username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta martedì e giovedì dalle 16:00 alle 18:30 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it
Inviato da admin_CUSMA il 1/9/2020 14:00:00 (57 letture)

Open in new window
Rientro a scuola: cosa è da considerare corso di recupero? Attività ordinaria o straordinaria?

di Redazione - 01/09/2020

Come garantire il riallineamento degli apprendimenti, a seguito del non omogeneo sviluppo, nell’anno scolastico 2019/2020, delle attività svolte attraverso la didattica a distanza?

Si tratta dell’interrogativo presente nella Nota Ministeriale del 28 agosto 2020. Si affida al PIA, il Piano di Integrazione degli Apprendimenti, e al PAI, il Piano di Apprendimento Individualizzato, la missione di far colmare agli alunni le proprie lacune.

Dunque, corsi di recupero. Ma cosa sono esattamente? O meglio, come considerarli? Cosa è da considerarsi corso di recupero? Sono attività ordinaria o straordinaria?

Corso di recupero

Intendiamo per corso di recupero la sola attività propedeutica all’inizio dell’anno scolastico e al rientro a scuola? La stessa nota ministeriali cerca di chiarirlo.

La risposta è no. “Il DL 22/2020 ha disposto che le attività concernenti PIA e PAI possano svolgersi a partire dal giorno 1 settembre e, se necessario, nel corso di tutto l’anno scolastico 2020-2021, secondo tempi, forme e modalità stabilite dalle singole autonomie scolastiche.”

Dunque è da considerarsi corso di recupero l’attività propedeutica al rientro a scuola ma anche quella che la accompagni durante l’anno. E si chiarisce anche esplicitamente che il corso di recupero è attività didattica ordinaria, da collocarsi, in quanto tale, tra gli adempimenti contrattuali ordinari correlati alla professione docente.

Per i corsi di recupero dunque non spettano emolumenti di carattere accessorio. Tuttavia, ed è un tuttavia importante, per le attività che dovessero rendersi necessarie nel prosieguo dell’anno scolastico 2020/2021, qualora non fosse possibile inserire il recupero nell’ambito dell’attività didattica ordinaria, il ricorrere a ore di lavoro aggiuntive autorizzerà il Dirigente al pagamento di tali prestazioni nell’ambito del FIS riconosciuto per l’anno scolastico 2019-2020, e del MOF ordinario 2020-2021.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia -


Altri Articoli
18/1/2021 11:39:42 - da "CorriereRomagna"
17/1/2021 23:12:06 - da "LaTecnicadellaScuola.it"
17/1/2021 18:50:00 - da "Redattore Sociale"
17/1/2021 18:40:00 - da "Il Sole 24 Ore"
17/1/2021 18:22:29 - da "LaTecnicadellaScuola.it"
17/1/2021 18:20:00 - da Gilda/FGU nazionale
17/1/2021 18:00:00 - da Gilda/FGU Nazionale
14/1/2021 18:54:36 - da "Il Sole 24 Ore"
14/1/2021 18:49:36 - da "LaTecnicadellaScuola.it"
13/1/2021 19:00:00 - da UST di Forlì-Cesena e Rimini sede di Forlì
13/1/2021 18:40:00 - da Ministero Istruzione
13/1/2021 18:00:11 - da "LaStampa.it"
13/1/2021 17:50:00 - da "LaTecnicadellaScuola.it"
9/1/2021 17:36:10 - da "Rete degli studenti medi"
9/1/2021 17:27:50 - da "Il Messaggero"

I commenti sono di proprietà degli autori. Si declina ogni responsibilità sul loro contenuto.

Cerca

Ricerca avanzata

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale