username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Gli Speciali
Mobilità
Utilizzazioni/Assegnazioni provvisorie
Contratti

Top News

Collegamenti


Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta lunedì, mercoledì e venerdì dalle 16.30 alle 18.30 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it
Gilda TV
Cookie Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Ignorando questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
RSS Feed
(1) 2 3 4 ... 7 »
Pensioni : FC: sedi liberate dai pensionamenti
Inviato da admin_CUSMA il 18/4/2016 13:10:00 (324 letture)

da Uat di Forlì-Cesena e Rimini sede di Forlì. 18 aprile 2016

News ... SEDI LIBERATE DAI PENSIONAMENTI PERSONALE DOCENTE E ATA a.s. 2016/2017 IN PROVINCIA DI FORLI'-CESENA

L'ufficio sta ultimando la fase di controllo dei requisiti pensionistici dichiarati dagli interessati. Pertanto i dati indicati potrebbero subire delle variazioni.

In sintesi si tratta di 26 ata (vari profili), 18 insegnanti di scuola materna AAA, 30 docenti di scuola primaria EEE, 29 docenti varie discipline della scuola secondaria di primo grado, 44
docenti di varie discipline nella scuola secondaria di II grado, oltre a un educatore e 2 docenti di religione cattolica. Totale 124 docenti e 26 ata pari a 150 unità.

(2 docenti di C450 non liberano posto e devono essere considerati due rientri dall'estero (un docente primaria e un docente secondaria di secondo grado c.c. A446).

segue in dettaglio ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 1739 bytes | Commenti?
Pensioni : da INPS le novità ...
Inviato da admin_CUSMA il 12/3/2016 20:03:40 (116 letture)

Pensione anticipata e ‘Opzione Donna’. Novità dall’Inps
La circolare relativa ad Opzione Donna e penalizzazioni in uscita


Con la circolare 45/2016 l’Inps comunica le novità inserite in legge di Stabilità 2016 relativamente alle penalizzazioni con uscita anticipata ed all’Opzione Donna. Infatti, le lavoratrici che avevano presentato domanda di pensione anticipata sfruttando l’Opzione Donna, senza che la richiesta venisse esaminata dall’INPS a causa dell’intepretazione restrittiva della norma prevista dall’istituto previdenziale, vedranno finalmente sbloccarsi la pratica.

OPZIONE DONNA
– L’istituto recepisce quanto previsto dalla manovra (comma 281 della Legge 208/2015), dando indicazioni alle sedi di procedere alla lavorazione delle “domande di pensione di anzianità in regime sperimentale presentate dalle lavoratrici che hanno perfezionato i prescritti requisiti entro il 31 dicembre 2015 e la cui decorrenza della pensione si colloca successivamente alla predetta data”. La manovra riconosce dunque il diritto alla pensione anticipata con l’Opzione Donna a tutte le lavoratrici con almeno 35 anni di contributi che hanno compiuto 57 anni e tre mesi di età se dipendenti e 58 anni e tre mesi se autonome, entro il 31 dicembre 2015.

Quindi possono chiedere di andare in pensione anticipata non solo le donne in possesso dei requisiti sopra esposti, ma anche le lavoratrici che hanno già presentato richiesta si vedranno accogliere le domande. La precisazione è importante perché fino ad ora l’INPS ha interpretato (in base alle circolari 35 e 37 del 2012) la precedente norma (243/2004), richiedendo la decorrenza della pensione al 31 dicembre 2015, un criterio più restrittivo rispetto a quello di età perché tiene conto anche delle finestre mobili (quindi, 12 mesi in più per le dipendenti e 18 per le lavoratrici autonome). In realtà, l’anno scorso l’istituto aveva previsto di accettare lo stesso le domande delle lavoratrici che maturavano il requisito di età, e non la decorrenza della pensione, al 31 dicembre 2015, senza però procedere alla successiva fase di istruttoria. Ora, invece, tutte le domande presentato da lavoratrici in possesso dei necessari requisiti verranno lavorate.

segue ...

Rango: 10.00 (1 voto) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3380 bytes | Commenti?
Pensioni : Scuola: DOMANDE CESSAZIONE 2016
Inviato da admin_CUSMA il 5/2/2016 22:10:00 (130 letture)

Open in new window
Domande di cessazione personale scuola 2016

Risultano inoltrate complessivamente 17.085 domande.


REGIONE EMILIA ROMAGNA, PROVINCIA FORLI'-CESENA

DOC domande inserite 3, domande inoltrate 89
ATA domande inserite -, domande inoltrate 22
PED domande inserite -, domande inoltrate 1
IRC domande inserite -, domande inoltrate 2

totale domande inserite 3 e domande inoltrate 114

DIR domande inserite -, domande inoltrate 2
OPZIONE DONNA 16 DOCENTI, 3 ata
___________________________________________

REGIONE EMILIA ROMAGNA, PROVINCIA RIMINI


DOC domande inserite 1, domande inoltrate 67
ATA domande inserite -, domande inoltrate 14
PED domande inserite -, domande inoltrate -
IRC domande inserite -, domande inoltrate -

totale domande inserite 1 e domande inoltrate 81

DIR domande inserite 2, domande inoltrate 13
OPZIONE DONNA 7 docenti

__________________________________fine......

5.02.2016

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Pensioni : da Uat di Forlì-Cesena e Rimini sede di Rimini
Inviato da admin_CUSMA il 18/1/2016 18:45:10 (109 letture)

Uat di Forlì-Cesena e Rimini sede di Rimini, 18 gen 2016

SALVAGUARDATI - Cessazione - codice causale SIDI


Con riferimento ad alcuni quesiti pervenuti per le vie brevi, precisiamo che l’Amministrazione Centrale ha fatto sapere che è a conoscenza della mancanza a SIDI del codice-causale per l’inserimento dei pensionamenti con decorrenza diversa dal primo settembre (salvaguardati) e si riserva di fornire successive indicazioni.

Saluti.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Pensioni : dal Miur - 30.12.2015
Inviato da admin_CUSMA il 31/12/2015 2:23:38 (89 letture)

dal MIUR, 30 dicembre 2015

Cessazioni dal servizio del personale scolastico dal 1 settembre 2016. Trattamento di quiescenza. Chiarimenti

Si trasmette la nota prot. 41637 del 30 dicembre 2015 riguardante l’oggetto.
____________________________________________________

Oggetto: Cessazioni dal servizio del personale scolastico dal 1° settembre 2016. Trattamento di quiescenza. Chiarimenti.

A seguito dell' approvazione della legge di stabilità per il 2016, si forniscono alcuni chiarimenti in merito alla nota AOODGPER prot. n. 40816 del 21.12.2015 di questa Direzione generale.
Come noto, con messaggio n. 6912 dell'11 novembre u.s., l'INPS ha predisposto l'invio delle certificazioni riguardanti i soggetti rientranti nella categoria di salvaguardati di cui all'articolo 11bis, commi l e 2, della legge n. 124 del 2013 (quarta salvaguardia) e all'articolo 2, comma l, lettera d), della legge n. 147 del 2014 (sesta salvaguardia) , che erano state sospese per effetto del superamento del plafond inizialmente stabilito.
Tali comunicazioni fissano la decorrenza del diritto a pensione a decorrere dal 1° settembre 2015.
L'art. 1, comma 264, della predetta legge di stabilità prevede che tali soggetti possano accedere al trattamento pensionistico a decorrere dal primo giorno successivo alla risoluzione del rapporto di lavoro. Pertanto, gli Uffici Scolastici Regionali e le istituzioni scolastiche interessate dovranno consentire ai dirigenti scolastici e al personale del comparto scuola, beneficiari della suddetta salvaguardia, di presentare la domanda di cessazione in modalità cartacea al fine
dell'inserimento al SIDI per la successiva convalida.
La presentazione dell'istanza di cessazione è infatti adempimento necessario per la fruizione del diritto a pensione.
Il collocamento a riposo avrà decorrenza dal primo giorno successivo alla cessazione dal servizio.
E' fatta comunque salva la facoltà per i soggetti beneficiari di optare per la cessazione dal servizio con decorrenza 1° settembre 2016.
L' art. 1, comma 281, della suddetta legge di stabilità ha, altresì, previsto la proroga dell"'opzione donna" al 31 dicembre 2015. Pertanto, le lavoratrici potranno conseguire il diritto al trattamento pensionistico in presenza di un'anzianità contributiva pari o superiore a trentacinque anni e di un'età pari o superiore a 57 e 3 mesi maturati entro il 31 dicembre 2015 e a condizione che optino per la liquidazione secondo le regole di calcolo del contributivo.
Le predette lavoratrici potranno presentare istanza di dimissioni on-line tramite il sistema POLIS a decorrere dal 15 gennaio 2016 ed entro il 15 febbraio 2016, per accedere alla pensione dal 1° settembre 2016.
Infine, l'art. 1 comma 265 lett. d) ha disposto la possibilità di accedere al trattamento pensionistico secondo le regole previgenti la riforma Fornero a beneficio del lavoratori in congedo per assistere figli con disabilità grave, i quali perfezionino i requisiti utili per la pensione entro il sessantesimo mese successivo alla data di entrata in vigore del decreto legge n.201 del 2011 (settima salvaguardia).
A tale riguardo, il comma 268 rinvia per la presentazione delle domande alle Direzioni territoriali del lavoro, da effettuarsi entro 60 giorni dall'entrata in vigore della Legge di stabilità, alle procedure previste con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali del 14 febbraio del 2014, per le precedenti salvaguardie.
Si resta comunque in attesa di eventuali ulteriori indicazioni da parte del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.
Si prega di dare la massima diffusione della presente presso le istituzioni scolastiche.

IL DIRETTORE GENERALE
Maria Maddalena Novelli

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Pensioni : da Gilda/FGU nazionale
Inviato da admin_CUSMA il 26/12/2015 18:50:00 (90 letture)

Open in new window
da Gilda/FGU Nazionale:



PENSIONI: D.M. 939 del 18/12/2015. Cessazioni dal servizio del personale scolastico dal 1 settembre 2016. Trattamento di quiescenza. Indicazioni operative

Si trasmette in allegato la nota prot. 40816 del 21 dicembre 2015 e il DM prot. 939 del 18 dicembre 2015 riguardanti l’oggetto.

http://www.pinodurantescuola.com/wp-c ... embre-2015-cessazioni.pdf

____________________________________________________

NB: Le domande di pensione devono essere inviate direttamente all’Ente Previdenziale, esclusivamente attraverso le seguenti modalità:

- presentazione della domanda on-line accedendo al sito dell’Istituto, previa registrazione;
- presentazione della domanda tramite Contact Center Integrato (n. 803164);
- presentazione telematica della domanda attraverso l’assistenza gratuita del Patronato.
Tali modalità saranno le uniche ritenute valide ai fini dell’accesso alla prestazione pensionistica. Si evidenzia che la domanda presentata in forma diversa da quella telematica non sarà procedibile fino a quando il richiedente non provveda a trasmetterla con le modalità sopra indicate.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Pensioni : da uat di Rimini, 27 febbraio 2015
Inviato da admin_CUSMA il 3/3/2015 22:30:00 (232 letture)

Open in new window
UAT di Rimini, 27 febbraio 2015
UAT di Forlì-Cesena, 03 marzo 2015


PROVINCIA DI RIMINI: SCUOLA - elenco domande di cessazione 01.09.2015


14 DOCENTI SCUOLA INFANZIA
19 DOCENTI SCUOLA PRIMARIA
1 IRC
20 DOCENTI SCUOLA MEDIA DI I GRADO VARIE CLASSI DI CONCORSO
26 DOCENTI SCUOLA MEDIA DI II GRADO VARIE CLASSI DI CONCORSO
19 ATA VARIE FIGURE


TOTALI CESSAZIONI 99
____________________________________________


PROVINCIA DI FORLI'-CESENA: SCUOLA - elenco domande di cessazione 01.09.2015


16 DOCENTI SCUOLA INFANZIA
35 DOCENTI SCUOLA PRIMARIA
1 IRC
35 DOCENTI SCUOLA MEDIA DI I GRADO VARIE CLASSI DI CONCORSO
26 DOCENTI SCUOLA MEDIA DI II GRADO VARIE CLASSI DI CONCORSO
50 ATA VARIE FIGURE


TOTALI CESSAZIONI 163

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Pensioni : da Uat di Forlì-Cesena, 19 gennaio 2015
Inviato da admin_CUSMA il 19/2/2015 19:20:00 (274 letture)

SCUOLA: CESSAZIONI 01/09/2015 RICHIESTA DOCUMENTAZIONE

Si trasmette quanto in allegato.
___________________________________________

Ufficio XI Ambito territoriale per la provincia di Forlì-Cesena
Ufficio Pensioni


Prot. n. 626/C2/Pens. Forlì, 18/02/2015

Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche
della Provincia – Loro Sedi
p.c. alle OO.SS. della Scuola – Loro Sedi


OGGETTO: CESSAZIONI DAL SERVIZIO CON DECORRENZA 01/09/2015 –TRATTAMENTO PENSIONISTICO: RICHIESTA DOCUMENTAZIONE.

Al fine di consentire allo scrivente l’elaborazione dei prospetti informativi da inviare all’INPS – Gestione ex INPDAP- per la determinazione e liquidazione del trattamento pensionistico e del TFS, è necessario che il personale destinatario di collocamento a riposo dal 01/09/2015 produca con sollecitudine la sottoelencata documentazione:

1) Dichiarazione dei servizi, prevista dall’art. 1 c.5 del D.P.R. 351/98, da redigere sul nuovo modulo presente nel sito di questo U.S.T.;
2) Copia della domanda di pensione diretta ordinaria di vecchiaia/anzianità inviata all’INPS on line, unitamente all’attestato di ricezione telematica;
3) Dichiarazione personale, comprensiva dei dati concernenti la composizione del nucleo familiare e delle detrazioni di imposta; in caso di godimento di altra pensione è necessario allegare copia della relativa certificazione;
4) Dichiarazione debitoria (allegato 05) in duplice copia; in presenza di ritenute nel cedolino dello stipendio per prestiti/mutui diversi dall’ex INPDAP, occorre allegare
copia dei relativi contratti e dichiarazione del debito residuo rilasciata dall’Ente creditore;
5) Modulo per l’accreditamento del TFS in Conto corrente bancario o postale.
Considerato che il TFS viene liquidato a distanza di tempo dal collocamento a riposo, si ricorda che gli interessati dovranno comunicare tempestivamente e direttamente all’INPS le eventuali successive variazioni.
La modulistica di cui ai punti 1–3–4–5 è reperibile nel sito dell’U.ST. :
www.istruzionefc.it alla voce “modulistica” – “modulistica pratica di pensionamento”, e deve pervenire allo scrivente ufficio in originale.
Si sottolinea che la documentazione di cui ai punti 2-3-4-5 deve essere prodotta anche dal personale collocato a riposo d’ufficio.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 7197 bytes | Commenti?
Pensioni : da Uat di Forlì-Cesena e Rimini sede di Rimini
Inviato da admin_CUSMA il 5/4/2016 17:40:00 (831 letture)

Uat di Forlì-Cesena e Rimini sede di Rimini, 5 aprile 2016

Domande di cessazione in provincia di Rimini dall' 1.9.2016 - elenco titolarità

Per informativa si invia l’elenco delle titolarità del personale del comparto scuola della provincia di Rimini che ha prodotto domanda di cessazione dal 01.09.2016 come risultanti al SIDI alla data del 24.03.2016.

In sintesi:

- scuola dell'infanzia: 6 docenti tutti posto comune;
- scuola primaria: 24 posto comune, 2 sostegno e 1 lingua;
- scuola media di I grado: 3 sostegno, 14 varie discipline;
- scuola media di II grado: 1 sostegno e 21 varie classi di concorso.
- ATA: 13 complessivi (2 DSGA, 8 CS e 3 AA).

seguono informazioni in dettaglio ...

Rango: 10.00 (1 voto) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 6083 bytes | Commenti?
Pensioni : da Uat di Forlì-Cesena e Rimini sede di Forlì
Inviato da admin_CUSMA il 3/3/2016 17:32:34 (109 letture)

Uat di Forlì-Cesena e Rimini sede di Forlì, 3.03.2016

CESSAZIONI 01/09/2016 - RICHIESTA DOCUMENTAZIONE.

Si trasmette la nota prot.770 del 1/3/2016 relativa all’oggetto.
____________________________________________

Ufficio VII – Ambito territoriale di Forlì – Cesena e Rimini
Sede Provinciale di Forlì - Cesena

Ufficio Pensioni

Prot. n. 770/C1/Pens. Forlì, 01/03/2016

Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche
della Provincia di Forlì – Cesena
Loro Sedi
p.c. alle OO.SS. della Scuola – Loro Sedi


OGGETTO: CESSAZIONI DAL SERVIZIO CON DECORRENZA 01/09/2016 – TRATTAMENTO PENSIONISTICO: RICHIESTA DOCUMENTAZIONE.

Al fine di consentire allo scrivente l’elaborazione dei prospetti informativi da inviare all’INPS – Gestione ex INPDAP- per la determinazione e liquidazione del trattamento pensionistico e del TFS, è necessario che il personale destinatario di collocamento a riposo dal
01/09/2016 produca con sollecitudine la sottoelencata documentazione:
1) Dichiarazione dei servizi, prevista dall’art. 1 c.5 del D.P.R. 351/98, da redigere sul modulo presente nel sito di questo Ufficio;
2) Copia della domanda di pensione diretta ordinaria di vecchiaia/anzianità inviata all’INPS on line, unitamente all’attestato di ricezione telematica;
3) Dichiarazione personale, comprensiva dei dati concernenti la composizione del nucleo familiare e delle detrazioni di imposta; in caso di godimento di altra pensione è necessario allegare copia della relativa certificazione;
4) Dichiarazione debitoria (allegato 05) in duplice copia; in presenza di ritenute nel cedolino dello stipendio per prestiti/mutui diversi dall’ex INPDAP, occorre allegare copia dei relativi contratti e dichiarazione del debito residuo rilasciata dall’Ente creditore;
5) Modulo per l’accreditamento del TFS in Conto corrente bancario o postale. Considerato che il TFS viene liquidato a distanza di tempo dal collocamento a riposo, si ricorda che gli interessati dovranno comunicare tempestivamente e direttamente all’INPS le eventuali
successive variazioni.
La modulistica di cui ai punti 1–3–4–5 è reperibile nel sito. : www.istruzionefc.it alla voce “modulistica” – “modulistica pratica di pensionamento”, e deve pervenire allo scrivente ufficio in originale.
Si sottolinea che la documentazione di cui ai punti 2-3-4-5 deve essere prodotta anche dal personale collocato a riposo d’ufficio.
Al fine di evitare ritardi o disguidi nell’erogazione del trattamento pensionistico, si raccomandano massima
cura e completezza nella compilazione dei moduli, i quali dovranno pervenire a questo Ufficio entro il 31 marzo 2016.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 7739 bytes | Commenti?
Pensioni : da Uat di Forlì-Cesena e Rimini sede di Forlì
Inviato da admin_CUSMA il 22/1/2016 16:30:00 (55 letture)

Uat di Forlì-Cesena e Rimini sede di Forlì, 22 gen. 2016

CESSAZIONI DAL SERVIZIO CON DECORRENZA 01/09/2016 - PROROGA TERMINI

____________________________________________

AVVISO URGENTE


Si segnala che è stato pubblicato in home page sul portale del SIDI il seguente avviso:

(22 gennaio 2016) Personale della scuola - Cessazioni dal servizio


Si comunica che il termine finale previsto per il 22 Gennaio 2016, per la presentazione, da parte del personale Docente ed A.T.A, delle domande di collocamento a riposo avente decorrenza 1° Settembre 2016, è stato prorogato al 26 Gennaio 2016 .

Allo stesso modo è stato pubblicato l’avviso su Istanze on line.


F.to Il dirigente
Giuseppe Pedrielli

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Pensioni : da Uat di Forlì-Cesena e Rimini sede di Forlì
Inviato da admin_CUSMA il 7/1/2016 18:01:56 (52 letture)

Uat di Forlì-Cesena e Rimini sede di Forlì, 7 gennaio 2016

CESSAZIONI DAL SERVIZIO CON DECORRENZA 01/09/2016 TRATTAMENTO DI QUIESCENZA – CHIARIMENTI.
_____________________________________________

Ufficio VII - Ambito territoriale di Forlì-Cesena e Rimini
sede provinciale di Forlì-Cesena
Ufficio Pensioni


Prot. n. 17/C2/Pens. Forlì, 05/01/2016

Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche
della Provincia – Loro Sedi
p.c. alle OO.SS. della Scuola – Loro Sedi


OGGETTO: CESSAZIONI DAL SERVIZIO CON DECORRENZA 01/09/2016 –TRATTAMENTO DI QUIESCENZA – CHIARIMENTI.

Si trasmette la nota ministeriale prot. n. 41637 del 30/12/2015, relativa all’oggetto, con preghiera di darne informazione al personale.
La suddetta nota contempla le sottoindicate situazioni:
1. dipendenti che hanno ricevuto dall’INPS la certificazione del diritto al trattamento pensionistico in regime di salvaguardia (leggi 124/2013 e legge 147/2014);
2. lavoratrici in possesso di un’età pari o superiore a 57 anni e tre mesi e un’anzianità contributiva pari o superiore a 35 anni entro il 31 dicembre 2015, che intendono esercitare l’opzione per il trattamento contributivo di pensione a decorrere dal 01/09/2016 (presentazione di istanza di cessazione on line, tramite il sistema POLIS, dal 15 gennaio al 15 febbraio 2016)
3. Settima salvaguardia.

F.to Il Dirigente
Giuseppe Pedrielli

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Pensioni : da Uat di Forlì-Cesena e Rimini, sede di Forlì
Inviato da admin_CUSMA il 31/12/2015 2:08:44 (107 letture)

Uat di Forlì-Cesena e Rimini, sede di Forlì 29 dicembre 2015

CESSAZIONI DAL SERVIZIO CON DECORRENZA 01/09/2016
________________________________________________

Ufficio VII - Ambito territoriale di Forlì-Cesena e Rimini
sede provinciale di Forlì-Cesena
Ufficio Pensioni


Prot. n. 7106/C2/Pens. Forlì, 28/12/2015

Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche della Provincia – Loro Sedi
p.c. alle OO.SS. della Scuola – Loro Sedi


OGGETTO: CESSAZIONI DAL SERVIZIO CON DECORRENZA 01/09/2016 – D.M. n. 939 del 18/12/2015 e C.M. prot. n. 40816 del 21/12/2015.

Si segnala che sono disponibili nel sito “INTRANET” il D.M. n. 939 del
18/12/2015 e la C.M. prot. n. 40816 del 21/12/2015, concernenti l’oggetto.
1- TERMINI E MODALITA’ DI PRESENTAZIONE E/O REVOCA DELLE ISTANZE DI CESSAZIONE
Per il personale docente, educativo ed ATA è fissato il termine del 22 gennaio 2016 per:
• Presentazione o revoca delle domande di collocamento a riposo per raggiungimento del limite massimo di servizio, di dimissioni volontarie, di trattenimento in servizio per il raggiungimento dell’anzianità pensionabile minima;
• Richiesta di trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale, da parte del personale docente, educativo ed ATA che non ha raggiunto il limite di età, con contestuale attribuzione del trattamento pensionistico, ai sensi del D.M. 331/97.
Le domande di cessazione, comprese le domande di trasformazione del
rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale con contestuale attribuzione della pensione, devono essere presentate entro il 22 gennaio 2016 esclusivamente utilizzando la procedura POLIS “istanze on line” del sito ministeriale (www.istruzione.it).
Entro la medesima data del 22/01/2016 le istanze potranno essere revocate effettuando – tramite POLIS – la procedura di cancellazione.
Le domande di trattenimento in servizio per raggiungere il minimo contributivo continueranno ad essere presentate in forma cartacea (entro il 22 gennaio 2016).
Prima di accedere alle istanze on - line, il personale interessato deve aver effettuato la procedura di registrazione (rif. nota MIUR n. 8 del 07/01/2014).

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2942 bytes | Commenti?
Pensioni : da QuiFinanza del 9 giugno 2015
Inviato da admin_CUSMA il 9/6/2015 17:14:01 (392 letture)

Open in new window
Pensione anticipata: 5 nuove vie per l'uscita flessibile

di QuiFinanza 9 giugno 2015

Pensioni: con la legge di Stabilità per il 2016, il Governo intende dare maggiore flessibilità in uscita ai lavoratori, garantendo una pensione anticipata che superi le rigidità delle attuali regole. L’intenzione è quella di trovare il giusto equilibrio tra condizioni troppo onerose per gli interessati – che potrebbero disincentivare il rapido approdo alla pensione – e quelle, invece, eccessivamente generose – che, al contrario, potrebbero essere utilizzate in massa, aumentando il buco dell’Inps. Il caso più noto, probabilmente, è quello dell’opzione donna, che consente di anticipare il pensionamento se le lavoratrici accettano il ricalcolo dell’assegno con il metodo contributivo. Un’opzione che scadrebbe quest’anno ma che si chiede venga prorogata. E poi ci sono i lavori considerati usuranti, che potrebbero essere estesi a tipologie di impiego finora escluse.

La partita più delicata si giocherà con il nodo "coperture" ed è per questo che la riforma verrà varata proprio con la legge di Stabilità. Ecco le ipotesi in ballo

LE ATTUALI REGOLE

In base alla normativa attuale, per accedere alla pensione di vecchiaia sono necessari almeno 20 anni di contributi e:
– per gli uomini, un’età di 66 anni e 3 mesi,
– per le donne del pubblico impiego un’età tra i 66 anni e 3 mesi e per quelle del comparto privato un’età di 63 anni e nove mesi.
Ai dipendenti pubblici non è consentito di rimanere al lavoro raggiunti i requisiti.

Invece, per ottenere la pensione anticipata, è necessario, indipendentemente dall’età, avere:
– per gli uomini: 42 anni e 6 mesi di contributi
– per le donne: 41 anni e 6 mesi di contributi.
Inoltre, fino al 2014, chi vi accedeva prima dei 62 anni subiva una penalizzazione economica sulla quota di trattamento relativa all’anzianità contributiva ante 2012 pari all’1% per ognuno dei primi due anni di anticipo e del 2% per ogni ulteriore anno.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 6857 bytes | Commenti?
Pensioni : da: sportellopensioni.it, feb. 2015
Inviato da admin_CUSMA il 21/2/2015 20:42:09 (942 letture)

Cresce la speranza di vita...
Diminuisce la speranza della pensione!


di R. Franza

Ecco le novità pensionistiche che hanno inizio dal 2015 .

1)- Incremento della speranza di vita :

MINISTERO DELLE FINANZE

Decreto del 16 dicembre 2014
Adeguamento dei requisiti di accesso al pensionamento agli incrementi della speranza di vita.

1. A decorrere dal 1° gennaio 2016, i requisiti di accesso ai trattamenti pensionistici di cui all'art. 12, commi 12-bis e 12-quater, fermo restando quanto previsto dall'ultimo periodo del predetto comma 12-quater, del decreto-legge 30 luglio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, e successive modificazioni e integrazioni, sono ulteriormente incrementati di 4 mesi e i valori di somma di età anagrafica e di anzianità contributiva di cui alla Tabella B allegata alla legge 23 agosto 2004, n. 243, e successive modificazioni, sono ulteriormente incrementati di 0,3 unità.

Esemplifichiamo nella tabella sottoesposta la variazione dei requisiti per il diritto a pensione di vecchiaia e anticipata determinata dall'incremento della speranza di vita

Lavoratori dipendenti

anno di maturazione requisiti dal 2016 al 2018

- pensione di vecchiaia (età) 66 anni e 7 mesi pensione - - anticipata donne (contributi) 41 anni e 10 mesi
- pensione anticipata uomini (contributi) 42 anni e 10 mesi

L'incremento delle quote dello 0,3 riguarda coloro che vanno in pensione con la normativa antecedente la legge Fornero, come i lavoratori addetti alle lavorazioni usuranti.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4676 bytes | Commenti?
(1) 2 3 4 ... 7 »

Cerca

Ricerca avanzata

Prossimi eventi
Nessun evento

Calendario
Mese PrecedenteLug 2016Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
Oggi

Videonews

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Newsletter
Iscrivetevi sulla nostra
Newsletter !
La vostra e-mail :

Formato 

Iscrizione avanzata.

Galleria

Nuovi utenti
kleto77 29/7/2016
PaolaS 29/6/2016
Matilde_00 28/6/2016
carlasulm 20/6/2016
peppe 28/2/2016
Alessio 30/1/2016
Frida 29/1/2016
ascalas 13/11/2015
Melissa 2/10/2015
Ary 22/9/2015

Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale