dunque non resta che applicarle.

Infine la delegazione della FGU-Gilda degli Insegnanti chiarisce che fin dall’emanazione della legge Finanziaria 2021 ha protestato per l’introduzione dell’obbligo di formazione al di fuori della normativa contrattuale. Se non rientra tra gli obblighi contrattuali, la formazione deve essere retribuita, come del resto affermano le numerose sentenze, compresa quella della Cassazione. Registriamo una grande confusione nelle scuole e il rischio concreto di un robusto contenzioso. Un altro problema è dato dalle tempistiche, infatti il termine di novembre non è sicuramente possibile da rispettare dato il contesto di questo inizio di a.s. 2021/2022. Rispetto alla valutazione, la nostra delegazione chiede che il test finale per verificare l’efficacia del corso sia anonimo.

segue in leggi tutto ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 5084 bytes | Commenti?
Corsi : da Gilda Insegnanti di FC/RN
Inviato da admin_CUSMA il 9/9/2021 13:30:00 (61 letture)

Open in new window


Corso in Preparazione al Concorso Ordinario Classi A 24 - A 25 (Inglese) – seconda edizione

L’Associazione Articolo 33, ente di formazione della Gilda degli Insegnanti, organizza un corso a distanza di 42 ore su piattaforma dedicata Zoom in preparazione alle prove del concorso ordinario delle classi A24-A25 (inglese).

C o n t e n u t i
➢ preparazione ai quesiti della prova scritta a risposta disciplinare multipla sugli argomenti del programma concorsuale presente nell’allegato A.2.2;
➢ preparazione alla prova orale: costruzione di UDA, lezioni ed attività per diversi stili di insegnamento-apprendimento
➢ simulazione prove

R e l a t o r i
Docenti formatori di didattica e metodologia della lingua e letteratura inglese e lunga esperienza di insegnamento di lingua inglese nella scuola.

T e m p i
Il corso prenderà avvio mercoledì 22 settembre 2021 , e si articolerà in incontri di TRE/DUE ore, dalle 16.00 alle 19.00/ dalle 16.00 alle 18.00 (l'incontro finale sarà dedicato alla simulazione della prova orale), due volte la settimana, secondo il calendario che segue:

segue in leggi tutto ....

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4418 bytes | Commenti?
Normativa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 24/9/2021 17:20:00 (3 letture)

La nota disciplinare erogata dal docente ad un alunno non può essere cancellata dal Dirigente Scolastico

di L. Ficara - 24/09/2021

Una docente di un Liceo classico ci chiede se è legittimo che una sua nota disciplinare, inflitta ad un suo studente, sia stata cancellata dal dirigente scolastico o da uno dei suoi collaboratori. Bisogna sottolineare che qualsiasi docente, quando svolge il suo servizio, è un pubblico ufficiale e quello che scrive sul registro elettronico è un atto pubblico che non può essere modificato e nemmeno cancellato.

Nota sul registro è atto pubblico
Riguardo il fatto che le annotazioni dei docenti sul registro di classe, anche nel caso in cui si tratti di registro elettronico, rappresentino un vero e proprio atto pubblico, c’è la sentenza n.715 del 31 gennaio 2011, emanata dal Consiglio di Stato.

Nella citata sentenza, emessa in forma semplificata ai sensi dell’art. 26, comma 5 della legge n. 1034/1971, si recepiva il concetto sull’immodificabilità in via autoritativa di un atto pubblico, quale deve ritenersi il registro di classe, ad opera del dirigente dell’Istituto scolastico interessato. Nel caso specifico la sentenza si riferisce al fatto che un dirigente scolastico era intervenuto sul registro di classe, modificando una nota disciplinare fatta da un docente ad un suo studente, rendendola meno gravosa e più leggera. Il ricorso del docente, contro l’illegittimo intervento del dirigente scolastico, è stato basato sull’immodificabilità in via autoritativa di un atto pubblico.

Il Consiglio di Stato ha deciso di accogliere totalmente le ragioni del docente, a tutela della natura pubblica della sua funzione e dei provvedimenti presi e registrati durante la sua presenza in classe.

segue in leggi tutto ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2868 bytes | Commenti?
Uffici Scolastici : da UST di Forlì-Cesena e Rimini sede di Rimini
Inviato da admin_CUSMA il 23/9/2021 18:10:00 (7 letture)

UST di Forlì-Cesena e Rimini sede di Rimini
Segreteria del Dirigente
C.so d’Augusto, 231 - 47921 Rimini (RN)
sito web: www.rn.istruzioneer.gov.it


Utilizzazione personale docente a.s. 2021/22 per progetti nazionali e di particolare rilevanza didattica e culturale - L. 107/2015

Rimini, 23 settembre 2021

Si inoltra provvedimento in oggetto.
Cordiali saluti.
_________________________________________________

OGGETTO: Utilizzazione del personale docente per l’anno scolastico 2021/22 per progetti nazionali e di particolare rilevanza didattica e culturale in coerenza con la legge 107/2015 – integrazione

IL DIRIGENTE
Visto il proprio Decreto prot. n. 2787 del 26 agosto 2021 e quanto in esso richiamato Acquisite le disponibilità degli interessati per le attività relative
DISPONE
1) che per l’anno scolastico 2021/22, a integrazione di quanto già disposto, venga utilizzato presso la sede di Rimini per i progetti di valore nazionale il personale docente di seguito indicato:

segue in leggi tutto ...


Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2219 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 22/9/2021 22:47:53 (10 letture)

Green pass, cosa succederà dopo il 30 settembre a chi non può vaccinarsi?

di L. La Gatta - 22/09/2021

Ci sono dei soggetti che per condizione medica non possono ricevere o completare la vaccinazione per ottenere una certificazione verde COVID-19.

Per queste persone, una circolare del Ministero della Salute del 4 agosto scorso, avente ad oggetto Certificazioni di esenzione alla vaccinazione anti-COVID-19, prevede che siano rilasciate delle certificazioni di esenzione alla vaccinazione anti-SARS-CoV-2, in formato cartaceo, con validità massima fino al 30 settembre 2021, salvo ulteriori disposizioni; la durata di validità, sulla base delle valutazioni cliniche relative, verrà aggiornata quando sarà avviato il sistema nazionale per l’emissione digitale delle stesse al fine di consentirne la verifica digitale.

Temporaneamente e fino al 30 settembre 2021, salvo ulteriori disposizioni, sul territorio nazionale sono validi i certificati di esclusione vaccinale già emessi dai Servizi Sanitari Regionali.

Manca una settimana a fine mese e al momento non ci sono indicazioni in merito a cosa succederà dopo il 30 settembre.

Da quello che si legge nella circolare del Ministero della Salute, si è in attesa della digitalizzazione delle certificazioni di esenzione e dell’estensione della loro validità. Al momento non è dato sapere se tali informazioni potranno essere inserite all’interno del Green pass.

segue in leggi tutto ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4234 bytes | Commenti?
Sentenze : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 21/9/2021 16:49:00 (12 letture)

Professoressa sospesa a Palermo: vince il ricorso per “libertà di insegnamento”

di Sara Adorno - 21/09/2021

Rosa Maria Dell’Aria è la professoressa di Palermo sospesa per aver permesso ai suoi alunni di accostare le leggi razziali ai decreti Sicurezza dell’allora ministro dell’Interno Salvini. Nonostante tutto sembrasse fermo e, ancora, alla fine del 2019 nulla era cambiato, adesso è arrivata la risposta dal tribunale del Lavoro di Palermo, come riporta Antonio Vassallo.

Il tribunale, infatti, ha accolto il ricorso della professoressa, annullando la sospensione e restituendo interamente alla docente lo stipendio negato.

“Il giudice – spiega Alessandro Luna, figlio e avvocato della professoressa – ha riconosciuto tutte le ragioni del nostro ricorso. Non solo la docente ha esercitato la libertà di insegnamento nel fornire il materiale didattico, ma non sussiste nemmeno la culpa in vigilando sull’operato dei suoi alunni, perché se avesse controllato il contenuto dei loro lavori avrebbe violato la loro libertà di pensiero tutelata dalla Costituzione”.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Innovazione : da "OrizzonteScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 20/9/2021 10:51:54 (14 letture)

STOP ALLA LEZIONE FRONTALE, LARGO ALLA DIDATTICA PER COMPETENZE E AL DIGITALE: LA ‘RIVOLUZIONE’ DI BIANCHI

di F. De Angelis - 18 settembre 2021

Quella di quest’anno “è una scuola che deve ripensarsi ed essere più consapevole di se stessa” e che deve “farci sentire un Paese”, ha detto il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi pochi giorni fa in merito al nuovo anno scolastico. In realtà il quadro di come la scuola debba ripensarsi il Ministro lo ha impresso nell’atto di indirizzo reso pubblico il 16 settembre.

Stop alla lezione frontale
In altre occasioni il Ministro aveva proposto un cambio di passo sulle metodologie didattiche. Adesso, il tutto si trova nero su bianco: “È prioritario continuare a promuovere la sperimentazione e la diffusione capillare in tutte le scuole di nuove metodologie didattiche, orientate al superamento del modello di insegnamento tradizionale di stampo trasmissivo, incentrato sulla lezione frontale“.

Largo alla didattica per competenze
Bianchi però ha già una traccia precisa, ovvero quello della didattica per competenze, tanto discussa negli ultimi anni, “necessario favorire lo sviluppo di una didattica per competenze, di tipo collaborativo ed esperienziale, per consentire una maggiore personalizzazione dei processi di apprendimento degli studenti, in considerazione delle loro specifiche esigenze“.

Secondo Bianchi bisogna essere molto precisi per arrivare all’obiettivo, e dunque, a suo modo di vedere, “occorrerà valorizzare ogni strumento, a partire dai materiali didattici tradizionali e dei libri di testo, rispetto ai quali costituirà impegno specifico del Ministero fornire alle scuole indicazioni e strumenti diretti a favorire le migliori scelte adozionali e l’individuazione delle più efficaci metodologie per la costruzione di materiali didattici”.

Dunque, in base a quanto si legge, Bianchi vuole fornire delle vere e proprie linee di indirizzo, destinate per i docenti affinché possano impiegare tali “consigli” per le lezioni da svolgere in classe.

Già alcuni sindacati, come la Gilda, non piace molto questa formula pensata dal Ministro: “Affermare che la lezione frontale debba essere superata in favore di nuovi approcci significa entrare a gamba tesa su un terreno che non è affatto di competenza del ministro dell’Istruzione ma che spetta ai docenti. Soltanto a loro deve essere affidato il compito di decidere, in base agli specifici contesti in cui operano, quali metodologie e strumenti didattici utilizzare, nel pieno rispetto della libertà di insegnamento che l’articolo 33 della Costituzione assegna loro”, dice Rino di Meglio, coordinatore nazionale Gilda degli insegnanti.

segue in leggi tutto ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4646 bytes | Commenti?
Reclutamento : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 20/9/2021 10:38:22 (17 letture)

Nuove convocazioni da GAE e da GPS: cosa succede con gli errori di algoritmo?

di F. Di Palma - 19/09/2021

Molti lettori, inseriti nelle graduatorie GAE e/o GPS, ci chiedono se sono previste nuove convocazioni, certamente ci saranno altre convocazioni a seguito di errori di algoritmo.

Errori algoritmo
A seguito delle problematiche create dall’algoritmo in molte province, sono state ritirate le graduatorie per verificarne la correttezza, mentre altre province si sono fermate per esaminare i diversi reclami presentati dai docenti.

Rinunce e altri motivi
Inoltre la normativa prevede che tutti i posti che si dovessero rendere liberi e disponibili entro il 31 dicembre, per i motivi più diversi, tipo rinunce, esoneri sindacali, mandati amministrativi ecc. dovranno essere assegnati dagli uffici territoriali.

segue in leggi tutto ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4291 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 13/9/2021 20:26:18 (35 letture)

Open in new windowPrimo giorno di scuola, Bianchi agli studenti: “Tutto il Paese oggi è con noi”

di Redazione - 13/09/2021

Il ministro Patrizio Bianchi ha lasciato un messaggio di augurio per l’anno scolastico che, in diverse Regioni d’Italia, ha preso avvio oggi. Lo ha fatto con un video condiviso dal ministero dell’istruzione:

“Ragazze e ragazzi, bentornati. A voi, a tutti i vostri insegnanti, a tutto il personale della vostra scuola, alle vostre famiglie, buon primo giorno di scuola. Tornare a scuola vuol dire trovare gli amici, trovare i nostri ambienti, gli spazi della nostra vita. Vuol dire anche tornare in un luogo degli affetti, quegli affetti che poi rimarranno per tutta la vita. Questi affetti che si coltivano, si sviluppano, e si sviluppano insieme con quello straordinario momento della vita che è imparare che non è soltanto apprendere, prendo e metto lì. Vuol dire fare proprio, mettere dentro sé stessi”.

“La scuola è questa, è questa straordinaria avventura dell’imparare insieme, insieme esplorare mondi nuovi, esplorare anche nuovi incontri, però farlo insieme. Tutto il Paese oggi è con noi, con la nostra scuola, perché la scuola è il centro del nostro Paese e il cuore della nostra comunità”.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
(1) 2 3 4 ... 799 »

Cerca

Ricerca avanzata

Convenzioni Istituzioni
Convenzioni Istituzioni

Prossimi eventi
Nessun evento

Calendario
Mese PrecedenteSet 2021Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30
Oggi

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Iscrizione
Open in new window



Newsletter
Iscrivetevi sulla nostra
Newsletter !
La vostra e-mail :

Formato 

Iscrizione avanzata.

Galleria

Nuovi utenti
ErickMenge 25/9/2021
LPTDolly9 25/9/2021
CFAJami24 24/9/2021
BelenVarne 24/9/2021
BlaineEqr7 24/9/2021

Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale