username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Gli Speciali
Mobilità
Utilizzazioni/Assegnazioni provvisorie
Contratti

Top News

Collegamenti


Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta lunedì, mercoledì e venerdì dalle 16:00 alle 18:30 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Cookie & Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie & Privacy Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie o alla nostra Privacy Policy, consulta la Cookie & Privacy Policy. Ignorando questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie e accetti la Privacy Policy. MAGGIORI INFORMAZIONI
RSS Feed
« 1 ... 269 270 271 (272) 273 274 275 ... 287 »
Stampa : da Tecnica della Scuola: Linee guida nuovi istituti tecnici
Inviato da admin_CUSMA il 17/7/2010 15:48:16 (568 letture)

da Tecnica della Scuola 17.07.2010

Linee guida nuovi istituti tecnici

di Lara La Gatta

Il Ministero dell’istruzione ha pubblicato la direttiva e le linee guida per il passaggio al nuovo ordinamento degli istituti tecnici.
Le linee guida, predisposte a cura del gruppo tecnico di lavoro operante presso il Dipartimento per l’istruzione in sinergia con le istituzioni scolastiche, le associazioni professionali e le parti sociali, individuano gli orientamenti per sostenere gli istituti tecnici, in relazione al primo biennio dell’a.s. 2010/2011, nell'applicazione delle innovazioni ordinamentali introdotte dal regolamento di cui al D.P.R. n. 88/2010.
Si tratta di un documento articolato, che analizza vari aspetti che interesseranno gli istituti tecnici all’avvio del nuovo anno scolastico, dalle azioni per il passaggio al nuovo ordinamento, agli orientamenti per l’organizzazione del curricolo, passando attraverso tematiche “trasversali”, quali l’integrazione delle scienze, la legalità, cittadinanza e Costituzione, la conoscenza dell’ambiente e del territorio, la formazione per la sicurezza.
“Il riordino dell’istruzione tecnica - leggiamo nel testo - si è misurato con la frammentarietà che negli anni si è andata moltiplicando, in assenza di riforme organiche e ha ricondotto l’insieme delle proposte formative ad alcuni indirizzi fondamentali, in modo da favorire l’orientamento dei giovani e, nel contempo, garantire una preparazione omogenea su tutto il territorio nazionale. Nel successivo triennio sarà possibile articolare ulteriormente tali proposte in opzioni, anche per rispondere alle esigenze di una formazione mirata a specifiche richieste del tessuto produttivo locale.”
I percorsi degli istituti tecnici sono definiti, rispetto ai percorsi dei licei, in modo da garantire uno base comune di saperi e competenze riferiti soprattutto agli insegnamenti di lingua e letteratura italiana, lingua inglese, matematica, storia e scienze, che hanno già trovato un primo consolidamento degli aspetti comuni nelle indicazioni nazionali riguardanti l’obbligo di istruzione. Inoltre, altro importante obiettivo è dare spazio alle metodologie finalizzate a sviluppare le competenze degli allievi attraverso la didattica di laboratorio e le esperienze in contesti applicativi, l’analisi e la soluzione di problemi ispirati a situazioni reali, il lavoro per progetti, prevedendo anche uno stretto collegamento con il mondo del lavoro e delle professioni, attraverso stage, tirocini, alternanza scuola-lavoro.
Le linee guida sono integrate da due allegati, il primo riguardante la declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio (A.1 Settore economico - A.2 Settore tecnologico) ed il secondo contenente un glossario dei termini più ricorrenti.
Con Avviso del 15 luglio, il Miur comunica che la direttiva è stata inviata alla Corte dei Conti per la registrazione.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da Tuttoscuola.com: I sindacati sulla manovra: serve più equità
Inviato da admin_CUSMA il 16/7/2010 12:50:00 (440 letture)

da tuttoscuola.com

I sindacati sulla manovra: serve più equità


Mentre il Senato approvava il decreto legge sulla manovra finanziaria, i quattro sindacati che lo scorso 24 giugno avevano ottenuto da Tremonti la promessa di ripristinare gli scatti di anzianità per il personale della scuola hanno tenuto una manifestazione al teatro Quirino di Roma per ribadire le loro richieste di modifica della manovra, pena l'inasprimento della protesta.

Cisl scuola, Uil scuola, Gilda/FGU e Snals (assente anche in questo caso la Flc Cgil) battono soprattutto su due punti: "serve più equità e non bisogna toccare i diritti dei lavoratori". Se governo "non si assumerà le sue responsabilità - ha detto il segretario generale della Cisl Raffaele Bonanni - continueremo con la mobilitazione, ricorrendo anche allo sciopero".

Durante la manifestazione i sindacati sono tornati sulla questione del blocco dell'anzianità, che comporta una riduzione dello stipendio di 1.000 euro l'anno per un collaboratore scolastico e da 2.000 a oltre 3.000 euro per un insegnante, "mentre un dirigente statale con uno stipendio di 100.000 euro l'anno paga solo 500 euro". Una iniquità, che anche Tuttoscuola aveva evidenziato proponendo l'eliminazione o almeno la riduzione della franchigia che favorisce l'alta dirigenza (stipendi sopra i 90.000 euro), e che viene solo parzialmente corretta ripristinando gli scatti, ma non l'anzianità, del personale della scuola.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da ItaliaOggi: La manovra rende i soldi virtuali
Inviato da admin_CUSMA il 13/7/2010 13:08:39 (483 letture)

da ItaliaOggi

La manovra rende i soldi virtuali

Alessandra Ricciardi

Se non è un commissariamento, poco ci manca. I fondi di istituto, quelli che servono a pagare i compensi accessori di insegnanti, ausiliari, tecnici e amministrativi, valgono un miliardo di euro, abbondante. Con l'approvazione dell'emendamento Azzollini alla manovra correttiva, in commissione bilancio al senato, le risorse in questione non saranno più nella disponibilità materiale delle scuole, appoggiate sui singoli conti correnti. Gli istituti potranno emettere ordini di pagamento alla liquidazione dei quali provvederà, unitamente alle spettanze di base, lo stesso Tesoro. Una norma, quella spuntata in commissione su proposta del relatore della manovra, nonché presidente della Bilancio, Antonio Azzollini, che da un lato semplificherà i pagamenti e la vita delle scuole: non dovranno più pensarci le segreterie. Ma dall'altro impedirà agli istituti scolastici di utilizzare le risorse in questione per anticipi di cassa su altri fronti. E pagarci, per esempio, le supplenze brevi piuttosto che le forniture. Distorsioni contabili in cui sempre più scuole in questi anni, a corto di trasferimenti da parte dello stato centrale, sono incappate. Ora non sarà più possibile. Il ministro dell'istruzione, ogni anno, stabilirà la dotazione finanziaria a disposnzione delle singole istituzioni per i compensi accessori del personale. Sulla base di tale ammontare viturale si farà la contrattazione d'istituto per stabilire compensi e attività. Tra l'altro la nuova gestione contabile sarà oggetto di un decreto ad hoc di regolamentazione del ministro dell'istruzione, Mariastella Gelmini.
Tra gli emendamenti approvati in commissione, la riappropriazione del 30% annuo dei risparmi di gestione, previsti dal decreto legge 112/2008. Questi risparmi, che dovevano andare a pagare il merito dei docenti e degli Ata, oltre 300 milioni di euro l'anno, venivano inizialmente destinati dalla manovra a pagare i debiti pregressi maturati dallo stato centrale verso le singole scuole. Ora con decreto interministeriale (istruzione-Economia) se ne potrà dare una diversa utilizzazione. L'obiettivo dell'emendamento è di dirottarli a pagare i mancati scatti di anzianità, che il decreto legge correttivo ha congelato per tre anni.

Novità anche per gli alunni disabili e relativi prof di sostegno: una modifica parlamentare (Esposito-Latronico) rende possibile superare l'attuale tetto dei 20 alunni per classe quando è presente un ragazzo con handicap. «Con una mano il governo raccoglie, pur con ritardo, le giuste proteste degli invalidi sulle pensioni e sugli assegni d'accompagnamento, con l'altra torna a colpire tra i disabili i più deboli tra i deboli», attaccano l'ex viceministro, oggi senatore Pd, Mariangela Bastico, e il capogruppo Pd in commissione cultura alla camera, Manuela Ghizzoni, «negando il diritto all'integrazione». Confermato anche l'innalzamento dei requisiti per le pensioni, in particolare delle impiegate pubbliche, e la sforbiciata ai finanziamenti per i ministeri.

La manovra così fatta oggi approda nell'aula di Palazzo Madama per il primo sì. Giovedì è previsto il voto di fiducia, probabilmente su maxiemendamento governativo. Che dovrebbe recepire quasi tutte le novità approvate in commissione e qualcosa in più.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da La Tecnica della Scuola: Finanziaria, docenti e Ata tirano un sospiro di sollievo
Inviato da admin_CUSMA il 12/7/2010 12:01:07 (1175 letture)

Finanziaria, docenti e Ata tirano un sospiro di sollievo 12.07.2010
di A.G.

La modifica che sblocca gli scatti di carriera, sovvenzionati coi risparmi della L. 133/08, è pronta e arriverà in aula al Senato il 13 luglio con il maxiemendamento. Due giorni dopo la fiducia. Confermato anche l'innalzamento dei requisiti per le pensioni, in particolare delle impiegate pubbliche, la deroga al tetto degli alunni disabili e la “sforbiciata” ai ministeri. Polemiche per la mini-naia.
Manca l’ufficialità, ma anche gli ultimi dubbi sembrano sopiti: nei prossimi tre anni il personale della scuola potrà godere degli scatti di carriera. Il blocco, introdotto nel testo della manovra Finanziaria approvata a fine maggio dal Consiglio dei ministri, verrà di fatto cancellato attraverso un apposito emendamento, preparato e licenziato dalla commissione Bilancio del Senato, che non ha trovato opposizione tra i membri del Governo poiché permetterà comunque di attuare le economie di spesa previste: a sovvenzionare le progressioni di carriera, compresi gli accantonamenti della relativa buonuscita, sarà la quota del 30% di risparmi (2,5 miliardi di euro a fronte di circa 8 totali) derivanti dall’applicazione della Legge 133/08. Un’operazione che, come già osservato, se da una parte permetterà al personale di limitare i danni (i docenti con maggiore servizio alle spalle avrebbero perso oltre 3.000 euro l’anno con una striscia di conseguenze su assegno di liquidazione e di pensione che si sarebbe esaurito solo nel 2048!), dall’altra rimanderà ulteriormente l’assegnazione dei premi al personale più meritevole cui teneva tanto il ministro Gelmini.
Il decreto, che riguarda il biennio 2011-2012, approderà nell'Assemblea del Senato martedì 13, e due giorni dopo, giovedì 15, sarà approvato con voto di fiducia (la maggioranza è sicura di farcela).
Anche per quanto riguarda gli altri punti della correzione della manovra Finanziaria non dovrebbero esserci sorprese rispetto alle indiscrezioni degli ultimi giorni. Sempre rimanendo alla scuola, ci sono buone notizie per quanto riguarda il tetto degli alunni disabili, per i quali è stata concessa una deroga al numero massimo di alunni per classe. Come per i cittadini che chiedono l’assegno per una patologia grave: il maxiemendamento prevede, infatti, il ritorno al 70% della soglia di invalidità per poter ottenere l'assegno. La “stretta” sulle false invalidità ci sarà comunque, perché aumenteranno le verifiche fino a 250.000 l’anno.
Passa anche l’elevazione dei requisiti per accedere alla pensione: per tutti i cittadini scatta l'adeguamento dei requisiti di pensionamento all'aspettativa di vita media. L'avvio del meccanismo (che si tradurrà in un innalzamento iniziale pari a circa tre mesi) ci sarà a decorrere dal primo gennaio 2015, e il requisito anagrafico verrà aggiornato con un decreto, su base Istat, ogni tre anni a partire dal 2019. Confermata, invece, la retromarcia del Governo (il ministro Sacconi aveva parlato di refuso) sull’incidenza di questa modifica sul requisito dei 40 anni di contributi per poter lasciare il lavoro (che così rimangono svincolati dall’età anagrafica e da qualsiasi altro paletto).
Sempre sul tema della pensione, però solo di vecchiaia, arriva lo scalone unico per le lavoratrici del pubblico impiego: a partire dal 2012, le donne della Pa potranno lasciare il lavoro solo a 65 anni. Il salto, a seguito delle pressioni (anche formali) di Bruxelles nei confronti del nostro Governo, appare veramente lungo: il primo gennaio di quest’anno la soglia era stata incrementato da 60 anni a 61 anni. In un solo anno, in pratica, si passerà da 60 a 65. Una modifica repentina che bloccherà, sulla carta, quasi 20.000 donne della scuola, tra docenti e Ata: per molte (forse la metà) però ci sarà la possibilità di lasciare il servizio comunque, usufruendo della pensione di anzianità (al momento raggiungendo quota 96 con almeno 59 anni di età).
Per quel che concerne gli altri provvedimenti, sta facendo discutere (il Partito democratico sta addirittura raccogliendo delle firme in tempi record) quello della cosiddetta mini-naia: i giovani tra i 18 e i 30 anni potranno, in pratica, fare un’esperienza di addestramento militare della durata massima di tre settimane nelle Forza Armate. L’esperimento durerebbe tre anni e costerebbe quasi 20 milioni di euro complessivi. Una cifra non certo irrisoria, che per l’opposizione sarebbe potuta andare a rimpinguare capitoli di spesa prioritari, sempre rivolti ai giovani, come l'istruzione.
Confermati, infine, i risparmi (per una quota vicina al 10% del budget corrisposto) richiesti a tutti i ministeri. Con un’aggravante: se i risultati non raggiungeranno le attese scatteranno ulteriori decurtazioni.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da La tecnica della scuola - Il “taglione” del Governo cancella 40.000 cattedre, salvi solo i prof di religione
Inviato da admin_CUSMA il 6/7/2010 11:11:08 (544 letture)

da Tecnica della Scuola

Il “taglione” del Governo cancella 40.000 cattedre, salvi solo i prof di religione

di A.G.

A seguito della Legge 133/08, il numero di docenti si è ridimensionato in un solo anno di 40.384 unità, scendendo sotto quota 800.000. La tendenza non risparmia nemmeno il sostegno. Mentre i docenti nominati dal vescovo fanno registrare un seppure leggero incremento (395 posti). E si riaccende il dibattito.
Si riaccende la polemica sulle eccessive tutele per gli insegnanti di religione cattolica. Stavolta a scatenarla sono state le riduzioni generalizzate del personale scolastico contenute nel dossier, pubblicato dal Miur, ‘La scuola statale: sintesi dei dati, anno scolastico 2009/2010’. Come preventivato, all’inizio dell’anno scolastico 2009/10, dopo la prima tranche del triennio di “razionalizzazione” previsto dalla Legge 133/08, il numero di docenti in servizio si è ridimensionato di 40.384 posti: se nel 2008 erano 835.726, l'anno successivo i docenti della scuola italiana sono scesi a 795.342 (-4,8%). Nello stesso periodo anche gli Ata si sono ridotti, passando da 245.275 a 231.118, facendo registrare 14.157 posti in meno (che corrisponde ad un -5,8%). Complessivamente, proprio come indicato dalla Finanziaria di due anni fa, il personale della scuola si è ridotto di oltre 55mila unità, passando dai 1.094.255 del 2008 ai 1.039.102 dello scorso anno.
L'unica categoria tra gli insegnanti italiani che ha fatto registrare un aumento, a seguito dell'incremento di posti a tempo determinato, è stata quella dei prof di religione: all'inizio dell'anno scolastico 2009/10 erano 26.326 (395 in più dell'anno precedente). È significavo, per comprendere, la portata dell’operazione, che anche i posti come insegnante di sostegno (da diversi anni in perenne incremento) siano diminuiti di quasi 1.550 unità rispetto a 12 mesi prima.
Alle critiche, più o meno velate, apparse su alcuni quotidiani per l’ennesima corsi preferenziale che il Governo continuerebbe a mantenere per i docenti di religione, ha cercato di rispondere Nicola Incampo, insegnante di religione cattolica e responsabile del sito CulturaCattolica.it, secondo cui da questa situazione si trae un miglioramento generalizzato della didattica perché verrebbero date più opportunità di approfondimento agli alunni della scuola d’infanzia e della primaria: Incampo ha voluto, in particolare, rispondere per le rime al quotidiano “Repubblica”, secondo cui il crescere delle cattedre da assegnare a docenti individuati "dal vescovo" appare "in netta controtendenza col taglio delle classi e con il lento ma graduale spopolamento delle aule".
Nello spiegare che il dato dell’aumento non può riguardare le scuole medie e superiori, dove "se ci sono 4.000 classi in meno ci sono necessariamente 4.000 ore in meno di religione cattolica", Incampo si sofferma sul fatto che gli incrementi riguardano " solamente la scuola elementare e la scuola dell‘infanzia", per le quali"la revisione del Concordato del 1984 ha previsto che il maestro non fosse più obbligato a insegnare religione, ma", laddove il ‘maestro’"volesse impartire detto insegnamento, avrebbe dovuto dichiarare la propria disponibilità all’inizio di ogni anno scolastico".
Già dall’anno scorso, con l’entrata in vigore della riforma della primaria, nelle classi dove il maestro dichiarava la propria indisponibilità all’insegnamento della religione cattolica entrava lo specialista di religione cattolica. "Ma la stessa norma – sottolinea Incampo - prevede che il maestro che ha dichiarato la non disponibilità a svolgere religione cattolica, faccia altro e possibilmente nella stessa classe". Per l’esperto è questo il surplus di offerta formativa: "nelle classi dove la religione cattolica viene impartita da insegnanti di religione specialisti hanno due ore di compresenza, cioè hanno più risorse da spendere nella propria classe e nella propria scuola. In conclusione – conclude il docente - mi verrebbe da dire grazie a questi insegnanti".

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da TuttoscuolaNew - Effetto tagli dopo il primo anno di riforma
Inviato da admin_CUSMA il 5/7/2010 17:33:43 (521 letture)

da TuttoscuolaNEWS 5.07.2010

Effetto tagli dopo il primo anno di riforma

L'annuale "Sintesi dei dati" pubblicata dal Ministero dell'istruzione per la situazione di fatto relativa al 2009-10 consente, tra l'altro, di rilevare anche i primi effetti della manovra finanziaria del 2008 sugli organici del personale statale, mettendo a confronto questi nuovi dati con quelli precedenti la riforma stessa.

Tutto il personale scolastico sia a tempo indeterminato che a tempo determinato (supplente annuo e supplente fino al termine delle attività), prima della manovra nel 2008-09, raggiungeva il ragguardevole numero di 1.094.255 unità. Dopo un anno, a manovra applicata, il numero complessivo del personale scolastico è sceso a 1.039.102, con una contrazione complessiva di 55.153 unità (-5%).

I docenti (di ruolo e non) sono diminuiti di 40.384 unità (erano 835.726 e sono scesi a 795.342: -4,8%); il personale Ata (di ruolo e non) è passato da 245.275 a 231.118 unità (meno 14.157: -5,8%).

Alcune novità riguardano anche i docenti di religione cattolica: quelli con contratto a tempo indeterminato sono diminuiti di 243 unità (erano 14.123 nel 2008-09 e sono diventati 13.880 nel 2009-10), mentre quelli con contratto a tempo determinato, grazie anche all'aumento di spezzoni di cattedra hanno avuto un incremento di 638 unità.

Complessivamente nel 2009-10 i docenti di religione sono stati più di 26 mila (26.326).

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da la Stampa.it - Miur, graduatorie super affollate sono 247mila i docenti precari
Inviato da admin_CUSMA il 2/7/2010 23:04:18 (681 letture)

da la Stampa.it - 2.07.2010

Miur, graduatorie super affollate sono 247mila i docenti precari

Per assumerli serviranno 10 anni. Ma in alcune materie c’è il vuoto

ROMA
Sono 247mila i docenti precari della scuola, abilitati all’insegnamento, iscritti nelle oltre cento liste di attesa provinciali sparse per l’Italia: il numero di supplenti, in leggero decremento, ma che rimane altissimo considerando che per la loro assunzione non basterà un decennio, è stato identificato dal ministero dell’Istruzione attraverso l’”Osservatorio sulle graduatorie ad esaurimento” riferito alla fine del 2009.

I dati ufficiali rilevano 277.600 iscritti nelle graduatorie, a cui vanno però sottratti 31mila docenti già assunti in altre discipline, ma che hanno preferito rimanere presenti nelle liste di attesa: il Miur ha infatti considerato che dallo scorso anno al personale di ruolo, in base alla legge 167/2009, non è più consentito più permanere nelle graduatorie dei supplenti (ad eccezione degli insegnanti di religione cattolica) e pertanto vanno cancellati. Il numeri degli aspiranti docenti, in attesa di assunzione definitiva, rimane comunque altissimo: anche se ne risultano 64.000 in meno rispetto all’anno boom del 2007 è significativo che i candidati siano 7.300 in più, se si guarda a 12 mesi prima (al 2006).

Anche se non è possibile fare una previsione generalizzata, poiché la concentrazione di aspiranti varia con le classi di concorso e le province (il Miur ne classifica cinque diverse tipologie), considerando la media di assunzioni degli ultimi anni (circa 20mila docenti), occorrerà oltre un decennio per l’immissione in ruolo, a titolo definitivo, dei quasi 250mila docenti candidati. Si manifestano, tuttavia, per alcuni insegnamenti e in alcune aree geografiche, segni di carenza di insegnanti. «In particolare - spiega nella prefazione al rapporto Maria Domenica Testa, direttore generale Miur - le stime prospettano, già nel breve periodo, difficoltà per la scuola italiana a trovare docenti per alcuni insegnamenti tecnico-scientifici».

La scarsità di insegnanti interessa anche altri settori disciplinari, in particolare nelle zone del centro-nord. E non di poco conto è anche la proiezione in base alla quale «nell’arco di un triennio ben 27 province su 100 avranno esaurito le GE.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da Tuttoscuola - L'emendamento per restituire il 30% ai docenti non convince la Bastico
Inviato da admin_CUSMA il 2/7/2010 14:24:28 (564 letture)

da Tuttoscuola

L'emendamento per restituire il 30% ai docenti non convince la Bastico

Il 30% dei risparmi della manovra finanziaria 2008 avrebbe dovuto essere destinato alla valorizzazione del merito e della professionalità dei docenti. La manovra 2010 vorrebbe destinarlo al risanamento dei debiti delle scuole. Alla protesta sindacale il ministro Tremonti nei giorni scorsi aveva promesso un ripristino della norma, ma...

L'emendamento sulla restituzione al personale della scuola del 30% delle risorse tagliate alla scuola dalla legge 133/2008 ("finanziaria estiva"), preannunciato in modo altisonante dal Ministro Tremonti nell'incontro organizzato dai sindacati scuola, non è assolutamente soddisfacente e non risponde, a mio avviso, a quanto promesso.

Lo ha dichiarato la senatrice del Pd Mariangela Bastico, che ha aggiunto che l'emendamento predisposto dal Governo si limita a sancire che l'utilizzo del 30% viene stabilito con decreto di natura non regolamentare del Ministro dell'istruzione di concerto con il Ministro dell'economia, sentite le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative. Non si accenna minimamente alla eliminazione della norma - aggiunge la senatrice del PD - che cancella in modo irreversibile il "gradone", cioè gli scatti di anzianità, per il personale della scuola. Non si accenna neppure al fatto che queste risorse sono destinate a risarcire le perdite subite dal personale della scuola.

L'emendamento rinvia semplicemente ad una decisione dei due ministri, scalzando completamente la contrattazione sindacale. Per la Bastico l'emendamento costituisce un arretramento rispetto alla legge che destina il 30% alla valorizzazione del merito del personale della scuola.

Sulla base di queste valutazioni il PD ha presentato una serie di subemendamenti volti, da un lato, a riportare al centro la contrattazione sindacale, dall'altro a ripristinare il testo che valorizza il merito dei docenti

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da tuttoscuola.com: Scatti d'anzianità, la Gilda teme che il governo ci ripensi
Inviato da admin_CUSMA il 17/7/2010 15:46:10 (530 letture)

da tuttoscuola.com
Scatti d'anzianità, la Gilda teme che il governo ci ripensi


La Gilda degli Insegnanti esprime "forte preoccupazione" sugli scatti di anzianità dopo l'approvazione in Senato del maxiemendamento alla Finanziaria.

"Nel testo votato a Palazzo Madama - spiega la Gilda - non è stata cancellata la norma che abolisce la progressione di carriera per il triennio 2010-2012. L'unica possibilità per evitare questo ulteriore danno agli insegnanti, già colpiti duramente dai 140mila tagli e dal blocco del rinnovo del contratto nazionale, è affidata all'intervento del ministro Gelmini che, in accordo con i sindacati, potrebbe emanare un decreto con cui destinare agli scatti di anzianità una parte delle risorse derivanti dai risparmi. Ma - afferma la Gilda - ci chiediamo se si riuscirà davvero a seguire questa strada, rispettando così l'impegno assunto dal ministro Tremonti di utilizzare il 30% dei fondi riservati al merito per evitare il blocco degli scatti di anzianità".

"Di fronte a una situazione così incerta - conclude la Gilda - non possiamo che confermare tutte le iniziative di protesta in programma per il prossimo anno scolastico, tra cui l'astensione dei docenti dalle attività non obbligatorie, a partire dall'organizzazione delle gite e dei viaggi di istruzione".


Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da Tuttoscuola.com: Gelmini lascia?
Inviato da admin_CUSMA il 15/7/2010 12:36:46 (541 letture)

da tuttoscuola.com

Gelmini lascia?

Si fanno sempre più insistenti le voci all'interno della maggioranza per affidare le sorti del PDL, attualmente con qualche crisi al proprio interno, ad un coordinatore unico.

In pole position per questo incarico vi sarebbe il ministro Maria Stella Gelmini, per la quale anche le colleghe ministro tifano, pur consigliando cautela.

La Gelmini, prima della nomina a ministro, si era fatta apprezzare per un ruolo simile all'interno di Forza Italia in Lombardia, raccogliendo consensi e apprezzamenti anche da parte del premier Berlusconi che l'ha poi premiata con la nomina a ministro.

Quella del coordinatore unico sta diventando l'argomento del giorno, obbligato a continuare come tormentone estivo. A settembre sapremo se la Gelmini assumerà questo incarico con il benestare dei diversi "colonnelli" della maggioranza.

Se l'incarico di coordinatore si concretizzerà, c'è da chiedersi se la Gelmini manterrà l'incarico di ministro, visto che l'attende una fase complessa nell'attuazione delle "sue" riforme (università e secondaria superiore) per le quali tra pochi mesi dovrà anche privarsi di alcuni direttori generali che si sono dimessi per effetto della manovra.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da La tecnica della Scuola: Valutazione ai fini pensionistici dei corsi abilitanti
Inviato da admin_CUSMA il 13/7/2010 13:03:21 (721 letture)

da Tecnica della Scuola

Valutazione ai fini pensionistici dei corsi abilitanti
di Lara La Gatta

L’Inpdap chiarisce che non possono essere valorizzati ai fini pensionistici i corsi di abilitazione all'insegnamento antecedenti ai corsi Ssis.

Tenuto conto delle peculiarità proprie del comparto Scuola, l’Inpdap con la nota operativa n. 37 del 13 luglio 2010 fornisce specifici chiarimenti in merito alla valutazione ai fini pensionistici dei corsi abilitanti per l'ammissione in servizio del personale scolastico.
Nei confronti di tale personale, ai sensi dell'articolo 13 del Dpr n. 1092/1973, così come ridefinito dal D.L.vo n. 184/1997, è consentita la facoltà di riscatto di:
diplomi universitari, di laurea, di specializzazione, dottorato di ricerca, anche qualora non siano titoli prescritti per il posto ricoperto; la stessa legge ha inoltre stabilito che siano le Università a provvedere alla formazione degli insegnanti delle scuole secondarie attraverso specifiche scuole di specializzazione articolate in indirizzi presso le quali si consegue un diploma di abilitazione all'insegnamento;
periodi di iscrizione ad albi professionali, nel caso in cui tale periodo sia stato richiesto come condizione necessaria per l'ammissione in servizio;
periodi di pratica necessari per il conseguimento dell'abilitazione professionale;
diplomi, titoli di studio e corsi di specializzazione conseguiti presso istituti o scuole riconosciute di livello superiore (post-secondario), quando il relativo diploma o titolo di studio di specializzazione o di perfezionamento sia richiesto per l'ammissione in servizio di ruolo o per lo svolgimento di determinate funzioni (la possibilità di riscattare tutti quei diplomi è stata introdotta dalla Corte Costituzionale, con sentenza n. 52 del 9-15 febbraio 2000).
Nello specifico, i corsi biennali svolti dagli Atenei presso le Scuole di specializzazione all'Insegnamento secondario (Ssis), in quanto considerati diplomi universitari, possono essere riscattati ai sensi dell'articolo 2 del D.L.vo n. 184/1997 e quindi indipendentemente dalla circostanza che il titolo di abilitazione conseguito sia o meno titolo prescritto per il posto ricoperto dal dipendente; inoltre, i corsi speciali annuali istituiti dalle Università e dagli Istituti di alta formazione artistica e musicale (Afam) possono essere valorizzati, in sede pensionistica, in virtù dell'ampliamento della facoltà di riscatto di diplomi, titoli e corsi sancito dalla suddetta sentenza della Corte Costituzionale n. 52/2000. La facoltà di riscatto di questi ultimi corsi è riservata al personale della scuola con incarico annuale oppure assunto in tempo indeterminato, in quanto il relativo titolo conseguito è necessario per l'inserimento nelle graduatorie provinciali permanenti atte al conferimento di incarichi annuali e alle nomine a tempo indeterminato.
Non sono invece valorizzabili ai fini pensionistici - precisa l’Inpdap - i corsi di abilitazione all'insegnamento antecedenti ai corsi SSIS, in quanto non compresi tra le fattispecie riscattabili di cui all'art. 13 del Dpr n. 1092/73 né tra quelle disciplinate dal D.L.vo. n.184/97 e non rientrano nell'ambito di applicazione della citata sentenza della Corte Costituzionale.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da TuttoscuolaNew n. 449 del 12 luglio 2010
Inviato da admin_CUSMA il 12/7/2010 11:58:54 (603 letture)

da TuttoscuolaNew n. 449 del 12 luglio 2010

SOMMARIO

1. In Germania soldi solo agli studenti più bravi. Perché no?

2. Che tempo (pieno) farà?

3. Per salvare il posto i docenti si convertono al tempo pieno

4. Gelmini: alcune materie insegnate in inglese

5. Insegnare inglese: “zero titoli” nella scuola elementare

6. Graduatorie ad esaurimento/1: una situazione paradossale

7. Graduatorie ad esaurimento/2: la ricostruzione di una storia infinita

8. Regno Unito/1. Polemiche per i tagli alle scuole

9. Regno Unito/2. Priorità per l’edilizia o per i docenti?

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 1420 bytes | Commenti?
Stampa : da TuttoscuolaNew n.448 del 05.07.2010
Inviato da admin_CUSMA il 5/7/2010 22:44:22 (523 letture)

da TuttoscuolaNew n.448 del 05.07.2010


SOMMARIO

1. Manovra/1. Quello strano emendamento sul 30% dei risparmi

2. Manovra/2. E quel silenzio assordante sulla franchigia per i dirigenti

3. Non 100 mila ma 14 mila i posti in meno dei precari nel 2009-10

4. Effetto tagli dopo il primo anno di riforma

5. Federalismo fiscale e Accordo Quadro per l’istruzione

6. Titolo V:il passaggio ai costi standard

7. Scuola e mercato/1. Troppi giovani disoccupati

8. Scuola e mercato/2. Domanda e offerta non si incontrano

9. Scuola e mercato/3. Perché l’istruzione tecnica non decolla?

10. Scuola e mercato/4.

11. Scuola e mercato/5. Il fallimento del 3+2


Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 1480 bytes | Commenti?
Stampa : da Unità/Bologna: La lezione scorretta di M. Limina
Inviato da admin_CUSMA il 4/7/2010 17:10:00 (545 letture)

Unità/Bologna - 4.07.2010

La lezione scorretta di Marcello Limina Direttore dell'Ufficio Scolastico regionale per l'Emilia-Romagna

Fanno quasi tenerezza, Marcello Limina e l’Ufficio Scolastico Regionale dell’ Emilia Romagna, quando si preoccupano di chi farebbe una «voluta operazione di disinformazione » rispetto ai docenti in soprannumero che, con i tagli del Governo, non saranno licenziati, ma perderanno la cattedra a cui erano assegnati anche da decenni. Tuona Limina: «Per l’ennesima volta non ci stiamo a questo gioco di rimpalli mediatici». E ricorda il dovere di far passare, sulla scuola, «messaggi chiari e informati». Da che pulpito, viene da dire. Peccato che Limina e il suo ufficio non abbiano sentito questa urgenza anche prima di oggi. Mai una parola su ministri che chiamavano i docenti «fannulloni»; non ledevano l’immagine dell’istituzione? O si diceva «razionalizzare» per dire «tagliare»: errore lessicale? O qualcuno scriveva dell’«alto rapporto tra docenti e alunni in Italia » omettendo colpevolmente la presenza di alunni disabili e docenti di sostegno: dimenticanza? O, ultimamente, Gelmini pontificava la «non soppressione del tempo pieno »; anche se poi, senza l’organico necessario, effettivamente, salta: una svista? Limina pensi a lavorare sodo per l’avvio del prossimo anno scolastico nel rispetto delle norme. Con tutto rispetto, non abbiamo bisogno delle sue lezioni di corretta informazione.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da La Tecnica della Scuola - Graduatorie precari, il Consiglio di Stato riabilita il commissariamento del Miur
Inviato da admin_CUSMA il 2/7/2010 14:28:11 (740 letture)

da Tecnica della Scuola

Graduatorie precari, il Consiglio di Stato riabilita il commissariamento del Miur

di A.G.

L’Avvocatura dello Stato non consegna nei tempi dovuti l'atto d'appello ai legali dell'Anief: il Cds non può far altro che annullare la sospensiva. Cancellando di fatto il posizionamento in ‘coda’ dei 5.000 supplenti che hanno fatto ricorso. Possibile lo stravolgimento di diverse migliaia di posizioni.
È bastata una notifica presentata in ritardo per riaccendere le speranze degli oltre 5.000 precari collocati in coda alle graduatorie ad esaurimento: l'Avvocatura dello Stato non avrebbe infatti consegnato nei tempi dovuti l'atto d'appello ai legali dell'Anief, promotori del ricorso, riguardante l'annullamento delle ordinanze di sospensiva attraverso cui a novembre il Tar del Lazio aveva imposto a viale Trastevere (altrimenti sarebbe scattato il commissariamento dello stesso Miur) di sciogliere le ‘code’. Non essendo stata convocata la controparte, venendo meno un elemento fondamentale del processo, i giudici del Consiglio di Stato non hanno quindi potuto fare altro, attraverso l'ordinanza n. 207/2010, che applicare il commissariamento del Miur già disposto dai giudici di primo grado.
In termini pratici ciò significa che è stato di riabilitato l'inserimento dei precari ricorrenti con il sistema ‘a pettine’ anziché con quello delle ‘code’. Un’operazione che, salvo ulteriori colpi di scena, comporterebbe lo stravolgimento delle attuali graduatorie dove sono collocati all’incirca 300.000 docenti non di ruolo. Tutto ciò (vista la penuria di posti a seguito dei tagli) alla vigilia di una tornata di assunzioni particolarmente sofferta.
L'Anief non ha perso tempo: nelle prossime ore invierà una nota al commissario ad acta, al direttore generale del Miur, e a tutti i dirigenti territoriali degli Uffici scolastici regionali per richiedere l'inserimento a pettine dei ricorrenti. Il direttore generale, infatti, con una nota dello scorso febbraio aveva comunicato agli Uffici scolastici regionali l'accoglimento degli appelli del ministero dell'Istruzione. Ora però si torna indietro: tornano a valere le ordinanze di commissariamento del Tar emesse in data 6 novembre 2009.
Secondo Marcello Pacifico, presidente del sindacato degli educatori in formazione, "la mancata attuazione di un ordine disposto dell'autorità giudiziaria è passibile di denuncia per omissione di atti di ufficio. Ancora una volta la giustizia dà ragione alla condotta di un sindacato che vuole soltanto il rispetto di quelle regole che ogni giorno vogliamo insegnare ai nostri studenti: il merito, il lavoro, la professionalità. Se il Miur non vuole far pagare ai cittadini due stipendi per un solo posto anche per il prossimo anno scolastico, deve rispettare le ordinanze cautelari del tribunale amministrativo. In caso contrario - ha concluso il leader dell’Anief - i suoi dirigenti devono rispondere del cattivo andamento e della cattiva gestione della pubblica amministrazione".

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
« 1 ... 269 270 271 (272) 273 274 275 ... 287 »

Cerca

Ricerca avanzata

Convenzioni Istituzioni
Convenzioni Istituzioni

Prossimi eventi
Nessun evento

Calendario
Mese PrecedenteMar 2019Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
Oggi

Videonews

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Iscrizione
Open in new window



Newsletter
Iscrivetevi sulla nostra
Newsletter !
La vostra e-mail :

Formato 

Iscrizione avanzata.

Galleria

Nuovi utenti
Angelarosa 16/1/2019
franticrn 9/11/2018
ElisaD4 6/11/2018
luismart 11/9/2018
syd73 24/3/2018

Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale