username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta lunedì, mercoledì e venerdì dalle 16.30 alle 18.30 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Stampa : da "tuttoscuola.com" del 15 giugno 2017
Inviato da admin_CUSMA il 15/6/2017 16:40:00 (99 letture)

Open in new window
Gilda Insegnanti: ‘Algoritmo della mobilità un pasticcio’


15.06.2017


Confuso, lacunoso, ampolloso, ridondante, elaborato in due linguaggi di programmazione differenti, di cui uno risalente alla preistoria dell’informatica, costruito su dati di input gestiti in maniera sbagliata. Sono questi i termini utilizzati dal pool di esperti informatici delle università di Tor Vergata e La Sapienza per descrivere l’algoritmo della mobilità 2016/2017 responsabile del caos nei trasferimenti dello scorso anno scolastico. Su richiesta della Gilda degli Insegnanti e dell’avvocato Michele Bonetti, che ha curato il ricorso del sindacato al Tar del Lazio per ottenere l’accesso agli atti negato dal Miur, gli ingegneri Alessandro Salvucci, Maurizio Giorgi, Emilio Barchiesi e Matteo Scafidi hanno analizzato il codice sorgente fornito dal ministero dell’Istruzione dopo la sentenza di condanna nei suoi confronti da parte del tribunale amministrativo.

segue ...


Risultato dello studio, è stato spiegato oggi dalla Gilda, è una perizia tecnica dalla quale emergono molte anomalie che lasciano ben poco spazio ai dubbi sulla responsabilità dell’algoritmo negli errori di assegnazione agli ambiti territoriali. Nella relazione tecnica si legge che sono stati utilizzati due linguaggi di programmazione diversi: per la fase A della mobilità il COBOL, datato e ormai sostituito da nuovi e più performanti linguaggi di sviluppo, anche in termini di sintassi logico-aritmetica; per le fasi B, C e D, il linguaggio C. ”Salta subito all’occhio che non sono stati osservati i più basilari criteri di programmazione che notoriamente si applicano. Difatti – scrivono gli analisti nella perizia – anche alla luce della semplicità dell’operazione richiesta, non si comprende quali siano le ragioni che hanno indotto il programmatore a creare un sistema ampolloso, ridondante e non orientato alla manutenibilità, specie come nel caso della fase A dell’algoritmo”.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia -


Altri Articoli
18/8/2017 16:50:00 - da "La tecnica della scuola" del 18 ago 2017
18/8/2017 16:36:21 - da Uat di Forlì-Cesena e Rimini, sede di Rimini
18/8/2017 16:32:13 - da Uat di Forlì-Cesena e Rimini, sede di Rimini
18/8/2017 15:40:00 - da Uat Forlì-Cesena e Rimini, sede di Forlì
11/8/2017 10:40:00 - da USR Emilia Romagna 9 ago. 2017
11/8/2017 10:12:29 - da Uat di Forlì-Cesena e Rimini sede di Forlì
11/8/2017 10:05:04 - da Miur: 10 agosto 2017
11/8/2017 9:50:00 - da "La tecnicadellascuola" 10 ago 2017
11/8/2017 9:35:26 - da "La tecnicadellascuola" 10 ago 2017
8/8/2017 17:10:00 - da Uat di Forlì-Cesena e Rimini sede di Forlì
8/8/2017 17:00:00 - da Uat di Forlì-Cesena e Rimini sede di Forlì
8/8/2017 16:53:36 - da Uat di Forlì-Cesena e Rimini sede di Rimini
8/8/2017 16:10:00 - da Miur: 7 ago 2017
8/8/2017 15:32:03 - da USR Emilia Romagna 8 ago. 2017
2/8/2017 18:23:29 - da"La tecnicadellascuola.it" - 01 agosto 2017

I commenti sono di proprietà degli autori. Si declina ogni responsibilità sul loro contenuto.

Cerca

Ricerca avanzata

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale