username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Gli Speciali
Mobilità
Utilizzazioni/Assegnazioni provvisorie
Contratti

Top News

Collegamenti


Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta lunedì, mercoledì e venerdì dalle 16.30 alle 18.30 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Cookie Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Ignorando questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
RSU 2018
RSU2018


Nel 2018 si andrà a nuove elezioni. Un grazie di cuore a tutte le colleghe e i colleghi che in questi ultimi tre anni e in tutti quelli precedenti si sono candidati per la GILDA-UNAMS, sono stati eletti e hanno combattuto sfide impegnative e non facili per i valori istituzionali che sostengono la scuola statale e il ruolo dei docenti, perseguiti da sempre dalla nostra Associazione. Ancora una volta la Gilda chiede ai colleghi di candidarsi, di fare propaganda e di votare per le liste GILDA-UNAMS. Leggi tutto...
RSS Feed
« 1 (2) 3 4 5 ... 271 »
Stampa : da "lacnews24.it" del 14 febbraio 2018
Inviato da admin_CUSMA il 15/2/2018 16:30:00 (22 letture)

Open in new window
Istruzione, Gratteri: «Troppi “caproni” laureati. La colpa è della politica»

Il procuratore di Catanzaro nel corso della rassegna “Legal Economy”: «Oggi c’è una scuola sempre più blanda». Discussione incentrata anche sulla legalizzazione delle droghe leggere e sul rapporto ndrangheta - massoneria


di Redazione - mercoledì 14 febbraio 2018


«I governi che si sono succeduti negli ultimi decenni hanno investito sempre meno in istruzione» e questo «è un male per la nostra nazione». È quanto affermato dal procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, nel corso della rassegna "Legal Economy", promossa dall'Istituto tecnico commerciale "Grimaldi Pacioli" del capoluogo calabrese.
«Parlo di istruzione prima che di cultura - ha proseguito – perché l'istruzione è la prima cosa, fornendo ai ragazzi gli strumenti per apprendere. Oggi vedo che c'è una scuola sempre più blanda, piu' leggera, oppure assistiamo a tanti "caproni" che si laureano in legge anche perche' c'è un sistema che assegna i contributi alle Università in base al numero degli iscritti. Questo - ha spiegato Gratteri - e' un male per la nostra nazione, soprattutto rispetto a tante altre nazioni. È colpa soprattutto della politica: sia chiaro, non sto salvando nessuno negli ultimi 25 anni».

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2911 bytes | Commenti?
Stampa : da "ItaliaOggi - AziendaScuola" del 13 feb. 2018
Inviato da admin_CUSMA il 13/2/2018 22:50:00 (14 letture)

Open in new window
Trasferimenti solo ogni tre anni

Il blocco non vale per gli insegnanti titolari di ambito

di Carlo Forte - 13.02.2018


I docenti che otterranno il trasferimento o il passaggio nella sede richiesta, acquisendone la titolarità, non potranno presentare domanda di trasferimento o passaggio per i tre anni successivi. La preclusione non vale per i titolari su ambito che abbiano ottenuto un incarico triennale su sede, che potranno continuare a partecipare, anno per anno, alla mobilità a domanda ai fini dell'attribuzione di una sede di titolarità. Ma quando la otterranno, dovranno rimanere in tale sede per tre anni prima di riacquisire il diritto a partecipare alla mobilità a domanda (trasferimenti e passaggi). Lo prevede il comma 4, dell'articolo 22, dell'ipotesi di contratto collettivo nazionale della scuola, siglata il 9 febbraio scorso dai rappresentanti dell'agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni (Aran) e i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil (Snals e Gilda non lo hanno firmato). Il nuovo contratto prevede che la contrattazione integrativa sulla mobilità si svolgerà con cadenza triennale (e non più annualmente come è accaduto fino ad oggi). E in tale sede saranno pattuite le procedure e i criteri generali per la mobilità professionale e territoriale, fatte salve le disposizioni di legge.
----------------------------------------------------------------

Potenziamento da dividere tra tutti i docenti titolari
di Marco Nobilio - 13.02.2018

I docenti continueranno a svolgere lo stesso monte ore di lezione previsto dal contratto del 2007: 25 ore settimanali i docenti di scuola dell'infanzia, 24 ore settimanali i docenti di scuola primaria, 18 ore settimanali i docenti della scuola secondaria di I e II grado. Ma se nell'organico sono [...]
----------------------------------------------------------------

Gilda: aumenti risibili (le ragioni del NO)

di Rino Di Meglio* *coordinatore Gilda degli insegnanti

La modalità con cui si è giunti alla sottoscrizione del contratto Scuola, Università Ricerca e Afam, è stata, a dir poco singolare: dopo pochissime ed inconcludenti riunioni, nel giro di una notte si è arrivati alla conclusione, in una situazione kafkiana che ha [...]

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 11 febbraio 2018
Inviato da admin_CUSMA il 11/2/2018 22:50:00 (77 letture)

Open in new window
Contratto, (prima sorpresa) il bonus “merito” non cambierà. Miur: criteri immutati

di A. Giuliani - 11/02/2018

È durata pochi giorni la presunta “luna di miele” tra amministrazione e sindacati maggioritari. Nel pomeriggio di domenica 11 febbraio è giunta in redazione una piccata sottolineatura da parte del ministero dell’Istruzione sul presunto ridimensionamento del bonus merito da 200 milioni di euro annui introdotto dal comma 126 della Legge 107/15. Il bonus “merito”, in pratica, non cambierà; anzi, per il Miur non solo i criteri rimangono immutati, ma gli importi in futuro potrebbero addirittura crescere .

E i destinatari di tale specifica, sono soprattutto i sindacati firmatari di contratto, quindi i Confederali, che a turno avevano fatto intendere di aver mandato una bella “spallata” ad uno dei punti cardine della Buona Scuola.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4569 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 10 febbraio 2018
Inviato da admin_CUSMA il 11/2/2018 13:16:00 (85 letture)

Contratto scuola: grande soddisfazione per il governo, ben poca per i docenti

di Anna Maria Bellesia - 10/02/2018

Bel colpo per il governo, alla vigilia del voto, aver chiuso anche il rinnovo del contratto Scuola. Ma i docenti cosa ci guadagnano?

Molto soddisfatte le ministre Fedeli e Madia. Ma può dirsi altrettanto per la categoria forse più bistrattata di tutto il pubblico impiego?

Gli aumenti tanto decantati arriveranno in busta paga al netto dimezzati, e non è detto che il bonus degli 80 euro continui ad essere percepito da tutti coloro che ne beneficiavano prima dell’ “aumento”. Certamente una fascia di personale resterà beffata, solo gli stipendi più bassi sono al sicuro.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3341 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" dell'8 febbraio 2018
Inviato da admin_CUSMA il 8/2/2018 19:40:00 (129 letture)

Open in new window
Contratto scuola: aumenti di 85 euro solo per pochi

di R.P. - 08/02/2018


E’ in pieno svolgimento presso la sede dell’Aran l’incontro che dovrebbe consentire la chiusura del contratto scuola.


Firma imminente

Dalle notizie che stanno trapelando sembra che la firma potrebbe arrivare già questa notte. Al più tardi si chiuderà domani, anche se al momento è difficile fare previsioni sul come: Snals e Gilda Insegnanti sarebbero intenzionati a non siglare l’accordo, mentre i tre sindacati confederali – pur con molti distinguo – potrebbero accettare un contratto-ponte in attesa di tempi migliori.
Intanto si incomincia a sapere qualcosa di più sugli aumenti previsti dall’accordo che, secondo le tabelle predisposte dall’Aran, dovrebbero decorrere da marzo 2018.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3484 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" dell'8 febbraio 2018
Inviato da admin_CUSMA il 8/2/2018 19:16:13 (52 letture)

Open in new window
Il Ds distribuisce il bonus del merito in modo ambiguo

di Lucio Ficara - 08/02/2018

Probabilmente il bonus del merito verrà sottratto dalle mani dei dirigenti scolastici e verrà regolato dal contratto collettivo nazionale 2016/2018, questo eviterà alcune criticità e ambiguità che ci vengono, puntualmente e sistematicamente, segnalate da alcuni docenti. Ci viene segnalato, ad esempio, il caso di un Istituto di Istruzione Superiore della provincia di Reggio Calabria, dove il Dirigente Scolastico ha distribuito il bonus del merito 2016/2017 in modo ambiguo e poco chiaro.

ERRORI RIGUARDO LA PUBBLICAZIONE DEL BONUS DEL MERITO


Il suddetto Ds ha emanato una nota in cui ha pubblicato i nomi e i cognomi dei docenti premiati, non specificando correttamente i dati aggregati delle cifre distribuite.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4509 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 6 febbraio 2018
Inviato da admin_CUSMA il 6/2/2018 19:51:11 (128 letture)

Open in new window
Rinnovo contratto scuola, chiusura vicina e con sorpresa?

di L. Ficara - 06/02/2018

Dopo un lungo silenzio dell’ARAN e l’interruzione delle trattative durata per oltre mezzo mese, il rinnovo del contratto scuola potrebbe trovare in tempi rapidi la firma della pre-intesa. Si potrebbe trovare un accordo già alla fine di questa settimana o al massimo all’inizio della prossima settimana. Se invece le trattative dovessero arenarsi, ma è un’ipotesi inverosimile, allora l’ARAN metterà da parte il rinnovo contratto scuola per dedicarsi al rinnovo dei contratti della Sanità e degli Enti Locali.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3872 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 4 febbraio 2018
Inviato da admin_CUSMA il 5/2/2018 21:40:00 (59 letture)

Docenti a rischio salute, tra i motivi di stress anche le molestie degli allievi

di A. Giuliani - 04/02/2018

Lavorare nella scuola e nel pubblico impiego comporta rischi professionali che minano la salute: alla lunga, arrivano anche a provocare “stress, burnout – ovvero esaurimento – e depressione, nonché patologie cardiovascolari e disturbi muscolo-scheletrici”. Lo sostengono i sindacati europei riuniti nel Comitato per il dialogo sociale, che il 4 febbraio hanno lanciato un allarme sui rischi “psico-sociali”, definiti come “la principale minaccia alla salute e al benessere dei dipendenti e dei funzionari pubblici”. Ci sono anche i docenti, minacciati dalle molestie degli allievi.

In Italia, a questo proposito, è stata diffusa una guida, specifica per il comparto, nella quale viene riportato uno studio dell’Agenzia europea per la salute e la sicurezza sul lavoro.

Sette aree critiche

segue ...

Rango: 8.00 (1 voto) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3577 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 14 febbraio 2018
Inviato da admin_CUSMA il 14/2/2018 22:19:31 (18 letture)

Concorso docenti abilitati, domande dal 20 febbraio al 22 marzo

di Redazione - 14/02/2018


Con la nota 8900 del 14 febbraio, il Miur ha dato indicazioni sulla consistenza delle graduatorie ad esaurimento e dei concorsi 2016.

In attesa della pubblicazione del bando ricordiamo che venerdì scorso è stato pubblicato il regolamento del concorso (DM 995/17).

Si fa seguito alla nota di questa Direzione generale, prot. n. 8208 del 12 febbraio u.s., con la quale venivano trasmessi il DM n. 984 del 14.12.2017 e il DM n. 995 del 15.12.2017 per comunicare, in attesa della imminente pubblicazione del bando in Gazzetta Ufficiale, le azioni preliminari da porre in essere, al fine di fornire ai candidati utili elementi per la scelta della regione, dal momento che il bando, com’è noto alle SS.LL., non può prevedere il contingente dei posti per cui gli stessi presenteranno domanda.
Infatti, l’articolo 3, comma 2 del DM n. 995/2017, dando attuazione all’art. 17, comma 2, lettera b) del D.lvo n. 59/2017, prevede che i posti da destinare, ogni anno, alla procedura in oggetto siano quelli residui dopo le immissioni in ruolo da Gae e da GM (art. 17, comma 2, lettera a) del D.lvo n. 59) e quindi, ovviamente, quantificabili per ciascuna classe di concorso/tipo posto, solo a conclusione di dette operazioni da parte di codesti Uffici.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2738 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 12 febbraio 2018
Inviato da admin_CUSMA il 12/2/2018 21:33:08 (66 letture)

Open in new window
Contratto scuola e bonus premiale: un capolavoro da azzeccagarbugli

di R. Palermo - 12/02/2018


Quello che venerdì scorso, poche ore dopo la firma del contratto scuola, era un sospetto adesso è una certezza: la soluzione che è stata individuata nel contratto per il “bonus premiale” apre la strada al contenzioso a livello di istituzione scolastica.

La posizione della Ministra


Nella giornata di domenica, infatti, la ministra Fedeli aveva precisato che l’accordo “prevede che le scuole contrattino i criteri generali per la determinazione dei compensi previsti dal cosiddetto bonus dei docenti; quindi non i criteri valutativi, ma i criteri per la determinazione del suo ammontare: ad esempio, il dirigente scolastico e la parte sindacale potranno convenire, in sede di trattativa, di prevedere un valore economico minimo o massimo per il premio individuale”.

“Resta ferma – sottolineava Fedeli – la procedura prevista dalle legge 107 del 2015 per la determinazione dei criteri per la valutazione (è previsto un apposito comitato per la valutazione) che non sono soggetti a contrattazione, nonché la competenza del dirigente per l’individuazione dei docenti meritevoli”.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4055 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 10 febbraio 2018
Inviato da admin_CUSMA il 11/2/2018 18:30:00 (47 letture)

Open in new window La mancetta

Contratto scuola, successo o marchetta pre-elettorale?

di A. G. - 10/02/2018

Dove sta la verità sul contratto della scuola stipulato di buona mattina il 9 febbraio? Il mondo della politica non aiuta di certo a comprendere come stanno le cose. Perché si va dalle reazioni entusiaste ai commenti più critici. Così il rinnovo contrattuale di categoria, atteso dal 2010 da quasi un milione e 200mila dipendenti, diventa mero oggetto di discussione dei tanti politici impegnati nelle elezioni politiche di inizio marzo.

Un successo per Governo e PD, di tuttaltro parere i partiti di opposizione e i sindacati non firmatari GILDA in testa.


“Dopo dieci anni il Governo decide proprio oggi, a poche settimane dal voto, di firmare il contratto della scuola. Sarebbe una bella notizia, peccato che stiamo parlando ancora di cifre molto, ma molto, lontane da quelli che sono i livelli di retribuzione europea”, dice la senatrice Alessia Petraglia, candidata al Senato per Liberi e Uguali (Toscana1 e Veneto1) a proposito dell’annunciato rinnovo.

“Gli stipendi degli insegnanti italiani, per il lavoro e le responsabilità – continua l’esponente di LeU – continuano ad essere notevolmente al di sotto della media europea. Il Pd e la ministra continuano a non dismettere la pessima pratica del bonus premiale”, visto che si mantiene “in vita l’idea della retribuzione come concessione più che diritto”.

A sospettare che non sia causale avere rinnovato il contratto “proprio sotto scadenza elettorale” è la responsabile nazionale scuola di Sinistra Italiana Claudia Pratelli, candidata di Liberi e Uguali.

“Dopo dieci anni ci saremmo almeno aspettati aumenti contrattuali robusti – continua- E invece no, i salari restano al di sotto di quelli dei colleghi europei e della funzione che queste lavoratrici e questi lavoratori svolgono”.

“La buona notizia – per Pratelli – è che inizia a sgretolarsi la legge 107. Sostanzialmente smontato, nel contratto, il bonus del merito, la mancia nelle mani dei presidi per premiare gli amici e punire gli insubordinati, uno dei cardini della legge 107, sintesi estrema del modello autoritario e aziendalistico imposto da quella legge”.

“Ora il Governo suona la grancassa, ma la verità – conclude Pratelli – è che questo contratto ha sconfessato le sue politiche”.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4574 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 10 febbraio 2018
Inviato da admin_CUSMA il 10/2/2018 16:15:33 (48 letture)

Open in new window
Non si fanno mai i rinnovi contrattuali in campagna elettorale

di Gianni Zen - 10/02/2018

Non si fanno mai i rinnovi contrattuali in campagna elettorale.

Per ovvi motivi, perché da un lato c’è una sorta di gioco di rimessa, nella speranza che, con qualche concessione, vi sia qualche voto in più per il partito di governo, e dall’altra, perché, appunto, si legittima l’idea che il tema della formazione delle giovani generazioni, cioè del presente e futuro di un Paese, non sia una priorità, ma solo un voto di scambio.

Eppure, sono dieci anni che si attendeva il rinnovo contrattuale, ma sapendo che anzitutto questo rinnovo avrebbe dovuto essere funzionale alla valorizzazione delle professionalità in relazione al valore, appunto, della formazione, quindi all’effettivo “servizio pubblico”.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 1645 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 7 febbraio 2018
Inviato da admin_CUSMA il 8/2/2018 19:22:03 (35 letture)

Open in new window
La grossolana balla elettorale dei 180mila licenziamenti nel mondo della scuola

di Anna Maria Bellesia - 07/02/2018

Insistono Renzi e quelli del Pd a difendere ad oltranza la loro Buona Scuola. Ma soprattutto insistono – ed è molto fastidioso – a fare fessi i cittadini elettori, nello specifico i docenti.

Dicono, e ripetono, che smantellare la “Buona Scuola” (come pare vorrebbero fare i 5 Stelle) equivale a licenziare i 180mila assunti in virtù della legge 107.

È una grossolana balla, come voler far credere agli adulti che esistono babbo natale e la befana.

Intanto, le assunzioni sono avvenute su posti liberi e abbiamo ancora quest’anno 85mila supplenze annuali più il tour over. Quindi, se anche fosse possibile “licenziare” (ma non lo è), significa smantellare non la Buona Scuola, ma il servizio pubblico tout court.

Neppure negli anni delle drastiche “riduzioni” del ministro Gelmini si è mai fatto un licenziamento. I “risparmi di spesa”, imposti al settore Istruzione, sono stati ottenuti aumentando gli alunni per classe e ricorrendo sistematicamente ai precari invece che assumere personale in ruolo.

Tanto che nel 2014 la famosa sentenza della Corte di giustizia europea ha praticamente imposto al governo italiano, allora guidato da Renzi, lo stop ai contratti di precariato reiterati per anni, coprendo tutti i posti “vacanti e disponibili” con personale di ruolo, pena i risarcimenti.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3684 bytes | Commenti?
Stampa : da UAT Forlì-Cesena e Rimini sede di Forlì - 7.02-2018
Inviato da admin_CUSMA il 7/2/2018 17:10:00 (32 letture)

UAT Forlì-Cesena e Rimini sede di Forlì - 7.02-2018

PERMESSI Diritto allo studio 2018
______________________________________________
MIUR.AOOCSAFO.REGISTRO UFFICIALE(U).0000577.07-02-2018
______________________________________________

Ai Dirigenti Scolastici
delle scuole di ogni ordine e grado
della provincia LORO SEDI

OGGETTO: Permessi straordinari retribuiti per il diritto allo studio di cui all’art.3 del DPR 23 agosto 1988, n. 395 – Anno Solare 2018 - Periodo 1° gennaio 2018 – 31 dicembre 2018.

A seguito di riesame delle domande, alla luce di nuove indicazioni, e tenuto conto della disponibilità nel contingente provinciale, si ritiene di integrare gli elenchi degli ammessi a fruire dei permessi per il diritto allo studio, già pubblicati con nota prot. 121 del 9 gennaio 2018, con i nominativi sotto elencati, che pertanto vengono cancellati dai rispettivi elenchi degli esclusi:

 BIANCHINI TIZIANO Docente Sc. Primaria I.C. Sogliano
 FIORI GIACOMO Docente Sc. Sec I° grado I.C. Valle Savio
 GIANFELICE PAMELA Docente Sc. Sec. II° grado I.P. Versari-Macrelli
 MAESTRI PIERO Docente Sc. Primaria I.C. Bertinoro
 MONTEMAGGI ELISABETTA Docente Sc. Sec. II° grado I.T. Garibaldi/da Vinci
 MOSCIA GIUSEPPINA Docente Sc. Sec. II° grado I.S. Marie Curie
 PAGLIONI FABIO Docente Sc. Sec. II° grado I.P. Ruffilli Forlì

I dirigenti scolastici delle istituzioni scolastiche indicate a fianco di ciascun aspirante provvederanno a notificare la presente agli interessati e ad adottare i provvedimenti di propria competenza.

Il Dirigente
Giuseppe Pedrielli

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 6 febbraio 2018
Inviato da admin_CUSMA il 6/2/2018 19:10:00 (65 letture)

Open in new window
I prof puniranno il Pd alle elezioni?

di P. Almirante - 06/02/2018

Secondo lo huffingtonpost.it ci sono tutte le condizioni perché il mondo della scuola punisca seriamente il Pd alle elezioni politiche del prossimo 4 marzo.

Contratto
Il primo motivo sarebbe legato al contratto, fermo da 10 anni, con annesse retribuzioni che fra l’altro sono al di sotto della media europea. Fra l’altro la politica dei bonus è sembrata, non un riconoscimento dei diritti ma elargizione di favori.

Buona scuola: un ossimoro?

Parallelamente la cosiddetta legge sulla “buona scuola” è sembrato un ossimoro, che ha disegnato una scuola gerarchica e autoritaria, mentre non è stato smantellato il precariato: un mondo- scrive huffingtonpost.it- nel quale si sono consumati i peggiori esperimenti di guerra tra poveri, tra ultimi e penultimi.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3293 bytes | Commenti?
« 1 (2) 3 4 5 ... 271 »

Cerca

Ricerca avanzata

Convenzioni Istituzioni
Convenzioni Istituzioni

Prossimi eventi
Nessun evento

Calendario
Mese PrecedenteFeb 2018Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28
Oggi

Videonews

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Iscrizione
Open in new window



Newsletter
Iscrivetevi sulla nostra
Newsletter !
La vostra e-mail :

Formato 

Iscrizione avanzata.

Galleria

Nuovi utenti
montemaggi 7/2/2018
GIULIOGRN 26/11/2017
dolcefranc 5/5/2017
mineanto 28/4/2017
frpche 25/4/2017
Albinoturc 15/3/2017
RenzettiB 14/11/2016
teruccia 22/10/2016
alberto 13/9/2016
fortunata 3/8/2016

Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale