username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Gli Speciali
Mobilità
Utilizzazioni/Assegnazioni provvisorie
Contratti

Top News

Collegamenti


Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta lunedì, mercoledì e venerdì dalle 16.30 alle 18.30 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Cookie Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Ignorando questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
RSS Feed
« 1 2 3 (4) 5 6 7 ... 284 »
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola" del 6 settembre 2018
Inviato da admin_CUSMA il 22/9/2018 0:01:40 (95 letture)

Open in new window
Signor preside, non ci costringa a promuovere a tutti i costi!

di I lettori ci scrivono - 21/09/2018

Gentile Dirigente Scolastico,

ho deciso di scriverle questa lettera all’indomani degli scrutini di settembre perché ritengo che quello che è successo sia gravissimo.

Ogni volta che ci sono gli scrutini e discutiamo di studenti che corrono il rischio di non essere promossi perché presentano molte gravi insufficienze cala nell’aula una coltre di tensione, si cerca di esprimere un’opinione a favore della non promozione, come per esempio è successo ieri nei confronti di uno studente con 2 in matematica e 2 in fisica, che in un liceo scientifico sono discipline costitutive del corso, e lei si altera, sospende il consiglio, esce dall’aula poi ritorna subito dopo, non si capisce cosa intende con la sospensione del consiglio se poi ritorna in aula dopo due secondi, nel mentre le ricordo che sto soltanto esprimendo la mia opinione e che, come sempre, non accetta un confronto sereno, civile basato su argomentazioni serie.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3649 bytes | Commenti?
Stampa : da "ItaliaOggi" - azienda scuola 18.09.2018
Inviato da admin_CUSMA il 18/9/2018 15:58:06 (79 letture)

Assunzioni, non tutto è perduto

Un decreto per recuperare i ritardi dei concorsi riservati: chance per circa 10 mila

di M. Nobilio e A. Ricciardi -18/09/2018

Una seconda tranche di assunzioni entro fine anno. Decorrenza giuridica 1° settembre 2018, economica dalla data di firma del contratto. A prevederlo un decreto Miur che dovrebbe consentire di recuperare circa 10 mila assunzioni delle 32 mila andate perse quest'anno. Un beneficio che arriverebbe soprattutto al Nord dove sono stati coperti meno di quattro posti su dieci disponibili per le immissioni in ruolo.

Il provvedimento di recupero non è il solo allo studio dei piani alti di viale Trastevere per raddrizzare la barca delle mancate assunzioni di quest'anno: su oltre 57 mila cattedre autorizzate, se ne sono fatte 25 mila, il 43,8%. Nella scuola secondaria, addirittura poco più di un terzo dei posti disponibili. E dunque il 56,2% dei posti è senza candidati e andrebbe a precari, la maggior parte non abilitati. Non è la prima volta che avviene: anche lo scorso anno le assunzioni hanno coperto solo il 57,6% delle disponibilità, ma quest'anno è andata decisamente peggio.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 6290 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola" del 16 settembre 20181
Inviato da admin_CUSMA il 16/9/2018 18:00:00 (50 letture)

Open in new window
Scuola, casino totale di Renzi e dimenticata da Conte: la stroncatura dell’ex premier Enrico Letta

di A. Giuliani - 16/09/2018

La gestione della scuola è stata pessima nella scorsa legislatura e in quella attuale si è partiti male. A sostenerlo è l’ex premier Enrico Letta, a colloquio con il direttore del TG La7 Enrico Mentana a Cesenatico (Forlì-Cesena) nell’ambito della Summer School della Scuola di Politiche.

“Io sono preoccupato”

“Oggi la competenza è doppiamente necessaria”, ha detto Letta, ma “se il presidente del Consiglio nel discorso di insediamento non ha citato la scuola una volta, se la scuola nella scorsa legislatura è stato un casino totale, io sono preoccupato”.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3397 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola" del 14 settembre 2018
Inviato da admin_CUSMA il 14/9/2018 20:49:45 (53 letture)

Concorso dirigenti scolastici, prove psico-attitudinali al posto dei test nozionistici: cresce la richiesta

di Alessandro Giuliani - 14/09/2018

Si parla molto in questi giorni del concorso per dirigente scolastico: archiviate le prove pre-selettive, che hanno ridotto ad un terzo i partecipanti attivi, l’attenzione è già tutta rivolta alla prova scritta, la quale secondo alcune anticipazioni sindacali dovrebbe svolgersi il prossimo 18 ottobre giovedì.

“Approfondire le reali capacità umane-relazionali”

Permangono dei dubbi, tuttavia, sulle modalità di selezione prescelte dal Miur, incentrate sul mero nozionismo, peraltro in linea con quelle passate.

In redazione, a questo proposito, continuano a giungere contributi e proposte di cambiamento delle prove pre-selettive concorsuali.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4917 bytes | Commenti?
Stampa : dalla delegazione Gilda al Miur 13 settembre 2018
Inviato da admin_CUSMA il 13/9/2018 18:40:00 (70 letture)

dalla delegazione GILDA al Miur:

Resoconto dell’incontro MIUR-OOSS del 13 settembre 2018

Ecco il resoconto dell'incontro odierno.
__________________________________

Il giorno giovedì 13 settembre 2018 presso il MIUR, si sono incontrate la delegazione di parte pubblica formata dalla DG Personale e le OOSS rappresentative firmatarie per discutere il seguente odg:
- Legge 9/8/18 n. 96 - art. 4. Scuola dell´infanzia e primaria (Concorso straordinario); Legge 9/8/18 n. 96 - art. 4. Scuola dell´infanzia e primaria (Concorso ordinario);
- Assunzioni; Conferimento supplenze in attesa della graduatoria definitiva.

Le OOSS hanno rappresentato all’Amministrazione la problematica dell’inserimento nei contratti di supplenza della clausola risolutiva. La nostra delegazione ha ricordato che per i docenti non è più possibile stipulare contratti a tempo determinato fino all’avente titolo né inserire clausole rescissorie in tali contratti. Ha segnalato inoltre una difformità di comportamento dei Dirigenti scolastici sul territorio nazionale.

L’Amministrazione si è riservata di informare per le vie brevi gli uffici territoriali periferici e di uniformare i comportamenti delle scuole sul territorio.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3265 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola" del 13 settembre 2018
Inviato da admin_CUSMA il 13/9/2018 17:20:38 (77 letture)

Concorsi docenti, entro l’anno due bandi: straordinario e ordinario. Addio al FIT

di F. De Angelis - 13/09/2018

Il ministro Bussetti, nel corso di un videoforum a La Repubblica, si è soffermato sui concorsi, sia per al scuola secondaria che primaria e infanzia. Proprio su questi il Ministro ha annunciato entro fine anno arriveranno i bandi dei concorsi, sia straordinario che ordinario. Ma non solo: per la scuola secondaria il Ministro ha annunciato di voler superare il FIT.

Addio al FIT

“Voglio svecchiare la classe dei docenti, dichiara Bussetti. Più giovani in cattedra con regole chiare. Chi vince il concorso deve essere certo di insegnare”.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 5127 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola" del 6 settembre 2018
Inviato da admin_CUSMA il 7/9/2018 23:40:00 (149 letture)

Avvio anno scolastico, quali incarichi sono obbligatori e quali facoltativi

di Lucio Ficara - 06/09/2018

2018, da parte del personale docente e Ata nuovi arrivati in una scuola, e il conseguente primo Collegio docenti si è di fatto avviato l’anno scolastico 2018/2019. Vediamo di capire quali sono gli incarichi obbligatori, che il docente non può rifiutare, e quali sono quelli che invece può decidere di non svolgere.

Incarichi che il docente può legittimamente rifiutare

Il ruolo di coordinatore di classe, di coordinatore di dipartimento, di coordinatore di un’area disciplinare, non sono soggetti all’obbligatorietà dell’accettazione da parte del docente.

Quindi, per esempio, il docente nominato d’ufficio coordinatore di classe, se volesse dimettersi da tale nomina, può farlo tranquillamente facendo una semplice domanda di dimissione. Il coordinamento è un incarico aggiuntivo a quelli obbligatori previsti dagli artt.28 e 29 del CCNL 2006/2009 della scuola, per tale motivo non è obbligatorio.

segue ...

Rango: 8.00 (1 voto) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4557 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola" del 6 settembre 2018
Inviato da admin_CUSMA il 6/9/2018 14:41:21 (48 letture)

Le GaE non si riaprono, contro-emendamento alla Camera. E alle superiori si “sgonfiano” le prove Invalsi

di A. Giuliani - 06/09/2018

Come preventivato, salta l’emendamento LeU approvato al Senato il 3 agosto, prima della pausa estiva, attraverso il decreto “milleproroghe” che spalancava le porte delle GaE a tutti i docenti precari abilitati, quindi anche ai maestri con diploma magistrale.

Pollice verso delle commissioni Bilancio e Affari sociali

Alla Camera, il 6 settembre, uno dei dieci emendamenti dei relatori presentati al decreto dalle commissioni Bilancio e Affari sociali della Camera, riguarda infatti proprio il comma all’articolo 6, il quale riaprendo le graduatorie ad esaurimento stabiliva che i docenti che hanno conseguito l’abilitazione entro l’anno accademico 2017/2018 si sarebbero potuti inserirsi nella fascia aggiuntiva delle graduatorie ad esaurimento (GAE).

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4980 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola" del 20 settembre 2018
Inviato da admin_CUSMA il 20/9/2018 18:21:08 (46 letture)

Diplomati magistrale e laureati Sfp, pronti bando e decreto attuativo. Poi il concorso ordinario

di A. Giuliani - 20/09/2018

Il ministro dell’Istruzione continua a difendere strenuamente le decisioni prese dal Governo per gestire la “patata bollente” dei diplomati magistrale ereditata dalla precedente legislatura e a seguito della sentenza del Consiglio di Stato di fine 2017.

Stavolta, Marco Bussetti, ha espresso il suo pensiero durante un question time del 19 settembre, durante il quale ha anche parlato dei cambiamenti in arrivo sull’alternanza scuola-lavoro, in particolare sulla riduzione e personalizzazione delle ore a seconda della specificità degli istituti e del territorio circostante.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3116 bytes | Commenti?
Stampa : da "CorrieredellaSera.it" del 17.09.2018
Inviato da admin_CUSMA il 17/9/2018 21:31:04 (66 letture)

Ridateci la maturità

di A. D'Avenia - 17 sett. 2018

«Prof, come sarà la nuova maturità?». È stata questa la prima domanda dei miei studenti, nella prima ora di lezione in quinta.

«Ci sarà la terza prova? I crediti verranno ricalcolati? E la tesina?». Domande inevitabili, alle quali ho dovuto rispondere — non senza imbarazzo — con il solito triste adagio: aspettiamo. Tutti sanno che quest’anno la maturità cambierà, ma nessuno sa esattamente come: chi ha costruito per tempo i propri obiettivi didattici sarà probabilmente costretto a rivederli alla luce delle direttive ministeriali. Come se non bastasse, l’assegnazione delle cattedre è incompleta, tante sono le classi scoperte e i colleghi in attesa. In molte città anche le aule sono insufficienti. Alcuni ragazzi, a Pistoia, a causa dell’inagibilità dei locali scolastici, stanno lottando per fare i turni pomeridiani pur di far partire l’anno. In una scuola di Napoli professori e alunni sono stati spediti al mare per permettere la rotazione delle classi, il cui numero è superiore alle aule. È una malattia endemica del Paese: non pensare alle cose «per tempo». Ma torniamo alla mia quinta.

Comincio con un appello lento, nome per nome. Guardo il loro volto abbronzato per coglierne piccole o grandi trasformazioni, e chiedo a ciascuno di raccontare «la cosa più felice» delle vacanze. Una sola. So dove voglio arrivare e ho bisogno dei loro ricordi. Di solito i racconti felici, estivi e non solo, si collocano in due territori paralleli dell’anima.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 9836 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola" del 15 settembre 2018
Inviato da admin_CUSMA il 15/9/2018 14:04:11 (46 letture)

Assegnazioni docenti alle classi, troppa leggerezza da parte dei Ds

di Lucio Ficara - 15/09/2018

Ci arrivano diverse segnalazioni di assegnazioni dei docenti alle classi veramente paradossali e non legittimate dalla normativa vigente.

Illegittimo assegnare il docente in altra classe di concorso
Le assegnazioni dei docenti alle classi in alcun modo può modificare l’impianto dell’organico dell’autonomia assegnato ad una scuola.

Non può essere assegnata ad una docente titolare della classe di concorso A013 (latino e greco), in un Istituto di Istruzione Superiore che contiene un Liceo Scientifico e un Liceo Classico, la materia di latino in una classe dello scientifico, in quanto questa appartiene, per ordinamento scolastico, alla classe di concorso A011 (italiano e latino). Allo stesso modo un docente titolare di A011 (italiano e latino) di un liceo scientifico, che è titolare di un Istituto di Istruzione Superiore in cui c’è un Istituto Tecnico e un Istituto Professionale Alberghiero, non può avere assegnata una classe di A012 (italiano e storia) nel Tecnico o nel Professionale.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2772 bytes | Commenti?
Stampa : dal prof. Salomone Megna (Gilda)
Inviato da admin_CUSMA il 13/9/2018 19:42:18 (34 letture)

Open in new window“Ricostruire la scuola della cittadinanza attiva.”

di Raffaele SALOMONE-MEGNA - settembre 2018

I sistemi scolastici non sono strutture neutre ma squisitamente politiche, essendo finalizzati al tipo di società che si vuole realizzare.
Anche il sistema scolastico italiano non si sottrae a tale condizione.
Infatti, non a caso la scuola viene menzionata più volte dai nostri Padri Costituenti, sia in maniera esplicita che implicita.
Summa capita l’art. 33 della nostra Costituzione parla di libertà d’insegnamento e l’art. 34 di obbligo scolastico sino ai 14 anni.
Ma non solo.
Secondo Pietro Calamandrei, che ha contribuito alla scrittura della Carta Costituzionale, la scuola è una delle istituzioni repubblicane tra le più importanti, al pari di quelle parlamentari, poiché il sistema scolastico statale interviene soprattutto per realizzare nella società quanto previsto dall’art. 3 comma 2: il principio di eguaglianza sostanziale.
Accanto al principio dell’uguaglianza formale, che deve essere inteso come eguale soggezione di tutti al diritto e l’impossibilità per il legislatore di operare distinzioni di sesso, razza, lingua, religione, opinioni politiche nella stesura delle leggi, c’è il principio di eguaglianza sostanziale ovvero l’impegno dello stato a rimuovere gli ostacoli di natura economico-sociale, che di fatto impediscono la partecipazione dell’individuo alla vita del paese.
Ma per poter partecipare alla vita democratica attivamente, quello che oggi si chiama cittadinanza attiva, è indispensabile avere strumenti culturali adeguati e capacità di pensiero critico.
Questo era il compito originario attribuito alla scuola italiana dalla Carta Costituente: concorrere alla formazione del cittadino, affinché possa partecipare scientemente alle decisioni per la polis.
Nel 1962 con la legge n. 1859 arriva la riforma della scuola media unica e non senza un serrato e lungo dibattito, sia nel paese che nel Parlamento.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 14737 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola" del 12 settembre 2018
Inviato da admin_CUSMA il 13/9/2018 17:30:00 (38 letture)

news ... Carta del docente, nuovamente attiva la piattaforma per bonus 500 euro

di Redazione - 12/09/2018

La piattaforma dedicata alla carta del docente è nuovamente attiva. L’applicazione è disponibile per la gestione del bonus 500 euro.

“Si segnala che ai portafogli dei docenti saranno attribuiti anche i residui relativi agli anni scolastici 2016/2017 e 2017/2018. Solo per i residui riferiti all’anno scolastico 2016/2017 gli importi disponibili possono essere utilizzati dai docenti e validati dagli esercenti entro e non oltre il 31 dicembre 2018“.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3738 bytes | Commenti?
Stampa : da "ItaliaOggi" - azienda scuola 11.09.2018
Inviato da admin_CUSMA il 11/9/2018 17:20:00 (66 letture)

Open in new window
"ItaliaOggi" - azienda scuola martedì 11.09.2018

Immissioni amare per il Miur
Su 58 mila assunzioni, quasi 23 mila cattedre restano senza titolare: non ci sono candidati


di A. Ricciardi - 11/09/2018

Potrebbero essere addirittura 23 mila le assunzioni a tempo indeterminato autorizzate dal ministero dell'economia e che andranno deserte. Su 58 mila immissioni in ruolo possibili per quest'anno, l'amministrazione scolastica si fermerebbe dunque a quota 35 mila. Al ministero dell'istruzione aspettano a ufficializzare il dato sperando in qualche margine di miglioramento in questi giorni di invio dei dati a sistema. A bocce ferme, il piano di assunzioni nella scuola autorizzato dal governo giallo-verde, rischia però di diventare un boomerang. A maggior ragione se si considera che il buco maggiore si dovrebbe registrare in Lombardia e Veneto, in generale al Nord Italia. Un dato per tutti: su 1.500 assunzioni per matematica alle medie in Lombardia, le assunzioni fatte sarebbero poco meno della metà. L'assenza più consistente di candidati per il sostegno, dove pure aumenta il fabbisogno, e sulle materie scientifiche.

segue ...

Rango: 1.00 (1 voto) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4191 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola" del 7 settembre 2018
Inviato da admin_CUSMA il 7/9/2018 20:31:09 (63 letture)

Open in new window
Maturità 2019, Invalsi e alternanza non incideranno sull’accesso: la norma nel “milleproroghe”

di A. Giuliani - 07/09/2018

Dopo le intenzioni espresse nei giorni passati, su test Invalsi e alternanza scuola-lavoro arriva l’accordo in maggioranza, attraverso la formalizzazione nel decreto “milleproroghe”.

Cade l’obbligo di svolgimento dei test

Le agenzie di stampa del 7 settembre hanno comunicato che è stato formalmente depositato nelle Commissioni Bilancio e Affari costituzionali della Camera “un emendamento dai relatori che non sopprime i test nell’ultimo anno delle scuole superiori ma fa sì che la prova non sia requisito – fino all’anno scolastico 2019-2020 e dunque alla maturità del 2020 – per l’accesso all’esame di Stato”.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2547 bytes | Commenti?
« 1 2 3 (4) 5 6 7 ... 284 »

Cerca

Ricerca avanzata

Convenzioni Istituzioni
Convenzioni Istituzioni

Prossimi eventi
Nessun evento

Calendario
Mese PrecedenteNov 2018Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30
Oggi

Videonews

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Iscrizione
Open in new window



Newsletter
Iscrivetevi sulla nostra
Newsletter !
La vostra e-mail :

Formato 

Iscrizione avanzata.

Galleria

Nuovi utenti
franticrn 9/11/2018
ElisaD4 6/11/2018
luismart 11/9/2018
syd73 24/3/2018
montemaggi 7/2/2018
GIULIOGRN 26/11/2017
dolcefranc 5/5/2017
mineanto 28/4/2017
frpche 25/4/2017
Albinoturc 15/3/2017

Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale