username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Gli Speciali
Mobilità
Utilizzazioni/Assegnazioni provvisorie
Contratti

Top News

Collegamenti


Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta lunedì, mercoledì e venerdì dalle 16.30 alle 18.30 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Cookie Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Ignorando questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
RSS Feed
(1) 2 3 4 ... 7 »
Normativa : da "La tecnicadellascuola.it" del 27 settembre 2017
Inviato da admin_CUSMA il 28/9/2017 15:36:47 (22 letture)

Open in new window
Chi deve svolgere il periodo di formazione e prova?

Mercoledì, 27 Settembre 2017


In risposta a numerose richieste di chiarimenti relative allo svolgimento del periodo di formazione di e prova di docenti neoassunti, l'U.s.r. Lombardia ha richiamato la normativa di riferimento, fornendo i seguenti chiarimenti.

Sono tenuti a svolgere l’anno di formazione e di prova:


1. i docenti che si trovano al primo anno di servizio con incarico a tempo indeterminato, a qualunque titolo conferito, e che aspirino alla conferma nel ruolo;
2. i docenti per i quali sia stata richiesta la proroga del periodo di formazione e di prova o che non abbiano potuto completarlo negli anni precedenti, purché sia previsto il raggiungimento dei 180 gg. di servizio (di cui almeno 120 per attività didattiche): è possibile, infatti, che il docente, anche per più anni scolastici, si assenti a causa della fruizione di aspettative per motivi di famiglia, malattia, congedi per maternità, tali da non permettere per ogni anno scolastico di riferimento il raggiungimento dei 180 gg. effettivi di servizio. In tal caso l’anno di formazione e di prova viene differito con motivato provvedimento del Dirigente Scolastico;
3. i docenti che abbiano ottenuto una valutazione negativa del primo anno di formazione e di prova; in tal caso i docenti in questione effettueranno un secondo periodo di formazione e di prova, non rinnovabile;
4. i docenti per i quali sia stato disposto il passaggio di ruolo (no chi ha avuto il passaggio di cattedra).

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Normativa : da Patronato Acli - 5 set. 2017
Inviato da admin_CUSMA il 7/9/2017 22:33:02 (59 letture)

DIPENDENTI PUBBLICI: DA SETTEMBRE L’INPS EFFETTUA LE VISITE MEDICHE

da Patronato Acli - 5 settembre 2017

Dal settembre 2017 c’è il Polo Unico per le visite fiscali per le visite mediche di controllo (di seguito VMC) per i dipendenti pubblici.


Al Polo Unico spetta il compito di effettuare sia le visite di controllo d’ufficio che quelle richieste (telematicamente) dall’Amministrazione di appartenenza del lavoratore assente per malattia.

All’INPS – Polo Unico – compete il solo compito di verificare lo stato di salute del lavoratore.

Nulla è cambiato per quanto riguarda l’onere del lavoratore malato nei casi di assenza per malattia:

a) deve giustificare l’assenza mediante certificazione medica rilasciata da medico o struttura sanitaria pubblica quando

è protratta per un periodo superiore a dieci giorni,
ma anche dopo il secondo evento di malattia nell’anno solare
b) deve rispettare le fasce di reperibilità per le visite fiscali. Per il dipendente pubblico sono pari a 7 ore nell’arco della giornata, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18;

c) deve avvisare l’Amministrazione – prima di allontanarsi – se si sposta dal domicilio indicato per essere sottoposto a visite mediche, prestazioni o accertamenti specialistici o per altri giustificati motivi (a richiesta, documentati). È l’Amministrazione a dover comunicare la variazione all’INPS.

I certificati medici sono inviati telematicamente, dal medico all’INPS ed al lavoratore (se questi lo richiede).

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2650 bytes | Commenti?
Normativa : vaccini/scuola
Inviato da admin_CUSMA il 2/9/2017 15:20:00 (36 letture)

Open in new window
Vaccini, basta l’autocertificazione per le iscrizioni dei bambini
Gli istituti potranno trasmettere gli elenchi alle Asl


L’obiettivo è di agevolare scuole e famiglie nell’adempimento degli obblighi vaccinali. La speranza è di risolvere «tutti i problemi dal punto di vista burocratico e amministrativo».

di S.C. - 2 settembre 2017


La circolare diffusa ieri dai ministeri della Salute e dell’Istruzione stabilisce che "per l’anno scolastico 2017-2018, in alternativa alla presentazione della copia della formale richiesta di vaccinazione, si potrà autocertificare di aver richiesto alle Asl di effettuare le vaccinazioni non ancora somministrate". La richiesta, secondo le nuove misure, "potrà essere effettuata anche telefonicamente, inviando una mail all'indirizzo di posta elettronica ordinaria (Peo) o certificata (Pec) di una delle Asl della regione di appartenenza, o inoltrando tramite posta una raccomandata con avviso di ricevimento".
Una corsia preferenziale dunque, per favorire "un positivo rapporto scuola/famiglia in fase di prima attuazione della normativa" approvata a tutela della salute pubblica.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2921 bytes | Commenti?
Normativa : dal Miur - MIUR.AOODGPER.REGISTRO UFFICIALE(U).0016977.19-04-2017
Inviato da admin_CUSMA il 2/5/2017 9:53:08 (121 letture)

Circolare MIUR del 19 aprile su chiamata diretta

Ai Direttori degli Uffici Scolastici
Regionali - SEDI
Alla Direzione Generale per i contratti,
gli acquisti e per i sistemi informativi
e la statistica - SEDE
E p.c.
Al Capo di Gabinetto - SEDE
Al Capo Dipartimento per il Sistema
Educativo di Istruzione e Formazione - SEDE


Oggetto: Ipotesi di Contratto Collettivo Nazionale Integrativo concernente il passaggio da ambito territoriale a scuola per l'a.s. 2017/2018, ai sensi dell'articolo l, commi 79 e successivi.

Si tramette in allegato alla presente l’ipotesi di C.C.N.I. in oggetto, in attesa del perfezionamento dell’iter di certificazione previsto ai sensi dell’ art. 40 comma 3-sexies, del D. l. vo 165/01. Si ritiene infatti necessario procedere preventivamente all’invio, diversamente da quanto d’uso per le procedure di mobilità, in considerazione della natura particolarmente innovativa della contrattazione in parola, al fine di consentire alle SS.LL. la predisposizione degli atti e dei momenti
informativi necessari per rendere tempestivamente esecutiva la procedura definita nell’ipotesi, una volta ottenuto il nulla osta definitivo all’applicazione della medesima.
In particolare si richiama l’attenzione su un elemento di rilevante differenza rispetto alla procedura messa in atto lo scorso anno a seguito delle linee guida emanate con nota del Dipartimento per il Sistema Educativo di Istruzione e Formazione n. 2609 del 22 luglio 2016 alla quale comunque si rimanda per il generale inquadramento normativo e concettuale della medesima.
La contrattazione definita in data 11 aprile u.s., infatti, introduce la necessità di una deliberazione del Collegio dei docenti, su proposta del Dirigente scolastico, sul numero e la specifica dei requisiti da considerare utili ai fini dell’esame comparativo delle candidature dei docenti titolari su ambito territoriale.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 5940 bytes | Commenti?
Normativa : da "La tecnica della scuola" del 20 marzo 2017
Inviato da admin_CUSMA il 20/3/2017 0:56:51 (116 letture)

Open in new window
Permessi 104, fruizione ad ore ma il giorno della settimana va cambiato
Alessandro Giuliani - Lunedì, 20 Marzo 2017

L’Aran chiarisce che è corretta la fruizione "oraria" dei tre giorni di permesso mensile previsti dalla Legge 104 del 1992: quindi, o si prendono tre giorni o 18 ore.
Il chiarimento è contenuto in un vademecum per risolvere i dubbi sollevati dalle amministrazioni pubbliche in fatto di permessi retribuiti.
L'Agenzia che si occupa di pubblico ha inserito questo e altri "orientamenti", derivanti dall’applicazione della normativa adottata per anni, in una "raccolta sistematica" ora pubblicata sul suo sito internet.
Si va dai permessi familiari a quelli per motivi di studio, passando, appunto, per la Legge 104 del 1992 sulla tutela dei disabili e di chi li assiste.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3393 bytes | Commenti?
Normativa : Referendum costituzionale del 4 dicembre 2016: le norme sui permessi
Inviato da admin_CUSMA il 21/11/2016 1:39:25 (161 letture)

Referendum costituzionale del 4 dicembre 2016: le norme sui permessi

Domenica 4 dicembre 2016 dalle ore 7.00 alle 23.00 si voterà per il referendum costituzionale.

Ecco le normative sui permessi elettorali, sia per esercitare il diritto di voto sia per i lavoratori impegnati nelle operazioni elettorali nei seggi.
__________________________________________

DIRITTI DEI LAVORATORI IMPEGNATI NELLE OPERAZIONI ELETTORALI PER ESERCITARE LA FUNZIONE DI PRESIDENTE, SCRUTATORE NEL SEGGIO
ELETTORALE E PER SVOLGERE LA FUNZIONE DI RAPPRESENTANTE DI LISTA


Al lavoratore, con contratto a tempo indeterminato e determinato (anche temporaneo) sia nel pubblico che nel privato, chiamato a svolgere funzioni presso i seggi elettorali per le elezioni del Parlamento (nazionale ed europeo), per le elezioni comunali, provinciali e regionali ed in occasione delle consultazioni referendarie, ai sensi dell’art. 119 del T.U. n. 361/57, modificato dalla Legge n. 53/90, e dell’art. 1 della Legge 29.1.1992, n. 69, è riconosciuto il diritto di assentarsi per tutto il
periodo corrispondente alla durata delle operazioni di voto e di scrutinio. L’assenza è considerata attività lavorativa a tutti gli effetti.
Il beneficio spetta ai componenti del seggio elettorale (presidente, scrutatore, segretario), ai rappresentanti di lista, nonché in occasione del referendum popolare ai rappresentanti dei promotori del referendum. Analogo diritto spetta ai lavoratori impegnati a vario titolo nelle
operazioni elettorali (vigilanza o altro). Essendo l'attività prestata presso i seggi equiparata (2° comma art. 119 Legge 361/57) ad attività lavorativa, non è consentito richiedere prestazioni lavorative nei giorni coincidenti con le operazioni elettorali, anche se eventuali obblighi di servizio fossero collocati in orario diverso da quello di impegno ai seggi.
I componenti del seggio elettorale o rappresentanti di lista o comunque impegnati in operazioni connesse, hanno diritto inoltre a recuperare le giornate non lavorative di impegno ai seggi con giorni di recupero da concordare con il datore di lavoro, in rapporto anche alle esigenze di servizio.
Per quanto riguarda i riposi compensativi si ricorda l’orientamento della Corte Costituzionale, secondo cui il lavoratore ha diritto al recupero delle giornate festive (la domenica), o non lavorative (il sabato, nel caso di settimana corta e cioè di intero orario settimanale prestato dal lunedì al venerdì), destinate alle operazioni elettorali, nel “periodo immediatamente successivo ad
esse”.
In altri termini, i lavoratori interessati avranno diritto a restare a casa retribuiti nei due giorni successivi alle operazioni elettorali (se il sabato è non lavorativo), o nel giorno successivo (se il
sabato è lavorativo), salvo diverso accordo con il datore di lavoro, in forza della "voluta parificazione legislativa tra attività al seggio e prestazione lavorativa, rispetto al quale la garanzia del riposo è precetto costituzionale" (Corte Costituzionale n. 452 del 1991).

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 7106 bytes | Commenti?
Normativa : normativa scolastica
Inviato da admin_CUSMA il 12/9/2016 0:20:00 (252 letture)

NORMATIVA SCOLASTICA

Si può rinunciare al ruolo di Coordinatore di classe? SI
Rifiutare l'incarico di Segretario (verbalizzante) può invece determinare procedimenti disciplinari


di Paolo Pizzo, Orizzonte Scuola, 10.9.2016

– Dopo aver ripubblicato la nostra storica guida (risalente ormai al 2012) sul ruolo del Coordinatore e del Segretario, pubblichiamo una integrazione sulla possibile rinuncia alla funzione di Coordinatore.

Mentre l’art. 5/5 del D.Lgs. n.297/1994 prevede la figura del Segretario, per il Coordinatore non è previsto alcun riferimento normativo e, difatti, per “costituirsi” bisogna che ci sia una delega da parte del Dirigente al docente individuato a svolgere la funzione, ma a sua volta la delega per essere valida ha bisogno dell’accettazione da parte dell’interessato (è uno scambio tra proposta e accettazione).

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 10986 bytes | Commenti?
Normativa : da "La tecnica della scuola" del 7 luglio 2016
Inviato da admin_CUSMA il 10/7/2016 16:40:30 (196 letture)

Precari, NASpI 2016: tutto quello che c’è da sapere e fare

C. Nicoletti - Giovedì, 07 Luglio 2016

In questi giorni, il personale scolastico a cui è scaduto il contratto, è alle prese con la compilazione on-line della cosiddetta NASpI (Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego) introdotta dal 1° maggio 2015, in sostituzione della vecchia “disoccupazione ordinaria” http://www.tecnicadellascuola.it/archivio/item/21939-precari,-naspi-2016-ecco-la-nuova-procedura.html
Alcuni ambiti scolastici territoriali (ex provveditorati), tra cui l’AT di Milano, per facilitare il compito di docenti ed ATA impegnati con la presentazione telematica della domanda, hanno indetto dei veri e propri seminari informativi http://www.tecnicadellascuola.it/arch ... personale-scolastico.html a cui hanno preso parte funzionari INPS e del centro per l’impiego (ex ufficio di collocamento).

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2510 bytes | Commenti?
Normativa : da "scuola e amministrazione" del 26 settembre 2017
Inviato da admin_CUSMA il 28/9/2017 0:50:01 (43 letture)

Open in new window
LA GESTIONE DELL'ISTITUZIONE SCOLASTICA AUTONOMA

Discrezionalità assoluta del Dirigente scolastico nell’attribuzione del bonus premiale? Nemmeno per sogno!


di Agata Scarafilo - settembre 26th, 2017

La “Commissione per l’accesso ai documenti amministrativi” della Presidenza del Consiglio dei Ministri, con un parere del 13 luglio scorso, ha accolto il ricorso di una docente a cui le era stato negato non solo il Bonus premiale, ma anche l’accesso agli atti. Il provvedimento rafforza il principio che, in merito all’attribuzione o non attribuzione del Bonus in questione, non vi è discrezionalità assoluta del Dirigente Scolastico

Con il parere, del 13 luglio scorso, della “Commissione per l’accesso ai documenti amministrativi” della Presidenza del Consiglio dei Ministri (DICA 0015182 P-4.8.1.8.3), cadono un po’ di certezze sull’insindacabilità dell’attribuzione o della non attribuzione del Bonus premiale ai docenti (comma 129 dell’art. 1 Legge 107/2015) da parte del Dirigente Scolastico.

Grazie ad un ricorso alla citata Commissione, da parte di un docente non assegnatario del bonus, si apprende che, previa informativa ai contro interessati, chiunque ne sia stato escluso dall’attribuzione ha il diritto di vedersi accolta la richiesta di accessi agli atti ai sensi della Legge 241/1990.

segue ...

Rango: 1.00 (1 voto) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 8666 bytes | Commenti?
Normativa : da "La tecnicadellascuola.it" del 3 sett. 2017
Inviato da admin_CUSMA il 3/9/2017 16:40:00 (56 letture)

Orario di servizio dei docenti, le riunioni di settembre rientrano nelle 40 ore

Lucio Ficara - Domenica, 03 Settembre 2017

Le riunioni collegiali di settembre, prima dell’inizio delle lezioni, rientrano nel calcolo delle 40 ore previste dall’art.29 comma 3 del CCNL scuola.

Alcuni Dirigenti scolastici sostengono, senza alcun supporto legislativo o contrattuale, che i docenti nelle prime due settimane di settembre, prima dell’inizio delle lezioni, debbano svolgere il regolare orario di servizio settimanale, ovvero 25 ore settimanali per gli insegnanti della scuola dell’infanzia, 24 per quelli della scuola primaria e 18 per i docenti della secondaria di I e II grado. Questo non è assolutamente vero!
Infatti è utile leggere con attenzione il comma 5 dell’art.28 del CCNL scuola 2006/2009 in cui è scritto che “nell’ambito del calendario scolastico delle lezioni definito a livello regionale, l'attività di insegnamento si svolge in 25 ore settimanali nella scuola dell’infanzia, in 22 ore settimanali nella scuola elementare e in 18 ore settimanali nelle scuole e istituti d'istruzione secondaria ed artistica, distribuite in non meno di cinque giornate settimanali”. Questo significa che se in una data Regione la scuola inizia il 14 settembre 2017, l’art.28 comma 5 del contratto scuola si applica a partire dal 14 settembre, mentre dall’1 settembre fino al 13 settembre non è applicabile l’orario settimanale dello svolgimento dell’attività d’insegnamento prevista dalla suddetta norma.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3419 bytes | Commenti?
Normativa : da "miuristruzione.it" 01 sett. 2017
Inviato da admin_CUSMA il 2/9/2017 0:31:39 (109 letture)

Open in new window
Malattia: da oggi, due visite fiscali anche nello stesso giorno

1 SETTEMBRE 2017


Da oggi (1 settembre) sono entrate in vigore le nuove norme che regoleranno la malattia e le visite fiscali per i dipendenti pubblici, le novità sono state introdotte per arginare il fenomeno della finta malattia e per stanare tutti quei lavoratori che abusano dello stato di malattia. Le novità introdotte riguardano l’argomento a 360 gradi, sono state modificate le fasce orarie di reperibilità, il numero di visite fiscali cui può essere soggetto il lavoratore e la gestione è passata dalle ASL territoriali direttamente all’INPS.

segue ...


Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3533 bytes | Commenti?
Normativa : da "Regolarità e trasparenza nella scuola"
Inviato da admin_CUSMA il 20/3/2017 2:04:40 (67 letture)

Le visite specialistiche non devono rientrare nei 3 giorni di permesso per motivi personali

di Aldo Domenico Ficara - 19 marzo 2017

I permessi che il contratto ha previsto ad altro scopo (motivi personali o di famiglia), così come i permessi brevi o le ferie, non vanno obbligatoriamente utilizzati per giustificare assenze che hanno a che fare con la prevenzione della salute o con la malattia. A tal riguardo il Tar afferma che la legge ha previsto per l’effettuazione di visite mediche, terapie, prestazioni specialistiche ed esami diagnostici il diritto a fruire di permessi retribuiti quando tali visite non siano immediatamente riconducibili a malattia. Dunque la legge ha introdotto una nuova fattispecie di permesso retribuito ed ha stabilito come lo stesso debba essere giustificato. Pertanto questi permessi retribuiti non devono rientrare nei limiti quantitativi previsti dai contratti per tutte le altre tipologie di permesso e per altro scopo ( ad esempio quelli per “motivi personali”, 3 soli giorni l’anno per gli Ata e 3 + 6 di ferie per i docenti nella scuola, art. 15 c. 2 del CCNL/07). Dunque si tratta di permessi aggiuntivi, cosi come sono da tempo aggiuntivi altri permessi previsti da specifiche norme di legge (ad esempio per la donazione del sangue).

Rango: 10.00 (1 voto) - Vota questa notizia - Commenti?
Normativa : da Uat di Forlì-Cesena e Rimini sede di Forlì
Inviato da admin_CUSMA il 10/2/2017 22:10:34 (75 letture)

da Uat di Forlì-Cesena e Rimini sede di Forlì, 10 feb 2017

PART-TIME personale docente, educativo ed ATA - ISTRUZIONI OPERATIVE per l'a.s. 2017/18.
_____________________________________________


AI DIRIGENTI SCOLASTICI
delle scuole statali di ogni ordine e grado
della provincia di FORLI’-CESENA LORO SEDI
e, p.c. ALLE OO.SS. DELLA SCUOLA LORO SEDI
OGGETTO: Rapporto di lavoro a tempo parziale del personale docente, educativo ed A.T.A..
ISTRUZIONI OPERATIVE per l’a.s. 2017/18.
Dall’a.s. 2014/15 questo Ufficio ha delegato la gestione delle domande di lavoro a tempo
parziale del personale docente ed A.T.A. ai Dirigenti Scolastici, come previsto dalla C.M. n. 34/2001.


L’Ufficio scrivente mantiene la competenza a determinare il numero complessivo dei posti da destinare ai rapporti di lavoro a tempo parziale, a predisporre le graduatorie e, conseguentemente, ad individuare il personale legittimato a fruire della trasformazione del rapporto di lavoro.
Si rammenta che a norma dell’O.M. n. 446/1997, integrata dall’O.M. n. 55/1998, il termine di presentazione di ogni tipologia di domanda relativa al rapporto di lavoro a tempo parziale è fissato al 15 marzo di ogni anno per tutto il personale del comparto scuola.
Superata tale scadenza, una COPIA delle istanze in questione (l’originale sarà trattenuto dalla scuola), debitamente protocollata, sarà trasmessa a questo Ufficio entro e non oltre il 31 marzo 2017. La domanda deve essere accompagnata dal parere del Dirigente Scolastico (art. 73 – D.L. n. 112/2008 convertito in L. n. 133/2008) che, qualora fosse negativo, sarà espresso con dettagliata e motivata dichiarazione.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3440 bytes | Commenti?
Normativa : dal Miur - nota di anticipazione
Inviato da admin_CUSMA il 14/9/2016 23:50:00 (112 letture)

Open in new window
News ... Prime indicazioni per la progettazione delle attività di formazione destinate al personale scolastico

Roma, 14 settembre 2016

Si anticipa la nota riguardante l’oggetto, che verrà formalmente trasmessa domani entro le ore 9.00.

Cordiali saluti
La Segreteria

ecco la circolare:CIRCOLARE PROT. N. 2915 DEL 15.09.2016,

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Normativa : da Gilda venezia 30 luglio 2016
Inviato da admin_CUSMA il 31/7/2016 0:20:00 (233 letture)

DOCENTI: CHIAMATA DIRETTA. Tutti i materiali
30 luglio 2016

Chiamata diretta: il link al sito del Miur
.
Tutte le news aggiornato
.

Le Norme:


– LEGGE 13 luglio 2015, n. 107
– Nota prot. 20453 del 27 luglio 2016
– Nota prot.n. 2609 del 22 luglio 2016
.

Le guide:

– Chiamata diretta. Guida essenziale
– Chiamata diretta. Facciamo chiarezza
– Via alla chiamata diretta. Modello di Curriculum Vitae e Lettera di autocandidatura al DS
– Chi deve compilare curriculum e chi no
– La candidatura va inviata per e-mail. 12 consigli per scriverla in modo efficace
– Chiamata diretta, facciamo chiarezza su chi farà domanda e per quali posti
– Chiarimenti sulla chiamata diretta: i video della Tecnica della Scuola
– Individuazione per competenze dei docenti: strumenti operativi di supporto
– Curriculum e autocandidatura, 2 fasi distinte della chiamata diretta
– Il curriculum. Tutte le news
.

I modelli del Miur:

– Modello Candidatura (documento word)
.
– Modello Candidatura (documento pdf)
.
– Modello Curriculum (documento word)
.
– Modello Curriculum (documento pdf)
.
Le FAQ del Miur

trovi tutto qui:

http://www.gildavenezia.it/chiamata-diretta-tutti-i-materiali/

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
(1) 2 3 4 ... 7 »

Cerca

Ricerca avanzata

Convenzioni Istituzioni
Convenzioni Istituzioni

Prossimi eventi
Nessun evento

Calendario
Mese PrecedenteOtt 2017Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31
Oggi

Videonews

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Iscrizione
Open in new window



Newsletter
Iscrivetevi sulla nostra
Newsletter !
La vostra e-mail :

Formato 

Iscrizione avanzata.

Galleria

Nuovi utenti
ygucicuw 21/10/2017
dolcefranc 5/5/2017
mineanto 28/4/2017
frpche 25/4/2017
Albinoturc 15/3/2017
RenzettiB 14/11/2016
teruccia 22/10/2016
alberto 13/9/2016
fortunata 3/8/2016
PaolaS 29/6/2016

Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale