username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta martedì e giovedì dalle 16:00 alle 18:30 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Concorsi : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 29.03.2019
Inviato da admin_CUSMA il 29/3/2019 17:52:49 (168 letture)

Docenti terza fascia, al concorso scuola superpunteggio e quota riservata

di F. De Angelis - 29/03/2019

Come abbiamo scritto in precedenza, il Ministro Bussetti ha parlato anche del concorso docenti 2019 nel corso del videoforum del quotidiano La Repubblica.

“Il bando per la scuola media e superiore entro l’estate (verso luglio). In autunno inizieranno le procedure concorsuali. Il nostro obiettivo è la lotta al precariato. Io spero di assumere molti di più rispetto ai 30-40mila nel triennio. Il tema del reclutamento dei docenti è prioritario”, ha dichiarato Bussetti, che ha anche aggiunto: “Prevista una quota di riserva, il 10%, per i precari (cioè coloro che hanno svolto servizio per 36 mesi)”.

Con l’approvazione del provvedimento che include Quota 100 e Reddito di cittadinanza, che ha ricevuto il via libera definitivo dall’Aula del Senato, nelle graduatorie di merito i titoli dei precari varranno il 40% del punteggio complessivo.

Tra i titoli valutabili sarà particolarmente valorizzato il servizio svolto presso le istituzioni scolastiche del sistema nazionale di istruzione, al quale è attribuito un punteggio fino al 50% del punteggio attribuibile ai titoli.

Nella pratica ciò si traduce che nelle graduatorie di merito del concorso fino a 20 punti su un totale di 100, potranno andare ai titoli di servizio.

segue ...

Concorso docenti 2019, blindare la quota del 10% riservata ai docenti precari
La riforma del reclutamento, ricordiamo, prevede che al concorso possano partecipare i candidati con almeno tre anni di servizio negli ultimi otto. A questa categoria, tuttavia, è riservata una quota pari al 10% del totale. Pertanto quanto prevede il testo approvato blinda quel 10% di riserva.

Per molti precari, tuttavia, la proposta rimane insoddisfacente, soprattutto perché per loro il Decreto Legislativo n. 59/2017, prevedeva un concorso riservato e non una quota riservata ed un super punteggio. Nelle scorse settimane ha tenuto banco proprio lo scontro fra alcuni esponenti del Governo ed i precari che si sentono traditi da chi aveva promesso una stabilizzazione certa.

Concorso docenti 2019: per i precari niente 24 CFU
Bisogna anche ricordare che per questi candidati con tre annualità di servizio negli ultimi otto anni non sono richiesti i 24 CFU nei settori antropo-psico-pedagogici e nelle metodologie e tecnologie didattiche e potranno concorrere in una delle classi di concorso in cui hanno lavorato almeno 1 anno.

Concorso docenti 2019: la riforma del reclutamento
La riforma del reclutamento prevede la possibilità di concorrere in un’unica regione e per una sola classe di concorso “distintamente” per il primo e secondo grado e per i posti di sostegno.

Si formerà una graduatoria di vincitori che avrà valenza biennale, così come sarà biennale l’indizione delle procedure concorsuali.

La graduatoria sarà composta da un numero di candidati pari, al massimo, ai posti messi a concorso. Pertanto non sono previsti idonei.

I posti verranno banditi in base al fabbisogno regionale, quindi è possibile che in alcune regioni non si attivino le procedure concorsuali, in base a quanto riferito dallo stesso ministro Bussetti.

Concorso docenti 2019: dopo il concorso un anno di formazione e prova
Una volta vinto il concorso, il docente inizierà un “percorso annuale di formazione iniziale e prova“. Questo percorso sarà quindi annuale, cioè una volta vinto il concorso, il docente dovrà frequentare questo anno di “transizione” alla cattedra definitiva. Prima però sarà necessaria una valutazione finale.

Pertanto, è stato abolito il sistema di formazione iniziale adottato dal decreto Legislativo n. 59/2017, in merito ai tre anni di formazione iniziale e tirocinio che i vincitori di concorso dovevano sostenere prima di entrare in ruolo.

Un volta superato l’anno e confermato in ruolo, il docente vincitore di concorso dovrà restare altri quattro anni nella stessa scuola in cui ha superato l’annualità di formazione e prova, per un totale di cinque anni di blocco sulla stessa sede.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia -


Altri Articoli
21/2/2020 21:20:00 - da "LaTecnicadellaScuola.it"
21/2/2020 21:09:57 - da "LaTecnicadellaScuola.it"
20/2/2020 11:22:22 - da "LaTecnicadellaScuola.it"
15/2/2020 17:09:27 - da "LaTecnicadellaScuola.it"
15/2/2020 16:40:00 - da "LaTecnicadellaScuola.it"
14/2/2020 20:01:20 - da "LaTecnicadellaScuola"
12/2/2020 20:23:38 - da "LaTecnicadellaScuola.it"
11/2/2020 15:40:00 - da "ItaliaOggi - AziendaScuola"
10/2/2020 21:01:00 - da "LaTecnicadellaScuola.it"
10/2/2020 20:40:00 - da "LaTecnicadellaScuola.it"
10/2/2020 13:20:00 - da "LaTecnicadellaScuola.It"
9/2/2020 14:45:11 - da "LaTecnicadellaScuola.it"
9/2/2020 14:40:00 - da GILDA/FGU Nazionale
9/2/2020 14:28:44 - da "LaTecnicadellaScuola.it"
7/2/2020 14:30:00 - da Corriere Romagna

I commenti sono di proprietà degli autori. Si declina ogni responsibilità sul loro contenuto.

Cerca

Ricerca avanzata

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale