username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Dove siamo

Gli Speciali
Mobilità
Utilizzazioni/Assegnazioni provvisorie
Contratti

Top News

Collegamenti


Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta martedì e giovedì dalle 16:00 alle 18:00 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Cookie & Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie & Privacy Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie o alla nostra Privacy Policy, consulta la Cookie & Privacy Policy. Ignorando questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie e accetti la Privacy Policy. MAGGIORI INFORMAZIONI
Scuola News
RSS Feed
« 1 (2) 3 4 5 ... 303 »
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 12/6/2020 16:31:19 (35 letture)

Riapertura scuole, in classe mercoledì 23 settembre?

Il Ministero dell’Istruzione: “Ipotesi priva di fondamento”

di A. C. - 12/06/2020

Quando riapriranno le scuole? In base alle ultime indiscrezioni, le elezioni politiche non si dovrebbero tenere prima del 20 settembre. L’orientamento è quello di fare svolgere le elezioni domenica 20 settembre e lunedì 21 settembre: si ritorna alle operazioni di voto in due giorni per evitare assembramenti ai seggi vista la situazione epidemiologica.

Pertanto la data di mercoledì 23 settembre per l’inizio delle lezioni in classe potrebbe essere quella giusta. Lo conferma al Fatto Quotidiano il sottosegretario all’Istruzione, Giuseppe De Cristofaro: “Ci ragioneremo nelle prossime ore, ma quest’ ipotesi c’è. Sicuramente una data (l’election day il 20-21 settembre) che non aiuta a riaprire le scuole la settimana prima e non avrebbe molto senso richiuderle dopo pochi giorni”.

segue in "leggi tutto" ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3617 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 10/6/2020 21:21:22 (35 letture)

Scrutini finali, la Gilda attacca: “La nuova nota del MI dimostra una gestione caotica”.

di F. De Angelis - 10/06/2020

La nota del Ministero dell’Istruzione n.8464 del 28 maggio 2020, con oggetto “Ordinanze ministeriali n. 9, n. 10 e n. 11 del 16 maggio 2020: chiarimenti e indicazioni operative”, proprio nel corso degli scrutini finali, ha suscitato alcune polemiche, specie dal sindacato Gilda, che attacca Viale Trastevere: “Il Ministero dell’Istruzione smentisce se stesso. Accade così che, a distanza di pochi giorni, viale Trastevere sforni provvedimenti tra loro contrastanti su uno stesso tema. È ormai evidente come la gestione del dicastero sia caratterizzata da un clima di improvvisazione, una condizione resa ancora più grave dall’emergenza che il mondo della scuola sta affrontando”, dichiara Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti.

“La mancanza di indicazioni chiare e univoche riscontrate anche in questo caso, causa di un confusionario balletto di provvedimenti, sono l’ennesima dimostrazione dello stato di caos in cui agisce la macchina amministrativa. A questo punto – conclude Di Meglio – è sempre più evidente l’inadeguatezza della direzione politica del Ministero dell’Istruzione”.

segue su "leggi tutto" ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2893 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 9/6/2020 22:28:47 (22 letture)

Maturità, la Croce Rossa nelle scuole: 22 euro all’ora per ogni operatore coinvolto

di A.C. - 09/06/2020

In vista della maturità (si parte mercoledì 17 giugno con la prova orale) il Ministero dell’Istruzione ha stipulato una convenzione con la Croce Rossa Italiana che supporterà le istituzioni scolastiche, statali e paritarie, nello svolgimento degli esami di Stato.

Un accordo che richiede sicuramente grossi sforzi da parte della CRI che con il suo personale, volontario e dipendente, dovrà interfacciarsi con un gran numero di scuole superiori su tutto il territorio nazionale.

In particolare, ai sensi dell’art. 2 del documento, la Croce Rossa, per mezzo delle proprie articolazioni territoriali e il proprio personale, fornirà le seguenti prestazioni:

a) realizzazione di incontri in presenza e on-line per la formazione del personale scolastico in materia sanitaria a livello regionale e provinciale;
b) partecipazione di un rappresentante della Croce Rossa al tavolo nazionale permanete, coordinato dal Ministero dell’Istruzione, e di un rappresentante per ciascun tavolo regionale coordinato dagli Uffici Scolastici Regionali;
c) supporto alle singole istituzioni scolastiche sede degli esami di stato, attivabile su richiesta.

Il preavviso per richiedere supporto alla Croce Rossa è di almeno 7 giorni e la richiesta dovrà essere trasmessa via mail dagli Uffici Scolastici Regionali.

segue su "leggi tutto" ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3939 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 8/6/2020 20:20:44 (26 letture)

Concorso ordinario secondaria, domande dal 15 giugno: tutte le info utili

di A. Carlino - 08/06/2020

Dal 15 giugno lunedì è possibile presentare le domande per il concorso ordinario secondaria. Ciò sarà possibile fino alle 23.59 del 31 luglio prossimo.

Le istanze di partecipazione dovranno essere presentate via web dal sito del ministero: www.miur.gov.it utilizzando le credenziali di accesso a istanze on line oppure lo Spid e previo versamento di un contributo di 10 euro tramite bonifico bancario.

CLICCA QUI PER IL BANDO

https://www.gazzettaufficiale.it/atto/ ... odiceRedazionale=20E05136
______________________________________________

Ciascun candidato potrà concorrere in una sola regione e per una sola classe di concorso, distintamente per la scuola secondaria di primo e di secondo grado oltre che per le distinte e relative procedure sul sostegno. La richiesta di partecipazione a più procedure concorsuali dovrà essere effettuata mediante la presentazione di un’unica istanza con l’indicazione dei concorsi a cui si intenda partecipare.

I candidati iscritti ai percorsi di specializzazione sul sostegno avviati entro la data del 29 dicembre 2019 saranno ammessi con riserva. Ma la riserva sarà sciolta positiva mente solo se conseguiranno il titolo entro il 15 luglio prossimo.

Qualora, sulla base del numero delle domande di partecipazione, a livello regionale e per ciascuna distinta procedura, il numero dei candidati risultasse superiore a quattro volte il numero dei posti messi a concorso e comunque non inferiore a 250, l’amministrazione potrà avvalersi della facoltà di procedere all’espletamento di una prova di preselezione computer-based.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 7/6/2020 20:53:35 (31 letture)

Decreto scuola: in vigore da oggi 7 giugno le nuove norme su esami di Stato, concorsi e graduatorie

di R. Palermo - 07/06/2020

Nella giornata di sabato, Parlamento, Presidenza della Repubblica e uffici della Gazzetta Ufficiale hanno lavorato senza sosta, ma alla fine ce l’hanno fatta: la legge di conversione del decreto scuola è stata approvata poco prima dell’ora di pranzo, nel pomeriggio è stata controfirmata da Sergio Mattarella e nella tarda serata è stata pubblicata.
E’ la legge numero 41 ed entra in vigore già da oggi, domenica 7 giugno, in modo da non creare problemi alle operazioni di fine anno scolastico.

Modifiche alle regole degli esami di Stato

Come chiarisce il Ministero dell’Istruzione in un comunicato diramato subito dopo l’approvazione del provvedimento, la legge disciplina gli esami di Stato conclusivi del I e del II ciclo di istruzione, la valutazione finale degli alunni, la conclusione dell’anno scolastico 2019/2020 e l’avvio del 2020/2021, le procedure concorsuali straordinarie per la Scuola secondaria di I e II grado.
In particolare, l’Esame di Stato del I ciclo coincide con la valutazione finale da parte del Consiglio di classe, che terrà conto anche di un elaborato consegnato e discusso online dagli studenti. Mentre per il II ciclo è prevista la sola prova orale in presenza.
Alla scuola primaria tornano i giudizi descrittivi al posto dei voti in decimi anche se la novità sarà reintrodotta dal prossimo anno scolastico con modalità che sarà definite da una successiva ordinanza del Ministero dell’Istruzione.

segue su "leggi tutto" ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3953 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 5/6/2020 13:45:48 (32 letture)

Decreto Scuola, seduta fiume alla Camera per approvazione

di A. Carlino - 05/06/2020

L’Aula della Camera ha deliberato la seduta fiume, cioè senza interruzioni, sul decreto scuola. In favore la maggioranza, e contraria l’opposizione.

“Con la seduta fiume voi calpestate l’onore di quest’aula” ha detto Edoardo Ziello, deputato della Lega. Il decreto, infatti, decade domenica e deve dunque essere convertito in legge entro sabato. Altro motivo di contrasto sono stati i tempi di sanificazione dell’Aula, ridotti a 40 minuti rispetto alle tre ore precedentemente adottate, contestati da Simona Bordonali (Lega) e Francesco Lollobrigida (Fdi).

Si votano 188 ordini del giorno di cui 150 dell’opposizione che fa ostruzionismo. Su ogni ordine del giorno ciascun gruppo ha diritto di intervenire per cinque minuti, e ciascun deputato può poi esprimere il proprio dissenso dalla linea del gruppo.

ore 11.30 – Sono iniziate le dichiarazioni di voto finale sul dl scuola. Gli iscritti a parlare sono una settantina ed ognuno ha 10 minuti a disposizione.

La mancata approvazione del decreto dovrebbe essere, nelle intenzioni dell’opposizione il primo passo per reclamare le dimissioni della ministra Azzolina, innescando una crisi di governo.

Il decreto ha già incassato la fiducia alla Camera, ma il regolamento di Montecitorio, diversamente da quello del Senato, distingue il voto di fiducia da quello finale sul decreto.

Nella prima votazione il governo ha incassato 305 sì contro 221 no e 2 astenuti, ed anche nel voto finale non avrebbe problemi di numeri. Ma c’è appunto il problema dell’ostruzionismo.

segue su leggi tutto ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 6219 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 4/6/2020 15:30:00 (51 letture)

“I prof non sono eroi”. Chi li attacca nemmeno (i denigratori seriali a pagamento)

di Alvaro Belardinelli - 04/06/2020

«Gli infermieri del Centro-Sud si sono messi in fila per venire a far volontariamente il loro dovere al Nord sotto attacco ma molti insegnanti si rifiutano di spostarsi 20 km per garantire gli esami di maturità e l’unica fila che pensano di fare è quella per prendere il treno delle vacanze». È forse la più gentile tra le tante frasi offensive ringhiate contro i docenti il 2 giugno scorso (Festa della Repubblica) sulla prima pagina de “Il Giornale” (della famiglia Berlusconi) dal Direttore, Alessandro Sallusti. «I furbetti in cattedra meritano la bocciatura», strilla il titolo dell’articolo di fondo; “La pagina più squallida”, sentenzia l’occhiello.

Ma il capolavoro è il titolo a tutta pagina: occhiello “Che vergogna”; titolo cubitale «I PROF NON SONO EROI»; sommario «Per paura o pigrizia rischiano di far saltare gli esami di maturità. Non hanno imparato la lezione degli infermieri». Sarcasmo velenoso: gli insegnanti non imparano la lezione.

“Insegnanti, vil razza dannata”?

segue su "leggi tutto" ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 6419 bytes | Commenti?
Stampa : da "tabloidonline.it"
Inviato da admin_CUSMA il 3/6/2020 15:02:01 (21 letture)

Open in new window
SALLUSTI: " I docenti Italiani? Vigliacchi con lo stipendio assicurato"

di redazione - 3 giugno 2020

A pochi giorni dall'inizio degli esami di maturità migliaia di docenti stanno cercando di evitare la rottura di dover ritornare al lavoro dopo 4 mesi di semi vacanza. Sono in talmente tanti a marcare visita che in alcuni istituti l'esame è addirittura in forse. C'è chi fugge per paura del virus e chi è gia scappato in vacanza e non ha alcuna intenzione di interrompere il buen retiro.

Se in tempi normali tutto questo potrebbe essere classificato tra le tante storture e furbizie del pubblico impiego, in tempi di pandemia suona come una vera vigliaccata. Di fronte all'emergenza, e chiamati per affrontarla, nessuna categoria si è tirata indietro nonostante il rischio. Per prima quella di infermieri e medici definiti "eroi" proprio perchè hanno affrontato il nemico spesso disarmati e per questo hanno lasciato sul campo morti e feriti.

Mi sarei augurato che l'Italia avesse anche una compatta classe di professori eroi, disposti cioè a qualunque costo e in qualunque situazione, anche la più disagiata e rischiosa, ad essere esempio ai loro studenti e riscattare con dignità e altruismo una stagione di studio compromessa dal virus, perchè l'emergenza educativa non è inferiore a quella sanitaria.

E invece purtroppo ci ritroviamo con una categoria di insegnanti non tutti ma pur sempre troppi che si attacca ai diritti più cavillosi compreso quello di non avere nessun dovere nè professionale nè etico; che rivendica chissà quali garanzie, che nella sostanza non ha voglia di lavorare neppure in emergenza pur sapendo di avere lo stipendio assicurato (o forse proprio perchè sa di averlo); che ha il coraggio in una situazione così difficile, di arrivare a dichiarare sciopero.

se vui continuare la lettura, clicca qui:
https://www.tabloidonline.it/sallusti- ... -lo-stipendio-assicurato/

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 11/6/2020 23:06:03 (28 letture)

Fioramonti: Azzolina sta sconquassando la scuola con errori e gaffe, settembre sarà nero. Sì al concorso per titoli.

di A. Giuliani - 10/06/2020

È durissimo il giudizio dell’ex ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti, intervistato dalla Tecnica della Scuola Live, sull’attuale gestione della scuola: la responsabile del Mi, Lucia Azzolina, a suo dire, starebbe portando la scuola allo sconquasso e per il ritorno a settembre c’è davvero da preoccuparsi.

L’idea del concorso semplificato

Fioramonti, che con le sue dimissioni natalizie è passato dal M5S al Gruppo Misto, ha ricordato che “dovevamo fare un percorso concorsuale semplificato, snello, per chi ha tre anni di servizio, come dice la Commissione europea: da ministro chiesi al Governo di dare una priorità a questo concorso”. A gennaio “hanno invece deciso di dividere il Miur in due ministeri. Potevano farlo qualche mese dopo, ma non in una fase così calda: si è rivelato un gravissimo errore perché hanno rallentato tutto per ulteriori due mesi. Quando si è in corsa, non si ferma la macchina”.

segue su "leggi tutto" ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 7221 bytes | Commenti?
Stampa : da "Il Sole 24 Ore"
Inviato da admin_CUSMA il 9/6/2020 22:40:00 (37 letture)

COME AFFRONTARE LA PROVA SUL TESTO DA ANALIZZARE DURANTE IL COLLOQUIO

di Mara Ferroni - 9 giugno 2020

Per affrontare efficacemente la fase b) dell’esame di Stato, occorre tenere presente che essa è intesa idealmente come sostituzione della prima prova scritta degli scorsi anni. In considerazione di ciò sarà più facile inquadrare le competenze necessarie per sostenere, come indicato dal ministero, la «discussione di un breve testo, già oggetto di studio nell’ambito dell’insegnamento di lingua e letteratura italiana durante il quinto anno e ricompreso nel documento del consiglio di classe».
Vediamo ciò che è richiesto, nello specifico, allo studente.

È necessario, innanzitutto, chiarire che cosa s’intenda col verbo “discutere”, con l’indicazione “breve testo” e con il vincolo contenuto nel riferimento al documento del consiglio di classe.

Con l’indicazione di “testo” ci si può riferire ad un brano letterario, o in prosa o in poesia, o a un brano argomentativo. Il fatto, poi, che nell’ordinanza si faccia preciso riferimento alla brevità implica che si possano sottoporre all’analisi dello studente anche porzioni di testo quali strofe di una lirica, passi significativi di romanzi o estratti di saggi argomentativi. In ogni caso, tutti i testi, di qualunque tipo o lunghezza, devono comparire nella sezione di Italiano all’interno del documento del consiglio di classe dunque devono essere conosciuti dallo studente.

segue su "leggi tutto" ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 7187 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 9/6/2020 22:17:15 (21 letture)

Open in new window
Firma sui tabelloni voti dopo gli scrutini, illegittimo convocare a scuola i docenti

di Lucio Ficara - 09/06/2020

Una docente ci chiede se è legittima la convocazione fatta dalla sua Dirigente scolastica che, a conclusione degli scrutini online di ogni classe, fa andare a scuola i docenti per firmare i tabelloni dei voti.

Normativa sulla firma dei tabelloni dei voti

La nota del Ministero dell’Istruzione n.8464 del 28 maggio 2020, con oggetto “Ordinanze ministeriali n. 9, n. 10 e n. 11 del 16 maggio 2020: chiarimenti e indicazioni operative”, specifica con assoluta chiarezza che, per tutte le scuole di ogni ordine e grado, tutte le operazioni connesse alla valutazione finale e agli esami del primo e del secondo ciclo, relativamente alla firma degli atti nel caso di effettuazione delle attività e delle riunioni con modalità a distanza, si raccomanda di utilizzare procedure che consentano di acquisire e conservare traccia della presenza e del consenso dei docenti eventualmente connessi, tramite registrazione della fase di approvazione delle delibere (utilizzando la condivisione dello schermo e l’acquisizione del consenso espresso dei docenti con chiamata nominale). In ogni caso il dirigente scolastico o il presidente di commissione potrà procedere, a seconda dei casi, a firmare (con firma elettronica o con firma autografa) a nome del consiglio di classe, della sottocommissione, della commissione e/o dei docenti connessi in remoto.

Questo significa che per l’anno scolastico 2019/2020 non esiste la disposizione di firmare gli atti della valutazione come si è sempre fatto in passato, ma questo atto potrà essere fatto, a nome dell’intero consiglio di classe, dal Dirigente scolastico.

segue su "leggi tutto" ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4981 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 7/6/2020 21:05:01 (19 letture)

L’anno del Covid si chiude con lo sciopero a distanza: lunedì 8 giugno manifestazioni contro il Governo delle promesse

di A. Giuliani - 07/06/2020

Il periodo difficile della scuola non sembra chiudersi con il termine dell’anno scolastico più complesso degli ultimi 75 anni: basta dire che nella giornata conclusiva, l’8 giugno, si assisterà ad un dir poco anomalo sciopero proclamato dai sindacati maggiori – Flc-Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals e Gilda –, ormai in rotta di collisione con le istituzioni che governano la scuola, ad iniziare dalla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina.

Le rassicurazioni non bastano

Dopo avere disertato le ultime convocazioni a viale Trastevere, i sindacati un paio di giorni fa hanno incontrato il premier Giuseppe Conte, senza però avere dei riscontri immediati su come rientrare a scuola a settembre: dal presidente del Consiglio e dalla stessa ministra del dicastero bianco di Viale Trastevere sono giunte tante promesse, rassicurazioni ed impegni, con tanto di possibili lezioni in classe con divisori in plexiglass, un’idea giunta dal comitato tecnico-scentifico.

Ma di concreto, di un programma definito, a meno di 90 giorni dall’avvio delle lezioni in presenza, non c’è traccia. A meno che non ci si voglia fermare ai documenti di esperti e task force ministeriale.
Un dato di fatto, il rimando delle decisioni, che dà modo all’opposizione politica di ricordarlo ormai tutti i giorni.

segue su "leggi tutto" ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3901 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 7/6/2020 20:46:47 (19 letture)

Il Decreto Scuola votato da un’Aula della Camera mezza vuota, l’opposizione poteva farlo cadere

di A. Giuliani - 06/06/2020

Alla Camera, il Decreto Legge sulla Scuola ha rischiato seriamente di non essere approvato: gli spazi di vuoto tra i banchi della maggioranza hanno prodotto 245 voti favorevoli. In tutto, al momento del voto c’erano appena 367 onorevoli su 630: praticamente, la metà. Se i deputati dei partiti d’opposizione fossero stati tutti presenti, la maggioranza sarebbe andata sotto e il D.L. clamorosamente saltato.

Lega, FdI e Forza Italia non ci hanno creduto

Evidentemente, tra le fila della Lega, di Fratelli d’Italia e Forza Italia, non c’era la consapevolezza di questo: tanto è vero che solo in 122 si sono ritrovati presenti in Aula al momento del voto, esprimendo il loro ‘no’ al provvedimento ora diventato legge dello Stato italiano.
A Montecitorio, si contano infatti 125 deputati della Lega, 95 di Forza Italia e 35 di Fratelli d’Italia: solo loro avrebbero prodotto 255 voti, quindi più dei deputati di maggioranza che hanno votato ‘si’ al decreto. Se poi, si fossero uniti al dissenso anche i 41 onorevoli del Gruppo Misto (diversi dei quali ex ‘grillini’, come Lorenzo Fioramonti, in rotta di collisione con il M5S), allora si sarebbero sfiorati i 300 dinieghi.

segue su "leggi tutto" ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3812 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 5/6/2020 8:44:03 (38 letture)

Ritorno in classe, il Governo continua a promettere. Azzolina: in arrivo 4 miliardi, pannelli di plexiglass e visiere

di Alessandro Giuliani - 05/06/2020

Ha prodotto un ulteriore rinvio delle decisioni importanti, l’incontro tenuto il 4 giugno a Palazzo Chigi sulla scuola e sulla ripresa della didattica in presenza a settembre.

Cosa ha detto il Governo


Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, assieme alla ministra dei Trasporti e delle Infrastrutture, Paola De Micheli, hanno detto ai rappresentanti delle Regioni, degli Enti locali, dei sindacati, dei genitori, degli studenti, delle scuole paritarie, che nei prossimi giorni invieranno dati aggiornati sull’edilizia scolastica, saranno chiuse le linee guida per la scuola che terranno conto dei numerosi incontri che si sono svolti in queste settimane, del confronto con le parti sociali, del lavoro del Comitato tecnico-scientifico del Ministero della Salute sulle misure di sicurezza e di quello del Comitato di esperti del Ministero dell’Istruzione sugli aspetti didattici.

Il tutto, si svolgerà in stretta sinergia con gli Enti locali.

segue in "leggi tutto" ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 5439 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 3/6/2020 15:25:13 (41 letture)

Più ore settimanali di insegnamento, la proposta per la ripresa a settembre

di Lucio Ficara - 02/06/2020

Ci aveva provato l’ex Ministro dell’Istruzione Francesco Profumo a portare l’orario di insegnamento dei docenti della scuola secondaria da 18 a 24 ore settimanali a parità di stipendio, adesso la proposta sarebbe ancora più pesante.

Aumento dell’orario settimanale di insegnamento


Tra le tante proposte che vengono inviate al Ministero dell’Istruzione per garantire la ripresa della scuola in presenza a partire dal 1° settembre 2020, c’è anche quella inviata da un gruppo di dirigenti scolastici, che andrebbe a prevedere una maggiore flessibilità oraria degli impegni dei docenti nell’espletamento del loro servizio. Tale flessibilità aumenterebbe sostanzialmente l’orario settimanale di insegnamento. La proposta fonderebbe le radici normative sull’applicazione dell’art.21, comma 8, della legge 59/97, nota come Legge Bassanini sull’autonomia scolastica.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4878 bytes | Commenti?
« 1 (2) 3 4 5 ... 303 »

Cerca

Ricerca avanzata

Convenzioni Istituzioni
Convenzioni Istituzioni

Prossimi eventi
Nessun evento

Calendario
Mese PrecedenteLug 2020Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31
Oggi

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Iscrizione
Open in new window



Newsletter
Iscrivetevi sulla nostra
Newsletter !
La vostra e-mail :

Formato 

Iscrizione avanzata.

Galleria

Nuovi utenti
FELICE 29/12/2019
MARTACOCCO 10/6/2019
SALVATORE 12/4/2019
giova1959 26/3/2019
Angelarosa 16/1/2019

Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale