username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta lunedì, mercoledì e venerdì dalle 16.30 alle 18.30 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Stampa : da "CorrieredellaSera.it" del 25.09.2018
Inviato da admin_CUSMA il 26/9/2018 22:09:12 (35 letture)

Concorso Fit, il Consiglio di Stato: per ora i non abilitati restano fuori
Niente provvedimenti di ammissione con riserva per gli esclusi: troppi ricorsi si snaturerebbe il concorso. La parola alla Corte Costituzionale


25/09/2018

«The show must go on». Il concorso straordinario per docenti della scuola secondaria bandito dall’ex ministra Valeria Fedeli in attuazione alla legge sulla Buona Scuola può e deve procedere senza ulteriori intoppi. Almeno finché la Consulta non si sarà pronunciata sulla costituzionalità della norma che esclude i docenti che non abbiano l’abilitazione. Lo ha deciso il Consiglio di Stato depositando il 24 settembre una serie di ordinanze cautelari con cui ha tolto ogni speranza, almeno per il momento, alle decine di migliaia di ricorrenti. I giudici di Palazzo Spada mantengono una forte riserva sulla correttezza giuridica del bando di concorso riservato ai docenti di seconda fascia ma «prendendo atto della vastità e delle dimensioni del contenzioso che hanno interessato la procedura concorsuale straordinaria per l’assunzione di personale docente per le scuole secondarie, ha ritenuto necessario attendere il pronunciamento della Corte costituzionale». La VI Sezione ha pertanto accolto le migliaia di istanze avanzate dai ricorrenti «ai soli fini della sollecita fissazione del merito in primo grado» «all’esito del già proposto incidente di costituzionalità», senza però disporre anche l’ammissione con riserva, che avrebbe provocato - secondo le ordinanze - «un mutamento della natura dello stesso concorso in esame, in assenza delle esigenze di certezza e di continuità che nella specie solo la pronuncia della Corte Costituzionale può dare».

segue ...

Il dietro-front

Proprio il ritardo nella pubblicazione delle graduatorie di merito regionali di questo concorso straordinario in cui - per il momento - passano tutti a condizione di avere l’abilitazione (non importa come conseguita, se passando la prova super selettiva dei cosiddetti Tirocini formativi attivi o comprandosi l’abilitazione in Romania come ha raccontato un’insegnante di sostegno a Corriere.it), ha lasciato scoperti più della metà dei 50 mila posti che il Miur aveva messo a disposizione per settembre. Perciò, intanto si va avanti. Poi quando fra un anno arriverà la sentenza della Corte Costituzionale, si vedrà. Il 3 settembre i giudici del Consiglio di Stato avevano già rimesso alla Consulta la questione di costituzionalità della disciplina attuativa della legge sulla «buona scuola» ma, pronunciandosi sui primi dieci ricorsi (su un’ottantina) presentati da studi legali e sindacati, aveva invece disposto l’ammissione con riserva dei ricorrenti: erano dottori di ricerca, insegnanti tecnico pratici, docenti dell’alta formazione musicale, Isef, insegnanti di Italiano per stranieri, gli abilitati all’estero. Il Consiglio di Stato nell’ordinanza osservava che nel periodo dal ‘90 al 2017, ovvero quando l’abilitazione era requisito per partecipare ai concorsi, averla conseguita o meno è dipeso da un complesso di circostanze casuali, non dipendenti dalla diligenza o dal merito dell’interessato, cosicché, il mantenere la riserva agli abilitati costituirebbe un’irragionevole disparità di trattamento rispetto ai laureati.

Il rinvio alla Consulta

Oggi la doccia fredda per tutti gli altri. Almeno per il momento. Ma l’ultima parola spetta ai giudici della Consulta che potrebbero ancora dare ragione alle decine di migliaia di non abilitati esclusi da questa tornata di stabilizzazioni. Per una singolare coincidenza temporale il Miur proprio tre giorni fa ha pubblicato intanto la nota che regola l’anno di prova o tirocinio (il cosiddetto Fit) che devono svolgere tutti i neo immessi a seguito del concorso. Cosa succederà fra un anno se la Corte Costituzionale dovesse dare ragione ai ricorrenti?

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia -


Altri Articoli
10/12/2018 17:30:00 - Lutto in Gilda
10/12/2018 17:06:51 - da "IlSole24Ore.it" del 10 dicembre 2018
7/12/2018 18:08:29 - da "LaTecnicadellaScuola.it" del 7 dicembre 2018
7/12/2018 18:02:02 - da "LaTecnicadellaScuola.it" del 7 dicembre 2018
7/12/2018 17:54:46 - da Miur - Stato nomine estero al 30 novembre 2018
5/12/2018 15:10:37 - da "LaTecnicadellaScuola.it" del 5 dicembre 2018
5/12/2018 15:02:07 - da "LaTecnicadellaScuola.it" del 5 dicembre 2018
5/12/2018 15:00:00 - da "LaTecnicadellaScuola.it" del 5 dicembre 2018
4/12/2018 18:54:55 - Ruffilli - comunicato stampa Gilda
3/12/2018 23:40:00 - da "LaTecnicadellaScuola.it" del 3 dicembre 2018
3/12/2018 14:25:51 - da "LaTecnicadellaScuola.it" del 3 dicembre 2018
1/12/2018 16:36:08 - da UAT di Forlì-Cesena e Rimini sede di Forlì
1/12/2018 16:29:57 - da USR Emilia Romagna - 27 novembre 2018
30/11/2018 22:38:40 - da "pensionioggi.it/notizie" del 30 nov 2018
29/11/2018 21:04:39 - da "ItaliaOggi" - azienda scuola 29.11.2018

I commenti sono di proprietà degli autori. Si declina ogni responsibilità sul loro contenuto.

Cerca

Ricerca avanzata

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale