username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta lunedì, mercoledì e venerdì dalle 16:00 alle 18:30 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 14 dicembre 2018
Inviato da admin_CUSMA il 14/12/2018 15:00:00 (38 letture)

di A. C. - 14/12/2018
Open in new windowIl paradosso tutto italiano: larga distanza di stipendio tra presidi e docenti

La scorsa notte (13 dicembre) è stata firmata la bozza del nuovo contratto dei dirigenti scolastici.

Nel nuovo contratto è prevista l’equiparazione ai dirigenti pubblici dello stesso comparto almeno per quanto riguarda la retribuzione della parte fissa

La firma arriva dopo quasi dieci anni di attesa e sei mesi di trattativa serrata.

Quanto guadagnano i dirigenti scolastici
La retribuzione dei presidi è costituita da tre voci: quella base (43.310 euro all’anno), più due quote: una fissa che è di 3.500 euro all’anno e una parte variabile.

Secondo i dati OCSE (2018), i presidi italiani la retribuzione media è di 72 mila euro, e questo spinge l’Italia nella parte alta della classifica. In realtà, però, il loro stipendio è in media inferiore di circa un terzo rispetto a quello degli altri dirigenti statali.

Gli stipendi dei docenti italiani sotto la media UE
La situazione cambia con i docenti. La differenza con i dirigenti scolastici è evidente. I presidi risultano meglio pagati della media dei laureati, mentre gli insegnanti sono ben al di sotto degli altri laureati.

Lo stipendio dei docenti in Germania è praticamente doppia che in Italia, per tutti i gradi di scuole e per tutte le anzianità, molto al di sopra della media europea; la Spagna, ha retribuzioni sempre al di sopra della media europea, soprattutto quelle iniziali; la Francia, ricalca l’andamento europeo, ma con le retribuzioni intermedie più basse; l’Italia, infine, parte in linea con l’Europa, si mantiene allineata fino all’anzianità di 15 anni e termina a fine carriera molto più in basso.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia -


Altri Articoli
22/3/2019 12:00:00 - Uat di Forlì-Cesena e Rimini sede di Forlì
20/3/2019 17:49:11 - UAT di Forlì-Cesena e Rimini sede di Rimini 20.03.2019
19/3/2019 17:58:47 - da Uat Forlì-Cesena e Rimini - 13 marzo 2019
19/3/2019 17:30:00 - da Uat di Forlì-Cesena e Rimini - marzo 2019
19/3/2019 16:10:00 - Per la scuola che unisce
16/3/2019 19:16:20 - da "laTecnicadellaScuola.it" del 15.03.2019
16/3/2019 17:00:00 - da Uat di Forlì-Cesena e Rimini, sede di Rimini
15/3/2019 16:30:00 - da "LaTecnicadellaScuola.it" del 15.03.2019
14/3/2019 19:11:01 - da Uat di Forlì-Cesena e Rimini, sede di Rimini
14/3/2019 16:40:00 - da USR emilia Romagna - 14 marzo 2019
13/3/2019 1:10:00 - Gilda degli Insegnanti: BASTA TERGIVERSARE
12/3/2019 20:09:20 - da "LaTecnicadellaScuola.it" del 12 marzo 2019
10/3/2019 1:17:14 - da "Corriere.it" del 9.03.2019
10/3/2019 0:46:03 - da "LaTecnicadellaScuola.it" del 9 marzo 2019
6/3/2019 17:34:17 - dalla delegazione Gilda al Miur: 5.03.2019

I commenti sono di proprietà degli autori. Si declina ogni responsibilità sul loro contenuto.

Cerca

Ricerca avanzata

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale