username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Gli Speciali
Mobilità
Utilizzazioni/Assegnazioni provvisorie
Contratti

Top News

Collegamenti


Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta lunedì, mercoledì e venerdì dalle 16.30 alle 18.30 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Cookie Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Ignorando questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
« 1 (2) 3 4 5 ... 703 »
Concorsi : da "LaTecnicadellaScuola.it" 1.02.2019
Inviato da admin_CUSMA il 1/2/2019 14:00:00 (55 letture)

Open in new window
Concorso scuola 2019, quali sono gli esami utili ai 24 CFU

di F. De Angelis - 01/02/2019


Possiamo senza dubbio affermare che il 2019 è l’anno dei concorsi: oltre al concorso straordinario infanzia e primaria, le cui prove orali potrebbero aversi a breve, si attende il concorso ordinario sempre per la scuola dell’infanzia e primaria.

Invece, per la scuola secondaria, è previsto un primo concorso che dovrebbe seguire le modifiche apportate dalla legge di bilancio 2019 sul reclutamento.

Possono partecipare i laureati con 24 CFU

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 6124 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 29 gen 2019
Inviato da admin_CUSMA il 29/1/2019 22:00:00 (56 letture)

Open in new window
Pensioni quota 100, come presentare la domanda. Messaggio Inps

di Andrea Carlino - 29/01/2019

È stato pubblicato il decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, che disciplina l’accesso al trattamento di pensione “Quota 100″ alla pensione anticipata, ordinaria e cosiddetta “Opzione donna”.

All’articolo 14, comma 7, ai fini del conseguimento della pensione quota 100 per il personale del comparto scuola ed AFAM si applicano le disposizioni di cui all’articolo 59, comma 9, della legge 27 dicembre 1997, n. 449.

In sede di prima applicazione, entro il 28 febbraio 2019, il relativo personale a tempo indeterminato può presentare domanda di cessazione dal servizio con effetti dall’inizio rispettivamente dell’anno scolastico o accademico.

Sono attesi due provvedimenti entro 60 giorni dalla conversione del decreto, per regolare l’anticipo del trattamento di fine servizio (Tfs) dei dipendenti pubblici che lasceranno il lavoro.

Una è l’intesa tra ministeri del Lavoro, dell’Economia, della Pubblica Amministrazione e Abi per il finanziamento bancario; l’altro, invece, è il decreto del Presidente del Consiglio (Dpcm) con le modalità attuative.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 5349 bytes | Commenti?
Pensioni : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 28 gen 2019
Inviato da admin_CUSMA il 28/1/2019 17:45:57 (64 letture)

Open in new window
Pensioni quota 100, sarà fuga di massa nella scuola?

di A. C. - 28/01/2019

Il Consiglio dei Ministri, lo scorso 17 gennaio, ha approvato il decreto quota 100 (firmato stamattina dal Capo dello Stato) che ha ampliato la possibilità di pensionamento anche per il personale della scuola.

Quanti aderiranno a quota 100?

Quanti saranno coloro che andranno in pensione con il meccanismo di quota 100? Le indiscrezioni sono molteplici: da 70mila a 10mila, passando per 50mila che si aggiungerebbero ai 25mila che già hanno effettuato la domanda. Non si sa ancora, è bene precisare, il numero preciso di coloro che inoltrerà istanza di messa a riposo.

A scoraggiare molto, purtroppo, l’assegno più basso e l’assegnazione ritardata di buona parte del Tfr, visto che solo 30 mila euro verrebbero corrisposti subito.

Secondo quanto segnala il sindacato, ci sarà un assegno ridotto tra i 200 euro per i collaboratori scolastici e di 330 euro per i docenti. Ma anche di un importo che va dai 10 mila e i 15 mila euro in meno di Tfr.

Il calcolo riguarda docenti e Ata con 62 anni di età e 38 di contributi e viene messo a confronto con il pensionamento previsto con le regole della legge Fornero (quindi a 67 anni).

Agli articoli 14 e 15 il Decreto legge prevede che il personale scolastico e Afam a tempo indeterminato possa presentare, entro il 28 febbraio istanza di cessazione dal servizio con effetti dall’inizio rispettivamente dell’anno scolastico o accademico (per Afam, ndr) (vale a dire, nel caso degli insegnanti, con uscita al 1° settembre 2019).

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3154 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnbicadellaScuola.it" del 25 gen 2019
Inviato da admin_CUSMA il 25/1/2019 22:50:00 (82 letture)

Open in new window
Stipendi docenti italiani fermi, in Germania guadagnano il doppio: la petizione Gilda già a 10 mila firme

di Alessandro Giuliani - 25/01/2019

Ha raggiunto la quota non indifferente di quasi 10 mila adesioni la petizione on line promossa dalla Gilda degli Insegnanti una settimana fa per incentivare gli stipendi del corpo insegnante:

l’iniziativa, indirizzata al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, punta a chiedere lo “scongelamento” dello scatto di anzianità del 2013 (con i soldi oggi destinati al “merito”) e l’aumento degli stipendi dei docenti, il cui potere di acquisto è ai livelli storici negativi: l’aumento di 85 euro lordi arrivato con il rinnovo del contratto dello scorso aprile, non ha infatti colmato il gap rispetto ai compensi medi dell’Ue e all’inflazione.

Un obiettivo che il sindacato autonomo intende centrare utilizzando anche le risorse destinate dalla famigerata legge 107/2015 al finanziamento del bonus merito.

segue ...

Rango: 9.00 (4 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4909 bytes | Commenti?
Esami : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 24 gen 2019
Inviato da admin_CUSMA il 24/1/2019 21:30:02 (37 letture)

Open in new window
Maturità 2019: protestano studenti e prof

di Redazione - 24/01/2019

Non piacciono quasi a nessuno le modifiche che sono state introdotte nell’esame di Stato conclusivo della scuola secondaria di secondo ciclo.

Le proteste si concentrano soprattutto sul fatto che le novità siano state portate a conoscenza di docenti e studenti a metà anno scolastico, quando ormai tutti davano per scontato che per il 2018/19 non sarebbe cambiato nulla.

Per la verità il cambio delle regole in corso d’opera non è una novità nella scuola italiana: il caso più clamoroso si ebbe esattamente 50 anni fa, il 15 febbraio del 1969, quando con un decreto legge il Governo stravolse completamente l’esame di Stato.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2113 bytes | Commenti?
Pensioni : da "PensioniOggi.it" del 21 gen 2019
Inviato da admin_CUSMA il 22/1/2019 12:50:00 (100 letture)

Quota 100, Il Bluff della penalizzazione del 20% dell'assegno

di B. Diaz - Lunedì, 21 Gennaio 2019

Il Governo non ha previsto una penalità sulle regole di calcolo dell'assegno. Ma nonostante ciò continuano a girare cifre allarmanti circa una riduzione del trattamento sino al 20%.

In queste ore continuano ad arrivare in redazione tante richieste circa presunte penalità sulla pensione con la quota 100 per coloro interessati ad aderire alla misura. Si parla di penalizzazioni anche nell'ordine del 20-25%. Abbiamo già chiarito, in tempi non sospetti, che queste penalità sono sbandierate nel tentativo di screditare la misura da molti organi di stampa. E' inutile allarmismo.
Bisogna sempre metterci d'accordo su cosa si intende per penalità. Se vado in pensione con qualche anno di anticipo verso meno contributi. Quindi è ovvio che prendo un assegno inferiore a quello che avrei preso se avessi continuato a lavorare per altro tempo. E' la scoperta dell'acqua calda.

segue ...

Rango: 7.00 (1 voto) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3424 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 22 gen 2019
Inviato da admin_CUSMA il 22/1/2019 12:03:17 (55 letture)

Open in new window
Vincolo di permanenza di cinque anni per tutti i docenti?

di F. De Angelis - 22/01/2019

L’emendamento dei relatori Mauro Coltorti (M5S) e Daisy Pirovano (Lega) all’articolo 10 del disegno di legge As 989, il cosiddetto Semplificazioni, prevede il blocco quinquennale dei docenti di ogni ordine e grado. Il testo del disegno di legge è ancora in via di approvazione al Senato.

Vincolo quinquennale per tutti


In pratica l’idea dei due relatori è quella di inserire il vincolo sulla stessa sede, stessa tipologia di posto e classe di concorso. Italia Oggi precisa che il vincolo «di cui all’articolo 13, comma 3, terzo periodo, del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 59, come modificato dalla legge 30 dicembre 2018, n. 145», e dunque 5 anni, «si applica al personale docente ed educativo di ogni ordine e grado di istruzione, qualunque sia la procedura utilizzata per il reclutamento».

Lo scopo di questo vincolo sarebbe dovuto alla volontà di uniformare tutti i docenti di tutti gli ordini al vincolo di cinque anni, che è già presente per i neoassunti nella secondaria, vincitori dei concorsi della Buona scuola indetti con il decreto n. 59/2017 e per i docenti di sostegno, vincolo che però interessa la classe di concorso ma non la sede.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3481 bytes | Commenti?
Stampa : da "Repubblica.it" del 20 gen 2019
Inviato da admin_CUSMA il 20/1/2019 23:06:38 (47 letture)

LA MATURITÀ DIVENTA DI COPPIA

domenica 20 gennaio 2019 - Stefano Bartezzaghi


Come prima cosa, guardiamo in faccia la realtà, accettiamola e non parliamo più di «nuovo esame di maturità». Millesimiamola, come lo champagne e il vocabolario Zingarelli; datiamola come la legge finanziaria o le edizioni del festival di Sanremo: insomma chiamiamola « Maturità 2019 » . Mangiamo-la, infine, quest’altra foglia: l’esame di stato per diplomare gli studenti delle superiori viene ormai variato ogni anno e chissà come sarà nel 2020, quando cambierà anche il decennio. I degustatori più esperti oltre all’anno sanno anche specificare l’autore, il ministro che aveva reso interne le commissioni, quello che aveva cambiato i criteri per la seconda materia. Aggiungi l’Invalsi, togli l’Invalsi, in un tripudio di trovate, fughe in avanti, marce indietro, figurazioni estrose in cui la politica scolastica perviene alla più imprevedibile delle sue possibili trasformazioni: la coreografia. A proposito di arte della danza, il 2019 si specializza nel « pas de deux » : si introduce la doppia materia. Perché scegliere fra Greco e Latino (per il classico), fra Matematica e Fisica (per lo scientifico), fra Scienze degli alimenti e Laboratorio di servizi enogastronomici per l’istituto professionale per i servizi di enogastronomia? Salviamo entrambe le materie, abbiniamole nello stesso esame, facciamole ballare assieme – qualsiasi cosa ciò voglia dire.

segue ...

Rango: 10.00 (1 voto) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4727 bytes | Commenti?
Concorsi : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 29 gen 2019
Inviato da admin_CUSMA il 29/1/2019 22:19:56 (40 letture)

Concorso Dsga, il 15 marzo data e sede della prova preselettiva. Le info utili

di F. De Angelis - 29/01/2019


Sono state complessivamente 102.900 le domande di partecipazione al concorso per Dsga, che mette in palio 2004 posti.

Le Regioni con il maggior numero di domande inoltrate sono Campania (20.143), Lombardia (12.885), Sicilia (10.695), Lazio (9.833).

Il prossimo passo: la prova preselettiva

Dopo la chiusura dei termini per l’istanza di partecipazione, si guarda al prossimo step, ovvero la prova preselettiva: la data e la sede in cui si svolgerà sarà riportata il prossimo 15 marzo sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – 4ª Serie speciale «Concorsi ed esami».

In seguito, l’elenco delle sedi della prova preselettiva, l’esatta ubicazione, l’indicazione della destinazione dei candidati distribuiti sulla base della regione per la quale hanno presentato la domanda di partecipazione e le ulteriori istruzioni operative, sono comunicati almeno quindici giorni prima della data di svolgimento delle prove tramite avviso pubblicato sul sito internet del Ministero e degli USR competenti. Tale pubblicazione ha valore di notifica a tutti gli effetti.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 5604 bytes | Commenti?
Pensioni : da Gilda Forlì-Cesena e Rimini 28 gen 2019
Inviato da admin_CUSMA il 28/1/2019 18:10:00 (52 letture)

Open in new window
news ... Mattarella firma il “decretone”.

Cesena, lunedì 28 gennaio - di a.c.

– Mattarella firma il “decretone”. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il “decretone” contenente la riforma delle pensioni e il reddito di cittadinanza. Il decreto verrà ora pubblicato in Gazzetta Ufficiale e attende la conversione in legge entro 60 giorni.

Il capitolo delle pensioni: da quota 100 a opzione donna e Ape sociale

Nel capitolo pensioni il decretone varato dal Governo introduce in via sperimentale per il triennio 2019-2021, la possibilità di andare in pensione con 62 anni e un’anzianità contributiva minima di 38 anni. I requisiti possono essere raggiunti anche con il cumulo gratuito di versamenti effettuati in gestioni diverse. La pensione “quota 100” non è cumulabile, a far data dal primo giorno di decorrenza della pensione e fino alla maturazione dei requisiti per l’accesso alla pensione di vecchiaia, con i redditi da lavoro dipendenti o autonomo, ad eccezione di quelli derivanti da lavoro autonomo occasionale, nel limite di 5mila euro lordi annui. La decorrenza della pensione scatta con una finestra mobile di tre mesi.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3395 bytes | Commenti?
Stampa : da "blogo.it" del 27 gen 2019
Inviato da admin_CUSMA il 27/1/2019 21:02:11 (44 letture)

Open in new window
Somministrazione farmaci a scuola: esiste l’obbligo? NO

– Docenti e personale ATA sono obbligati a somministrare farmaci a scuola a studenti che ne hanno bisogno? No, non esiste nessun obbligo.

di Manuela C. Blogo.it, 27.1.2019

Talvolta nelle scuole si ha la necessità di somministrazione di farmaci agli studenti durante l’orario scolastico. Si tratta di alunni sofferenti di determinate malattie per cui è fondamentale che i farmaci vengono assunti anche quando sono a scuola. Ovviamente tale necessità deve essere certificata da un medico. A questo punto sorge un dilemma: a chi spetta la somministrazione di tali farmaci? Docenti e personale ATA possono essere obbligati a somministrare i farmaci?La risposta a tale domanda arriva dalle Raccomandazione del 25/11/2005 in cui si trovano le Linee Guida del Miur e del Ministero della Salute inerenti proprio tale problema.

Insegnanti e personale ATA non possono essere obbligati a somministrare farmaci agli studenti
Nell’articolo 1 delle Raccomandazioni viene spiegato che la necessità di somministrare i farmaci anche in orario scolastico è dovuta al poter garantire il diritto allo studio e alla salute degli studenti. Ma è nell’articolo 2 che troviamo una risposta alla nostra domanda. La somministrazione di farmaci può avvenire solamente con certificazione del medico curante e precisa autorizzazione dell’ASUR. Non solo, la somministrazione è a cura e responsabilità di:

1. famiglia dello studente o chi esercita la potestà genitoriale
2. scuola (dirigente scolastico, personale docente e ATA)
3. servizi sanitari (medici di base e ASUR)
4. enti locali.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4840 bytes | Commenti?
Stampa : da "FuturoMolise.com" del 24 gen 2019
Inviato da admin_CUSMA il 24/1/2019 22:10:00 (52 letture)

Open in new window
La Fgu-Gilda degli insegnanti si mobilita per chiedere più rispetto professionale e risorse economiche per la professione docente

da Redazione - 24 Gennaio 2019

QUI PUOI FIRMARE LA PETIZIONE:
https://www.change.org/p/giuseppe-cont ... 9-alti-per-gli-insegnanti)

Dopo la presa visione della circolare sui nuovi esami di stato e gli oneri conseguenti a carico dei docenti e delle commissioni, la FGU – Gilda degli Insegnanti di Campobasso ritiene sia necessario lanciare una mobilitazione dei docenti contro una visione lesiva della libertà di insegnamento che li costringe ad assumere sempre di più ruoli di natura impiegatizia e di mera certificazione.

Non è un problema che colpisce solo i docenti della secondaria di secondo grado, difatti sono messi a repentaglio i principi legati all’autonomia della professione docente. Questo governo non si è solo limitato a porre in essere acriticamente i decreti legislativi previsti dalla 107/2015, ma , nel caso della maturità, si è spinto a modificarli in pejus. Se tale comportamento della politica dovesse passare senza resistenze dobbiamo aspettarci ulteriori intrusioni nel campo della didattica e dei suoi contenuti, cosa insostenibile, soprattutto in vista dell’obiettivo di regionalizzazione dell’offerta formativa.

segue...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3902 bytes | Commenti?
Mobilità : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 23 gen 2019
Inviato da admin_CUSMA il 23/1/2019 17:06:29 (30 letture)

Open in new window
Mobilità 2019/2020, ecco i tempi presumibili di tutte le operazioni

di Lucio Ficara - 23/01/2019

All’ipotesi del CCNI mobilità 2019-2022, firmata il 31 dicembre 2018, seguirà l’Ordinanza Ministeriale della mobilità 2019/2020, in cui saranno rese pubbliche le date di tutte le operazioni che porteranno agli esiti finali dei trasferimenti, passaggi di ruolo, cattedra del personale docente.

La prima tappa è il via libera da parte della funzione Pubblica e del Ministero Economia e Finanza per validare il CCNI mobilità 2019-2022. Questo dovrebbe accadere entro la fine del mese di febbraio 2019. L’O.M. mobilità 2019/2020 dovrebbe uscire nella prima decade di marzo 2019.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Esami : da Gilda Nazionale - gen 2019
Inviato da admin_CUSMA il 22/1/2019 12:07:55 (23 letture)

Maturità, Gilda Insegnanti: “Modifiche sbagliate nella forma e nella sostanza”

21 gennaio 2019

“Un cambiamento sbagliato nella forma e nella sostanza che contestiamo”. Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, stronca le novità riguardanti la seconda prova dell’esame di Maturità e il colloquio.

“Dal cilindro di viale Trastevere salta fuori la doppia materia per la seconda prova scritta, una bidisciplinarietà dai tratti confusi che non agevolerà di certo gli studenti. Per non parlare, poi, della prova orale che, con l’introduzione di una sorta di ‘argomentone’, finisce con il diventare una chiacchierata da bar. Singolare, inoltre, il sistema delle tre buste tra le quali i candidati dovranno pescare quella contenente lo spunto per l’inizio del colloquio. La scuola è tutta un quiz, insomma, parafrasando Renzo Arbore”.

“Introdurre modifiche così profonde a metà anno scolastico è del tutto scorretto - incalza Di Meglio - perché il lavoro che gli insegnanti devono svolgere per preparare gli studenti ad affrontare la Maturità si fonda su un percorso complesso e articolato che va progettato fin dall’inizio dell’anno scolastico, non di certo a gennaio. A ben poco serviranno le simulazioni d’esame previste dal Miur tra febbraio, marzo o perfino aprile: gli insegnanti saranno comunque costretti a improvvisare cambiamenti di programmazione avendo a disposizione un periodo di tempo del tutto insufficiente. Non si possono cambiare le carte in tavola a gioco iniziato, dando indicazioni pochi mesi prima dell’esame su come prepararsi ad una prova che tiene conto del lavoro di tre anni”.

“La scuola - ammonisce il coordinatore nazionale della Gilda - deve smettere di essere terreno di sperimentazioni continue senza capo né coda. Al Miur chiediamo di tornare sui suoi passi e di rinviare almeno di un anno l’applicazione del decreto, cominciando a preparare gli studenti dal terzo anno”.


Roma, 21 gennaio 2019

Ufficio stampa Gilda Insegnanti

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Comunicati : da "Rete degli Studenti" 18 gen 2019
Inviato da admin_CUSMA il 20/1/2019 23:13:14 (20 letture)

Open in new window
ESAME DI STATO È UNA ROULETTE RUSSA. VA ABOLITO!

VENERDÌ 18 GENNAIO 2019

La nuova maturità si fa sempre più vicina e terrorizza sempre più studenti. In particolare oggi, giorno in cui si è ufficializzato il già annunciato incubo della “doppia materia” in seconda prova. Matematica e fisica allo scientifico, greco e latino al classico.
“Questa impostazione maldestra e raffazzonata dell’esame di stato è l’ennesima conferma: sperimentano sulla pelle degli studenti.” Dichiara Giammarco Manfreda, coordinatore nazionale della Rete degli Studenti Medi. “Ogni anno si annuncia un cambiamento diverso di questo esame che non ha alcun senso di esistere: serve solo per coronare 5 anni di dannosa valutazione numerica e a dare una scusa alle università per ridurre le possibilità di accesso.”
“La doppia materia in seconda prova confonde gli studenti e ne limita la preparazione. L’orale, se possibile, è ancora più ridicolo. Eliminata la tesina, unico momento di libera espressione e allenamento alla ricerca, il candidato dovrà pescare una tra tre buste con degli “spunti” da cui iniziare il colloquio. Questa maturità sembra più una roulette russa che una prova dotata di un qualche senso. Va abolita una volta per tutte, insieme ai voti numerici. Oggi per questo manifestiamo davanti agli Uffici Scolastici Regionali!” Conclude Manfreda.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
« 1 (2) 3 4 5 ... 703 »

Cerca

Ricerca avanzata

Convenzioni Istituzioni
Convenzioni Istituzioni

Prossimi eventi
Nessun evento

Calendario
Mese PrecedenteFeb 2019Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28
Oggi

Videonews

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Iscrizione
Open in new window



Newsletter
Iscrivetevi sulla nostra
Newsletter !
La vostra e-mail :

Formato 

Iscrizione avanzata.

Galleria

Nuovi utenti
KinaWjg52 20/2/2019
CharlieSal 19/2/2019
Angelarosa 16/1/2019
franticrn 9/11/2018
ElisaD4 6/11/2018
luismart 11/9/2018
syd73 24/3/2018
montemaggi 7/2/2018
GIULIOGRN 26/11/2017
dolcefranc 5/5/2017

Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale