username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta lunedì, mercoledì e venerdì dalle 16:00 alle 18:30 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Stampa : da "LaTecnbicadellaScuola.it" del 25 gen 2019
Inviato da admin_CUSMA il 25/1/2019 22:50:00 (139 letture)

Open in new window
Stipendi docenti italiani fermi, in Germania guadagnano il doppio: la petizione Gilda già a 10 mila firme

di Alessandro Giuliani - 25/01/2019

Ha raggiunto la quota non indifferente di quasi 10 mila adesioni la petizione on line promossa dalla Gilda degli Insegnanti una settimana fa per incentivare gli stipendi del corpo insegnante:

l’iniziativa, indirizzata al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, punta a chiedere lo “scongelamento” dello scatto di anzianità del 2013 (con i soldi oggi destinati al “merito”) e l’aumento degli stipendi dei docenti, il cui potere di acquisto è ai livelli storici negativi: l’aumento di 85 euro lordi arrivato con il rinnovo del contratto dello scorso aprile, non ha infatti colmato il gap rispetto ai compensi medi dell’Ue e all’inflazione.

Un obiettivo che il sindacato autonomo intende centrare utilizzando anche le risorse destinate dalla famigerata legge 107/2015 al finanziamento del bonus merito.

segue ...

Tante adesioni in pochi giorni

“Il numero elevato di adesioni registrato in appena sette giorni dal lancio dell’iniziativa è una spia inequivocabile del disagio e del malcontento che serpeggia tra gli insegnanti e della loro voglia di riscatto”, ha detto Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda.
Il sindacato chiede un rinnovo contrattuale 2019-2021 che preveda un incremento stipendiale dei docenti significativo.

Il confronto con l’Ue

Il sindacato ha ricordato che in base ai più recenti dati Ocse ed Eurydice, le retribuzioni degli insegnanti italiani sono tra le più basse in Europa: gli stipendi dei docenti in Germania sono praticamente il doppio rispetto a quelli italiani, per tutti i gradi di scuole e per tutte le anzianità, e molto al di sopra della media europea; anche in Spagna le retribuzioni, soprattutto quelle iniziali, si collocano al di sopra della media europea”.

La Francia ricalca l’andamento europeo, ma con le retribuzioni intermedie più basse, mentre l’Italia si mantiene allineata al livello europeo fino all’anzianità di servizio di 15 anni ma segna un netto calo a fine carriera.

Di Meglio: prestigio sociale in calo

“La significativa riduzione del potere di acquisto degli stipendi – afferma Di Meglio – ha provocato negli ultimi anni una sostanziale diminuzione di prestigio sociale dei docenti. Le buste paga sempre più leggere hanno portato gli insegnanti a diventare fanalino di coda non soltanto nell’impietoso confronto con i colleghi degli altri Paesi europei, ma anche con tutti gli altri dipendenti pubblici italiani”

“Per cambiare questa situazione indecorosa, – conclude il coordinatore nazionale della Gilda – occorre investire maggiori risorse nel rinnovo del contratto e recuperare la progressione di carriera scippata nel 2013. Perciò esortiamo tutti gli insegnanti e tutti gli italiani che hanno a cuore la qualità dell’istruzione a firmare la petizione online e attraverso i moduli messi a disposizione dalle nostre Rsu e dai nostri Tas in in tutte le scuole d’Italia”.

Il testo della petizione

Il contenuto della petizione on line della Gilda degli Insegnanti:

Signor Presidente del Consiglio,
negli ultimi anni i Docenti hanno subito una sostanziale diminuzione di prestigio, anche a causa della significativa riduzione del potere d’acquisto degli stipendi, diventando così fanalino di coda nell’impietoso confronto con i dipendenti pubblici italiani e con gli insegnanti degli altri paesi europei.

Per cambiare questa indecorosa situazione chiediamo:

la restituzione dell’anno 2013 per il calcolo degli scatti di anzianità;
uno stanziamento adeguato per recuperare il potere d’acquisto delle retribuzioni e per incrementare gli stipendi in modo significativo, utilizzando anche i bonus e le mance della legge 107/2015.
L’accoglimento di queste proposte sarebbe un segnale importante di cambiamento per rivalutare la professione docente sempre più svilita e in crisi di autorevolezza.

Rango: 9.00 (5 voti) - Vota questa notizia -


Altri Articoli
17/5/2019 21:35:34 - dal delegato Gilda all'UAT di Forlì-Cesena
16/5/2019 21:40:00 - da Gilda Nazionale - 16 mag 2019
16/5/2019 19:31:27 - da "LaTecnicadellaScuola.it" del 16 mag 2019
15/5/2019 18:17:55 - da Miur: 6 maggio 2019
15/5/2019 18:00:32 - da Gilda/FGU Nazionale - maggio 2019
14/5/2019 22:53:08 - da "LaTecnicadellaScuola.it" del 13 mag 2019
14/5/2019 22:47:48 - da "LaTecnicadellaScuola.it" del 14 mag 2019
13/5/2019 18:57:12 - dal delegato Gilda al Miur: 13 maggio 2019
13/5/2019 18:35:19 - da Ministero Affari Esteri
13/5/2019 16:30:00 - da Uat di Forlì-Cesena e Rimini, sede di Forlì
11/5/2019 18:10:00 - da "LaTecnicadellaScuola.it" dell'11 mag 2019
9/5/2019 19:54:57 - da Uat di Forlì-Cesena e Rimini - 8.05.2019
4/5/2019 16:59:02 - da "LaTecnicadellaScuola.It" del 4 maggio 2019
4/5/2019 16:52:04 - da "LaTecnicadellaScuola.it" del 2.05.2019
3/5/2019 15:55:18 - dal Miur - Comunicato aggiornamento GaE.

I commenti sono di proprietà degli autori. Si declina ogni responsibilità sul loro contenuto.

Cerca

Ricerca avanzata

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale