username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta lunedì, mercoledì e venerdì dalle 16.30 alle 18.30 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Stampa : da "IlfattoQuotidiano.it" del 31 ottobre 2018
Inviato da admin_CUSMA il 31/10/2018 13:07:59 (44 letture)

Scuola, per essere assunti si torna all’antico: riecco il concorsone, cancellati formazione iniziale e tirocinio

Il percorso triennale creato nell’ultima legislatura viene cancellato ancora prima di nascere: il primo bando avrebbe dovuto esserci nel 2019, ma a questo punto non vedrà mai la luce. Per diventare insegnanti basterà un normale esame, aperto a tutti i laureati. Non è facile tracciare un bilancio di questa nuova rivoluzione. I più scontenti potrebbero essere i vecchi precari

di Lorenzo Vendemiale | 31 ottobre 2018

In cattedra con un semplicissimo, tradizionale concorso. Niente abilitazione, tirocini triennali, corsi e apprendistati: il governo ritorna all’antico. Il cosiddetto Fit (Formazione iniziale e tirocinio), il percorso triennale creato nell’ultima legislatura, viene cancellato ancora prima di nascere: il primo bando avrebbe dovuto esserci nel 2019, ma a questo punto non vedrà mai la luce. Per diventare insegnanti basterà un normale concorso, aperto a tutti i laureati senza requisiti troppo particolari: chi vince, sarà subito assunto.

segue ...

CANCELLATA LA BUONA SCUOLA – La rivoluzione, l’ennesima per la scuola italiana e per le migliaia di aspiranti docenti, è contenuta nella bozza di manovra che dovrà diventare definitiva nelle prossime settimane ed essere approvata entro la fine dell’anno. Il ministro Marco Bussetti, del resto, aveva anticipato di voler intervenire sul sistema di reclutamento, ribadendo quanto già contenuto nel contratto di governo tra Lega e Movimento 5 stelle. La legge di Bilancio (se il testo sarà confermato) lo fa nella maniera più diretta e sbrigativa possibile, abrogando in blocco il meccanismo messo a punto dal precedente governo e sostituendolo con una trafila molto più semplice e rapida.


ADDIO AL TIROCINIO TRIENNALE – Si tratta dell’ennesimo pezzo della Buona scuola che viene cancellato: il Fit era un’idea della coppia Giannini-Fedeli (la prima lo aveva pensato, la seconda realizzato). Prevedeva il superamento del vecchio sistema con doppio titolo (prima l’abilitazione, poi l’assunzione) che tanto aveva fatto discutere per l’eccessiva selettività, con un unico corso-concorso: una prova a monte (scritto e orale), i vincitori accedono ad un tirocinio triennale (pagato in misura variabile), il primo anno più teorico, gli ultimi due più pratici con sempre più ore di supplenze a scuola, fino all’assunzione definitiva al termine del triennio (e al giudizio positivo sul suo superamento). Sembrava un buon compromesso tra la necessità di formare adeguatamente i futuri docenti e l’esigenza di abbreviare il percorso di reclutamento: le proteste maggiori riguardavano la durata (tre anni non sono pochi) e lo stipendio ridotto (a partire inizialmente da circa 600 euro al mese per il primo anno), ma gli aspiranti insegnanti sembravano essersene fatti una ragione. Invece si riparte daccapo.

TORNA IL CONCORSO: APERTO A TUTTI (E NIENTE PIÙ IDONEI) – Di fatto si torna alla situazione pre Buona scuola, davvero all’antico: al concorso tradizionale (come quello storico del ’99, o del 2013 per intenderci), a cui tutti partecipano e chi vince viene immesso il ruolo, dopo il solito anno di prova (che però è una mera formalità). Il requisito di ammissione è la laurea: possono partecipare tutti i laureati, che abbiano preso almeno 24 crediti all’università su alcuni esami pedagogici e propedeutici all’insegnamento. Per quanto riguarda le prove, saranno tre, niente più preselettiva e quiz a crocette: due scritti, il primo sulla materia d’insegnamento, il secondo di carattere pedagogico; poi l’orale, con un colloquio in lingua straniera (livello B2) e valutazione delle conoscenze informatiche. Il sostegno avrà un concorso a parte, con una prova scritta a carattere nazionale e anche un orale specifico.

Rango: 10.00 (1 voto) - Vota questa notizia -


Altri Articoli
19/11/2018 14:52:51 - da "Repubblica.it" del 19 novembre 2018
19/11/2018 14:24:25 - da "LaTecnicadellaScuola.it" del 19 novembre 2018
18/11/2018 17:23:39 - da Gilda Forlì-Cesena e Rimini
17/11/2018 13:58:16 - da "LaTecnicadellaScuola.it" del 17 novembre 2018
15/11/2018 16:30:00 - da "LaTecnicadellaScuola.it" del 15 novembre 2018
14/11/2018 20:30:00 - da "LaTecnicadellaScuola.it" del 14 novembre 2018
14/11/2018 10:34:54 - da "ItaliaOggi" - azienda scuola 14.11.2018
13/11/2018 21:35:16 - da "LaTecnicadellaScuola.it" del 13 novembre 2018
13/11/2018 17:10:00 - da "Gilda Insegnanti Nazionale" 13 nov 2018
12/11/2018 18:07:03 - da Gilda/FGU Bologna - nov 2018
12/11/2018 16:50:00 - da USR Emilia Romagna - 12 nov 2018
11/11/2018 19:08:20 - da "4live.it" del 10 nov 2018
11/11/2018 18:51:28 - da "LaTecnicadellaScuola.it" dell'11 novembre 2018
9/11/2018 21:50:00 - da "LaTecnicadellaScuola" del 9 novembre 2018
8/11/2018 20:28:59 - da "ItaliaOggi" - azienda scuola 07.11.2018

I commenti sono di proprietà degli autori. Si declina ogni responsibilità sul loro contenuto.

Cerca

Ricerca avanzata

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale