username: password:      forget password  register
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Menù principale

Dove siamo

Gli Speciali
Mobilità
Utilizzazioni/Assegnazioni provvisorie
Contratti

Top News

Collegamenti


Federazione Gilda - Unams (FGU) di Forlì-Cesena e Rimini
Open in new window

La sede è aperta martedì e giovedì dalle 16:00 alle 18:30 in Via Uberti 56/F a CESENA - Tel. 054726145
mail: gildafc@virgilio.it - PEC: fgu@pec.gildafc.eu
Cookie & Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie & Privacy Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie o alla nostra Privacy Policy, consulta la Cookie & Privacy Policy. Ignorando questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie e accetti la Privacy Policy. MAGGIORI INFORMAZIONI
Gilda News
RSS Feed
« 1 2 3 (4) 5 6 7 ... 325 »
Stampa : da "www.msn.com"
Inviato da admin_CUSMA il 17/5/2021 19:30:00 (164 letture)

Open in new window
Condannata dirigente scolastica del Liceo Artistico di Ravenna per comportamento antisindacale

12 maggio 2021

L’approccio non è stato "particolarmente rispettoso delle prerogative sindacali".
Inoltre "si è dipanato principalmente nella pretesa della ds dell’istituto in questione, Mariateresa Buglione, il liceo artistico Nervi Severini, di non verbalizzare il contenuto degli incontri e di "non fornire per tempo alle controparti sindacali la documentazione e le proposte utili". Nel complesso dunque "l’atteggiamento serbato riveste i caratteri della condotta antisindacale".

Da qui l’ordine di smetterla subito e di consegnare alle OOSS la documentazione dettagliata oltre alla condanna a pagare le spese di lite per un totale di quasi 3.300 euro. Il giudice del lavoro Dario Bernardi ha accolto il ricorso che la Flc di Ravenna, attraverso gli avvocati Federica Moschini e Laura Martini, aveva proposto ad aprile contro l’istituto scolastico nell’ambito di tavoli di contrattazione. Oggetto principale del ricorso – ha annotato il giudice nel suo decreto depositato ieri – era il diritto di accesso alla documentazione relativa agli importi individuali e ai nominativi dei destinatari dei compensi di tutto il personale scolastico definiti nel contratto di istituto e all’ex bonus del personale docente. Tuttavia la dirigente scolastica "ha negato di fornire tali dati – si legge nel decreto – ribadendo il suo rifiuto anche a seguito del provvedimento favorevole della Commissione ministeriale per l’accesso ai documenti amministrativi". Un atteggiamento antisindacale, secondo il giudice, che ha finito con il causare un "evidente rallentamento dell’iter contrattuale" il quale avrebbe dovuto concludersi a novembre e che invece è ancora in piedi. Il sindacato Flcl – si legge in una nota – ha optato per le "vie legali per mettere un freno alle velleità unilaterali che la dirigente scolastica aveva messo in pratica durante i tavoli di contrattazione d’istituto. Nonostante l’accoglimento favorevole del ricorso da parte della Commissione per la richiesta di accesso ai documenti amministrativi istituita alla presidenza del Consiglio dei ministri, la dirigente ha rifiutato di fornire i dati".
_________________________________________

SOS LICEO ARTISTICO RAVENNA

16 maggio 2021

- LETTERA APERTA ALLE ISTITUZIONI
E AL MINISTRO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE PATRIZIO BIANCHI


Alla luce della condanna da parte del Tribunale del Lavoro, in merito al comportamento antisindacale della Dirigente Scolastica del Liceo Artistico Nervi- Severini di Ravenna, l’Associazione Dis-ORDINE ex allievi e insegnanti delle Scuole d’Arte di Ravenna e Provincia esprimono forte sdegno e preoccupazione riguardo le sorti della loro scuola.

segue ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4515 bytes | Commenti?
Stampa : da "Corriere Romagna.it" ed Forlì-Cesena
Inviato da admin_CUSMA il 13/5/2021 15:40:00 (28 letture)

Open in new window
giovedì 13 maggio 2021

CONTAGGI ANCORA IN CALO, RICOVERI SCESI DEL 32,5%. RESTANO FOCOLAI A SCUOLA.

Romagna - Ancora in calo i numeri della pandemia in Romagna: dal 3 al 9 maggio sono stati registrati 1296 nuovi casi e una diminuzione del 32,5% dei ricoveri. abbastanza stabili i dati relativi ai decessi e ai focolai attivi nelle strutture residenziali; nelle scuole la situazione è invece diversa nei vari territori romagnoli.

Ravenna passa da 26 a 27 focolai attivi, Cesena rimane a quota 24 e Forlì passa da 2 a 4; solo Rimini scende da 28 a 7.

Terapia intensiva ancora alta, occupazione al 50,9% (sono 6 i ricoverati al Bufalini di Cesena).

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da ItaliaOggi
Inviato da admin_CUSMA il 11/5/2021 17:38:44 (36 letture)

DOPPIO SCOGLIO PER IL PATTO SCUOLA

di A. Ricciardi - 11 maggio 2021

Tutto dipende da Palazzo Chigi. L’intesa con i sindacati prospettata nella bozza di patto per la scuola dal ministro dell’istruzione, Patrizio Bianchi, è ancora all’esame della Presidenza del consiglio dei ministri. Secondo quanto risulta a ItaliaOggi, due sono gli scogli: il reclutamento dei precari, che come anticipato su queste pagine il 7 maggio scorso prevede una procedura urgente e transitoria per immettere in ruolo circa 70 mila docenti precari per il prossimo settembre in base alla valutazione dei soli titoli, e il maggior finanziamento per far salire le buste paga, non solo usando la leva del contratto di base ma anche quella della valorizzazione della professione. Obiettivo, 100 euro al mese di aumento; oggi il contratto che dovrà essere rinnovato ne prevede 80 lordi.

Sul tema del reclutamento, la battaglia si sposterà probabilmente in parlamento, con la Lega pronta a velocizzare le assunzioni e il M5s che vorrà mettere prove selettive che non siano solo la valutazione dei titoli e il superamento dell’anno di prova. L’obiettivo, superato il prossimo settembre, è arrivare ad avere a regime un reclutamento regolare, che consenta la «selezione» delle migliori competenze ed eviti di alimentare il precariato, anche ricorrendo a procedure semplificate, precisa il testo. Non si parla mai di concorsi.

segue in leggi tutto ,,,

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3382 bytes | Commenti?
Stampa : da "scrignodipandora"
Inviato da admin_CUSMA il 7/5/2021 15:37:20 (114 letture)

Open in new window
Quanti soldi girano esattamente nella scuola pubblica in progetti inutili?

di S. Salerno - 30 aprile 2021

Ma quanti soldi girano esattamente nella scuola pubblica in progetti inutili, Pon, por, fondi di istituto, fondi di qua o di là, corsi di formazione a raffica e tutti orientati dai padroni della scuola.
Quante associazioni, giornalini online, cooperative fasulle, volontariato a pagamento, cosiddetti esperti e formatori, gli stessi sindacati con i loro enti collegati, fornitori privati di servizi discutibili, prendono soldi dal Ministero dal capitolo scuola della spesa di questo Paese.
Perché alcuni insegnanti sono diventati staff, occupano le prime file del collegio docenti, corrono nei corridoi con fotocopie e copiaincolla per qualche mancetta in più e sono ritenuti o si ritengono possessori del verbo della scuola moderna dell’autoreferenzialità e delle competenze? Perché il Ministero Istruzione finanzia enti locali che avrebbero i loro finanziamenti da trasferimenti dello Stato, dalle Regioni e tasse dei loro cittadini. Perché il Ministero autorizza corsi fasulli e li riconosce nei concorsi e nelle graduatorie, quello di dattilografia ata (si, avete capito bene, dattilografia della lettera 23, la macchina da scrivere), per esempio, che farebbe ridere i polli.
Perché si comprano al supermercato i 24 cfu, si fanno tfa, Siss, con raccomandazioni e tremila euro, si comprano crediti e master, perfino lauree, nelle università telematiche con il pc che fa tutto da solo. Com’è che di tutto questo mercato non giova e resta nulla o quasi per il bene della scuola pubblica un attimo dopo di questi esborsi dalle casse pubbliche, da famiglie possidenti e poi si ricomincia tutto come e più di prima.

segue in leggi tutto ...

Rango: 8.00 (1 voto) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 5637 bytes | Commenti?
Stampa : da "msn.com"
Inviato da admin_CUSMA il 5/5/2021 21:20:00 (78 letture)

News ... Precari della scuola, verso una sanatoria (parziale)

di Fabio Luppino - 5 maggio 2021

Tutto ancora top secret, ma sembra ormai imminente un decreto del governo su proposta del ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, per sanare la posizione di migliaia di docenti precari, che verranno messi in cattedra da settembre senza passare per il concorso, ma tenendo presente titoli di servizio nella scuola. Potrebbe essere una misura variamente articolata (sanatoria parziale), ma tanto basta per far esultare la Lega, insieme a Pd, Leu e sindacati.

segue in leggi tutto...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 2855 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 3/5/2021 19:17:03 (34 letture)

Open in new window
Molti docenti ancora non vaccinati

di P. Almirante - 03/05/2021

“Ci sono ancora troppi docenti che non sono stati vaccinati o che devono ultimare il ciclo di vaccinazione quando ormai l’anno scolastico è arrivato alla fine”: lo dice Mario Rusconi dell’Anp e non si sbaglia su entrambi i fronti: non vaccinati del tutto o vaccinati a metà.

Per il dirigente dell’Associazione dei presidi la spiegazione di questo ritardo non è complicato a capirsi: ” c’è stato il caos sull’uso di AstraZeneca e il consiglio a vaccinare con questo la popolazione più adulta quando in prima battuta era stato riservato ai docenti, ma molti sono giovanissimi e poi con la linea del procedere per età e non per categoria la macchina ha rallentato. Trovo sicuramente giusto questo approccio ma dobbiamo cercare di vaccinare tutti i docenti prima della chiusura dell’anno”.

segue in leggi tutto ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3237 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 2/5/2021 19:05:45 (34 letture)

Open in new window
Ddl Zan: lo vuole anche la scuola. Floridia sostiene il discorso di Fedez al primo maggio

di C. Virzì - 02/05/2021

“Anche la scuola vuole la legge Zan,” così Barbara Floridia, sottosegretaria all’istruzione, in difesa del discorso di Fedez al concerto del primo maggio.

“Mai più frasi come se avessi un figlio gay lo brucerei nel forno!! Ma come possono solo essere pensate certe affermazioni?? L’educazione civica comprenda l’educazione contro l’omofobia e l’educazione di genere. Sempre più urgente parlare di educazione ai diritti civili. La politica ha bisogno di artisti come Fedez. Libertà d’espressione e libertà d’essere se stessi non vadano mai violate. Dobbiamo ripeterlo sempre fino a quando avremo vinto, dirlo da un palco, in una aula del senato, in ogni casa e in tutte le piazza del nostro Paese. Che brutta storia nel ventunesimo secolo trovarci a difendere il diritto d’essere liberi.”

segue in leggi tutto ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 4382 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 27/4/2021 13:27:35 (36 letture)

5 strategie per andare d’accordo in consiglio di classe o in segreteria scolastica

di Redazione - 27/04/2021

Come andare d’accordo tra colleghi di lavoro? Come facilitare le dinamiche di gruppo in contesti di lavoro alle volte tossici o ostili? Come migliorare le relazioni dentro il consiglio di classe o di istituto e all’interno della segreteria didattica?

(IL SERVIZIO PER LE SCUOLE) clicca qui:
https://corsi.tecnicadellascuola.it/fa ... gn=A_FacilitazioneEsperta

1. Facilitazione: sviluppo operativo, supporto emotivo, metodo nei gruppi e nelle funzioni.
2. Teambuilding: costruzione di gruppo nello staff di direzione.
3. Mediazione: aiuto diretto e negoziazione assistita presso conflitti in funzioni diverse.
4. Organizzazione: consulenza facilitatrice sulle culture e sugli assetti di istituto.
5. Colloqui-supporto: momenti individuali di supporto e motivazione.

Sono le cinque forme di aiuto diretto su cui è possibile lavorare, nelle scuole, con le competenze giuste, non solo nell’ambito della didattica ma anche in quello dell’organizzazione, gestione, amministrazione di un istituto scolastico.

La Tecnica della Scuola offre percorsi di “supporto e facilitazione” per le scuole che riscontrano nel loro ambiente professionale un clima difficile con situazioni relazionali critiche o conflittuali, che alla lunga comportano problematiche organizzative e funzionali.

segue in leggi tutto ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 3531 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 17/5/2021 18:43:41 (29 letture)

Collaboratori dei Ds, è illecito lasciare la classe per svolgere la funzione

di L. Ficara - 16/05/2021

Una nostra lettrice ci chiede: “la prima collaboratrice della Ds della mia scuola si è fatta predisporre le sue classi, non avendo lei il potenziamento, sul piano e corridoio della vicepresidenza. Può tale collaboratrice lasciare le classi durante le sue ore di lezione, per svolgere le funzioni richieste dal dirigente scolastico e fare contemporaneamente lezione e compiti a lei delegati dalla Preside?”.

Non esiste più l’esonero per i collaboratori e non esiste più il "vicario"

La figura del collaboratore del Ds si è molto modificata nel tempo, una volta esisteva l’esonero dall’attività di insegnamento per il primo dei due collaboratori del Ds, in modo da consentire a questo docente, scelto dal Preside della scuola, di svolgere i compiti a lui delegati.
Dal 2015, ovvero con l’approvazione della legge di bilancio 2015, i dirigenti scolastici non hanno più potuto esonerare (totalmtente o in parte) dall’attività di insegnamento il docente a cui assegnare funzioni vicarie. La legge di bilancio 2015, infatti, ha abrogato in via definitiva l’art. 459 della legge n. 297/94, riguardante proprio esoneri e semiesoneri dei docenti individuati a sostituire il dirigente scolastico.
Con la cancellazione di questo articolo del Testo Unico in materia d’istruzione, le scuole si troveranno a dover decidere autonomamente se trovare nelle articolazioni del proprio organico l’opportunità di esonerare un tal docente dal servizio d’insegnamento. La preoccupazione che questa abrogazione possa penalizzare le scuole e la loro organizzazione interna é forte e concreta.

segue in leggi tutto ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 5422 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 12/5/2021 16:01:46 (48 letture)

Open in new window
Stipendi docenti al palo da 28 mesi, i presidi prendono due volte e mezzo in più e battono cassa

di A. Giuliani - 11/05/2021

È di pochi giorni fa l’urlo di dolore dei rappresentanti sindacali dei dirigenti scolastici, in particolare Cgil, Cisl, Uil e Snals, che tra le altre cose (scarsa sicurezza, molestie amministrative, reggenze, ecc.) si sono lamentati per ricevere degli stipendi inferiori di circa 22 mila euro in meno rispetto alla media dei dirigenti pubblici.

Qualche giorno prima, anche il numero uno dell’Anp, Antonello Giannelli, aveva detto che risulta “scandaloso il dislivello retributivo esistente tra i dirigenti delle scuole e quelli degli enti di ricerca”.

Lavori diversi, stipendi diversi

C’è anche chi, però, mette a paragone lo stipendio dei presidi con quello dei docenti, che dal Patto per la Scuola sperano buone nuove anche su questo versante.

Certo, stiamo parlando di responsabilità, impegni e contratti di lavoro diversi, ma vale la pena soffermarsi sul tema. I primi a farlo, anzi, sono alcuni sindacalisti dei docenti. Come Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, che l’11 maggio ha fatto il paragone tra le due categorie e poi commentando il fermo stipendiale dei docenti ha detto che viviamo una “situazione che grida vendetta”.

Lo sfogo della Gilda degli Insegnanti

Come abbiamo riportato in un altro articolo della Tecnica della Scuola, Di Meglio ha dichiarato che “secondo un recente rapporto dell’Ocse su ruoli e stipendi dei capi di istituto di 27 Paesi, i dirigenti scolastici italiani sarebbero tra i più pagati, classificandosi soltanto dopo Australia e Regno Unito. La differenza invece con le retribuzioni dei docenti è in assoluto la maggiore al mondo”.
“Un preside australiano – dice Di Meglio – guadagna infatti l’85% in più di un proprio insegnante, nel Regno Unito si sale al 136%: quasi due volte e mezzo. Ma In Italia il divario è ancora più marcato: siamo al 160% in più, pari a oltre due volte e mezzo lo stipendio medio di un docente in cattedra”.

segue su leggi tutto ...

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Leggi tutto... | altri 5432 bytes | Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 10/5/2021 13:38:05 (21 letture)

Tanti problemi complicati per il Ministro, dal Patto per la scuola alle assunzioni

di Redazione - 10/05/2021

Sono tanti i problemi che il Ministro Bianchi deve affrontare di qui alla fine dell’anno scolastico.

Intanto c’è la “grana” del vincolo quinquennale: l’emendamento che diversi parlamentari avrebbero voluto inserire nel decreto sostegni per consentire almeno le assegnazioni provvisorie è stato giudicato inammissibile e quindi Bianchi dovrà escogitare una strada diversa.

Ma il vero problema è quello dell’avvio del nuovo anno, con 200mila cattedre scoperte a inizio settembre e un concorso straordinario non del tutto chiuso.
Qualche soluzione potrebbe arrivare Patto per la scuola ma la firma si sta allontanando.
E poi ci sono i problemi del rinnovo contrattuale e persino del Piano Estate che potrebbe rivelarsi un flop.

Patto per la scuola, la Gilda non lo firma. Secondo Di Meglio è una scatola vuota.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 7/5/2021 11:40:00 (24 letture)

Mobilità 2021, non è ammessa la rinuncia al trasferimento concesso

di L. La Gatta - 07/05/2021

Ai sensi dell’art. 5 della Ordinanza Ministeriale 106 del 29 marzo 2021, riguardante la mobilità del personale docente, educativo ed A.T.A. a.s. 2021/22, non è ammessa la rinuncia, a domanda, al trasferimento concesso, salvo che tale rinuncia venga richiesta per gravi motivi sopravvenuti debitamente comprovati.

Sono necessarie inoltre altre due condizioni: il posto di provenienza deve essere rimasto vacante e la rinuncia non deve incidere negativamente sulle operazioni relative alla gestione dell’organico di fatto.

Il posto reso disponibile dal rinunciatario non influisce sui trasferimenti già effettuati e non comporta, quindi, il rifacimento degli stessi.

Il procedimento di accettazione o diniego della richiesta di rinuncia o di revoca deve essere concluso con un provvedimento espresso.

Quanto sopra vale anche per le domande di passaggio di ruolo.
---------------------------------------------------------------------

È consentita invece la revoca delle domande di movimento presentate o la regolarizzazione della documentazione allegata.

Revoca delle domande
La richiesta di revoca della domanda può essere presentata dal personale ATA sino a 10 giorni prima del termine ultimo per la comunicazione al SIDI delle domande di mobilità.

Dopodiché la richiesta di revoca deve essere inviata per il tramite della scuola di servizio o presentata all’Ufficio territorialmente competente non oltre il quinto giorno utile prima del termine ultimo per la comunicazione al SIDI dei posti disponibili.

Comunicazione a SIDI
Per il personale docente il termine per la comunicazione a SIDI è il 19 maggio, mentre per il personale ATA è il 21 maggio.

Quindi la richiesta di revoca deve essere presentata fino a 10 giorni prima di queste date.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da "Corriere Romagna"
Inviato da admin_CUSMA il 5/5/2021 21:10:00 (24 letture)

Open in new window
mercoledì 05 maggio 2021

COVID - LE SCUOLE NEL FORLIVESE E IN ROMAGNA

Nel forlivese sono 113 classi in quarantena. i focolai sono però pochissimi e i contagi sono bassi.

Impennata di contagi nelle scuole di Ravenna. A Rimini 82 quarantene.

Didattica a distanza, esposto dei comitati dei genitori contro la regione.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da "LaTecnicadellaScuola.it"
Inviato da admin_CUSMA il 3/5/2021 19:08:58 (29 letture)

Piano scuola d’estate: luci ed ombre, perplessità di docenti e famiglie

di Redazione - 03/05/2021

Parte in salita il Piano estate: più dell’80% dei docenti del nostro sondaggio non intende dare la propria disponibilità per la realizzazione delle attività estive e anche il 75% dei genitori afferma che terrà a casa i figli dopo il termine delle lezioni.

Al contrario, sono favorevoli, seppure con qualche distinguo, le associazioni professionali più importanti (Aimc, Cidi, MCE e Proteo), mentre sono piuttosto tiepidi i sindacati scuola secondo i quali il Piano non può limitarsi alla fase di emergenza, ma deve contribuire a migliorare il sistema scolastico.

Intanto molte scuole sono al lavoro per mettere a punto i progetti PON che scadono il 21 maggio prossimo e per i quali ci sono 320 milioni.
Altri 150 milioni sono disponibili con il DL 41 del 22 marzo e 40 provengono dalle risorse della legge 440 sull’autonomia scolastica.

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
Stampa : da "NapoliToday"
Inviato da admin_CUSMA il 30/4/2021 11:10:00 (38 letture)

"Scuola d'estate, un preside napoletano: "Soldi buttati, meglio usarli per riapertura in sicurezza a settembre"

Il pensiero di Eugenio Tipaldi, ‎dirigente scolastico ‎Istituto Statale Comprensivo "D'Aosta-Scura" di Napoli

di Redazione - 29 aprile 2021

Eugenio Tipaldi, ‎dirigente scolastico ‎Istituto Statale Comprensivo "D'Aosta-Scura" di Napoli, nella zona dei Quartieri Spagnoli, ha parlato ai microfoni di Rai Radio 1, nel corso della trasmissione "Che giorno è", del progetto scuola d'estate.

"Fermo restando che ogni scuola ha la sua autonomia e decide cosa fare, io personalmente penso che siano soldi buttati al vento e come la pensano molti dirigenti e molti docenti. Io questi soldi non li spenderò. Sarebbe più utili spenderli per una riapertura in sicurezza a settembre. Si dovrebbero comprare, secondo me, purificatori d'aria in ogni aula. Bisognerebbe ridurre il numero di alunni per classe, per rispettare il distanziamento. Bisognerebbe incrementare l'organico dei docenti fin dall'inizio di settembre", ha spiegato il dirigente scolastico napoletano.

"A luglio e agosto gli alunni vogliono andare al mare con le famiglie. Solo quelle più povere non hanno queste possibilità e in quei casi possono intervenire le associazioni, come una volta si faceva con le colonie. La scuola è già stremata da un anno passato tra chiusure e aperture. Il recupero non si fa a luglio e agosto. A parte poi che è volontario e non credo che le famiglie mandino i ragazzi a scuola a luglio e agosto, in un territorio, tra l'altro, dove abbiamo un alto tasso di dispersione scolastica ed è già difficile farli venire normalmente", ha concluso Tipaldi. “

E pensare che l'Anp e quindi altri ds, anche del nostro territorio, sono invece entusiasti di questa "trovata".

Rango: 0.00 (0 voti) - Vota questa notizia - Commenti?
« 1 2 3 (4) 5 6 7 ... 325 »

Cerca

Ricerca avanzata

Convenzioni Istituzioni
Convenzioni Istituzioni

Prossimi eventi
Nessun evento

Calendario
Mese PrecedenteLug 2021Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31
Oggi

Informazioni sul sito
Webmasters

admin_CUSMA

gioacolo

giustim


Iscrizione
Open in new window



Newsletter
Iscrivetevi sulla nostra
Newsletter !
La vostra e-mail :

Formato 

Iscrizione avanzata.

Galleria

Nuovi utenti
antonio78 5/9/2020
FELICE 29/12/2019
MARTACOCCO 10/6/2019
SALVATORE 12/4/2019
giova1959 26/3/2019

Visite

da Giugno 2009

 

Gilda-Unams  |  Sito nazionale