username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta martedì e giovedì dalle 16:00 alle 18:30 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Stampa : da "laTecnicadellaScuola.it" del 6 sett 2019
Inviato da admin_CUSMA il 7/9/2019 18:50:00 (69 letture)

I concorsi slittano tutti al 2020, per rimodulare il decreto salva-precari serviranno mesi. Fioramonti: spazio al merito

di Alessandro Giuliani - 06/09/2019

Nella scuola niente concorsi almeno sino alle fine dell’anno: slittano al 2020. Lo ha confermato il neo ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti, poiché per riformulare il decreto salva scuola, incentrato sui precari e giunto ad un passo dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, serviranno alcuni mesi.

Rispettare il volere di tutti

Al decreto salva precari, ha detto il titolare del Miur a 24 Mattino in onda su Radio24, “sto rimettendo mano adesso per fare in modo che vengano rispettate sia le rivendicazioni di precari e sindacati, sia le garanzie di trasparenza e di merito nel percorso di selezione e quindi entrare nei prossimi mesi in una approvazione definitiva e preparare i concorsi per il 2020”.
Le parole di Fioramonti, quindi, fanno presupporre che per i concorsi riservati sarà dato più spazio alla meritocrazia. Nel senso che per essere assunti, anche i pecari storici dovranno dimostrare di avere competenze e conoscenze idonee per l’insegnamento. A quel punto, una volta accertata tale caratteristica, che per i deputati grillini viene considerata imprescindibile, i precari di lungo corso faranno valere i loro titoli di servizio.

segue ...

Niente rivoluzione se abbiamo i precari

“Dobbiamo fare una rivoluzione scolastica – ha continuato il ministro – ma se non abbiamo la carta igienica e abbiamo una marea di precari sembra che Fioramonti venga da Marte. Immagino che risolto il problema della bolla di precariato, o almeno ridotto questo problema, possiamo occuparci della trasversalità dell’apprendimento, delle nuove modalità di apprendimento, e tornare alla figura di insegnante classico che sia punto di riferimento, incentivando gli insegnanti ad essere, appunto, punto di riferimento della società”, ha concluso Fioramonti.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia -


Altri Articoli
25/1/2020 14:16:08 - da "LaTecnicadellaScuola.it" del 24 gen 2020
23/1/2020 19:30:00 - da UAT di Forlì-Cesena e Rimini sede di Forlì
22/1/2020 20:00:49 - da "LaTecnicadellaScuola.it" del 22.01.2020
16/1/2020 23:38:04 - da "RegolaritàetrasparenzanellaScuola" del 15 gen 2020
16/1/2020 23:22:13 - da "LaTecnicadellaScuola.it" del 16 gen 2020
15/1/2020 20:50:00 - da "LaTecnicadellaScuola.it" del 15 gen 2020
14/1/2020 20:14:38 - da "LaTecnicadellaScuola.it" del 14 gen 2020
12/1/2020 23:41:02 - da UAT di Forlì-Cesena e Rimini, sede di Rimini
12/1/2020 23:30:00 - nota sindacale congiunta sul bonus premiale
10/1/2020 18:46:32 - da "LaTecnicadellaScuola.it" del 10 gen 2020
7/1/2020 15:53:46 - da "IlMattino.it" del 7 gen 2020
7/1/2020 15:42:17 - da "da Il Sole 24 Ore" 7 gen 2020
6/1/2020 18:32:15 - da "Quifinanza.it" del 6 gennaio 2020
6/1/2020 18:10:00 - da "LaTecnicadellaScuoila.it" del 4.01.2020
6/1/2020 17:56:25 - da "LaTecnicadellaScuoila.it" del 5.01.2020

I commenti sono di proprietà degli autori. Si declina ogni responsibilità sul loro contenuto.

Cerca

Ricerca avanzata

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale