username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Gli Speciali
Mobilità
Utilizzazioni/Assegnazioni provvisorie
Contratti

Top News

Collegamenti


Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta lunedì, mercoledì e venerdì dalle 16.30 alle 18.30 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Cookie Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Ignorando questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
RSS Feed
« 1 ... 71 72 73 (74) 75 76 77 »
Comunicati : dalla federazione Gilda-Unams: Parere alla VII Commissione Cultura e Istruzione della Camera dei Deputati sui Decreti delegati relativi alla riforma della Scuola Secondaria di II grado.
Inviato da admin_CUSMA il 6/11/2009 16:34:26 (377 letture)

Federazione Gilda-Unams - Parere alla VII Commissione Cultura e Istruzione della Camera dei Deputati sui Decreti delegati relativi alla riforma della Scuola Secondaria di II grado.

Le bozze dei Regolamenti sul riordino dei Licei, degli Istituti tecnici e dei Professionali hanno suscito da subito da parte della Gilda –Unams perplessità e preoccupazione, già espresse apertamente e ufficialmente in tutti gli incontri istituzionali a cui essa ha partecipato.
Dubbi non pregiudiziali, ma in relazione al merito delle innovazioni e al metodo con cui è stato seguito l’ iter.
segue.....

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 13115 bytes | Commenti?
Comunicati : Crocifisso/ Corte Ue dice no. Italia ricorre, per Cei è ideologia
Inviato da admin_CUSMA il 3/11/2009 20:58:15 (460 letture)

La sentenza della Corte europea di Strasburgo sul crocifisso che ha stabilito che esporre il crocifisso nelle classi della scuola pubblica è contrario al diritto dei genitori di educare i loro figli secondo le proprie concezioni religiose, e al diritto degli alunni alla libertà di religione "è stata accolta in Vaticano con stupore e rammarico": lo rende noto il portavoce della Santa Sede padre Federico Lombardi, secondo il quale "non è per questa via che si viene attratti ad amare e condividere di più l'idea europea, che come cattolici italiani abbiamo fortemente sostenuto fin dalle sue origini".
segue.......

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2177 bytes | Commenti?
Comunicati : Decreto Brunetta, domani in Gazzetta Ufficiale
Inviato da admin_CUSMA il 30/10/2009 18:17:37 (487 letture)

dal Sole 24 Ore - Il decreto legislativo Brunetta è stato firmato dal Capo dello Stato e sarà pubblicato domani 31 ottobre in Gazzetta Ufficiale, per entrare in vigore già dal 1 novembre.
Peraltro, il ministro Brunetta medesimo intende avvalersi subito della facoltà, che si è personalmente attribuito, di rivedere (innalzandole) le fasce di reperibilità per le visite fiscali, ovvero portandole a 7 ore giornaliere dalle 9,oo-13,oo e dalle 15,oo-18,oo.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Comunicati : dalla nostra delegazione al Miur - E' SALTATO L' INCONTRO ODIERNO SUI PRECARI DELLE LISTE DI DISPONIBILITA'
Inviato da admin_CUSMA il 21/10/2009 14:51:15 (489 letture)

21.10.2009 - E' SALTATO L' INCONTRO ODIERNO SUI PRECARI DELLE LISTE DI DISPONIBILITA'

L' incontro programmato per le ore 10,00 di stamattina per far chiarezza in merito al Decreto salvaprecari ed alla Convenzione MIUR/INPS è stato improvvisamente annullato a causa delle "incertezze" parlamentari sulla questione.

seguono altre notizie .......

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 1585 bytes | Commenti?
Comunicati : Raiscuola, nuovo canale tv pronto al via
Inviato da admin_CUSMA il 18/10/2009 19:23:04 (515 letture)

Raiscuola, il nuovo canale tv pronto al via

Prenderanno il via lunedì 19 ottobre le trasmissioni del nuovo canale di Rai Educational: un canale per la scuola e della scuola; realizzato dalla Rai ma anche dai ragazzi che trovano uno spazio per portare in tv i loro problemi, i loro punti di vista, le loro aspettative con materiali filmati autoprodotti.

Sul sito www.fuoriclasse.rai.it, attraverso delle minifiction, verrà illustrato il modo per realizzare e produrre i racconti audiovisi, che poi verranno pubblicati online sulla web tv.

Target del progetto lo studente, di varie fasce d’età e non più solo italiano ma europeo, per conoscere e capire realtà diverse, materie e metodi, rapporto docenti/alunni; possibilità di lavoro dopo la scuola, l’interazione con la famiglia. Studenti a tutte le età con l’eucazione permanente, università della terza età per superare con l«insegnamento che arriva nelle case, barriere psicologiche e ambientali.

Pensato anche per studenti adulti e giovani adulti stranieri che devono imparare l’italiano, il programma ha come riferimento il MIUR e altri enti pubblici. Ricca l’offerta del palinsesto. Il Divertilingue (in onda tutti i giorni dalle ore 8.30 alle ore 10.30, in replica ogni 4 ore) dedicato ai bambini e ai docenti per l’apprendimento delle lingue a scuola ed a casa attraverso la televisione.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Comunicati : Ecco gli emendamenti approvati al dl 134/09 "salvaprecari" relativi agli inserimenti a pettine nelle GE.
Inviato da admin_CUSMA il 14/10/2009 17:34:15 (572 letture)

Emendamenti approvati al DL 134/09 in data 13 ottobre 2009

Dopo il comma 1, aggiungere il seguente:
1-bis. In attuazione del Codice dell'Amministrazione digitale, di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, gli atti di convocazione dei supplenti, ai fini del conferimento delle supplenze stesse, avvengono anche attraverso la casella di posta elettronica certificata.
1. 32. (Nuova formulazione) Paladini, Porcino.
(Approvato)

Al comma 2, dopo le parole: e successive comunicazioni sono inserite le seguenti: , ai docenti inseriti nelle graduatorie ad esaurimento che, nell'anno scolastico 2008-2009, hanno conseguito attraverso graduatorie di istituto supplenze temporanee di almeno 180 giorni.
1. 300. (Nuova formulazione)Il Relatore.
(Approvato)

Dopo il comma 4, inserire i seguenti:
4-bis. L'articolo 1, comma 605, lettera c), della legge 27 dicembre 2006, n. 296, si interpreta nel senso che nelle operazioni di integrazione ed aggiornamento delle graduatorie permanenti di cui all'articolo 1 del decreto-legge 7 aprile 2004, n. 97, convertito, con modificazioni, nella legge 4 giugno 2004, n. 143, è consentito ai docenti che ne fanno esplicita richiesta, oltre che la permanenza nella provincia prescelta in occasione dell'aggiornamento delle suddette graduatorie per il biennio 2007-2008 e 2008-2009, di essere inseriti anche nelle graduatorie di altre provincie dopo l'ultima posizione di III fascia nelle graduatorie medesime.

4-ter. Nelle operazioni di integrazione ed aggiornamento delle graduatorie permanenti di cui al citato articolo 1 del decreto-legge n. 97 del 2004, convertito, con modificazioni, nella legge n. 143 del 2004, trasformate in graduatorie ad esaurimento dal citato articolo 1, comma 605, lettera c), della legge n. 296 del 2006, da disporre con decorrenza dal 1o settembre 2009 per il biennio scolastico 2009-2010 e 2010-2011, non è consentito modificare la scelta già precedentemente effettuata, in merito all'attribuzione del punteggio per i servizi prestati in relazione ad una o più specifiche graduatorie.
4-quater. A decorrere dall'anno scolastico 2010-2011, non è consentita la permanenza nelle graduatorie ad esaurimento dei docenti che hanno già stipulato contatto a tempo indeterminato per qualsiasi tipologia di posti di insegnamento o classi di concorso.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Comunicati : Consiglio dei Ministri n. 65 del 9/10/2009
Inviato da admin_CUSMA il 9/10/2009 20:20:00 (448 letture)

La Presidenza del Consiglio dei Ministri comunica:

il Consiglio dei Ministri si è riunito oggi, alle ore 9,50 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente, Silvio Berlusconi.

Segretario, il Sottosegretario di Stato alla Presidenza, Gianni Letta.

E' stato approvato il seguente provvedimento:

su proposta del Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione, Renato Brunetta:

- un decreto legislativo che dà attuazione alla delega conferita al Governo per riformare in maniera organica la disciplina del rapporto di lavoro dei dipendenti pubblici; le nuove norme intervengono in materia di contrattazione collettiva, valutazione del personale, dirigenza pubblica, responsabilità disciplinare, promozione delle pari opportunità, esaltando il fondamentale principio della valorizzazione del merito. Obiettivi particolari del provvedimento sono assicurare una migliore organizzazione del lavoro, consentire il raggiungimento di standard qualitativi ed economici elevati nello svolgimento delle funzioni e nell’erogazione dei servizi per i cittadini. In linea con quanto avviene nei Paesi dell’area OCSE, la filosofia che informa le nuove norme si basa sul miglioramento della qualità della prestazione di lavoro, sull’incoraggiamento delle selezioni dei migliori, sul valorizzare capacità e risultati nell’affidamento di incarichi dirigenziali, anche al fine di rafforzare l’autonomia ed i poteri della stessa dirigenza pubblica. Sul provvedimento sono stati acquisiti i pareri e le intese delle Commissioni parlamentari e della Conferenza unificata;

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2809 bytes | Commenti?
Comunicati : da Gilda=FGU Nazionale - Il business delle graduatorie tra avvocati e baroni.
Inviato da admin_CUSMA il 3/10/2009 23:49:44 (429 letture)

3.09.2010 - COMUNICATO STAMPA

Il business delle graduatorie tra avvocati e baroni.

Un fiorente commercio di ricorsi al Tar del Lazio: un giro di centinaia di migliaia di Euro.

Si tratta della valanga di ricorsi presentati da vari avvocati, alcuni collegati ad un sindacato, tendenti ad ottenere l’inserimento a “pettine”, anziché in coda alle graduatorie ad esaurimento dei precari della scuola, docenti e non.

Dato che i ricorsi al Tar possono essere collettivi, basta chiedere una cifra modesta per la singola persona, qualche volta cento, qualche altra trecento Euro, per raccogliere, di fronte alla prospettiva di una immissione in ruolo o di almeno una supplenza annuale, migliaia di precari.

E’ chiaro che, per chi organizza i ricorsi collettivi, il giro d’affari diventa molto appetibile.

La legge aveva previsto che queste graduatorie dei precari della scuola, fossero appunto non più permanenti, ma “ad esaurimento”, consentendo che vi si potessero inserire solo quelli che stavano concludendo una procedura abilitante oppure quelli che stavano concludendo i corsi universitari abilitanti (SSIS e scienze formazione primaria).

Trovando un qualche cavillo nei decreti ministeriali attuativi, alcuni avvocati sono riusciti ad ottenere dei provvedimenti di sospensiva dal Tar del Lazio, in base ai quali, in attesa del giudizio di merito (potrebbero volerci anni), i ricorrenti verrebbero inseriti immediatamente “a pettine”.

C’è un piccolo particolare: i ricorsi sono stati presentati al Giudice sbagliato, e sono stati accolti solo perché l’Avvocatura dello Stato ed il Ministero sembrano non essersene accorti.

Infatti la Cassazione, a sezioni riunite, si è espressa più volte sulla materia ed ha stabilito, in maniera inequivocabile, che il contenzioso sulle graduatorie dei precari è competenza del Giudice ordinario e non del Tar.

L’ultima decisione della Cassazione è recente, 17 novembre 2008 e ne richiama anche un’altra del mese di febbraio 2008. I giudici della Corte suprema hanno infatti stabilito che non si tratta di una procedura concorsuale, mancando un bando, la procedura di valutazione, e un atto di approvazione finale che individui i vincitori.

Perché le avvocature dello Stato non hanno eccepito la competenza del Tar?

E’ mai possibile che non esista una “certezza del diritto”?

Per quale motivo da anni ormai (ricordiamo la faccenda del punteggio di montagna?) le norme sui precari vengono scritte con falle giuridiche che scatenano la guerra tra i poveri?

Perché i precari sono costretti a pagare delle vere e proprie tasse aggiuntive, prima arricchendo chi organizza i corsi on line ed ora anche gli avvocati?

La Gilda degli Insegnanti attende dal governo risposte chiare e conclusive entro pochi giorni.


Roma, 3 ottobre 2009


UFFICIO STAMPA GILDA INSEGNANTI



Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Comunicati : da IMGPress - Visite di idoneità psico fisiche per i 10 mila dirigenti scolastici
Inviato da admin_CUSMA il 4/11/2009 11:43:28 (659 letture)

ADRIANO FONTANI, PRESIDENTE COMITATO NAZIONALE ANTI MOBBING SCOLASTICO

Visite di idoneità psico fisiche per i 10 mila dirigenti scolastici

(03/11/2009) - E il Dirigente Scolastico disse alla Professoressa disabile: "Alzati e cammina". Ma lui, a differenza di Cristo, le fece pure un Ordine di Servizio e un Addebito disciplinare perché ella si rifiutava comunque di obbedirgli salendo le scale. E' solo una delle tante storie di follie, abusi, crimini ed illegalità di vario genere che da anni si consumano da parte di troppi Dirigenti Scolastici (DS) affetti da delirio di onnipotenza nell'odierna Scuola Pubblica ormai completamente Feudalizzata da 10 anni di Autonomia (nell'indifferenza quando non con l'attiva complicità delle gerarchie e dell'intera Amministrazione Scolastica). Una delle tante che si sono scambiati docenti ed altri dipendenti della Scuola Pubblica provenienti da Centro, Nord e Sud Italia, membri del nostro Comitato, riunitisi sabato mattina a Roma nei pressi della Stazione Termini per documentare con una casistica sconcertante il tema che si erano dati per l'incontro: "10 ANNI di AUTONOMIA SCOLASTICA (1999-2009): SCUOLA DEMOCRATIZZATA o FEUDALIZZATA? GRIDO D'ALLARME e PUBBLICA DENUNCIA SUL PREOCCUPANTE DEGRADO di LEGALITA', DIRITTO, DEMOCRAZIA, CRESCENTI LIVELLI di OMERTA' INTIMIDAZIONI NELLA SCUOLA PUBBLICA POST-AUTONOMIA!".
segue.......

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 6788 bytes | Commenti?
Comunicati : da Tecnica della Scuola - ''Decreto Brunetta'' in GU: sarà legge dal 15 novembre
Inviato da admin_CUSMA il 2/11/2009 12:11:00 (452 letture)

''Decreto Brunetta'' in GU: sarà legge dal 15 novembre

di Reginaldo Palermo

Pubblicato nel supplemento ordinario del 31 ottobre, il DPR n. 150 dà attuazione alla delega contenuta nella legge n. 15 del 4 marzo 2009. Riscritti quasi del tutto molti articoli dell'attuale TU sul pubblico impiego. Il nodo delle elezioni RSU.
Ancora due settimane e poi il “decreto Brunetta” entrerà in vigore: sta scritto nelle ultime righe del DPR n. 150 del 27 ottobre (“Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni”) pubblicato nel supplemento ordinario n. 197 della Gazzetta Ufficiale del 31 ottobre 2009.
E così il ministro Renato Brunetta mette a segno un altro punto nella sua battaglia contro le inefficienze e gli sprechi, veri e presunti, della Pubblica Amministrazione.
Ad una prima lettura non si notano differenze significative fra il testo pubblicato e quello che già si conosceva e che era stato approvato dal Consiglio dei Ministri il 9 ottobre scorso.
Come è noto alcune norme (per esempio quelle sulla contrattazione, sulla dirigenza pubblica e sul codice disciplinare) si applicano fin da subito anche al comparto scuola e al personale docente e Ata; altre invece dovranno essere recepite da un decreto della Presidenza del Consiglio: è il caso delle norme che riguardano il merito e la “premialità” (ovvero il riconoscimento di compensi accessori non a tutto il personale ma solo a quote percentuali predeterminate).
Va anche detto che le stesse norme relative al codice disciplinare del personale Ata entreranno in vigore con la prossima tornata contrattuale: per adesso, dunque, restano in vigore le regole attuali.
Ma, al momento, a creare contrasti è soprattutto il terzo comma dell’articolo 65 che recita precisamente: “In deroga all'articolo 42, comma 4, del decreto legislativo n. 165 del 2001, sono prorogati gli organismi di rappresentanza del personale anche se le relative elezioni siano state già indette. Le elezioni relative al rinnovo dei predetti organismi di rappresentanza si svolgeranno, con riferimento ai nuovi comparti di contrattazione, entro il 30 novembre 2010”.
segue.....

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3079 bytes | Commenti?
Comunicati : RSU di istituto: quattro sindacati non presentano liste
Inviato da admin_CUSMA il 28/10/2009 19:22:49 (445 letture)

CISL Scuola, UIL Scuola, SNALS Confsal e GILDA Unams, a differenza di quanto deciso dalla Cgil-scuola e dai Cobas, hanno ufficialmente deciso di non presentare liste per le elezioni delle RSU nelle scuola.

In un comunicato unitario spiegano le ragioni della loro decisione, precisando che, preso atto dell'approvazione definitiva del "decreto Brunetta" che dispone la proroga per le attuali RSU ed il conseguente rinvio delle elezioni per il loro rinnovo, da svolgersi comunque entro il mese di novembre 2010, nelle more della pubblicazione del decreto sulla Gazzetta Ufficiale, non procederanno alla presentazione di liste per quelle che avrebbero dovuto essere le elezioni del prossimo dicembre.

Secondo il comunicato dei quattro sindacati sono queste le ragioni:

lo stesso decreto prevede la riduzione dei Comparti di contrattazione e la loro ridefinizione in sede di accordo sindacale con l'ARAN;
la nuova composizione dei comparti comporta l'accertamento della rappresentatività delle Organizzazioni Sindacali in relazione alla diversa composizione dei Comparti stessi;
è necessario garantire nel frattempo la rappresentanza sindacale all'interno delle scuole quale presidio irrinunciabile per contrattazione decentrata;
la contrattazione decentrata è parte rilevante dell'accordo sul nuovo modello contrattuale non sottoscritto dalla CGIL;
la proroga prevista dall'art. 65 del "decreto Brunetta", assicurando la continuità e il pieno esercizio delle prerogative negoziali delle attuali RSU, non appare in contrasto con quanto sopra enunciato;
Una diversa azione basata solo su formalismi burocratici e sulle lungaggini del sistema, avrebbe le caratteristiche di un tatticismo strumentale senza concreti sbocchi strategici che penalizzerebbero il personale e le proprie rappresentanze.

da Tuttoscuola

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Comunicati : SCUOLA/ Torna la “certificazione delle competenze”: minaccia burocratica o valido strumento?
Inviato da admin_CUSMA il 19/10/2009 12:25:54 (599 letture)

Torna la “certificazione delle competenze”: minaccia burocratica o valido strumento?


di Tiziana Pedrizzi
lunedì 19 ottobre 2009

Dopo un’orgia lunga un anno sui voti, mentre le operazioni di valutazione esterna procedevano sottotraccia, torna la “certificazione delle competenze”. È attesa a giorni l’uscita del modello ministeriale della certificazione delle competenze al termine dell’obbligo (2° superiore o 16 anni); il Regolamento sulla Valutazione all’art. 8 l’ha riportata agli onori del mondo, non solo al termine della scuola media, ma anche, sensatamente, al termine delle elementari.

Un ennesimo tormentone buropedagogico o qualcosa di utile?

La ragione di questa ripartenza sta nella Legge 53 (Legge Moratti) che ne fornisce all’art 3 il fondamento normativo ineludibile. Un articolo largamente sottovalutato a suo tempo, che ora sta esplodendo a distanza di anni come una bomba ad orologeria: è infatti quello che prevede anche la valutazione standardizzata esterna degli apprendimenti.

C’è chi sembra pensare che - così come ai giorni nostri il the è di sinistra e il caffè di destra (50 anni fa era il contrario) - così i voti sono di destra e la certificazione delle competenze di sinistra. Gli schieramenti in proposito ne sono la conseguenza.

segue......

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 5414 bytes | Commenti?
Comunicati : Tuttoscuola: Maturità 2010. Confermate le novità per l'ammissione
Inviato da admin_CUSMA il 17/10/2009 17:14:09 (528 letture)

Maturità 2010. Confermate tutte le novità per l'ammissione all'esame finale.

Con circolare n. 85/2009 la Direzione Generale per gli ordinamenti scolastici del Miur ha fornito indicazioni relative alle procedure di ammissione all'esame di Stato del 2009-10.

In particolare è stata confermata l'applicazione della nuova norma prevista dal regolamento sulla valutazione degli alunni (dpr 122/2009), in base alla quale da quest'anno anche per l'ammissione all'esame di Stato occorre la sufficienza in ogni disciplina oltre che nel comportamento, come già avvenuto per la prima volta quest'anno per gli alunni ammessi all'esame di licenza della scuola media.
Nel 2008-09 per l'ammissione all'esame di Stato era solo necessario conseguire almeno la media complessiva del sei, compreso il voto di comportamento.


Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Comunicati : da C.G.U. Confederazione Gilda-UNAMS - Decreto Brunetta: sulla privatizzazione del lavoro pubblico indietro tutta
Inviato da admin_CUSMA il 10/10/2009 19:45:00 (474 letture)

10.10.2009 - Decreto Brunetta: sulla privatizzazione del lavoro pubblico indietro tutta

Il consiglio dei ministri ha approvato nella mattinata del 9 ottobre il decreto legislativo che riforma il rapporto di lavoro nel pubblico impiego (decreto Brunetta).

La parte più importante del decreto (Schema di decreto legislativo di attuazione della legge 4 marzo 2009 n. 15 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni) è al Titolo IV dove sono scritte norme imperative che cambiano radicalmente le regole in materia di lavoro pubblico.

Dalla fine degli anni '90 i Governi che si sono succeduti alla guida del paese hanno progressivamente consentito che il lavoro dei pubblici dipendenti venisse privatizzato e regolato solo dal sistema della contrattazione. Il Decreto Legislativo 165 del 2001 aveva sancito definitivamente il processo.

Il ruolo del sindacato è diventato in questi anni sempre più determinante e il sistema dei Contratti ha potuto anche derogare dalle leggi del Parlamento se non addirittura rendere inefficaci quelle in contrasto con le scelte contrattuali.

Il vantaggio del sistema privatistico è nella sua estrema flessibilità sia rispetto ai tempi di approvazione, applicazione e modifica, sia nella possibilità di adattare le regole alle singole specificità lavorative.

Sul piano della legittimità democratica quel sistema ha mostrato certamente forti limiti.

Ora si cambia, il Governo ristabilisce il primato della Legge su quello dei Contratti individuando una serie di materie, prima contrattualizzate, che torneranno ad essere regolate per legge.

I Contratti dovranno restare all'interno delle leggi e delle regole dello Stato e potranno derogare”solo se esplicitamente autorizzati.

Il Decreto ottiene l'effetto voluto di ridurre in modo determinante il ruolo del sindacato nelle scelte e nelle decisioni.

Gli altri elementi portanti di questo Decreto legislativo sono quelli sulla misurazione del merito dei dipendenti pubblici con l’inserimento in improbabili e rigide fasce di merito e il rafforzamento del ruolo dei dirigenti a cui sono assegnati forti responsabilità in ordine ai risultati.

Da questo sistema sono fuori i docenti della scuola delle accademie e conservatori, i tecnologi e i ricercatori a loro ci penserà il ministro Gelmini.

“Siamo convinti - ha detto il Segretario Generale prof. Alessandro Ameli - che al di là degli annunci ad effetto questo decreto creerà innumerevoli problemi nei luoghi di lavoro, esso infatti irrigidisce il sistema del lavoro pubblico e lo ingabbia in regole che renderanno la vita difficile a tutti i dipendenti, non aiutandoli certo a lavorare meglio. Appare poi assolutamente insensato che un 25% di dipendenti debba necessariamente essere collocata tra i bravi (meritevoli di premi e carriera) e un altro 25% debba essere classificato per legge non meritevole. Sappiamo bene - ha aggiunto Ameli - che questo meccanismo è finalizzato al risparmio di spesa strutturale: di più a pochi, al palo tutti gli altri anche se fanno lo stesso lavoro, che questo meccanismo possa attivare circoli virtuosi appare molto lontano dalla realtà. Tant'è che nemmeno i datori di lavoro privati (quelli veri) usano più sistemi di questo tipo.



Roma, 10 ottobre 2009

Ufficio stampa CGU

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Comunicati : Iscrizioni alle superiori posticipate a febbraio
Inviato da admin_CUSMA il 8/10/2009 11:10:00 (428 letture)

di Eugenio Bruno

Per scegliere la scuola superiore dei propri figli le famiglie avranno un mese in più di tempo. A confermarlo è stato il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini durante l'audizione in commissione Cultura alla Camera: il termine per le iscrizioni «sarà posticipato a febbraio perché, viste le novità della riforma, è necessario che genitori e studenti siano messi nelle condizioni di scegliere con consapevolezza il percorso di studi».

Come spiegato dalla stessa responsabile di viale Trastevere lo slittamento della scadenza è stato provocato dall'impasse politico-istituzionale che si è creato tra l'esecutivo e i governatori. I regolamenti con la riforma dei licei e degli istituti tecnici e professionali sono stati approvati in prima lettura dal Consiglio dei ministri prima della pausa estiva. Da allora sono in attesa del visto della Conferenza Stato-Regioni necessario per ottenere il via libera definitivo. Un adempimento che finora è mancato per i contrasti tra governo centrale e autonomie sulle risorse per sanità e Fas.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
« 1 ... 71 72 73 (74) 75 76 77 »

Cerca

Ricerca avanzata

Convenzioni Istituzioni
Convenzioni Istituzioni

Prossimi eventi
Nessun evento

Calendario
Mese PrecedenteDic 2017Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
Oggi

Videonews

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Iscrizione
Open in new window



Newsletter
Iscrivetevi sulla nostra
Newsletter !
La vostra e-mail :

Formato 

Iscrizione avanzata.

Galleria

Nuovi utenti
CharleyBat 12/12/2017
TaneshaPea 12/12/2017
ChetYbt803 12/12/2017
GIULIOGRN 26/11/2017
dolcefranc 5/5/2017
mineanto 28/4/2017
frpche 25/4/2017
Albinoturc 15/3/2017
RenzettiB 14/11/2016
teruccia 22/10/2016

Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale