username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Gli Speciali
Mobilità
Utilizzazioni/Assegnazioni provvisorie
Contratti

Top News

Collegamenti


Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta lunedì, mercoledì e venerdì dalle 16:00 alle 18:30 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Cookie & Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie & Privacy Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie o alla nostra Privacy Policy, consulta la Cookie & Privacy Policy. Ignorando questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie e accetti la Privacy Policy. MAGGIORI INFORMAZIONI
RSS Feed
« 1 2 3 (4) 5 6 7 ... 288 »
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 14 dicembre 2018
Inviato da admin_CUSMA il 14/12/2018 14:34:34 (106 letture)

Mobilità 2019, nessun vincolo al passaggio da sostegno a posto comune

di F. De Angelis - 14/12/2018

La trattativa per il nuovo contratto di mobilità 2019 è giunta ad un punto soddisfacente.
Infatti, nella giornata del 13 dicembre i sindacati ed il Miur hanno fatto passi avanti e sciolto alcuni nodi che potevano fare presagire alcuni rallentamenti.

Nessun vincolo dal sostegno a posto comune

L’aspetto più importante, forse, per quanto riguarda la mobilità dei docenti, è il passo indietro dell’amministrazione in merito al vincolo proposto in precedenza sui passaggi da sostegno a posto comune.

Infatti, la prima proposta del Miur è stata quella di imporre la riduzione al 50% delle disponibilità per i trasferimenti da posto di sostegno a posto comune.
In precedenza era stato questo uno dei principali nodi che opponevano le organizzazioni sindacali al Miur.

Invece, per quanto riguarda la mobilità tra e verso i licei musicali, la questione sarebbe ancora in bilico, nel senso che la stesura di un testo definitivo è stata rinviata al successivo incontro ma nel frattempo, sottolinea la Cisl Scuola, è possibile anticipare che le domande di trasferimento per i Licei musicali, limitatamente all’anno scolastico 2019/20, saranno tutte in formato cartaceo e andranno presentate presso gli Uffici Scolastici Provinciali in periodo antecedente a quello fissato per la presentazione delle altre domande di mobilità.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3953 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" dell'11 dicembre 2018
Inviato da admin_CUSMA il 11/12/2018 21:00:00 (115 letture)

Open in new window
Progetti e fondo MOF, abolendoli i docenti avrebbero la 14-esima

di Lucio Ficara - 11/12/2018

Il 14 dicembre 2018 i docenti italiani riceveranno nel cedolino, oltre lo stipendio tabellare, l’indennità integrativa speciale conglobata, la retribuzione professionale docenti, anche la tredicesima mensilità. Bisogna sapere che se si tagliassero i tanti progetti extracurricolari e i relativi fondi del miglioramento dell’offerta formativa (MOF) e delle progettualità dei programmi operativi nazionali, i docenti potrebbero godere anche di una discreta 14-esima.

Calcolo del fondo MOF delle scuole

È utile sapere che le scuole, ogni anno scolastico, ricevono un fondo per il miglioramento dell’offerta formativa (MOF) per fare progetti, approfondimenti didattici e premiare anche il merito professionale di alcuni docenti.

Ogni anno sulla base di quello che viene stabilito dai contratti collettivi integrativi nazionali si definisce la ripartizione alle scuole dei finanziamenti, stabilendo i fondi dell’istruzione scolastica art.40, comma 4, lettera a) del CCNL scuola 2016-2018, i fondi delle attività complementari di educazione fisica art.40, comma 4, lettera b) del CCNL scuola 2016-2018, funzioni strumentali art.40, comma 4, lettera c) del CCNL scuola 2016-2018, incarichi specifici art.40, comma 4, lettera d) del CCNL scuola 2016-2018, aree a rischio art.40, comma 4, lettera e) del CCNL scuola 2016-2018, ore eccedenti di sostituzione art.40, comma 4, lettera f) del CCNL scuola 2016-2018, valorizzazione del merito dei docenti (Bonus merito) art.40, comma 4, lettera g) del CCNL scuola 2016-2018, comandati art.86 del CCNL scuola 2006/2009.

Il Contratto integrativo del 1° agosto 2018 per l’anno scolastico 2018/2019 ha definito i criteri per la ripartizione alle scuole di 819.888.000,00 euro lordo stato relativi ai fondi suddetti per il miglioramento dell’offerta formativa.

segue ...

Rango: 10.00 (3 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3945 bytes | Commenti?
Stampa : da "IlSole24Ore.it" del 10 dicembre 2018
Inviato da admin_CUSMA il 10/12/2018 17:06:51 (54 letture)

ALTRE 20MILA ASSUNZIONI NELLA SCUOLA (18mila Ata)

di Eugenio Bruno e Claudio Tucci (10.12.2018)

Sulla pulizia delle scuole l’Italia parafrasa Vasco Rossi e va «con il rewind». Dopo un ventennio trascorso a cercare di esternalizzare il servizio, il nostro paese si arrende e si prepara a stabilizzare 18mila collaboratori scolastici (per due terzi ex Lsu comunali). Grazie a una modifica alla manovra introdotta alla Camera. Se poi aggiungiamo i 2mila docenti in odore di “posto fisso” per rafforzare il tempo pieno, ecco che il conto delle assunzioni nel comparto supera le 20mila unità. Considerando anche i 400 prof degli istituti musicali già previsti dal disegno di legge di bilancio originario. Così facendo la scuola diventa l’ambito del pubblico impiego più “gratificato”, quanto a nuove risorse umane, dalla maggioranza gialloverde.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3808 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 7 dicembre 2018
Inviato da admin_CUSMA il 7/12/2018 18:02:02 (68 letture)

Attività didattica, il DS non decide al posto degli organi collegiali

di L. Ficara - 07/12/2018

Sono gli organi collegiali, in modo particolare il Consiglio di classe e il Collegio dei docenti, a proporre e deliberare la partecipazione di una classe ad un’attività didattica che si tiene fuori dall’aula o dalla scuola. Tali attività non possono essere decise dal solo Dirigente scolastico e imposte ai docenti di una classe.

Normativa su attività didattica alternativa

È utile ricordare che l’art.5, comma 8, del d.lgs.297/94 prevede che i consigli di intersezione, di interclasse e di classe hanno il compito di formulare al collegio dei docenti proposte in ordine all’azione educativa e didattica e ad iniziative di sperimentazione e di agevolare ed estendere i rapporti reciproci tra docenti, genitori ed alunni. I Consigli di classe, in modo particolare, esercitano le competenze in materia di programmazione e valutazione, si pronunciano su ogni altro argomento previsto dalle leggi e dai regolamenti alla loro competenza.

Ai sensi dell’art.7, comma 3, del d.lgs. 297/94 il Collegio dei docenti, nell’adottare le proprie deliberazioni, tiene conto delle eventuali proposte e pareri dei consigli di intersezione, di interclasse o di classe.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4080 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 3 dicembre 2018
Inviato da admin_CUSMA il 3/12/2018 23:40:00 (128 letture)

Concorsi docenti in difficoltà: compensi umilianti per i commissari

di Reginaldo Palermo, La Tecnica della scuola, 3.12.2018

– Sul concorso straordinario per la scuola primaria e dell’infanzia pende la consueta spada di Damocle dei compensi spettanti ai presidenti e ai commissari.
Già in precedenti occasioni gli Uffici scolastici regionali avevano incontrato non poche difficoltà a trovare dirigenti scolastici, insegnanti ed esperti disponibili a fare parte delle commissioni.
.
Compensi fermi al 2016

Il motivo principale va ricercato nei modesti, modestissimi compensi previsti per chi si deve assumere la responsabilità di decidere del futuro professionale di tanti docenti.
Senza considerare che, con le attuali regole di contabilità, le spese di viaggio possono essere rimborsate ma solo se riguardano l’uso di mezzi pubblici e molto spesso chi abita nella stessa città sede delle prove non ha neppure diritto al rimborso delle spese dell’autobus o della metro.
Ma poi ci sono anche i timori per i ricorsi dei partecipanti contro le irregolarità di cui potrebbero essere chiamati a rispondere in prima persona gli stessi commissari.
Altro motivo che induce molti docenti a rifiutare l’incarico di commissario è legato alla impossibilità di ottenere un esonero anche solo parziale dagli impegni di cattedra: per chi non abita nella stessa città sede delle prove risulta quindi pressoché impossibile conciliare gli impegni di commissario con quelli di insegnante.
.
segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2796 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 29 novembre 2018
Inviato da admin_CUSMA il 29/11/2018 17:23:31 (104 letture)

Open in new window
Concorso Dsga (ex segretari), c’è l’ok del MEF. Le ultime notizie

di F. De Angelis - 29/11/2018

Nella giornata del 28 novembre il Ministero dell’istruzione ha comunicato alle organizzazioni sindacali che il MEF ha dato il via libera al concorso Dsga per 2004 posti e di aver già registrato il bando. Nei prossimi giorni è previsto un incontro fra Miur e sindacati in cui l’amministrazione renderà noto l’articolazione del concorso e il contestuale percorso riservato per gli Assistenti Amministrativi facenti funzione che transiteranno nel ruolo tramite una misura di mobilità professionale.

Bisogna ammettere che, per rispettare il termine previsto di espletamento del bando, ovvero entro il 2018, i tempi ci sono ma restano strettissimi.

Da poco è arrivata l’ennesima conferma del ministro Bussetti, che ha rassicurato sull’arrivo a breve del bando: “Siamo pronti per partire con il concorso per Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi (D.S.G.A.). Sappiamo quali sono le carenze e interveniamo per organizzare un reclutamento più distribuito e razionale per il personale amministrativo. È in corso di autorizzazione presso il Mef l’apertura di 2004 posti. È un’azione attesa da tempo, cui noi vogliamo dar prontamente seguito. Il Dirigente Amministrativo è una figura fondamentale per l’organizzazione delle nostre scuole”.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4461 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 25 novembre 2018
Inviato da admin_CUSMA il 25/11/2018 19:48:58 (96 letture)

Supplenti, i permessi che possono prendere docenti e ATA

F. De Angelis - 25/11/2018

Ci sono molto molti docenti e personale ATA, che ci pongono alcuni quesiti in merito ai permessi a cui possono accedere.
Proviamo a fare chiarezza in merito alla questione.


Quali sono i permessi retribuiti per i supplenti

Prima di tutto, dobbiamo ricordare che i permessi retribuiti, destinati ai precari della scuola sono:

– tre giorni di permesso per lutto: coniuge, convivente o componente la famiglia anagrafica e affini di 1° grado;
– 15 giorni retribuiti per matrimonio (nei limiti della nomina);

– 3 giorni retribuiti al mese (anche consecutivi) per assistenza a parenti o affini di primo grado (anche di II grado in particolari situazioni) con handicap in situazione di gravità (art. 33 Legge 104/92);

Questi permessi non riducono ferie e tredicesima. E’ consuetudine, utilizzare il permesso in giorni diversi della settimana.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4310 bytes | Commenti?
Stampa : da "Repubblica.it" del 19 novembre 2018
Inviato da admin_CUSMA il 19/11/2018 14:52:51 (146 letture)

Open in new window
Scuola, lo stipendio aumenta di 14 euro. I sindacati: "Nessuna trattativa con questi numeri"

Il ministro Bussettti: "Chiudiamo presto", ma la cifra per il 2019 è meno di un terzo del contratto chiuso dalla Fedeli

di C. ZUNINO - 19 nov 2018

ROMA - - La trattativa di rinnovo del contratto dei docenti e degli amministrativi della scuola, all’interno e parallela a quella della Pubblica amministrazione, non decolla. Il contratto scade a fine dicembre, ma a gennaio non ci sarà alcun incontro tra ministero e sindacati. “Le cifre dedicate sono troppo basse”, dicono confederali e associazioni di base.

segue ...

Rango: 1.00 (1 voto) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2732 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 13 dicembre 2018
Inviato da admin_CUSMA il 13/12/2018 16:54:10 (108 letture)

Soppressione Invalsi e riduzione poteri dei dirigenti: pronto disegno di legge

di R. Palermo, La Tecnica della scuola, 13.12.2018

– Per il momento non lo si dice esplicitamente, ma le premesse ci sono tutte: Invalsi, Indire e Anvur potrebbero avere vita breve.

Semplificazione amministrativa

Il disegno di legge sulla semplificazione amministrativa prevede una delega al Governo per l’emanazione di norme finalizzate alla “razionalizzazione, eventualmente anche attraverso fusioni e soppressioni, di enti, agenzie, organismi comunque denominati, ivi compresi quelli preposti alla valutazione di scuola e università, ovvero attraverso trasformazione degli stessi in ufficio dello Stato o di altra amministrazione pubblica, salvo la necessità di preservarne l’autonomia, ovvero ancora liquidazione di quelli non più funzionali all’assolvimento dei compiti e delle funzioni cui sono preposti”.
C’è chi, prudentemente, si limita per ora a parlare di unificazione dei tre istituti in modo da ridurre i costi di gestione e chi invece lascia intravvedere la possibilità che si inizi a chiudere proprio l’Invalsi.
Se così fosse, verrebbe ulteriormente confermata la strategia del Governo in campo scolastico: intervenire con misure che consentono qualche risparmio e che, soprattutto, riscuotono l’applauso pressoché incondizionato del mondo della scuola.

Meno chiaro è un altro punto richiamato nel ddl; si parla di “revisione della disciplina degli organi collegiali della scuola in modo da definirne competenze e responsabilità e ridefinendo ruolo, competenze e responsabilità dei dirigenti scolastici” ma non si comprende se la ridefinizione del ruolo del ds andrà nella direzione di un aumento o di un ridimensionamento dei poteri dei dirigenti stessi.
Se, come è probabile, il Governo confermerà la linea fin qui mantenuta è quasi scontato che i nuovi organi collegiali aumenteranno le loro prerogative (una ipotesi potrebbe essere che i dirigenti scolastici non potranno più designare autonomamente i propri collaboratori ma dovranno “fare i conti” con la delibera del collegio dei docenti).

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3511 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 10 dicembre 2018
Inviato da admin_CUSMA il 11/12/2018 15:11:25 (77 letture)

Open in new window
Contratto d’Istituto, finisce male tra il DS e una sindacalista Gilda

di Lucio Ficara - 10/12/2018


Doveva essere l’occasione di chiudere il contratto di Istituto di una scuola di una “nota” città siciliana, invece è finita nell’aggressione del DS ad una sindacalista della FGU Gilda Unams.

Il DS non accetta le nuove norme contrattuali

Durante la contrattazione di istituto di una scuola di una “nota” città siciliana, una sindacalista della Gilda insegnanti, come ci riferisce lei stessa, faceva presente che la proposta di contratto presentata dal Dirigente Scolastico non era accettabile perché non teneva conto delle novità introdotte dal CCNL scuola del 19 aprile 2018, per cui chiedeva una profonda modifica della proposta contrattuale presentata dal dirigente.

Alla richiesta del Dirigente scolastico, continua il racconto della sindacalista della Gilda, di riferire quali sarebbero state le modifiche da apportare, la sindacalista faceva presente che, nel nuovo contratto non erano più previste l’informativa successiva, l’informativa preventiva ma questi istituti erano stati sostituiti dall’ informazione, confronto e contrattazione d’istituto, inoltre dovevano essere inserite anche le nuove materie oggetto di contrattazione previste nell’art.22 del CCNL 2016/18.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4877 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 7 dicembre 2018
Inviato da admin_CUSMA il 7/12/2018 18:08:29 (60 letture)

Open in new window
Con cellulari e tablet studenti sempre più aggressivi: arriva il ‘patentino’...

di A. Giuliani - 07/12/2018

L’uso smodato del telefono cellulare, dello smartphone e del tablet sta diventando un problema serio, che influisce anche negli atteggiamenti, sempre più aggressivi. Anche a scuola, dove non bastano i regolamenti che ne proibiscono l’utilizzo e gli allievi fanno di tutto per aggirarli, pure quando vengono colti sul fatto: spesso, infatti, gli studenti fanno di tutto pur di “sbirciare” sul proprio dispositivo mobile, con manovre nascoste sotto al banco oppure recandosi con frequenza al bagno.

Agire sulla consapevolezza

Ecco, allora, che occorre agire sulla consapevolezza, sulla coscienza dei giovani. Ben vengano, le iniziative, quindi, in questo senso. L’ultima, davvero interessante, riguarda il ‘patentino’ per l’utilizzo dello smartphone e delle tecnologie sul web: è rivolta ai bambini tra i sei e gli otto anni e serve anche a combattere il cyberbullismo, andando a bene interpretare i contenuti della rete.

Questi, infatti, risultano in alta quantità attraente ma in realtà sono basati su informazioni vuote, distorte o, peggio ancora, con doppi fini.


segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4079 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 5 dicembre 2018
Inviato da admin_CUSMA il 5/12/2018 15:00:00 (92 letture)

Pensioni quota 100, Di Maio: partirà a marzo, non si torna indietro. Tempi stretti per chi lavora a scuola

di A. Giuliani - 05/12/2018

Quota 100 partirà entro marzo 2019. A dirlo all’agenzia Ansa, durante un forum del 5 dicembre, è stato Luigi Di Maio, vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico.

“Abbiamo gioito e lo farei ancora”

Commentando la celebre foto dal balcone di Palazzo Chigi, il leader grillino ha detto “di essere ancora contento dei risultati di quella sera: quota 100 per superare la Fornero, reddito di cittadinanza e pensione di cittadinanza, che partirà a febbraio. A fine marzo partirà il reddito, con sgravio contributivo pari al reddito e quota 100 che partirà tra febbraio e marzo. Per quello abbiamo gioito e lo farei ancora, quelle misure sono ancora nella legge di bilancio”.

Di Maio ha sottolineato, ancora una volta, che “i tecnici stanno lavorando”, mentre “i politici hanno il dovere di mantenere gli impegni presi con milioni di italiani”.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4534 bytes | Commenti?
Stampa : da "ItaliaOggi" - azienda scuola 29.11.2018
Inviato da admin_CUSMA il 29/11/2018 21:04:39 (98 letture)

MATURITÀ SENZA SORPRESE. E CRITERI DI VALUTAZIONE PER I PROF

giovedì 29 novembre 2018 - A. Ricciardi

L’attesa per la maturità resterà anche per gli studenti che si licenziano nel 2019. Ma niente più prove al buio. Il ministro dell’istruzione, Marco Bussetti, ha firmato il decreto n. 769 che introduce i quadri di riferimento e le griglie di valutazione per tutti gli indirizzi di licei, istituti tecnici e professionali. Dalla composizione della traccia del liceo classico, dove si prevede per esempio che la versione di greco o latino debba avere una lunghezza contenuta nelle 10-12 righe e debba comunque essere un testo con senso in sé compiuto, al numero di quesiti che saranno proposti per la prova di matematica allo Scientifico, gli studenti sapranno da subito quali sono le linee guida dei propri scritti. Niente sorprese. E pure nel valutare le prove, differenze macroscopiche tra commissioni e soprattutto regioni non potranno più essercene: sempre il Miur ha stabilito i criteri in base ai quali i commissari dovranno pesare gli scritti. L’obiettivo è una valutazione «più equa e omogenea sul territorio nazionale», commenta il ministro dell’istruzione, che annuncia: «Lavoreremo per prove davvero in linea con il percorso di studi». Anche ai fini dell’orale infatti farà testo il piano di studi del collegio dei docenti.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4202 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 28 novembre 2018
Inviato da admin_CUSMA il 28/11/2018 14:42:50 (80 letture)

Open in new window
Granato (M5S), in audizione parole oltraggiose contro i docenti

di L. Ficara - 28/11/2018

La Senatrice Bianca Laura Granato invita, attraverso la sua pagina facebook, a guardare il video delle audizioni del 28 novembre 2011 in cui intervengono i rappresentanti di DISAL, ANDIS e ANP riguardo il disegno di legge n.763 che elimina la chiamata diretta.

Dichiarazioni della Senatrice Granato (M5S)

“Il tono sprezzante dei relatori in audizione nei confronti del nostro disegno di legge, la volontà di difendere un “principio” che non appartiene a noi eletti nella maggioranza di governo, ma a chi ha perso le elezioni. In chiusura seduta ci viene addirittura suggerito di migliorare la chiamata diretta, dalla senatrice Malpezzi (PD), come se il popolo italiano non avesse massicciamente bocciato la loro riforma che ha dato solo seguito ad abusi tutti regolarmente rimasti impuniti.

Ma la mia risposta vi ripagherà della rabbia e dello sgomento per le parole oltraggiose rivolte a tutti i docenti da questi esponenti delle “alte professionalità” e fornirà anche un importante spunto di riflessione a chi non vuole accettare di sottoporsi al concorso pubblico per accedere ai ruoli dell’insegnamento”.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2836 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it" del 22 novembre 2018
Inviato da admin_CUSMA il 22/11/2018 18:59:32 (81 letture)

news ... Formazione docenti neo-assunti, la piattaforma on-line apre il 26 novembre

di Lara La Gatta - 22/11/2018

Nel ricordare che è prevista per lunedì 26 novembre prossimo l’apertura dell’ambiente online INDIRE di supporto alla formazione per docenti neoassunti in ruolo, con passaggio di ruolo e inseriti in III anno FIT nell’anno scolastico 2018/2019, l’U.S.R. per il Piemonte ha riepilogato le principali novità di quest’anno.

Innanzitutto, sarà previsto un portfolio personalizzato per i “docenti neo-assunti e con passaggio di ruolo” e uno per i “docenti FIT”:

- per i docenti neo-assunti e con passaggio di ruolo il portfolio la struttura non cambia, ma ci saranno alcune modifiche ad alcune sezioni: in particolare la progettazione e documentazione relativa alla sezione “Attività Didattica” è richiesta una sola volta durante il percorso anziché due come nelle passate edizioni;
- per i docenti inseriti in III anno FIT il portfolio personalizzato supporta la generazione della documentazione sulle seguenti attività: curriculum formativo, bilancio iniziale delle competenze, progettazione didattica annuale, progetto di ricerca-azione, bilancio finale delle competenze, bisogni formativi futuri.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2110 bytes | Commenti?
« 1 2 3 (4) 5 6 7 ... 288 »

Cerca

Ricerca avanzata

Convenzioni Istituzioni
Convenzioni Istituzioni

Prossimi eventi
Nessun evento

Calendario
Mese PrecedenteMag 2019Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31
Oggi

Videonews

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Iscrizione
Open in new window



Newsletter
Iscrivetevi sulla nostra
Newsletter !
La vostra e-mail :

Formato 

Iscrizione avanzata.

Galleria

Nuovi utenti
jcmontes 7/5/2019
SALVATORE 12/4/2019
giova1959 26/3/2019
Angelarosa 16/1/2019
franticrn 9/11/2018

Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale