username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta lunedì, mercoledì e venerdì dalle 16.30 alle 18.30 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Stampa : da "La tecnica della scuola" del 21 maggio 2017
Inviato da admin_CUSMA il 22/5/2017 0:13:10 (46 letture)

Quale scuola dopo Renzi e Gentiloni? Servono docenti più motivati che usino le tecnologie giuste

A. Giuliani - Domenica, 21 Maggio 2017

Abbiamo bisogno di aiutare gli educatori e gli insegnanti a ritrovare il gusto di una professione che purtroppo chiusa nelle mura anguste della scuola finisce per essa stessa a spegnersi.

A dirlo, attraverso il blog di Beppe Grillo, è Paolo Mottana, ordinario di filosofia dell'educazione Università Milano Bicocca.
Secondo il filosofo accademico, la vera riforma della scuola passa per la revisione delle “gerarchie che sono state per così dire impiegate fino ad oggi, le gerarchie che vedono un sapere organizzato frantumato in discipline, rinchiuso in luoghi dove ci sono le gabbie di discipline, di normative, di valutazioni, che costringono questo sapere a perdere il suo potenziale di interesse, di curiosità, e invece riportarli nella vita reale”.
“Per tutto questo – continua Mottana - abbiamo bisogno di una nuova formazione per insegnanti e docenti,che faccia leva davvero sulla loro capacità di stare insieme ai ragazzi. Non come controllori, non come giudici, non come agenti di sicurezza, come spesso accade, ma come compagni di un attraversamento dell'esperienza della vita. E la vita è estremamente varia, è un'arnia infinita di occasioni, di opportunità, di esperienze straordinarie. Ma non possiamo più confinarle all'interno di uno spazio così ristretto come quello della scuola”.

segue ...

E per questo motivo, “abbiamo bisogno di aprirci al territorio”, perché “l'apprendimento avviene attraverso l'esperienza, non avviene attraverso alcuna memorizzazione di qualcosa obbligata da qualcun altro, l'apprendimento che io chiamo “apprendimento per sottomissione”: un passaggio, quest’ultimo, che sembra avallare la parte della Buona Scuola che tanto ha investito nell’alternanza scuola-lavoro.
Mottana ritiene che “c'è solo bisogno di gustare le infinite opportunità che la realtà ci offre. Da questo punto di vista certamente anche le tecnologie possono avere un ruolo, che non deve essere semplicemente di lubrificazione per imparare, ma un modo per scoprire, per essere creativi”.


In assoluto, lo studioso ritiene che “bisogna andare nella direzionedi una educazione diffusa, cioè un'educazione in cui tutta la società si sente responsabile, dove la presenza di bambini e ragazzi nel mondo torna ad essere protagonista. Perché noi purtroppo abbiamo perso il loro contributo, abbiamo perso la loro vitalità, la loro freschezza, la loro spontaneità, le loro capacità chiudendoli in luoghi dove tutto questo viene soffocato”.
Il filosofo punta quindi dritto alla valorizzazione degli strumenti informatici e alle sperimentazioni in chiave tecnologica. Ma bisogna sapere scegliere, perché, sostiene, “ci sono tecnologie che ci aiutano a riprendere il mondo, rivederlo ad analizzarlo, ci sono tecnologie che ci aiutano ad acquisire conoscenze, ci sono tecnologie che però possono anche diventare un alibi per non occuparsi direttamente della realtà. E quindi le tecnologie devono essere un oggetto su cui esercitare un'attenzione critica, da somministrare secondo la dovuta calibratura, rispetto all'importanza che invece l'esperienza autentica, reale, diretta, carnale nel mondo può avere”.
“Credo – continua Mottola - che l'educazione diffusa, che per il momento ancora è soltanto abbozzata in qualche esperienza sperimentale, possa diventare per il futuro la strada da prendere. Occorre qualcuno che dalle posizioni in cui si decide come funziona l'educazione nel nostro mondo, prenda delle decisioni in questo senso. Ci aiuti a liberarci da quei sarcofagi che sono le strutture scolastiche, dentro i quali purtroppo noi abbiamo deciso di confinare una parte così importante della vita umana. E tanti soggetti che possono invece contribuire, con il loro lavoro, con la loro meraviglia, con la loro capacità ancora non contaminata a rendere migliore”.
Termina così il contributo del docente della Bicocca al dibattito sul programma della scuola del Movimento 5 Stelle: non passerà inosservato.

Rango: 2.00 (1 voto) - Vota questa notizia -


Altri Articoli
18/8/2017 16:50:00 - da "La tecnica della scuola" del 18 ago 2017
18/8/2017 16:36:21 - da Uat di Forlì-Cesena e Rimini, sede di Rimini
18/8/2017 16:32:13 - da Uat di Forlì-Cesena e Rimini, sede di Rimini
18/8/2017 15:40:00 - da Uat Forlì-Cesena e Rimini, sede di Forlì
11/8/2017 10:40:00 - da USR Emilia Romagna 9 ago. 2017
11/8/2017 10:12:29 - da Uat di Forlì-Cesena e Rimini sede di Forlì
11/8/2017 10:05:04 - da Miur: 10 agosto 2017
11/8/2017 9:50:00 - da "La tecnicadellascuola" 10 ago 2017
11/8/2017 9:35:26 - da "La tecnicadellascuola" 10 ago 2017
8/8/2017 17:10:00 - da Uat di Forlì-Cesena e Rimini sede di Forlì
8/8/2017 17:00:00 - da Uat di Forlì-Cesena e Rimini sede di Forlì
8/8/2017 16:53:36 - da Uat di Forlì-Cesena e Rimini sede di Rimini
8/8/2017 16:10:00 - da Miur: 7 ago 2017
8/8/2017 15:32:03 - da USR Emilia Romagna 8 ago. 2017
2/8/2017 18:23:29 - da"La tecnicadellascuola.it" - 01 agosto 2017

I commenti sono di proprietà degli autori. Si declina ogni responsibilità sul loro contenuto.

Cerca

Ricerca avanzata

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale